Turismo: resta paura attentati ma non cala voglia viaggi

(ANSA) – ROMA, 5 FEB – Resta la paura degli attentati ma non si riduce la voglia di viaggiare. Emerge dai dati raccolti dall’osservatorio di Confturismo-Istituto Piepoli: il valore dell’indice di propensione al viaggio degli italiani raggiunge nel mese di gennaio un valore di 59 punti, stabile rispetto alla fine del 2015. E rispetto allo stesso mese dello scorso anno si rileva una crescita di 2 punti. L’ottimismo per un buon 2016 turistico, trainato in particolare dalla cultura, continua a rimanere elevato, nonostante il timore per gli attentati incida negativamente. Quasi un terzo degli italiani, a causa degli ultimi attacchi – in particolare quelli di Istanbul e Giacarta – ha paura di recarsi all’estero. Le zone più “temute” – secondo l’osservatorio di Confturismo – sono il Medio-Oriente, la Francia e la Turchia. E rimane elevata il timore di volare. Le preoccupazioni non riguardano solo l’estero: 1 su 2 teme anche che possa verificarsi un attentato di matrice islamica nel nostro paese.

Condividi: