Esplode a Roma la devozione per San Pio

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter's Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.  ANSA/GIORGIO ONORATI

The remains of Saint Pio, better known as Padre Pio, are carried to Saint Peter’s Basilica at the Vatican City, Rome, Italy, 05 february 2016.
ANSA/GIORGIO ONORATI

ROMA. – Sono almeno 20 mila, divenuti poi 25 mila all’arrivo delle spoglie in piazza San Pietro, i fedeli e i pellegrini, che hanno preso parte alla processione che ha condotto le urne di San Pio e San Leopoldo Mandic, scelti dal Papa come testimoni speciali del Giubileo della Misericordia, dalla Chiesa di San Salvatore in Lauro nel centro di Roma alla basilica vaticana. Un fiume di devoti venuti da tutte le parti d’Italia e anche dall’estero (un frate cappuccino assicura che un gruppo è venuto apposta dall’Australia) cui si sono mescolati via via, nel percorso tracciato lungo le vie strette del centro prima dell’ingresso in via della Conciliazione, anche turisti e semplici cittadini.

E così, tra non pochi disagi per il traffico (per alcune ore nell’area è andato in tilt), e tra la meraviglia di tanti turisti, è esplosa, nel cuore di Roma, la devozione popolare, soprattutto nei confronti del santo di Pietrelcina. Scatti continui di foto con i telefonini, preghiere e canti hanno accompagnato per tutto il tempo il corteo partito alla 16.00 dalla chiesa di San Salvatore in Lauro e arrivato in circa due ore, procedendo per un chilometro e mezzo scortato dalle forze dell’ordine, in piazza San Pietro.

Fortissima l’attrazione che la reliquia di San Pio ha esercitato sulla folla. Già non appena la salma, trasportata in spalla dai frati cappuccini del convento di San Giovanni Rotondo, ha fatto la sua comparsa in piazza, una pioggia di flash ha immortalato il corpo del santo custodito in una teca speciale che per la prima volta ha lasciato il Gargano.

“Evviva padre Pio”, rimbombava in piazza mentre tanti romani incuriositi si sono affacciati alle finestre per seguire l’evento. Qualcuno tra i negozianti si è lamentato, decidendo di chiudere prima vista la folla e il transennamento delle vie lungo le quali si è snodata la processione. Ma si sono sentiti anche tanti apprezzamenti con romani che ricordavano di non aver mai visto un evento del genere nel centro della città, che pure è la sede mondiale della cristianità.

Lungo tutto il percorso, poi, tanti hanno allungato di continuo verso i frati rosari, fazzoletti, sciarpe perché li accostassero all’urna in atto di devozione. Il momento di maggiore disagio per il traffico si è avuto intorno alle 17.00 quando il corteo ha attraversato Ponte Sant’Angelo mettendosi in direzione della basilica. Tutta l’area ne ha risentito con rallentamenti e code soprattutto sul lungotevere dei Sangallo, nel tratto compreso da Ponte Mazzini fino a Ponte Vittorio.

A guidare il corteo mons. Rino Fisichella, presidente del pontificio consiglio della Nuova evangelizzazione e ‘regista’ del Giubileo, mentre anche il sindaco di San Giovanni Rotondo ha guidato, dietro al gonfalone, una rappresentanza della cittadina pugliese. In fila anche la parlamentare di Forza Italia Michaela Biancofiore: “Sono una devota di padre Pio. Mio nonno gli faceva le scarpe e lui ha battezzato tanti miei familiari”.

Nel corteo c’era anche il superiore dei frati cappuccini di Pietrelcina che ha confidato: “Una volta i fedeli venivano per lo più a chiedere grazie per malattie. Oggi vengono quasi tutti a chiedere la grazia del lavoro”. Vi aspettavate tanta partecipazione? “Noi forse sì – ha risposto un frate foggiano del Convento di San Giovanni Rotondo -, perché riceviamo in continuazione i fedeli che vengono a omaggiare il santo. Quello che viene da pensare è che forse è Roma che non si aspettava tanta devozione. E’ stata una sorpresa per la città”.

Alle 18.00 le teche sono arrivate sul sagrato di San Pietro. Le ha accolte l’arciprete, il cardinale Angelo Comastri, che ha indicato San Pio e San Leopoldo come “grandi confessori”. “Hanno lasciato passare un fiume di misericordia – ha osservato – prestando anche 16 o più ore al giorno nel confessionale. E’ impressionante quante persone hanno ritrovato la fede in questo modo”. Le teche sono entrate quindi in basilica dove i fedeli potranno rendere omaggio ai due santi. E si annuncia già molto affollata l’udienza speciale che papa Francesco terrà per l’occasione con i Gruppi di preghiera di Padre Pio.

Curioso che le spoglie del frate di Pietrelcina entrino in basilica da santo dove giacciono anche quelle di Giovanni XXIII, suo oppositore, e Giovanni Paolo II, che invece lo canonizzò, proclamati entrambi santi da Francesco nell’aprile 2014.

(di Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

19:27Calcio: Tavecchio, insegneremo Var agli arbitri stranieri

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Un centro di formazione a Coverciano per addestrare gli arbitri stranieri all'uso della Var. E' l'idea lanciata oggi dal presidente della Figc, Carlo Tavecchio, in occasione del Consiglio federale. "E' un'idea che mi è venuta in questi giorni - le sue parole - siccome all'estero stiamo facendo bella figura per quanto riguarda la Var. Ne ho parlato già al presidente della Fifa Infantino, e si è dimostrato disponibile. Sarebbe poi superfluo spiegare tutti gli sviluppi che possono nascere da questa idea, soprattutto per quanto riguarda l'immagine dell'Italia".

