Esplode a Roma la devozione per San Pio

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter's Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.  ANSA/GIORGIO ONORATI

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter’s Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.
ANSA/GIORGIO ONORATI

ROMA. – Sono almeno 20 mila, divenuti poi 25 mila all’arrivo delle spoglie in piazza San Pietro, i fedeli e i pellegrini, che hanno preso parte alla processione che ha condotto le urne di San Pio e San Leopoldo Mandic, scelti dal Papa come testimoni speciali del Giubileo della Misericordia, dalla Chiesa di San Salvatore in Lauro nel centro di Roma alla basilica vaticana. Un fiume di devoti venuti da tutte le parti d’Italia e anche dall’estero (un frate cappuccino assicura che un gruppo è venuto apposta dall’Australia) cui si sono mescolati via via, nel percorso tracciato lungo le vie strette del centro prima dell’ingresso in via della Conciliazione, anche turisti e semplici cittadini.

E così, tra non pochi disagi per il traffico (per alcune ore nell’area è andato in tilt), e tra la meraviglia di tanti turisti, è esplosa, nel cuore di Roma, la devozione popolare, soprattutto nei confronti del santo di Pietrelcina. Scatti continui di foto con i telefonini, preghiere e canti hanno accompagnato per tutto il tempo il corteo partito alla 16.00 dalla chiesa di San Salvatore in Lauro e arrivato in circa due ore, procedendo per un chilometro e mezzo scortato dalle forze dell’ordine, in piazza San Pietro.

Fortissima l’attrazione che la reliquia di San Pio ha esercitato sulla folla. Già non appena la salma, trasportata in spalla dai frati cappuccini del convento di San Giovanni Rotondo, ha fatto la sua comparsa in piazza, una pioggia di flash ha immortalato il corpo del santo custodito in una teca speciale che per la prima volta ha lasciato il Gargano.

“Evviva padre Pio”, rimbombava in piazza mentre tanti romani incuriositi si sono affacciati alle finestre per seguire l’evento. Qualcuno tra i negozianti si è lamentato, decidendo di chiudere prima vista la folla e il transennamento delle vie lungo le quali si è snodata la processione. Ma si sono sentiti anche tanti apprezzamenti con romani che ricordavano di non aver mai visto un evento del genere nel centro della città, che pure è la sede mondiale della cristianità.

Lungo tutto il percorso, poi, tanti hanno allungato di continuo verso i frati rosari, fazzoletti, sciarpe perché li accostassero all’urna in atto di devozione. Il momento di maggiore disagio per il traffico si è avuto intorno alle 17.00 quando il corteo ha attraversato Ponte Sant’Angelo mettendosi in direzione della basilica. Tutta l’area ne ha risentito con rallentamenti e code soprattutto sul lungotevere dei Sangallo, nel tratto compreso da Ponte Mazzini fino a Ponte Vittorio.

A guidare il corteo mons. Rino Fisichella, presidente del pontificio consiglio della Nuova evangelizzazione e ‘regista’ del Giubileo, mentre anche il sindaco di San Giovanni Rotondo ha guidato, dietro al gonfalone, una rappresentanza della cittadina pugliese. In fila anche la parlamentare di Forza Italia Michaela Biancofiore: “Sono una devota di padre Pio. Mio nonno gli faceva le scarpe e lui ha battezzato tanti miei familiari”.

Nel corteo c’era anche il superiore dei frati cappuccini di Pietrelcina che ha confidato: “Una volta i fedeli venivano per lo più a chiedere grazie per malattie. Oggi vengono quasi tutti a chiedere la grazia del lavoro”. Vi aspettavate tanta partecipazione? “Noi forse sì – ha risposto un frate foggiano del Convento di San Giovanni Rotondo -, perché riceviamo in continuazione i fedeli che vengono a omaggiare il santo. Quello che viene da pensare è che forse è Roma che non si aspettava tanta devozione. E’ stata una sorpresa per la città”.

