Obama, la prima visita in una moschea in Usa

Pubblicato il 03 febbraio 2016 da redazione

obama'moschea

WASHINGTON. – “La prima cosa che voglio dire è una cosa che i musulmani americani non sentono spesso: grazie”: ha esordito così Barack Obama intervenendo a Baltimora nella prima moschea americana da lui visitata in veste di presidente. In precedenza era entrato in altre moschee all’estero, ma per compiere questo storico omaggio ha dovuto attendere l’ultimo anno dei suoi due mandati, libero da retropensieri elettorali.

E in risposta all’offensiva anti-islamica di gran parte dei candidati repubblicani, a partire dal magnate Ronald Trump, che ha proposto di mettere al bando i musulmani negli Usa. “Recentemente abbiamo sentito una ingiustificabile retorica contro i musulmani americani, che non ha alcun posto nel nostro Paese”, ha subito attaccato Obama, che è cristiano ma che ha dovuto controbattere a lungo le “accuse” di essere un musulmano nato in Kenya, tanto da scherzarci anche ieri, ricordando che un altro presidente americano, Thomas Jefferson, fu ‘accusato’ di essere musulmano: “Quindi, non sono il primo”, ha detto, facendo ridere le centinaia di persone accorse ad ascoltarlo.

Poi si è rivolto ai giovani musulmani: “Siete parte di questo posto. Non siete o musulmani o americani, siete musulmani e americani”. “La mera tolleranza di religioni diverse non è abbastanza: gli Stati Uniti – ha aggiunto – sono per la libertà religiosa. E l’attacco a una religione è l’attacco a tutte le religioni. Quando un gruppo religioso è preso di mira, tutti noi abbiamo la responsabilità di prendere posizione. L’Islam è sempre stato parte dell’America”.

Parole forti, coraggiose, volte a correggere quella che a suo avviso è una “impressione profondamente distorta” degli americani musulmani: la stessa, forse, di quel manipolo di manifestanti che lo aveva accolto all’esterno con tre cartelli nei quali lo si invitava a non incontrare Hamas, l’organizzazione palestinese che gli Usa considerano un gruppo terroristico. Per questo Obama ha sfidato anche Hollywood perché cominci a far interpretare ai musulmani ruoli che “non siano legati alla sicurezza nazionale”.

“C’è stato un tempo in cui non c’erano neri in televisione”, ha osservato, facendo un parallelo con la battaglia degli afro-americani per essere accettati a pieno titolo dalla società. Obama ha tentato anche di rassicurare i musulmani che si sentono nel mirino di un crescente sospetto o di una malcelata ostilità da parte della gente. “Troppo spesso tutti i musulmani vengono colpevolizzati per gli atti violenti di pochi. E questo è inaccettabile”, ha detto Obama facendo più volte riferimento al momento di “preoccupazione e paura” che vive la comunità dei musulmani americani di fronte al crescere del sentimento anti-islamico dopo gli attacchi di Parigi e San Bernardino.

Il presidente americano ha raccontato anche di ricevere lettere di musulmani Usa che “si sentono cittadini di serie B”, che sono preoccupati per come verranno trattati i figli nelle scuole. E che gli raccontano di “bambini che chiedono ai genitori se verranno costretti a lasciare il Paese”. Ansie e timori che “i bambini non dovrebbero avere. Non in questo Paese”. Quella americana, ha proseguito, è “un’unica famiglia” a prescindere dalla fede e dell’etnia.

Obama ha voluto fare un distinguo tra Islam e terrorismo anche per disinnescare una miccia che potrebbe ritorcersi come un boomerang sul Paese: “E’ innegabile che una piccola parte dei musulmani propagandi una interpretazione distorta dell’Islam'”, ha ammesso, precisando però che la convinzione che l’Islam sia la radice del problema fa solo il gioco della propaganda terroristica, indebolendo la sicurezza nazionale. “Non dobbiamo mai dare loro questa legittimità. Non stanno difendendo l’Islam”, ha sottolineato, ricordando che “gran parte delle persone che (i terroristi) uccidono sono musulmani innocenti, uomini, donne e bambini”.

Un discorso a suo modo storico, se non altro per la sede in cui è stato pronunciato, ma che probabilmente non mancherà di sollevare polemiche in una campagna elettorale dove i principali candidati Repubblicani stanno cavalcando i timori e le ansie di un’America inquieta.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

Archivio Ultima ora