L’Italia vuole la verità, Regeni è stato torturato

Pubblicato il 04 febbraio 2016 da redazione

A car belonging to the Italian ambassador is parked outside of Cairo, Egypt's central morgue where the body of Giulio Regeni, A 28-year-old graduate student, is held, Thursday, Feb. 4, 2016. (ANSA/AP Photo/Nariman El-Mofty)

A car belonging to the Italian ambassador is parked outside of Cairo, Egypt’s central morgue where the body of Giulio Regeni, A 28-year-old graduate student, is held, Thursday, Feb. 4, 2016. (ANSA/AP Photo/Nariman El-Mofty)

IL CAIRO. – Bruciature di sigaretta, ferite da coltello, contusioni. Nel balletto delle prime ricostruzioni egiziane sulla morte di Giulio Regeni prevale quella della procura: il giovane ricercatore friulano è stato vittima di torture che, fra varie atrocità, gli hanno inflitto “una morte lenta”.

Ma non è chiaro se Regeni sia stato vittima di sequestratori criminali o, come più di un elemento sembra suggerire, di apparati dello Stato egiziano. E per questo l’Italia, al più alto livello – dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al premier Matteo Renzi – ha fatto sentire forte la sua voce al Cairo chiedendo giustizia e verità. E ottenendo subito la restituzione del corpo e l’accesso alle indagini.

Anche solo limitandosi a fonti ufficiali come il procuratore che guida le indagini, Ahmed Nagi, su tutto il corpo del giovane – ritrovato nudo dalla cintola in giù – ci sono segni di bruciature di sigaretta e ferite da arma da taglio. Fonti mediatiche hanno parlato anche di ematomi effetto di pugni, ferite al naso e all’orecchio sinistro causate da uno “strumento affilato”, come un rasoio o un coltello.

Un sito di intermittente attendibilità, pubblicando risultanze dell’autopsia, ha segnalato che il corpo sarebbe stato gettato sul bordo dell’autostrada meno di tre giorni prima del rinvenimento. E che il decesso sarebbe stato causato in ultimo da un forte colpo alla testa. Altre fonti di polizia hanno presentato la fine dello studente di Fiumicello sparito al Cairo il 25 gennaio e il cui corpo è stato ritrovato ai margini di un’autostrada alla periferia ovest della capitale egiziana come l’esito di un incidente stradale.

Ma sono state smentite anche dall’ambasciatore egiziano a Roma che, convocato stamattina “d’urgenza” alla Farnesina, ha denunciato un “atto criminale”. Circostanze emerse nelle ultime ore, come quella che Regeni scrivesse per ‘il Manifesto’ sotto pseudonimo perché temeva per la propria incolumità o la sua ricerca di sindacalisti d’opposizione evocano d’altra parte l’ombra di ‘torturatori di Stato’ su cui abbondano le denunce di organizzazioni per la difesa dei diritti umani in Egitto.

E’ di fronte a questo quadro che il presidente Mattarella ha auspicato che, “attraverso la piena collaborazione delle autorità egiziane, sia fatta rapidamente piena luce” sul caso “consentendo di assicurare alla giustizia i responsabili di un crimine così efferato, che non può rimanere impunito”.

Il premier Renzi ha chiesto al presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi che rappresentanti italiani possano seguire da vicino “tutti gli sviluppi delle indagini” avendo pieno accesso agli atti e una pronta restituzione del corpo. Il premier ha ottenuto immediatamente il trasferimento del cadavere all’ospedale italiano del Cairo ‘Umberto I’ e il via libera all’arrivo di un team di sette uomini di Polizia, Carabinieri e Interpol (la procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio).

Una richiesta di indagine congiunta era giunta dalla Farnesina, e ribadita stamattina dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, già ieri, subito dopo il rinvenimento del cadavere. C’è stata anche una convocazione incrociata degli ambasciatori a Roma e al Cairo, che comunque non è tracimata in conclamata crisi diplomatica grazie ai toni concilianti da parte egiziana. Sisi, dal canto suo, ha telefonato a Renzi riferendogli di aver ordinato al ministero dell’Interno e alla Procura generale di “perseguire ogni sforzo per togliere ogni ambiguità” e “svelare tutte le circostanze” della morte di Regeni, un caso al quale “le autorità egiziane attribuiscono un’estrema importanza”.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora