Ministeri, nel corso del 2015 addio a 100 auto blù

Pubblicato il 04 febbraio 2016 da redazione

Auto blu parcheggiate in piazza del Quirinale, Roma, 12 marzo 2015. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Auto blu parcheggiate in piazza del Quirinale, Roma, 12 marzo 2015.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Le auto blu nei ministeri si sono ridotte “dei due terzi” in un anno, passando a 59 da 159. Quindi dai parcheggi dello Stato nel corso del 2015 ne sono uscite 100. A fare le cifre il ministro della P.A, Marianna Madia, dando conto del monitoraggio sugli effetti del decreto del governo Renzi, che ha fissato a cinque il limite massimo di vetture con autista nelle amministrazioni centrali. A livello locale invece dove per ora, per legge, c’è solo l’obbligo di comunicare i dati sulle macchine a disposizione si fa fatica.

Ecco che Madia ha dato un ultimo mese di tempo, dopo di che scatteranno le sanzioni per tutte le amministrazioni inadempienti, con un taglio del 50% della spesa per i trasporti. Non è però solo una questione di sforbiciate, il ministro ha infatti inviato una lettera a tutti i ministeri per ricordare come l’auto blu a uso non esclusivo (54 su 59) non possano essere utilizzata per lo “spostamento tra abitazione e luogo di lavoro”.

Dai paletti sono però escluse alcune vetture, tra cui, specifica il ministro, quelle “blindate per ragioni di sicurezza e protezione personale” (è anche il caso di alcuni esponenti del governo). Inoltre, nelle lettera, si richiede, di “comunicare le modalità di riduzione delle auto” per quantificare “i risparmi”, visto che la dismissione può avvenire a titolo oneroso o gratuito (se verso Onlus).

Madia ha fornito i nuovi dati e ricostruito le tappe della Spendig Review su uno dei simboli degli sprechi della politica nel corso del suo intervento in commissione Affari Costituzionali alla Camera dove è in discussione una proposta del M5s per imprimere un’ulteriore stretta.

Madia si è detta “disponibile a recepire proposte da tutti i gruppi parlamentari per rendere più stringente” il percorso, ma ha aggiunto “non sono disposta a mettere in discussione un piano che dura da due anni e che sta producendo risultati”, con quasi tutte le amministrazioni centrali sotto il limite delle cinque vetture.

Intanto non si ferma il lavoro sui decreti attuativi della riforma della P.A. Prima di andare in Parlamento il ministro ha infatti incontrato i sindacati del pubblico impiego sul provvedimento anti-furbetti. Cgil, Cisl, Uil, Confsal, Usb hanno sollevato diversi dubbi, giudicando troppo brevi i tempi del procedimento con il rischio intasamento nelle aule dei tribunali.

Ma il tavolo è stato anche il momento per tornare a parlare del rinnovo contrattuale e i sindacati, in primis Cgil e Uil, hanno sottolineato come sia “quasi impossibile” riaprire la contrattazione, viste le risorse “insufficienti” e le regole per cui “solo un esiguo numero di lavoratori potrebbe ottenere minimi vantaggi”. Per i sindacati le norme che regolano il rapporto sul pubblico impiego vanno riviste e lo strumento giusto da loro indicato è il Testo unico atteso per l’estate. Non si tratterebbe più a questo punto, stando almeno alle intenzioni dei sindacati, di un codice che riprende quanto già scritto ma di una vera e propria riforma dopo quella targata Brunetta.

I sindacati vedono con “preoccupazione” anche il decreto sulle partecipate, dopo che il numero uno dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, ha rivelato: “La nostra scelta industriale è di andare verso nuove assunzioni ma abbiamo letto le bozze del decreto Madia attualmente in discussione e, se saremo inclusi, non faremo le assunzioni”. Il testo infatti prevede lo stop a nuove reclute in tutte le partecipate per assorbire gli esuberi che deriveranno dalla razionalizzazione. La Cgil fa sapere di condividere “l’allarme lanciato da Armani”, visto che “da anni denunciamo la carenza di personale sulle strade e di questo ne risente la manutenzione e la sicurezza dell’utenza stradale”.

