Pastor Maldonado: l’italo-venezuelano vuole tornare in F1 nel 2017

Pubblicato il 06 febbraio 2016 da redazione

maldonado

CARACAS – Che la F1 abbia bisogno del petrolio è il segreto di pulcinella: nello sport motoristico per eccellenza fino all’altroieri si parlava sempre e solo di motore a scoppio (altrimenti parleremmo della Formula E), oggi di ibridi. Ma nessuno ne aveva tanto bisogno quando Pastor Maldonado, che negli ultimi cinque anni ha guidato prima la Williams e poi la Lotus, grazie soprattutto al sostegno dello sponsor PDVSA, la compagnia petrolifera statale del Venezuela.

Il pilota italo-venezuelano Pastor Maldonado Motta ha annunciato nel suo account di twitter che non sará presente sulla griglia di partenza in questa stagione. Da quel momento é iniziato il lavoro del suo manager, Nicolas Todt, che sta muovendo tutti i taselli di un puzzle difficile da coomporre, per riaprire le porte del grande circus al pilota nato 30 anni fa a Maracay.

“Non abbiamo rinunciato alla Formula Uno”, ha annunciato Nicolas Todt sul sito web motorsport.com dopo il cinguettio del pilota ‘maracayero’ aggiungendo: “Stiamo lavorando per trovare una via di ritorno nella massima serie, spero che sia giá dall’anno prossimo”.

Pastor Maldonado sará ricordato dai fans del grande circus per i suoi incidenti, ma sopratutto per la vittoria nel Gran Premio di Spagna del 2012 (in un campionato pazzo: 7 vincitori diversi nei primi 7 GP), Pastor ha conquistato la pole position grazie a una scorrettezza di Lewis Hamilton (un altro che non scherza al momento di sportellare un’avversario), portando a casa la posta il giorno dopo, al termine di un lungo duello con il ferrarista Alonso. Prima pole e prima vittoria per un pilota venezuelano in Formula Uno.

Ritornando al presente, il portavoce di Maldonado non ha voluto parlare su cosa fará nel frattempo il suo assistito: “E’ troppo presto per dire cosa faremo”.

Nicolas Todt ha anche dichiarato che la separazione di Pastor dalla Renault é stato un divorzio consensuale ed ha smentito le voci di alcuni media inglesi che parlavano di un debito da parte di Pdvsa nei confronti della scuderia francese. “Non voglio parlare dei dettagli del contratto. L’accordo con la Renault é finito in maniera amichevole. Si sono comportati in una maniera molto giusta”.

Il manager del pilota italo-venezuelano ha anche comunicato che il suo assistito avrebbe avuto una chance di continuare in F1 con la scuderia Manor, ma questa alternativa é stata scartata. “Non era realmente una opzione per noi. Dopo cinque anni trascorsi tra Williams e Lotus, con tutto il rispetto per la Manor, non sarebbe stata una opzione idonea per Pastor”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

20:23Pirati strada: investì e uccise ragazza, condannato a 6 anni

(ANSA) - VARESE, 28 MAR - Il gup di Varese ha condannato a 6 anni di carcere Flavio Jeanne, il pirata della strada 24enne, attualmente agli arresti domiciliari, che lo scorso 14 settembre travolse e uccise con la sua auto la studentessa di 17 anni Giada Molinaro a Varese. Il pm Massimo Politi aveva chiesto una condanna a 7 anni e 8 mesi di carcere, nel processo con rito abbreviato a carico del giovane, accusato di omicidio stradale aggravato dalla fuga. "Questa non è giustizia, ringraziamo comunque la Procura per il lavoro svolto" hanno commentato i genitori di Giada. Assistiti dall'avvocato Corrado Viazzo, i parenti nelle scorse settimane avevano anche rifiutato un risarcimento offerto dalla compagnia assicurativa. Si aspettavano "la condanna a una pena più alta" per il pirata della strada, che ha ottenuto lo sconto di un terzo della pena previsto dal rito abbreviato.

20:22Uccide ex fidanzata incinta: autopsia, vittima strangolata

(ANSA) - TREVISO, 28 MAR - Irina Bacal, la giovane moldava incinta di sei mesi, trovata morta nel vittoriese e del cui omicidio è accusato l'ex fidanzato, Mihail Savciuc, 19 anni, anch'egli moldavo, è stata strangolata. Questo quanto sarebbe emerso dall'esame autoptico svolto all'ospedale Ca' Foncello, a Treviso, dal dott. Alberto Furlanetto, dell'istituto di anatomia patologica. Nel corso dell'esame è stata confermata la gravidanza della 20enne che portava in grembo un feto di sei mesi di sesso maschile. L'anatomopatologo, incaricato dal Pm della Procura di Treviso Mara De Donà, è stato affiancato dal dott. Giulio Lorenzini, medico legale di Pordenone, come consulente di parte dell'omicida reo confesso, e dalla dott.ssa Alessandra Rossi, medico legale di Padova, come consulente di parte della famiglia della vittima. Come ha riferito l'avvocato di parte civile Andrea Piccoli, il medico legale si è invece riservato sulla ricostruzione della dinamica del delitto. Per il deposito della perizia completa ci vorrà almeno un mese.

