Obama, la prima visita in una moschea in Usa

Pubblicato il 03 febbraio 2016 da redazione

obama'moschea

WASHINGTON. – “La prima cosa che voglio dire è una cosa che i musulmani americani non sentono spesso: grazie”: ha esordito così Barack Obama intervenendo a Baltimora nella prima moschea americana da lui visitata in veste di presidente. In precedenza era entrato in altre moschee all’estero, ma per compiere questo storico omaggio ha dovuto attendere l’ultimo anno dei suoi due mandati, libero da retropensieri elettorali.

E in risposta all’offensiva anti-islamica di gran parte dei candidati repubblicani, a partire dal magnate Ronald Trump, che ha proposto di mettere al bando i musulmani negli Usa. “Recentemente abbiamo sentito una ingiustificabile retorica contro i musulmani americani, che non ha alcun posto nel nostro Paese”, ha subito attaccato Obama, che è cristiano ma che ha dovuto controbattere a lungo le “accuse” di essere un musulmano nato in Kenya, tanto da scherzarci anche ieri, ricordando che un altro presidente americano, Thomas Jefferson, fu ‘accusato’ di essere musulmano: “Quindi, non sono il primo”, ha detto, facendo ridere le centinaia di persone accorse ad ascoltarlo.

Poi si è rivolto ai giovani musulmani: “Siete parte di questo posto. Non siete o musulmani o americani, siete musulmani e americani”. “La mera tolleranza di religioni diverse non è abbastanza: gli Stati Uniti – ha aggiunto – sono per la libertà religiosa. E l’attacco a una religione è l’attacco a tutte le religioni. Quando un gruppo religioso è preso di mira, tutti noi abbiamo la responsabilità di prendere posizione. L’Islam è sempre stato parte dell’America”.

Parole forti, coraggiose, volte a correggere quella che a suo avviso è una “impressione profondamente distorta” degli americani musulmani: la stessa, forse, di quel manipolo di manifestanti che lo aveva accolto all’esterno con tre cartelli nei quali lo si invitava a non incontrare Hamas, l’organizzazione palestinese che gli Usa considerano un gruppo terroristico. Per questo Obama ha sfidato anche Hollywood perché cominci a far interpretare ai musulmani ruoli che “non siano legati alla sicurezza nazionale”.

“C’è stato un tempo in cui non c’erano neri in televisione”, ha osservato, facendo un parallelo con la battaglia degli afro-americani per essere accettati a pieno titolo dalla società. Obama ha tentato anche di rassicurare i musulmani che si sentono nel mirino di un crescente sospetto o di una malcelata ostilità da parte della gente. “Troppo spesso tutti i musulmani vengono colpevolizzati per gli atti violenti di pochi. E questo è inaccettabile”, ha detto Obama facendo più volte riferimento al momento di “preoccupazione e paura” che vive la comunità dei musulmani americani di fronte al crescere del sentimento anti-islamico dopo gli attacchi di Parigi e San Bernardino.

Il presidente americano ha raccontato anche di ricevere lettere di musulmani Usa che “si sentono cittadini di serie B”, che sono preoccupati per come verranno trattati i figli nelle scuole. E che gli raccontano di “bambini che chiedono ai genitori se verranno costretti a lasciare il Paese”. Ansie e timori che “i bambini non dovrebbero avere. Non in questo Paese”. Quella americana, ha proseguito, è “un’unica famiglia” a prescindere dalla fede e dell’etnia.

Obama ha voluto fare un distinguo tra Islam e terrorismo anche per disinnescare una miccia che potrebbe ritorcersi come un boomerang sul Paese: “E’ innegabile che una piccola parte dei musulmani propagandi una interpretazione distorta dell’Islam'”, ha ammesso, precisando però che la convinzione che l’Islam sia la radice del problema fa solo il gioco della propaganda terroristica, indebolendo la sicurezza nazionale. “Non dobbiamo mai dare loro questa legittimità. Non stanno difendendo l’Islam”, ha sottolineato, ricordando che “gran parte delle persone che (i terroristi) uccidono sono musulmani innocenti, uomini, donne e bambini”.

Un discorso a suo modo storico, se non altro per la sede in cui è stato pronunciato, ma che probabilmente non mancherà di sollevare polemiche in una campagna elettorale dove i principali candidati Repubblicani stanno cavalcando i timori e le ansie di un’America inquieta.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:37Yemen: Pentagono, raid contro Al Qaida, 7 uccisi

(ANSAmed) - BEIRUT, 23 MAG - Almeno 7 presunti miliziani di al Qaida sono stati uccisi nelle prime ore di oggi in Yemen in un raid americano compiuto con bombardamenti aerei e l'impiego di forze speciali a terra, secondo fonti citate dall'agenzia americana Ap. L'attacco è avvenuto nella provincia centrale di Marib. Un comunicato del Pentagono, citato anche da media arabi, afferma che sette membri di al Qaida sono stati uccisi in un attacco in cui è stata usata "una combinazione di armi da fuoco leggere e raid aerei di precisione". Fonti della sicurezza yemenita e di clan tribali locali, citati appunto dalla Ap, affermano che elicotteri Usa hanno trasportato soldati americani nell'area. Esponenti tribali locali, in particolare, riferiscono che esplosioni, seguite dal rumore di elicotteri e di sparatorie, sono state udite nell'area di Al Sirim.

