Esplode a Roma la devozione per San Pio

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter's Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.  ANSA/GIORGIO ONORATI

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter’s Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.
ANSA/GIORGIO ONORATI

ROMA. – Sono almeno 20 mila, divenuti poi 25 mila all’arrivo delle spoglie in piazza San Pietro, i fedeli e i pellegrini, che hanno preso parte alla processione che ha condotto le urne di San Pio e San Leopoldo Mandic, scelti dal Papa come testimoni speciali del Giubileo della Misericordia, dalla Chiesa di San Salvatore in Lauro nel centro di Roma alla basilica vaticana. Un fiume di devoti venuti da tutte le parti d’Italia e anche dall’estero (un frate cappuccino assicura che un gruppo è venuto apposta dall’Australia) cui si sono mescolati via via, nel percorso tracciato lungo le vie strette del centro prima dell’ingresso in via della Conciliazione, anche turisti e semplici cittadini.

E così, tra non pochi disagi per il traffico (per alcune ore nell’area è andato in tilt), e tra la meraviglia di tanti turisti, è esplosa, nel cuore di Roma, la devozione popolare, soprattutto nei confronti del santo di Pietrelcina. Scatti continui di foto con i telefonini, preghiere e canti hanno accompagnato per tutto il tempo il corteo partito alla 16.00 dalla chiesa di San Salvatore in Lauro e arrivato in circa due ore, procedendo per un chilometro e mezzo scortato dalle forze dell’ordine, in piazza San Pietro.

Fortissima l’attrazione che la reliquia di San Pio ha esercitato sulla folla. Già non appena la salma, trasportata in spalla dai frati cappuccini del convento di San Giovanni Rotondo, ha fatto la sua comparsa in piazza, una pioggia di flash ha immortalato il corpo del santo custodito in una teca speciale che per la prima volta ha lasciato il Gargano.

“Evviva padre Pio”, rimbombava in piazza mentre tanti romani incuriositi si sono affacciati alle finestre per seguire l’evento. Qualcuno tra i negozianti si è lamentato, decidendo di chiudere prima vista la folla e il transennamento delle vie lungo le quali si è snodata la processione. Ma si sono sentiti anche tanti apprezzamenti con romani che ricordavano di non aver mai visto un evento del genere nel centro della città, che pure è la sede mondiale della cristianità.

Lungo tutto il percorso, poi, tanti hanno allungato di continuo verso i frati rosari, fazzoletti, sciarpe perché li accostassero all’urna in atto di devozione. Il momento di maggiore disagio per il traffico si è avuto intorno alle 17.00 quando il corteo ha attraversato Ponte Sant’Angelo mettendosi in direzione della basilica. Tutta l’area ne ha risentito con rallentamenti e code soprattutto sul lungotevere dei Sangallo, nel tratto compreso da Ponte Mazzini fino a Ponte Vittorio.

A guidare il corteo mons. Rino Fisichella, presidente del pontificio consiglio della Nuova evangelizzazione e ‘regista’ del Giubileo, mentre anche il sindaco di San Giovanni Rotondo ha guidato, dietro al gonfalone, una rappresentanza della cittadina pugliese. In fila anche la parlamentare di Forza Italia Michaela Biancofiore: “Sono una devota di padre Pio. Mio nonno gli faceva le scarpe e lui ha battezzato tanti miei familiari”.

Nel corteo c’era anche il superiore dei frati cappuccini di Pietrelcina che ha confidato: “Una volta i fedeli venivano per lo più a chiedere grazie per malattie. Oggi vengono quasi tutti a chiedere la grazia del lavoro”. Vi aspettavate tanta partecipazione? “Noi forse sì – ha risposto un frate foggiano del Convento di San Giovanni Rotondo -, perché riceviamo in continuazione i fedeli che vengono a omaggiare il santo. Quello che viene da pensare è che forse è Roma che non si aspettava tanta devozione. E’ stata una sorpresa per la città”.

Alle 18.00 le teche sono arrivate sul sagrato di San Pietro. Le ha accolte l’arciprete, il cardinale Angelo Comastri, che ha indicato San Pio e San Leopoldo come “grandi confessori”. “Hanno lasciato passare un fiume di misericordia – ha osservato – prestando anche 16 o più ore al giorno nel confessionale. E’ impressionante quante persone hanno ritrovato la fede in questo modo”. Le teche sono entrate quindi in basilica dove i fedeli potranno rendere omaggio ai due santi. E si annuncia già molto affollata l’udienza speciale che papa Francesco terrà per l’occasione con i Gruppi di preghiera di Padre Pio.

Curioso che le spoglie del frate di Pietrelcina entrino in basilica da santo dove giacciono anche quelle di Giovanni XXIII, suo oppositore, e Giovanni Paolo II, che invece lo canonizzò, proclamati entrambi santi da Francesco nell’aprile 2014.

(di Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

17:44Calcio: Samp, Giampaolo “andar oltre nostre caratteristiche”

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "Se vogliamo migliorare dobbiamo fare anche cose che non rientrano nelle nostre caratteristiche principali" con l'obiettivo di voltare pagina dopo il ko in Coppa Italia a Roma. Così Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, alla vigilia della gara con l'Atalanta lancia un messaggio alla sua squadra con, un invito a dare tutti di più: "Con la squadra sono sempre sincero: sottolineo le cose positive fatte e quelle che invece vanno migliorate". "L'Atalanta? E' la classica squadra di Gasperini, con valori tecnici migliori e che palleggia bene", continua Giampaolo che recupera Silvestre in difesa dopo il turno di squalifica, mentre a centrocampo toccherà a Praet al posto dell'acciaccato Barreto mentre Bruno Fernandes giocherà sulle trequarti in appoggio alla coppia offensiva formata da Quagliarella e Muriel.