20:15Casa Bianca, nessuna collusione con la Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 MAR - "la risposta è 'no': non c'è alcuna collusione con la Russia": lo ha ribadito il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer rispondendo alle numerose domande sulle inchieste in corso sui contatti tra i collaboratori di Trump e il governo di Mosca. Spicer ha ironizzato che se il presidente mangia un'insalata russa, anche quella diventa una "russian connection". A un certo punto, ha aggiunto, "dovete accettare la realtà dei fatti".

20:10Maternità surrogata in Ucraina, coppia assolta a Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - Assoluzione perché il fatto non costituisce reato. Si è concluso così in tribunale a Bologna un processo su un caso di maternità surrogata in Ucraina da parte di una coppia italiana, residente in un paese della provincia del capoluogo emiliano. Gli imputati erano due coniugi, lui 57 anni, lei 44, dal 2012 genitori di un bambino nato a Kiev, dove la pratica è consentita. La madre naturale è una donna ucraina con cui a febbraio 2010 sottoscrissero un contratto per poter impiantare nel suo utero, dietro pagamento di un corrispettivo, un ovocita fecondato con il seme dell'italiano. L'inchiesta era partita per una segnalazione dell'ambasciata italiana a Kiev al Comune dove il bambino é registrato, che ha avvisato la Procura. Alla coppia, difesa dall'avvocato Giorgio Muccio, era contestata la violazione dell'articolo della 'legge 40' che sanziona chi organizza o pubblicizza la surrogazione di maternità. Il Pm in udienza davanti al giudice Sandro Pecorella, aveva chiesto il minimo della pena. (ANSA).

20:10Ciclismo: Hinault “manca il coraggio per correre come me”

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - A Bernard Hinault il ciclismo di oggi non entusiasma. Lo fa capire a chiare lettere, a margine della sua introduzione nella Hall of Fame del Giro d'Italia, constatando che "manca il coraggio" per correre come faceva lui, ultimo grande fuoriclasse in grado di destreggiarsi con ugual fortuna tra i grandi giri e le classiche. "Le condizioni per correre sono le stesse, anzi migliori. Le bici sono più leggere, gli allenamenti migliori e i trasporti più comodi. Non manca solo il coraggio, ma c'è anche poca voglia di allenarsi con costanza e impegno per andare forte tutto l'anno. Solo Sagan e Contador - sottolinea il vincitore di cinque Tour e tre Giri - pensano allo spettacolo".

20:08Russia e Iran siglano a Mosca memorandum su gas e nucleare

(ANSA) - MOSCA, 28 MAR - Russia e Iran hanno siglato dei memorandum in campo energetico in occasione della visita a Mosca del presidente iraniano, Hassan Rohani. Secondo l'agenzia Interfax, i ministeri dell'Energia dei due Paesi hanno siglato, alla presenza di Vladimir Putin e Rohani, un memorandum di cooperazione nel campo dell'elettricità e un altro nel trasporto del materiale nucleare. Inoltre la Tass riferisce di un memorandum siglato dal gigante russo Gazprom e dall'iraniana Nioc per la cooperazione nel settore del gas. "Le società leader russe hanno raggiunto una serie di accordi importanti per lo sfruttamento dei grandi giacimenti di idrocarburi in Iran", ha detto Putin, sottolineando che "è in corso la preparazione dei documenti per costruire un secondo e un terzo reattore della centrale nucleare" di Bushehr, in Iran. Putin e Rohani hanno anche discusso dell'ampliamento della cooperazione nell'aeronautica civile e nell'industria metalmeccanica e di "possibili forniture" all'Iran di moderni aerei militari Ssj-100".

19:59Calcio: Messi squalificato, l’Argentina farà ricorso

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Federcalcio argentina presenterà ricorso contro la squalifica per 4 partite inflitta dalla Fifa a Lionel Messi, in seguito alle sue intemperanze verbali contro un guardalinee durante il match di qualificazioni mondiali contro il Cile, giovedì scorso. Lo ha confermato Jorge Miadosqui, dirigente della Federazione, a poche ore dalla gara dell'Albiceleste in Bolivia, sempre valevole per il girone sudamericano. E nella quale il posto del numero 10 sarà preso da Angel Correa. In seguito alla squalifica, la "Pulce" dovrebbe saltare la partita odierna e quelle successive contro Uruguay, Venezuela e Perù, oltre a pagare una multa di 10mila franchi svizzeri. Tornando disponibile solo per l'ultima gara contro l'Ecuador, ad ottobre.

Archivio Ultima ora