11:35L. elettorale: Prodi, anche sistema tedesco dà instabilità

(ANSA) - MILANO, 23 MAG - "Io sono per l'uninominale, cioè il maggioritario": l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi è tornato a ripeterlo a un seminario sulla Belt and Road Initiative organizzato dalla fondazione Italia Cina e dallo studio legale Dentons. "È inutile che ogni giorno mi chiediate se cambio parere. Il proporzionale - ha aggiunto - e tutto quello che gli assomiglia, compreso il sistema tedesco, dà instabilità al Paese e io voglio un Paese stabile".

11:30Basket: Nba, Golden State vince a Ovest e vola in finale

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - I Golden State Warriors si aggiudicano la Western Conference con un 4-0 nella serie di finale contro i San Antonio Spurs. Curry e compagni si sono imposti in Texas per 129-115, senza lasciare anche stavolta nemmeno un match agli avversari: la stessa sorte, infatti, era già toccata ai Portland Trail Blazers e agli Utah Jazz. Un 12-0 nei playoff Nba senza precedenti. Golden State accede dunque alla sua terza finale Nba consecutiva, dove potrebbe trovare ancora i Cleveland Cavaliers di LeBron James che, a loro volta, nella finale della Eastern Conference, sono in vantaggio 2-1 nella serie contro i Boston Celtics (stasera gara-4, ma non sarà decisiva). Tra Warriors e Cavaliers sarebbe una sorta di bella, essendosi spartiti i successi delle precedenti due edizioni. In casa Spurs, da segnalare l'omaggio del pubblico tributato a Manu Ginobili, ancora incerto sul suo futuro: per il 39enne argentino potrebbe essere stata l'ultima gara in carriera. Ieri ha messo a segno 15 punti in 32 minuti iniziati da titolare.

11:24Manchester: City e United, vicini alle persone coinvolte

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Il mondo dello sport non manca di far giungere la propria solidarietà per l'attentato di Manchester: in queste ore, soprattutto sui social network, si stanno moltiplicando infatti i messaggi di sostegno ai familiari delle vittime e alla città, inviati anche dall'Italia. Fra i due club calcistici di Manchester, le prime parole sono giunte via Twitter intorno alle 2.20 del mattino dal City: "Con grande tristezza abbiamo appreso dei terribili eventi all'Arena. Tutte le persone coinvolte e tutti i soccorritori della città sono nei nostri cuori". Poco dopo le 8, quindi, si è unito anche lo United: "Siamo profondamente colpiti dai terribili eventi di ieri sera alla Manchester Arena - si legge sempre su Twitter - I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per tutti coloro che sono stati coinvolti".

11:10Province: mobilitazione lavoratori, corteo a Torino

(ANSA) - TORINO, 23 MAG - Dietro al gonfalone dell'ente e allo striscione 'Città metropolitana... la riforma che non c'è', è partito il corteo dei lavoratori della Città Metropolitana di Torino. La manifestazione è promossa dai sindacati di categoria nell'ambito della protesta nazionale per denunciare le difficoltà in cui versano le province. La mobilitazione che coinvolge circa 200 persone, è stata indetta per denunciare le difficoltà economiche "dell'ente che mettono a rischio i servizi per i cittadini", ma anche "la precarietà del personale impiegato in questi servizi". Il corteo raggiungerà il centro di Torino, dove è previsto un incontro col prefetto, Renato Saccone, mentre le segreterie regionali dei sindacati incontreranno il presidente dell'Unione Province Piemontesi, Emanuele Ramella. "Chiediamo al Governo di ripristinare i fondi per servizi fondamentali, come manutenzione di strade e scuole, presidio del territorio e occupazione", dice il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, che partecipa al corteo.(ANSA).

11:08Francia: 27 feriti in un incendio in una scuola di Rennes

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Un grave incendio si è sviluppato ieri notte nel residence universitario della scuola di ingegneri Supélec di Rennes: 27 studenti sono rimasti feriti nel sonno, uno di loro sarebbe tra la vita e la morte e diversi in grave stato. Il fuoco sarebbe partito da una stanza del primo piano, riporta il sito di France Bleu. Non si conoscono ancora le cause dell'incendio che si è sviluppato intorno alle 2.30 del mattino: alcuni studenti, per sfuggire alle fiamme, si sono gettati dalle finestre. Sempre secondo la radio più di 70 pompieri sono arrivati sul luogo e 53 studenti sono stati evacuati

11:03Bagnasco, urgenti politiche famiglia, attenzione populismi

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La famiglia non riceve attenzione da parte delle istituzioni. Come i giovani per i quali perdura il "dramma della disoccupazione". "Sono urgenti politiche familiari" e risorse perché "non sostenere la famiglia è suicida". Come pure è responsabilità della politica sostenere il lavoro. Lo ha detto il presidente Cei, card. Angelo Bagnasco, nella Prolusione all'assemblea. "Quante volte abbiamo detto che la cultura oggi disprezza la famiglia e la politica la maltratta! Come se questo nucleo, questo microcosmo, fosse vecchio e superato, e si dovesse viaggiare trionfalmente verso nuove forme". Per Bagnasco occorre poi prestare attenzione ai fenomeni politici che investono l'Europa, come il "marcato populismo, che, mentre afferma di voler semplificare problemi complessi e di promuovere nuove forme di partecipazione, si rivela superficiale nell'analisi come nella proposta, interprete di una democrazia solo apparente. Ma il populismo non può essere snobbato", "se non altro perché raccoglie sentimenti diffusi".

Archivio Ultima ora