Alle 18.00 le teche sono arrivate sul sagrato di San Pietro. Le ha accolte l’arciprete, il cardinale Angelo Comastri, che ha indicato San Pio e San Leopoldo come “grandi confessori”. “Hanno lasciato passare un fiume di misericordia – ha osservato – prestando anche 16 o più ore al giorno nel confessionale. E’ impressionante quante persone hanno ritrovato la fede in questo modo”. Le teche sono entrate quindi in basilica dove i fedeli potranno rendere omaggio ai due santi. E si annuncia già molto affollata l’udienza speciale che papa Francesco terrà per l’occasione con i Gruppi di preghiera di Padre Pio.

Curioso che le spoglie del frate di Pietrelcina entrino in basilica da santo dove giacciono anche quelle di Giovanni XXIII, suo oppositore, e Giovanni Paolo II, che invece lo canonizzò, proclamati entrambi santi da Francesco nell’aprile 2014.

(di Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

15:24Immigrazione: tredici vittime a Trapani, anche due incinte

(ANSA) - TRAPANI, 28 LUG - C'erano anche 13 cadaveri (tra cui 8 donne, due delle quali in stato di gravidanza) a bordo della nave Vos Hestia di Save the Children, approdata stamani al porto di Trapani. Tra i migranti, alcuni dei quali ustionati, 240 persone, compresi sei bambini al di sotto dei 5 anni, rimasti orfani. La maggior parte dei migranti sbarcati a Trapani è stata soccorsa martedì scorso al largo della Libia dalla nave della ong Proctavia Open Arms.

15:16Calcio: Conte, io all’Inter? ‘Non devo fare chiarezza’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - ''Non credo ci sia da far chiarezza su questo argomento. C'erano altri due anni di contratto con il Chelsea, pertanto ho deciso di continuare perché era giusto così''. Così alla vigilia della partita amichevole contro l'Inter, Antonio Conte, affronta l'argomento del suo possibile passaggio in nerazzurro prima dell'avvento di Spalletti. ''Ho un lavoro da portare a termine con questa società. Penso che non sia importante parlarne adesso. La cosa che conta è la mia felicità di essere al Chelsea, tanto da aver rinnovato il contratto''. Sul match contro l'Inter alla 'Singapore American School', Conte conferma che farà giocatore sia l'ex Juve Morata che l'ex Roma Ruediger: ''troveranno sicuramente spazio. il tedesco giocherà una parte di gara, è arrivato da poco. Devo ancora decidere se dall'inizio o a gara in corso''.

15:14Rifiutò di celebrare unione civile,sindaco antigay aggredito

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - L'ex sindaco di Favria Serafino Ferrino, che lo scorso anno era balzato alle cronache nazionali per essersi rifiutato di celebrare l'unione civile tra due uomini, è stato aggredito da uno sconosciuto nei pressi della sua abitazione. L'aggressore ha finto un guasto all'auto, poi ha ripetutamente colpito l'ex primo cittadino, che è stato medicato al pronto soccorso di Cuorgnè. Sull'episodio indagano i carabinieri di Rivarolo Canavese. Ferrino, a lungo sindaco di Favria, appartiene al movimento delle Sentinelle in piedi.(ANSA).

15:09Terremoto: consegnate 400 casette, lavori in altre 92 aree

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sono 396 le casette consegnate nelle zone del centro Italia colpiti dai terremoti dello scorso anno. Il dato aggiornato è stato fornito dal Dipartimento della Protezione Civile secondo il quale sono complessivamente 3.805 le Soluzioni abitative d'emergenza ordinate dai 51 comuni del cratere che ne hanno fatto richiesta. Al momento dunque sono stati completati i lavori in 25 aree - 3 a Norcia, 5 ad Accumoli, 15 ad Amatrice, una ad Arquata e una a Calcara di Torricella - mentre altre 177 aree ritenute idonee sono state consegnate ai consorzi incaricati della progettazione delle opere di urbanizzazione per la successiva installazione delle Sae e in 92 di queste sono in corso i lavori. In particolare, sono le Marche ad aver ordinato la metà del numero complessivo di casette: la Regione ne ha richieste 1.899 per 29 comuni. L'Abruzzo, invece, ha ordinato fino ad oggi 218 casette, da installare in 13 comuni, il Lazio 755 per i sei comuni più colpiti, l'Umbria 933 per 3 comuni che ne hanno fatto richiesta. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile è possibile consultare la mappa sullo stato di avanzamento dei lavori per l'installazione delle Sae. (ANSA).