17:42Scaraventa la convivente giù dal balcone, arrestato dai Cc

(ANSA) - RAVENNA, 21 GEN - Al culmine di un litigio per futili motivi, ha scaraventato dal balcone la convivente. E' accaduto ieri sera in un appartamento di Bagnacavallo, nel Ravennate, dove i carabinieri - avvisati dai vicini - hanno arrestato un 37enne nigeriano per tentato omicidio aggravato e lesioni. La donna, una connazionale 36enne caduta al suolo dal primo piano, è in ospedale con sospette fratture ma non è in pericolo di vita. L'uomo, come disposto dal Pm di turno Cristina D'Aniello, e' stato portato in cella. (ANSA).

17:41Coniugi uccisi: funerali, ‘cose che non possiamo capire’

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Oggi siamo qui in questa Chiesa perché il nostro pianto e i sentimenti che albergano nei nostri cuori, le cose che capiamo e quelle che non abbiamo ancora capito, le cose che premono nello stomaco, nel cuore e nella testa, vengano rimesse a qualcosa più grande di noi". Così don Stefano Lavelli durante i funerali di Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni, i coniugi uccisi nella loro abitazione di Pontelangorino di Codigoro (Ferrara), celebrati a Torino nella chiesa di Santa Giulia. E' stata una cerimonia ristretta e discreta. Un centinaio di persone hanno accompagnato le due bare: sopra, un copricassa con tre rose rosse. Per il duplice delitto sono stati arrestati un figlio della coppia, minorenne, con un suo amico ora recluso a Bologna. Il figlio più grande di Nunzia e Salvatore, Alessandro, ha nascosto il dolore dietro un paio di occhiali scuri.(ANSA).

17:39Gerry Adams, con Brexit salteranno accordi pace Ulster

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Brexit e l'uscita dell'Irlanda del Nord dall'Unione europea "distruggeranno" l'accordo di pace del Venerdì Santo, che nel 1998 mise fine al conflitto nell'Ulster: Lo ha detto oggi a Dublino lo storico leader dei cattolici nordirlandesi Gerry Adams, presidente dello Sinn Fein. Intervenendo a Dublino a una conferenza sull'Irlanda unita, Adams non ha però spiegato quali sarebbero esattamente le conseguenze sull'accordo del venerdì santo. Secondo il presidente dello Sinn Fein, l'Irlanda del Nord dovrebbe comunque ottenere uno statuto speciale in seno ai 27 dopo la Brexit, senza che ciò abbia conseguenze sull'accordo costituzionale che offre all'Ulster lo statuto di componente del Regno Unito. Per Adams, "l'intenzione del governo britannico di portare il Nord fuori dall'Ue, nonostante la volontà del popolo di rimanerci, è un'azione ostile".

17:39Calcio: Genoa, Juric: “Crisi? Non mi sento in bilico’

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "E' un periodo duro ma sono convinto che con un po' di fortuna e forza mentale la squadra tornerà a fare il suo gioco, non ho dubbi. I nuovi devono assimilare i miei concetti. Io in bilico? Non riesco a pensare di essere in bilico, a me stesso non penso ma solo alla squadra e a cercare di vincere le partite". Dopo cinque sconfitte consecutive, Coppa Italia compresa, Ivan Juric allontana da se' la crisi e non ha dubbi sui mali del Genoa. Partenze e arrivi dal calciomercato e infortuni e indisponibilità hanno stravolto l'identità del Genoa. "Dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo. Dobbiamo ritrovare la nostra identità. Quando perdi quei 4/5 giocatori, nello spogliatoio c'è bisogno di tempo per ripartire, senza contare che i nuovi devono ancora inserirsi al meglio. Bisogna lavorare come in ritiro ma giocando ogni tre giorni è più difficile". Fondamentale la gara con il Crotone con Simeone in dubbio (é stato influenzato) e Pinilla candidato a sostituirlo.

17:37Calcio: Allegri, “Lazio di qualità, ottimo lavoro Inzaghi”

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Devo fare i complimenti ad Inzaghi, ha fatto un ottimo lavoro: la Lazio ha grande qualità e un'ottima organizzazione". Massimiliano Allegri elogia così gli avversari di domani. "Sarà una partita difficile come le altre - ha aggiunto - dobbiamo farci trovare pronti per questa sfida equilibrata e portare a casa i tre punti". Per farlo i bianconeri dovranno fare a meno di Marchisio, fermato da "un risentimento muscolare", con Hernanes che "potrebbe giocare davanti alla difesa". Dubbi sulla posizione di Pjanic, che potrebbe giocare "nei tre di centrocampo o nei tre davanti, dietro alle punte", anche se la sorpresa potrebbe essere rappresentata dal tridente Dybala-Higuain-Mandzukic, con la possibilità "che ci sia Cuadrado ed esca uno di questi".

17:32Calcio: Allegri, a Firenze sofferto marcatura quarto uomo…

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "A Firenze ho sofferto la marcatura del quarto uomo, ma non ho mai commentato o detto una parola sugli arbitri, che fanno un mestiere difficile. Domenica mi marcava vicino all'area e non riuscivo a districarmi...". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, sul battibecco con il quarto uomo nella partita contro la Fiorentina.

Archivio Ultima ora