Mattarella in Usa, la storica partnership di ferro è più salda che mai

Pubblicato il 04 febbraio 2016 da redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio  Mattarella al suo arrivo all'Aeroporto di Orly, in occasione della visita nella  Repubblica Francese e all'agenzia Spaziale Europea, Parigi, 30 marzo 2015. ANSA/ ANTONIO DI GENNARO - UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al suo arrivo all’Aeroporto di Orly, in occasione della visita nella Repubblica Francese e all’agenzia Spaziale Europea, Parigi, 30 marzo 2015.
ANSA/ ANTONIO DI GENNARO – UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

ROMA. – Guerra all’Isis, crisi globale dei rifugiati, focus sulla necessità di politiche espansive in Europa, accordo commerciale tra Unione europea e Stati Uniti, ricerca di consensi sulla candidatura dell’Italia per un seggio non permanente all’Onu. Ma soprattutto il rebus Libia. E’ ricchissimo il menù delle conversazioni in programma il prossimo lunedì 8 febbraio a Washington, dove Sergio Mattarella incontrerà per la prima volta il presidente Barack Obama. Si tratta di una visita importante che cade in un momento delicatissimo della lotta internazionale all’Isis: nonostante la campagna elettorale americana sia entrata nel vivo Obama mostra una leadership in perfetta salute.

Il presidente americano in questi giorni è attivissimo nel fronte anti-Daesh e Washington resta uno snodo imprescindibile su molti dossier globali che restano aperti, dalla Siria al rapporto con l’Iran, fino alle strategie per la lotta al terrorismo quotidianamente sotto la lente di Casa Bianca e Pentagono. Ma è sulla Libia, o meglio sulla configurazione dell’ormai prossimo intervento in Libia, che l’Italia cercherà di concentrare i diversi colloqui che Mattarella avrà negli Stati Uniti.

Da giorni è evidente quanto l’amministrazione Usa voglia accelerare i tempi del contrasto all’Isis e il fronte libico rimane quello più indietro nell’organizzazione. Se l’Italia ha già definito la propria disponibilità ad una piena logistica, all’addestramento dei militari ed anche alla tutela degli ambiti governativi in loco, Francia e Gran Bretagna devono ancora chiarire il loro ruolo – si discute anche di leadership europea della coalizione – in un’operazione complessa e che interesserà molti Paesi dell’area. Il tutto in attesa di una cornice di legalità internazionale che ancora manca, come ha sottolineato più volte il premier Renzi.

Inutile sottolineare ancora una volta quanto per il presidente Mattarella sia forte il legame tra crisi, terrorismo e flussi migratori, altro tema forte dell’incontro alla Casa Bianca. Tra Roma e Washington la storica partnership di ferro è più salda che mai, come non ha mancato di sottolineare qualche giorno fa la stessa Casa Bianca formalizzando le date della prima trasferta americana del capo dello Stato: “L’Italia è un apprezzato alleato Nato e uno stretto partner in una vasta gamma di sfide globali”.

Ma oggi Washington è anche un privilegiato punto di osservazione per la campagna per le presidenziali Usa, ormai in pieno svolgimento. Tra l’altro Mattarella vivrà in diretta le primarie del New Hampshire, gustandosi dall’interno la vivacità del sistema elettorale americano in attesa di vedere all’opera in casa l’Italicum.

E’ ovvio che anche l’Italia guardi con attenzione alle presidenziali del prossimo novembre: ma di certo chiunque vincerà non cambierà l’atteggiamento dell’esecutivo rispetto alla necessità di lavorare in tutti i modi per la crescita mondiale. E Mattarella vedrà confermata, assicurano fonti del Quirinale, la vicinanza di Obama sulla necessità che l’Unione europea intensifichi politiche espansive abbandonando la strada stretta dell’austerity e del rigore di bilancio.

Nella lunga missione che inizierà a Washington il 6 febbraio e si concluderà il 13 a Houston con una visita alla Nasa, ci sarà una tappa importante a New York con colloqui alle Nazioni Unite. L’Italia sin dal 2009 ha avanzato la candidatura per un seggio non permanente al Consiglio di Sicurezza dell’Onu per il biennio 2017-19 e se la vedrà con le analoghe ambizioni di Svezia e Paesi Bassi. Due sono i posti in ballo e la decisione verrà presa entro l’anno. L’Italia a questo punto della corsa è “fiduciosa” di un risultato positivo. Nella due giorni newyorchese Mattarella avrà numerosi contatti ad alto livello per promuovere la candidatura dell’Italia.

Da parte americana si metterà l’accento sulla necessità di chiudere il ‘Transatlantic trade and investment partnership’ (Ttip) che dovrebbe portare l’apertura degli Usa alle imprese dell’Ue e viceversa, la definizione di nuove norme per rendere più agevole ed equo esportare, importare e investire oltreoceano. Ma sul quale esistono tutt’oggi decise riserve: ad esempio sul fatto che i prodotti importati nell’Ue rispettino i nostri standard elevati di sicurezza ambientale e della salute e che i Governi europei possano mantenere autonomia nella difesa del loro sistema sociale e di welfare.

Ad accompagnare il presidente ci sarà la figlia Laura e, all’incontro con Obama, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

04:28Bus ungherese si incendia in A4, 4 morti e alcuni feriti

VENEZIA - Sarebbero 4, secondo le prime informazioni, le persone decedute nell'incidente avvenuto poco prima di mezzanotte lungo la A4, a Verona est che ha coinvolto un autobus di nazionalità ungherese, pare con a bordo diversi ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Ci sarebbero anche alcuni feriti. Secondo una prima ricostruzione, l'autobus ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone dell'autostrada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Al momento il tratto autostradale é stato chiuso in direzione Venezia con uscita obbligatoria a Verona Sud.

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

Archivio Ultima ora