Cuba e Raul, al centro di grandi riconciliazioni

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

Pope Francis speaks with Cuba's President Raul Castro during his arrival ceremony at the airport in Havana, Cuba, Saturday, Sept. 19, 2015. (ANSA/AP Photo/Ramon Espinosa)

Pope Francis speaks with Cuba’s President Raul Castro during his arrival ceremony at the airport in Havana, Cuba, Saturday, Sept. 19, 2015. (ANSA/AP Photo/Ramon Espinosa)

L’AVANA. – E’ davvero lunga l’onda del disgelo avviato nel dicembre del 2014 tra Cuba e gli Usa. Nel giro di qualche mese, L’Avana ha riacceso i motori della propria diplomazia lungo un processo pieno di sorprese: l’ultima, davvero storica, quella dell’incontro il 12 febbraio proprio all’Avana tra il Papa e il patriarca di Mosca Kirill.

L’isola ha reagito alla notizia come di consueto davanti ai grandi annunci, e visite, di questi ultimi mesi sulla scia dell’avvicinamento con Washington, e cioè con qualche breve notizia su principali media ufficiali. “Cuba è onorata di accogliere” il Papa e il patriarca Kirill e “metterà a disposizione tutte le agevolazioni in vista dello storico incontro”, sottolinea un comunicato del ministero degli esteri dell’Avana, subito ripreso da diversi media ufficiali. Altri commenti, o analisi, non ci sono.

La scelta di Cuba quale sede per l’incontro conferma comunque come il dialogo con gli Usa abbia innescato un nuovo corso internazionale del paese, che ha così di fatto mandato in cantina decenni di isolamento. Il paese è un continuo viavai di ministri, imprenditori, uomini d’affari di grandi gruppi, e c’è quasi una corsa all’ Avana.

D’altra parte, lo stesso Raul Castro è impegnato in prima fila sul fronte internazionale. Il presidente che il 12 febbraio accoglierà il Papa e il patriarca Kirill è per esempio rientrato appena qualche giorno fa da una visita in Francia dove è stato ricevuto in pompa magna dal presidente Francois Hollande. A Parigi, così come in altri incontri, Raul ha puntato soprattutto ad un obiettivo, e cioè il pressing nei confronti degli Stati Uniti al fine di porre fine all’ormai quasi eterno embargo americano anti-Cuba.

E’ probabile d’altro lato che Castro metta entro qualche mese la sua firma su un altro accordo ‘historico’, questa volta tutto latinoamericano: proprio all’Avana, da anni sono in corso i negoziati tra i guerriglieri delle Farc e il governo della Colombia. Non si esclude che un accordo di pace possa essere firmato entro qualche mese: un altro risultato tangibile per Raul.

Giocando su più tavoli e grazie all’attivismo sul piano diplomatico, Cuba rimane così al centro della scena, al di là di quanto avviene sul fronte interno, dove il processo di apertura economica viaggia invece ad una velocità completamente diversa e tarda a farsi sentire sul livello di vita dei cubani.

In attesa di capire l’impatto che il colloquio Papa-Kirill avrà nell’isola, di fatto c’è tra l’altro che il ‘Francisco’ argentino che è stato chiave nel lancio del disgelo L’Avana-Washington tornerà, anche se solo per poche ore, a toccare suolo cubano: appena pochi mesi quindi dopo la visita fatta nell’isola a settembre.

Ultima ora

13:47Rep ceca: si dimette governo Babis, dopo mancata fiducia

(ANSA) - PRAGA, 17 GEN - Il governo di minoranza di Andrej Babis si è dimesso, all'indomani della mancata fiducia in Parlamento. Potrà però governare il paese fino alla nomina del nuovo esecutivo. Il presidente Milos Zeman si è detto disposto ad accettare le dimissioni entro la fine della settimana. Zeman ha anticipato di voler affidare a Babis anche il secondo tentativo di formare il governo, di lasciargli più tempo per negoziare, ma vuole dal premier per il nuovo esecutivo la garanzia di 101 voti dei 200 in Parlamento.

13:44Molestie su minore, rischio processo per prof musica

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'ha costretta a subire molestie. Per questo la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di un professore di musica di un istituto comprensivo di Roma, nella zona del quartiere Trieste, accusato di violenza sessuale aggravata ai danno di una minorenne. Il fatto risale al 2014 quando la vittima aveva appena 11 anni. Il docente di 64 anni (già sospeso dal servizio), ha molestato la ragazzina durante le ore di lezione.