19:24Mondiali: Rohden svedese d’Italia, ‘possiamo farcela’

(ANSA) - CROTONE, 17 OTT - "Abbiamo l'opportunità di andare al mondiale. Contro l'Italia sarà un grande match, un match difficile". Lo dice Marcus Rohden, nazionale svedese che milita nel Crotone, commentando il sorteggio che vedrà la Svezia opposta alla nazionale azzurra nei playoff per la qualificazione al Mondiale di Russia. Rohden, che nel campionato italiano ha già segnato due gol in questa stagione in vista dell'incontro con gli azzurri appare realista. "Siamo consapevoli - dice - che quella contro l'Italia sarà una partita molto difficile per noi, ma al tempo stesso molto interessante. Noi abbiamo la possibilità di andare in Russia, il Mondiale è quello che abbiamo sempre cercato e speriamo di poter fare un buon risultato e di riuscire a conquistarlo". Il nazionale svedese é ottimista anche per la convocazione. "Penso che solo facendo bene con il Crotone potrò sperare nella convocazione del Ct per poter giocare gli spareggi per il Mondiale contro l'Italia".

19:10Trump a Tsipras, ‘grande lavoro, vi riprenderete’

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - La Grecia "sta facendo un grande lavoro per riprendersi. Si riprenderanno": lo ha detto Donald Trump ricevendo alla Casa Bianca il premier greco Alexis Tsipras, che ha sottolineato i 'valori comuni" tra gli Usa e il suo Paese. "Siamo grandi amici e alleati", ha aggiunto Trump, spiegando che nell'incontro sarà esplorata la reciproca cooperazione, anche sul fronte delle vendite degli F-16.

18:52Tennis: Atp Mosca, Lorenzi subito fuori

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Paolo Lorenzi esce al primo turno del torneo Atp di Mosca. Il senese, settima testa di serie, è stato sconfitto per 4-6 7-6(11-9) 6-4 dal serbo Laslo Djere. Lorenzi ha fallito un match-point sul 6-5 del tie-break del secondo set.

18:34Tentano di rapire bimbi: arrestata aveva nostalgia dei figli

(ANSA) - MONZA, 17 OTT - Aveva nostalgia dei figli che non vivono più con lei: è questa, a quanto si apprende, la motivazione data agli investigatori dalla 34enne keniota bloccata dai Carabinieri domenica scorsa dopo che aveva tentato di sequestrare tre bambini di 7, 10 e 11 anni al cineteatro dell'oratorio Don Bosco di Carugate in provincia di Milano. E' fissata per domani pomeriggio l'udienza di convalida dell'arresto per lei e per il trentottenne keniano che l'ha accompagnata, sapendo, secondo gli inquirenti, quali erano le sue intenzioni. Non suo fratello ma l'uomo con cui aveva da poco iniziato una relazione. Saranno sentiti contestualmente dagli inquirenti, ai quali potranno fornire la loro versione di quanto successo assistiti dall'avvocato Christian Cerniglia. I due, almeno secondo quanto rilevato durante il loro arresto, avrebbero agito sotto effetto dell' alcol.

18:33Uccisa in casa a Milano: 20 anni a omicida in abbreviato

(ANSA) - MILANO, 17 OTT - Non è stata riconosciuta l'aggravante della premeditazione ed è stato condannato a 20 anni con rito abbreviato Luca Raimondo Marcarelli, il 33enne che ha confessato di aver ucciso Tiziana Pavani, una ventina di anni in più di lui, nella sua casa alla periferia di Milano, il 12 gennaio scorso. Lo ha deciso il gup Sofia Fioretta che ha respinto la richiesta avanzata proprio oggi dalla difesa di un'integrazione alla perizia psichiatrica a cui è stato sottoposto l'uomo e che aveva stabilito che, al momento del fatto, era in grado di intendere e di volere. Il giudice ha anche disposto che l'uomo versi 180mila euro ai familiari della donna con cui aveva una relazione saltuaria. Proteste da parte dei familiari della vittima e una sua cugina ha detto che "è vergognoso non riconoscere la premeditazione quando qualche giorno prima del delitto ha anche guardato su internet le istruzioni per uccidere. Sfido che poi uccidono noi donne come niente, ci vorrebbero pene esemplari".

18:27Usa: artisti afro-americani per ritratti ufficiali Obama

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Barack e Michelle Obama hanno scelto due artisti afro-americani di avanguardia per i loro ritratti ufficiali. L'ex presidente ha affidato a Kehinde Wiley, un pittore celebre per creazioni monumentali che sovrappongono la cultura nera di strada a motivi classici dell'arte europea, per il quadro che lo immortalerà alla National Portrait Gallery di Washington. Michelle ha puntato invece su Amy Sherald, un'artista finora sostanzialmente sconosciuta: i curatori della Portrait Gallery non avevano idea di chi fosse quando l'ex coppia della Casa Bianca ha comunicato la decisione. Wiley, che ha 40 anni e ha studiato a Yale, con Obama potrebbe fare scintille. L'artista ha dipinto il rapper LL Cool J nello stile di John Singer Sargent, Ice T come il Napoleone a cavallo di Jean Luis David e giovani uomini afro-americani come santi di una vetrata in una cattedrale gotica. I ritratti saranno presentati al pubblico nel 2018 e pagati con fondi privati: mezzo milione di dollari di cui 300 mila già in cassa.

Archivio Ultima ora