14:59Calcio: Fiorentina test a Lisbona, con Kalinic

(ANSA) - FIRENZE, 28 LUG - C'è Nikola Kalinic ma non Matias Vecino tra i convocati per l'amichevole che la Fiorentina affronterà domani a Lisbona contro lo Sporting nel ricordo del tifoso viola Marco Ficini scomparso in aprile. L'attaccante croato, da tempo al centro di voci di mercato, al momento resta quindi aggregato agli ordini di Pioli, al contrario del centrocampista uruguaiano per il quale l'Inter sarebbe pronta a pagare la clausola di 24 milioni. Nel gruppo partito per il Portogallo c'è anche Mati Fernandez rientrato dal prestito al Milan e accostato al Valencia, ma non gli infortunati Saponara, reduce dall'intervento alla caviglia di qualche mese fa, e Badelj. Quest'ultimo, sottoposto oggi ad accertamenti, è alle prese con una lieve lesione al polpaccio sinistro e ha già iniziato la riabilitazione. Intanto la società viola ha ufficializzato un'altra amichevole: il 10 agosto alle 20,30 affronterà la Pistoiese al 'Melani' di Pistoia.

14:46Vaccini: Renzi, follia pura aggressione a deputati Pd

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Tre deputati del Pd sono stati assaliti da manifestanti No-Vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo". Così Matteo Renzi, su twitter, denuncia l'aggressione ai tre deputati dem all'uscita dalla Camera dopo il via libera al decreto vaccini.

14:37Siccità: Marche chiedono attivazione Fondo solidarietà

(ANSA) - ANCONA, 28 LUG - La Regione Marche ha chiesto al ministero delle Politiche Agricole l'attivazione del Fondo di solidarietà nazionale per far fronte ai danni causati dalla siccità. "Chiediamo gli aiuti compensativi a favore delle imprese agricole per il perdurare di una situazione di carenza idrica che si protrae da parecchi mesi - spiega la vice presidente e assessore all'Agricoltura Anna Casini -. I danni registrati e che si stanno prospettando creano notevoli difficoltà alla ripresa produttiva dei singoli settori che, se non adeguatamente compensati, potrebbe costringere molti imprenditori a ridurre o abbandonare le coltivazioni". Casini evidenzia anche che "l'evento siccità si aggiunge alle forti criticità determinate dalla crisi sismica iniziata il 24 agosto 2016, dalle eccezionali nevicate del gennaio 2017 e dalle gelate di aprile. Quasi una tempesta perfetta che sta mettendo in ginocchio il settore primario marchigiano". L'Osservatorio permanente sugli usi idrici, istituito presso l'Autorità di distretto idrografico dell'Appennino centrale, ha certificato - per Lazio, Umbria e Marche - una condizione di severità idrica alta. Secondo le rilevazioni condotte dalla Giunta regionale, nelle Marche si conferma un quadro di "estrema preoccupazione per le imprese agricole, con rilevanti percentuali di perdite rispetto alla media triennale". Si stima che il girasole subirà una perdita di produzione del 35-40%. Il mais una perdita di reddito del 30% a seguito dei maggiori costi di irrigazione. Le ortive da pieno campo potranno registrare una perdita di reddito del 30%, mentre le foraggere una diminuzione di produzione tra il 35 e il 45%. Ugualmente negative le prospettive per il settore delle vacche da latte, con una contrazione del reddito di circa il 30%, per la viticoltura (calo della produzione tra il 30 e il 40%) e l'olivicoltura (meno 40-50%). Difficoltà si hanno, poi, in montagna per l'abbeveraggio degli animali al pascolo: i terremoti del 2016 e 2017 hanno spostato l'assetto delle falde, con conseguenti ripercussioni sugli approvvigionamenti idrici zootecnici. (ANSA).

Archivio Ultima ora