13:41Uccisa parco a Milano: sospetto ha giubbotto impermeabile

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Nella foto diffusa dagli investigatori l'uomo che è sospettato di aver ucciso Marilena Negri nel parco di Villa Litta ha il volto nascosto dal cappuccio del suo giubbotto impermeabile. La donna fu uccisa il 23 novembre scorso con una coltellata al collo. Il cappuccio e la parte alta del giubbotto dell'uomo di cui è stata diffusa l'immagine sono di colore verde chiaro, la parte bassa del giubbotto impermeabile è di colore blu. Il sospetto indossa anche scarpe ginniche, pantaloni neri e guanti. L'immagine è sfuocata, il volto non è riconoscibile, ma è perfettamente distinguibile la figura dell'uomo. Gli investigatori hanno riferito che dal modo di camminare l'uomo pare avere qualche problema di deambulazione, perché zoppica leggermente.

13:26Gb: sanità pubblica in crisi, esodo d’infermiere da ospedali

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Assume le proporzioni di un esodo il fuggi fuggi delle infermiere dal sistema sanitario nazionale britannico (Nhs), in crisi di fondi e di staff. Lo denuncia un'inchiesta aggiornata della Bbc, sulla base di dati ufficiali stando ai quali le lettere di dimissioni arrivano ormai al ritmo di 33.000 all'anno, circa il 10% dell'organico totale del Paese. Un salasso di personale specializzato che i tentativi di incrementare il reclutamento non compensano (meno 3.000 il differenziale dell'ultimo anno, ad aggravare i buchi di un contesto già lacunoso). Con un'accelerazione del 20% del numero degli addio rispetto al biennio 2012-2013. Fra le cause citate da varie testimoni dirette, le cattive condizioni d'impiego in molte strutture, il diffuso superlavoro e i salari insufficienti in proporzione al costo della vita nel Regno Unito. Sullo sfondo della crisi della sanità, peggiora intanto l'aspettativa di vita media: calata di un anno dal 2011, in diverse regioni dell'Inghilterra e in stallo in tutto il Paese dal 2010

13:22‘Furbetti cartellino’ Agenzia Dogane Roma

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - 'Furbetti del cartellino' all'Agenzie delle Dogane Roma 1. Dodici dipendenti sono indagati per truffa aggravata e falsa attestazione. Nei loro confronti i carabinieri stanno eseguendo un'ordinanza di applicazione della misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal Tribunale di Roma. A quanto accertato attraverso l'installazione di un sistema di videoriprese all'interno dell'Ufficio Pubblico e diversi pedinamenti giungevano sul posto di lavoro per poi abbandonarlo poco dopo senza utilizzare il "badge" elettronico. Dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur e della stazione Garbatella sarebbe emerso che in alcuni casi gli indagati lasciavano l'Agenzia cedendo il badge a un altro collega che attestava l'uscita al termine dell'orario di lavoro. Per gli investigatori questa pratica consentiva agli impiegati di svolgere mansioni private e di intrattenersi in esercizi pubblici risultando comunque in servizio.

13:19Mattarella, lavoro resta principale emergenza Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La mancanza di lavoro, nonostante negli ultimi tempi si sia registrato un sensibile miglioramento, come risulta anche dai dati dell'Istat dei giorni scorsi, resta l'emergenza principale del nostro Paese". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una intervista a "Famiglia Cristiana" in edicola domani. "È un problema fondamentale - aggiunge - particolarmente avvertito in alcune fasce di popolazione (giovani e donne) e nel Mezzogiorno. Scontiamo gli effetti della gravissima crisi degli anni passati, che si stanno progressivamente riassorbendo".

13:18Gerusalemme: Abu Mazen, decisione di Trump è peccato

(ANSA) - IL CAIRO, 17 GEN - Il presidente palestinese Abu Mazen ha bollato come un 'peccato' la decisione del presidente statunitense Donald Trump di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele e il trasferimento dell'ambasciata americana. Parlando al Cairo ad Al Azhar, la massima istituzione dell'islam sunnita, ha ribadito che "l'amministrazione americana non è più affidabile per mediare fra noi e gli israeliani".

Archivio Ultima ora