Esplode a Roma la devozione per San Pio

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter's Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.  ANSA/GIORGIO ONORATI

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter’s Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.
ANSA/GIORGIO ONORATI

ROMA. – Sono almeno 20 mila, divenuti poi 25 mila all’arrivo delle spoglie in piazza San Pietro, i fedeli e i pellegrini, che hanno preso parte alla processione che ha condotto le urne di San Pio e San Leopoldo Mandic, scelti dal Papa come testimoni speciali del Giubileo della Misericordia, dalla Chiesa di San Salvatore in Lauro nel centro di Roma alla basilica vaticana. Un fiume di devoti venuti da tutte le parti d’Italia e anche dall’estero (un frate cappuccino assicura che un gruppo è venuto apposta dall’Australia) cui si sono mescolati via via, nel percorso tracciato lungo le vie strette del centro prima dell’ingresso in via della Conciliazione, anche turisti e semplici cittadini.

E così, tra non pochi disagi per il traffico (per alcune ore nell’area è andato in tilt), e tra la meraviglia di tanti turisti, è esplosa, nel cuore di Roma, la devozione popolare, soprattutto nei confronti del santo di Pietrelcina. Scatti continui di foto con i telefonini, preghiere e canti hanno accompagnato per tutto il tempo il corteo partito alla 16.00 dalla chiesa di San Salvatore in Lauro e arrivato in circa due ore, procedendo per un chilometro e mezzo scortato dalle forze dell’ordine, in piazza San Pietro.

Fortissima l’attrazione che la reliquia di San Pio ha esercitato sulla folla. Già non appena la salma, trasportata in spalla dai frati cappuccini del convento di San Giovanni Rotondo, ha fatto la sua comparsa in piazza, una pioggia di flash ha immortalato il corpo del santo custodito in una teca speciale che per la prima volta ha lasciato il Gargano.

“Evviva padre Pio”, rimbombava in piazza mentre tanti romani incuriositi si sono affacciati alle finestre per seguire l’evento. Qualcuno tra i negozianti si è lamentato, decidendo di chiudere prima vista la folla e il transennamento delle vie lungo le quali si è snodata la processione. Ma si sono sentiti anche tanti apprezzamenti con romani che ricordavano di non aver mai visto un evento del genere nel centro della città, che pure è la sede mondiale della cristianità.

Lungo tutto il percorso, poi, tanti hanno allungato di continuo verso i frati rosari, fazzoletti, sciarpe perché li accostassero all’urna in atto di devozione. Il momento di maggiore disagio per il traffico si è avuto intorno alle 17.00 quando il corteo ha attraversato Ponte Sant’Angelo mettendosi in direzione della basilica. Tutta l’area ne ha risentito con rallentamenti e code soprattutto sul lungotevere dei Sangallo, nel tratto compreso da Ponte Mazzini fino a Ponte Vittorio.

A guidare il corteo mons. Rino Fisichella, presidente del pontificio consiglio della Nuova evangelizzazione e ‘regista’ del Giubileo, mentre anche il sindaco di San Giovanni Rotondo ha guidato, dietro al gonfalone, una rappresentanza della cittadina pugliese. In fila anche la parlamentare di Forza Italia Michaela Biancofiore: “Sono una devota di padre Pio. Mio nonno gli faceva le scarpe e lui ha battezzato tanti miei familiari”.

Nel corteo c’era anche il superiore dei frati cappuccini di Pietrelcina che ha confidato: “Una volta i fedeli venivano per lo più a chiedere grazie per malattie. Oggi vengono quasi tutti a chiedere la grazia del lavoro”. Vi aspettavate tanta partecipazione? “Noi forse sì – ha risposto un frate foggiano del Convento di San Giovanni Rotondo -, perché riceviamo in continuazione i fedeli che vengono a omaggiare il santo. Quello che viene da pensare è che forse è Roma che non si aspettava tanta devozione. E’ stata una sorpresa per la città”.

Alle 18.00 le teche sono arrivate sul sagrato di San Pietro. Le ha accolte l’arciprete, il cardinale Angelo Comastri, che ha indicato San Pio e San Leopoldo come “grandi confessori”. “Hanno lasciato passare un fiume di misericordia – ha osservato – prestando anche 16 o più ore al giorno nel confessionale. E’ impressionante quante persone hanno ritrovato la fede in questo modo”. Le teche sono entrate quindi in basilica dove i fedeli potranno rendere omaggio ai due santi. E si annuncia già molto affollata l’udienza speciale che papa Francesco terrà per l’occasione con i Gruppi di preghiera di Padre Pio.

Curioso che le spoglie del frate di Pietrelcina entrino in basilica da santo dove giacciono anche quelle di Giovanni XXIII, suo oppositore, e Giovanni Paolo II, che invece lo canonizzò, proclamati entrambi santi da Francesco nell’aprile 2014.

(di Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

19:11M5S: in programma governo manca il referendum sull’ euro

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - Manca il referendum sull'euro tra i 20 punti del programma di governo M5S. Luigi Di Maio, parlando del punto sull'Europa precisa invece che il M5S "non vuole rompere con l'Ue" ma, sul deficit, "vuole andare ai tavoli europei per chiedere ciò che altri Paesi hanno avuto" e poter fare "investimenti in deficit in settori ad alto moltiplicatore". "Ridurremo di 40 punti il rapporto tra debito pubblico e Pil", sottolinea Di Maio.

19:05Calcio: vento forte a Cagliari, ma gara col Milan si gioca

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Fortissime raffiche di maestrale a Cagliari, ma la partita tra rossoblù e Milan si gioca lo stesso. Il primo ok è arrivato dopo il sopralluogo della questura per verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza per il pubblico della Sardegna Arena. Pochi minuti fa è arrivato anche il benestare tecnico della terna arbitrale. Anche perché il vento, che stamattina ha spazzato la città buttando giù anche diversi alberi, sta diminuendo di intensità.

19:05Di Maio, intercettazioni informatiche contro corruzione

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Riformiamo la prescrizione, con la sospensione dal primo grado di giudizio o dal rinvio a giudizio. Istituiamo il Daspo per corrotti: se sei corrotto non devi più avere a che fare con la Pubblica Amministrazione" e il M5S vuole inserire "agenti sotto copertura per i reati di corruzione e le intercettazioni informatiche con i virus trojan nei Pc e negli smartphone sempre per i reati di corruzione". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio parlando del programma di governo del movimento a Pescara.

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

18:56Calcio: serie B, Brescia Avellino 2-3

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Gran colpo dell'Avellino che nel posticipo della 22/a giornata di serie B espugna il campo di Brescia al termine di una gara con cinque gol e continui cambi di scenario: finisce 3-2 per la squadra di Novellino. L'Avellino passa in vantaggio al 16': cross da sinistra di Bidaoui sul secondo palo dove è appostato Molina che non sbaglia. Il Brescia ribalta però la partita in un minuto: tra il 27' e il 28' ecco la doppietta di Torregrossa con il primo gol di testa, il secondo di destro potente. Non è tutto perchè nella ripresa c'è un altro colpo di scena: l'Avellino prima fa il 2-2 (all'8') con Castaldo e poi trova il vantaggio al 15' con Bidaoui. In entrambe le circostanze, pasticci della difesa di casa. L'Avellino sale a quota 28 punti, il Brescia resta a 23.

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

Archivio Ultima ora