Ministeri, nel corso del 2015 addio a 100 auto blù

Pubblicato il 04 febbraio 2016 da redazione

Auto blu parcheggiate in piazza del Quirinale, Roma, 12 marzo 2015. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Auto blu parcheggiate in piazza del Quirinale, Roma, 12 marzo 2015.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Le auto blu nei ministeri si sono ridotte “dei due terzi” in un anno, passando a 59 da 159. Quindi dai parcheggi dello Stato nel corso del 2015 ne sono uscite 100. A fare le cifre il ministro della P.A, Marianna Madia, dando conto del monitoraggio sugli effetti del decreto del governo Renzi, che ha fissato a cinque il limite massimo di vetture con autista nelle amministrazioni centrali. A livello locale invece dove per ora, per legge, c’è solo l’obbligo di comunicare i dati sulle macchine a disposizione si fa fatica.

Ecco che Madia ha dato un ultimo mese di tempo, dopo di che scatteranno le sanzioni per tutte le amministrazioni inadempienti, con un taglio del 50% della spesa per i trasporti. Non è però solo una questione di sforbiciate, il ministro ha infatti inviato una lettera a tutti i ministeri per ricordare come l’auto blu a uso non esclusivo (54 su 59) non possano essere utilizzata per lo “spostamento tra abitazione e luogo di lavoro”.

Dai paletti sono però escluse alcune vetture, tra cui, specifica il ministro, quelle “blindate per ragioni di sicurezza e protezione personale” (è anche il caso di alcuni esponenti del governo). Inoltre, nelle lettera, si richiede, di “comunicare le modalità di riduzione delle auto” per quantificare “i risparmi”, visto che la dismissione può avvenire a titolo oneroso o gratuito (se verso Onlus).

Madia ha fornito i nuovi dati e ricostruito le tappe della Spendig Review su uno dei simboli degli sprechi della politica nel corso del suo intervento in commissione Affari Costituzionali alla Camera dove è in discussione una proposta del M5s per imprimere un’ulteriore stretta.

Madia si è detta “disponibile a recepire proposte da tutti i gruppi parlamentari per rendere più stringente” il percorso, ma ha aggiunto “non sono disposta a mettere in discussione un piano che dura da due anni e che sta producendo risultati”, con quasi tutte le amministrazioni centrali sotto il limite delle cinque vetture.

Intanto non si ferma il lavoro sui decreti attuativi della riforma della P.A. Prima di andare in Parlamento il ministro ha infatti incontrato i sindacati del pubblico impiego sul provvedimento anti-furbetti. Cgil, Cisl, Uil, Confsal, Usb hanno sollevato diversi dubbi, giudicando troppo brevi i tempi del procedimento con il rischio intasamento nelle aule dei tribunali.

Ma il tavolo è stato anche il momento per tornare a parlare del rinnovo contrattuale e i sindacati, in primis Cgil e Uil, hanno sottolineato come sia “quasi impossibile” riaprire la contrattazione, viste le risorse “insufficienti” e le regole per cui “solo un esiguo numero di lavoratori potrebbe ottenere minimi vantaggi”. Per i sindacati le norme che regolano il rapporto sul pubblico impiego vanno riviste e lo strumento giusto da loro indicato è il Testo unico atteso per l’estate. Non si tratterebbe più a questo punto, stando almeno alle intenzioni dei sindacati, di un codice che riprende quanto già scritto ma di una vera e propria riforma dopo quella targata Brunetta.

I sindacati vedono con “preoccupazione” anche il decreto sulle partecipate, dopo che il numero uno dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, ha rivelato: “La nostra scelta industriale è di andare verso nuove assunzioni ma abbiamo letto le bozze del decreto Madia attualmente in discussione e, se saremo inclusi, non faremo le assunzioni”. Il testo infatti prevede lo stop a nuove reclute in tutte le partecipate per assorbire gli esuberi che deriveranno dalla razionalizzazione. La Cgil fa sapere di condividere “l’allarme lanciato da Armani”, visto che “da anni denunciamo la carenza di personale sulle strade e di questo ne risente la manutenzione e la sicurezza dell’utenza stradale”.

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora