CÎROC® celebró una tarde llena de emoción con las futuras novias en la tienda Iskia

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

iskia

En el distinguido CC Altamira Village en Caracas, la tienda Iskia abrió sus puertas para compartir con un grupo selecto de novias, en una tarde de sofisticación, la información y el encuentro con los mejores proveedores de la ciudad en todo lo relacionado a la celebración de ese día tan especial.

Allí, novias y sus acompañantes, tuvieron la oportunidad de probar exquisitos pasapalos, las delicadas e icónicas tortas de boda, captar todo lo que necesitan para la realización de un evento exitoso, y por supuesto, degustar de cocteles a base de CÎROC® Ultra Premium Vodka, el único vodka hecho a partir de uvas francesas, perfecto para la ocasión.

Así mismo, las novias invitadas junto a sus familiares y amigas disfrutaron de todo el encanto de la merienda y tuvieron la oportunidad de participar en rifas de los diferentes proveedores presentes como cenas, docenas de suculentos dulces y los mejores bombones del país, bouquets de flores, tocados, accesorios y muchos otros obsequios, entre los cuales también destacó la entrega de botellas de CÎROC® Ultra Premium Vodka, de la mano de la Cava de Caracas, Licores Mundiales.

La velada estuvo ambientada de manera elegante; los proveedores estuvieron organizados en ambos pisos de la tienda en donde brindaron oportunamente toda la información sobre sus productos y servicios para las futuros contrayentes, que felices crearon el momento perfecto para disfrutar y celebrar una fantástica tarde con la marca CÎROC® Ultra Premium Vodka, a través del servicio de una barra llena de encanto y glamour con la atención de bartenders profesionales, quienes ofrecieron una coctelería especial para la ocasión.

Para obtener más información sobre las meriendas de novias Iskia, pueden visitar www.iskia.com o seguir a la marca por sus redes sociales en Twitter/Instagram porla cuenta @iskiavenezuela

Por su parte La Cava de Caracas de Licores Mundiales también tiene su website www.licoresmundiales.com. Sobre sus promociones de bodas o ventas corporativas puede seguirle en sus redes sociales FB, Twitter e Instagram @licoresmundiales

Para conocer más de CÎROC® Ultra Premium Vodka, está disponible la página http://www.ciroconarrival.com y su cuenta en Instagram: @Ciroc_ve

Acerca de DIAGEO

DIAGEO es una empresa dedicada a la comercialización y producción de bebidas espirituosas en Venezuela. Globalmente, participa en las categorías de licores, cervezas y vinos. Entre las marcas disponibles en el mercado local se encuentran los rones venezolanos CACIQUE® y PAMPERO®; los whiskys escoceses JOHNNIE WALKER®, BUCHANAN’S®, CHEQUERS®, HAIG SUPREME® y OLD PARR®; también está CIROC®, ZACAPA® y la crema de whisky BAILEYS®; los vodkas GORDONS®, producido localmente, las bebidas listas para tomar de fabricación nacional SMIRNOFF® ICE, SMIRNOFF® BLACK ICE SMIRNOFF® GUARANÁ, SMIRNOFF® GREEN APPLE BITE y CACIQUE® MOJITO.

DIAGEO, como organización comprometida a largo plazo con el desarrollo de Venezuela, contempla un portafolio de inversión social que tiene tres focos fundamentales: la iniciativa de promoción de CONSUMO RESPONSABLE de alcohol bajo el mensaje “Cuando tomes, no manejes”; la plataforma educativa APRENDIENDO PARA LA VIDA, un espacio en las comunidades para la formación de jóvenes en oficios de emprendimiento, a través de los PROYECTOS VENDEDOR, BARTENDER y EMPRENDIMIENTO GASTRONÓMICO; y el programa GREENIQ, iniciativa global en materia de sostenibilidad ambiental.

Venezuela es el país pionero a nivel global, con una escuela propia de Aprendiendo para la Vida ubicada en Catia, un centro de estudio destinado a capacitar al año unos 2.000 jóvenes mayores de edad de todo el país, en oficios y emprendimiento.

La empresa cotiza tanto en la Bolsa de Valores de Nueva York (DEO) como en la Bolsa de Valores de Londres (DGE). Para más información acerca de DIAGEO, su gente, marcas y desempeño, visite www.diageo.com. Para el recurso global de DIAGEO que promueve el consumo responsable de alcohol a través de la difusión de herramientas, información e iniciativas de las mejores prácticas, visite: www.DRINKiQ.com.
Celebrando la vida todos los días, en cualquier lugar.

Ultima ora

19:43Viareggio cup: vince il Sassuolo, Empoli ko ai rigori

(ANSA) - VIAREGGIO, 29 MAR - Il Sassuolo ha vinto la 69/a edizione della Viareggio cup battendo l'Empoli ai calci di rigore 6-4. Al termine dei supplementari le due squadre erano sul 2 a 2. E' la prima volta che il Sassuolo vince la Viareggio cup.

19:27Gip: ‘Norberto Confalonieri resti ai domiciliari’

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - Deve restare ai domiciliari Norberto Confalonieri, il primario del Cto-Pini arrestato giovedì scorso e accusato di corruzione, turbativa d'asta e lesioni volontarie sui pazienti, nell'ambito dell'inchiesta dei pm milanesi Eugenio Fusco e Letizia Mannella sulla 'sponsorizzazione' di forniture di protesi di due multinazionali sanitarie (indagate), la Johnson&Johnson e la B.Braun, in cambio di tangenti. Il gip Teresa De Pascale, infatti, ha respinto la richiesta di revoca della misura cautelare presentata dal suo avvocato Ivana Anomali. La difesa del chirurgo sta valutando ora di presentare un'istanza al Riesame. "Affranto e sconcertato dalla gogna mediatica, col cuore in mano, mi rivolgo ai miei pazienti operati e a quelli che aspettano di essere curati. Non sono un mostro": questo il contenuto di una lettera-memoriale scritta dal chirurgo a un paziente e consegnata a Matrix. Il contenuto integrale della lettera verrà diffuso nella trasmissione di questa sera, su Canale 5.

19:20Resistenza: morto conte Dal Verme, comandante Maino

(ANSA) - RUINO (PAVIA), 29 MAR - E' morto a 103 anni il conte Luchino Dal Verme, noto personaggio della Resistenza. Con il nome di battaglia di 'Maino' ha guidato l'88/ma brigata Casotti e la 'Gramsci' della divisione Garibaldi, partecipando a numerose azioni di guerra. La sua brigata fu tra le prime a raggiungere Milano nel 1945. Era soprannominato il 'conte partigiano' per via delle sue nobili origini, essendo nato in una famiglia aristocratica di Verona. Entrò nella Resistenza, abbandonando così la tradizione monarchica di famiglia, con il nome di 'Comandante Maino'. "La scelta partigiana - ha commentato l'Anpi di Pavia - del Comandante, aristocratico fianco a fianco combattente con ragazzi e uomini di altra estrazione sociale e di diversa radice politica, rompe gli schemi ingessati dell'Italietta meschina vacuamente acquiescente al fascismo, ed efficacemente incarna il sentire profondo della Resistenza italiana".

19:18Calcio: Zappacosta punta l’Udinese, serve grande attenzione

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Contro l'Udinese servirà grande concentrazione: vogliamo concludere bene la stagione, non possiamo prendere alla leggera questa partita". Appena rientrato dalla Nazionale, Davide Zappacosta si sintonizza subito sui prossimi impegni del Torino, di scena domenica contro la formazione allenata da Del Neri. "Una squadra molto organizzata, che merita il massimo della attenzione da parte nostra", sottolinea il laterale granata. Un Torino che sta puntando sui giovani, come dimostrano gli acquisti del portiere serbo Milinkovic-Savic e del difensore brasiliano Lyanco: "Fa molto bene il Torino a puntare su giocatori giovani, specialmente se hanno qualità - ha aggiunto -. Adesso sta a noi ripagare la società". Fiducia già ripagata dal terzino, reduce dall'esperienza da protagonista con la Nazionale: "Sono molto soddisfatto, abbiamo disputato due ottime partite, il gruppo che sta crescendo. La qualificazione? Sono positivo, dobbiamo pensare partita per partita".

19:12Calcio: Caldara, la Juve? Resto a Bergamo per crescere

(ANSA) - BERGAMO, 29 MAR - "La Juventus? Non ci penso, devo rimanere qui e lavorare per crescere ancora". Mattia Caldara, una delle rivelazioni dell'Atalanta di Gasperini, smentisce un suo approdo anticipato nella società che l'ha rilevato a gennaio lasciandolo in prestito a Bergamo fino al giugno 2018: "Qui abbiamo un obiettivo, Gasperini ci ha inculcato da tempo la voglia di non accontentarci mai e io devo anche meritarmi la convocazione all'Europeo Under 21", spiega il difensore bergamasco, che ha dovuto saltare gli impegni con gli azzurrini per le noie ai flessori ora smaltite. C'è l'esordio nella Nazionale senior dei compagni Spinazzola e Petagna, più l'ex atalantino Gagliardini, da commentare: "Ci sono arrivati grazie al lavoro ed ai sacrifici, è il coronamento dei sogni di tutti i bambini che giocano a calcio".

18:46Calcio: ds Cagliari, Di Gennaro non ha accettato rinnovo

(ANSA) - CAGLIARI, 29 MAR - Cagliari e Di Gennaro, il futuro per ora non è insieme. "Gli abbiamo proposto un contratto biennale - spiega il direttore sportivo del club rossoblù Stefano Capozucca - ma il giocatore non ha accettato le nostre condizioni". Il divorzio, dunque, si formalizzerebbe a fine stagione alla scadenza del contratto. Mercato che si riapre? Non ci sarebbero per il momento piste che portano lontano dall'Italia. Capozucca non parla comunque di porte chiuse: "Chissà - ha detto il ds - per il momento non ha accettato la nostra proposta, ma magari potrebbe anche cambiare idea". Di Gennaro era arrivato a Cagliari nell'estate del 2015 dal Vicenza. Ed è stato tra i protagonisti del campionato della promozione in A con trentuno presenze e quattro gol. In questa stagione Di Gennaro ha collezionato venti apparizioni e due reti, ma non sempre è stato schierato titolare da Rastelli. (ANSA).

18:42Massacrata in casa: giudici appello, 30 anni al marito

(ANSA) - FIRENZE, 29 MAR - I giudici della corte d'appello di Firenze (presidente Alessandro Nencini) hanno condannato a 30 anni per omicidio volontario aggravato, Giacomo Benvenuti, 42 anni, l'operaio di Fucecchio (Firenze), accusato di aver ucciso la moglie Marinella Bertozzi, 40 anni. In primo grado l'uomo, processato con rito abbreviato, era stato condannato a 18 anni di carcere: il reato era stato riqualificato in morte come conseguenza di maltrattamenti. Il pm Sandro Cutrignielli aveva chiesto l'ergastolo e l'isolamento. L'avvocato Francesco Stefani, difensore di Benvenuti, ha annunciato ricorso in Cassazione, "dove sono convinto verrà riconosciuta l'illegittimità di certe prove riammesse in appello". Marinella Bertozzi morì il 30 ottobre 2015: per l'accusa l'uomo, che nel tempo l'aveva ridotta "in schiavitù", l'avrebbe percossa "con immane violenza", con calci, pugni e anche con corpi contundenti. La morte, era stata classificata come "naturale" e solo la denuncia del fratello della vittima fece aprire un fascicolo.

Archivio Ultima ora