Ultima ora

13:17Bimbo di 26 mesi muore schiacciato da tv in Salento

(ANSA) - LEVERANO (LECCE), 20 OTT - Un bambino di 26 mesi é morto schiacciato dal televisore che gli è caduto addosso mentre tentava di accenderlo. La tragedia é avvenuta nell'abitazione della famiglia della vittima a Leverano, in Salento. Il piccolo, figlio unico, era in casa con la madre. Approfittando di un momento di disattenzione della donna, il piccolo si é diretto nel soggiorno, è salito sul carrello sul quale era posizionata la tv, un vecchio modello col tubo catodico e, nel tentativo di accenderla, l'ha fatta cadere. L'apparecchio l'ha schiacciato. Vano il disperato tentativo dei sanitari del 118 di rianimarlo. La mamma è sotto choc. Sul posto sono al lavoro i carabinieri della scientifica.

13:16Rogo nel forlivese scatenato da petardi, tre denunciati

(ANSA) - MODIGLIANA (FORLÌ-CESENA), 20 OTT - Due cacciatori di 47anni e il figlio 17enne di uno di loro sono stati denunciati dai carabinieri per incendio colposo. Il tutto ha preso il via nel tardo pomeriggio di ieri col divampare di un violento incendio in un podere di Modigliana, sull'Appennino forlivese. Sono stati distrutti oltre quattro ettari di macchia mediterranea e solo il faticoso lavoro dei vigili del fuoco ha impedito che il rogo raggiungesse un'abitazione. L'incendio, hanno verificato i militari intervenuti, è stato provocato dallo scoppio di alcuni petardi, e tre persone erano state viste allontanarsi velocemente a bordo di due auto subito dopo il divampare delle fiamme. I tre sono stati ben presto identificati e raggiunti nelle loro abitazioni. Si tratta di due cacciatori del posto e del minorenne. Secondo quanto emerso il 17enne avrebbe fatto scoppiare i petardi con l'intenzione di indirizzare i volatili impauriti verso i fucili del padre e dell'amico. (ANSA).

13:0713enne giù da finestra scuola a Roma, è morto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere precipitato da una finestra della scuola Santa Maria, di via Tasso, nel centro di Roma. Secondo quanto si è appreso, il ragazzino, è stato soccorso in gravissime condizioni dal 118 ed è deceduto poco dopo. Ancora da chiarire le circostanze della caduta del ragazzo.

12:59L. Elettorale: 179 emendamenti in Commissione al Senato

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sono solo 179 gli emendamenti al Rosatellum 2.0 presentati in Commissione Affari costituzionali del Senato. Lo riferisce il presidente della Commissione e relatore Salvatore Torrisi, contattato al telefono. "Ci sono emendamenti di M5s, di Mdp, del Misto, di Gal e Qualcuno anche da parte di deputati del Pd e della Lega. Lunedì alle 16 iniziamo e proseguiamo ad oltranza", ha concluso.

12:58Bankitalia: Cav, sinistra vuole posti, no asse con Renzi

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l'antico vizio della sinistra per l'occupazione dei posti e ribadito, allo stesso tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è successo in questi anni. Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Nessun "asse con Renzi", come qualche giornale ha maliziosamente insinuato". Lo afferma il leader di FI Silvio Berlusconi.

12:52Solo e in pigiama, a 3 anni di notte in piazza Maggiore

(ANSA) - BOLOGNA, 20 OTT - Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino, cantava Lucio Dalla. Invece ben prima dell'alba di mercoledì un bimbo di tre anni, solo, scalzo e in pigiama, è stato soccorso dai carabinieri in piazza Maggiore. Verso le 4.30 la centrale operativa del 112 è stata informata della presenza del piccolo, che stava vagando per la piazza. Una pattuglia della stazione Bologna è intervenuta e i militari sono risaliti ai genitori del bimbo, una coppia d'italiani residenti in zona. La madre era assente per motivi di lavoro, il padre e la domestica stavano dormendo e non si erano accorti che era uscito di casa.(ANSA).

12:51Uomo accoltellato e ucciso durante lite a Roma, un arresto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un uomo è stato accoltellato e ucciso stamattina alla periferia di Roma. La vittima è un 50enne che è stato raggiunto da più coltellate durante una lite. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno bloccato il responsabile, un 32enne. Non si esclude che possa avere problemi psichici. Ancora da chiarire i motivi della lite.

Archivio Ultima ora