Mattarella in Usa, la storica partnership di ferro è più salda che mai

Pubblicato il 04 febbraio 2016 da redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio  Mattarella al suo arrivo all'Aeroporto di Orly, in occasione della visita nella  Repubblica Francese e all'agenzia Spaziale Europea, Parigi, 30 marzo 2015. ANSA/ ANTONIO DI GENNARO - UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al suo arrivo all’Aeroporto di Orly, in occasione della visita nella Repubblica Francese e all’agenzia Spaziale Europea, Parigi, 30 marzo 2015.
ANSA/ ANTONIO DI GENNARO – UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

ROMA. – Guerra all’Isis, crisi globale dei rifugiati, focus sulla necessità di politiche espansive in Europa, accordo commerciale tra Unione europea e Stati Uniti, ricerca di consensi sulla candidatura dell’Italia per un seggio non permanente all’Onu. Ma soprattutto il rebus Libia. E’ ricchissimo il menù delle conversazioni in programma il prossimo lunedì 8 febbraio a Washington, dove Sergio Mattarella incontrerà per la prima volta il presidente Barack Obama. Si tratta di una visita importante che cade in un momento delicatissimo della lotta internazionale all’Isis: nonostante la campagna elettorale americana sia entrata nel vivo Obama mostra una leadership in perfetta salute.

Il presidente americano in questi giorni è attivissimo nel fronte anti-Daesh e Washington resta uno snodo imprescindibile su molti dossier globali che restano aperti, dalla Siria al rapporto con l’Iran, fino alle strategie per la lotta al terrorismo quotidianamente sotto la lente di Casa Bianca e Pentagono. Ma è sulla Libia, o meglio sulla configurazione dell’ormai prossimo intervento in Libia, che l’Italia cercherà di concentrare i diversi colloqui che Mattarella avrà negli Stati Uniti.

Da giorni è evidente quanto l’amministrazione Usa voglia accelerare i tempi del contrasto all’Isis e il fronte libico rimane quello più indietro nell’organizzazione. Se l’Italia ha già definito la propria disponibilità ad una piena logistica, all’addestramento dei militari ed anche alla tutela degli ambiti governativi in loco, Francia e Gran Bretagna devono ancora chiarire il loro ruolo – si discute anche di leadership europea della coalizione – in un’operazione complessa e che interesserà molti Paesi dell’area. Il tutto in attesa di una cornice di legalità internazionale che ancora manca, come ha sottolineato più volte il premier Renzi.

Inutile sottolineare ancora una volta quanto per il presidente Mattarella sia forte il legame tra crisi, terrorismo e flussi migratori, altro tema forte dell’incontro alla Casa Bianca. Tra Roma e Washington la storica partnership di ferro è più salda che mai, come non ha mancato di sottolineare qualche giorno fa la stessa Casa Bianca formalizzando le date della prima trasferta americana del capo dello Stato: “L’Italia è un apprezzato alleato Nato e uno stretto partner in una vasta gamma di sfide globali”.

Ma oggi Washington è anche un privilegiato punto di osservazione per la campagna per le presidenziali Usa, ormai in pieno svolgimento. Tra l’altro Mattarella vivrà in diretta le primarie del New Hampshire, gustandosi dall’interno la vivacità del sistema elettorale americano in attesa di vedere all’opera in casa l’Italicum.

E’ ovvio che anche l’Italia guardi con attenzione alle presidenziali del prossimo novembre: ma di certo chiunque vincerà non cambierà l’atteggiamento dell’esecutivo rispetto alla necessità di lavorare in tutti i modi per la crescita mondiale. E Mattarella vedrà confermata, assicurano fonti del Quirinale, la vicinanza di Obama sulla necessità che l’Unione europea intensifichi politiche espansive abbandonando la strada stretta dell’austerity e del rigore di bilancio.

Nella lunga missione che inizierà a Washington il 6 febbraio e si concluderà il 13 a Houston con una visita alla Nasa, ci sarà una tappa importante a New York con colloqui alle Nazioni Unite. L’Italia sin dal 2009 ha avanzato la candidatura per un seggio non permanente al Consiglio di Sicurezza dell’Onu per il biennio 2017-19 e se la vedrà con le analoghe ambizioni di Svezia e Paesi Bassi. Due sono i posti in ballo e la decisione verrà presa entro l’anno. L’Italia a questo punto della corsa è “fiduciosa” di un risultato positivo. Nella due giorni newyorchese Mattarella avrà numerosi contatti ad alto livello per promuovere la candidatura dell’Italia.

Da parte americana si metterà l’accento sulla necessità di chiudere il ‘Transatlantic trade and investment partnership’ (Ttip) che dovrebbe portare l’apertura degli Usa alle imprese dell’Ue e viceversa, la definizione di nuove norme per rendere più agevole ed equo esportare, importare e investire oltreoceano. Ma sul quale esistono tutt’oggi decise riserve: ad esempio sul fatto che i prodotti importati nell’Ue rispettino i nostri standard elevati di sicurezza ambientale e della salute e che i Governi europei possano mantenere autonomia nella difesa del loro sistema sociale e di welfare.

Ad accompagnare il presidente ci sarà la figlia Laura e, all’incontro con Obama, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora