Pastor Maldonado: l’italo-venezuelano vuole tornare in F1 nel 2017

Pubblicato il 06 febbraio 2016 da redazione

maldonado

CARACAS – Che la F1 abbia bisogno del petrolio è il segreto di pulcinella: nello sport motoristico per eccellenza fino all’altroieri si parlava sempre e solo di motore a scoppio (altrimenti parleremmo della Formula E), oggi di ibridi. Ma nessuno ne aveva tanto bisogno quando Pastor Maldonado, che negli ultimi cinque anni ha guidato prima la Williams e poi la Lotus, grazie soprattutto al sostegno dello sponsor PDVSA, la compagnia petrolifera statale del Venezuela.

Il pilota italo-venezuelano Pastor Maldonado Motta ha annunciato nel suo account di twitter che non sará presente sulla griglia di partenza in questa stagione. Da quel momento é iniziato il lavoro del suo manager, Nicolas Todt, che sta muovendo tutti i taselli di un puzzle difficile da coomporre, per riaprire le porte del grande circus al pilota nato 30 anni fa a Maracay.

“Non abbiamo rinunciato alla Formula Uno”, ha annunciato Nicolas Todt sul sito web motorsport.com dopo il cinguettio del pilota ‘maracayero’ aggiungendo: “Stiamo lavorando per trovare una via di ritorno nella massima serie, spero che sia giá dall’anno prossimo”.

Pastor Maldonado sará ricordato dai fans del grande circus per i suoi incidenti, ma sopratutto per la vittoria nel Gran Premio di Spagna del 2012 (in un campionato pazzo: 7 vincitori diversi nei primi 7 GP), Pastor ha conquistato la pole position grazie a una scorrettezza di Lewis Hamilton (un altro che non scherza al momento di sportellare un’avversario), portando a casa la posta il giorno dopo, al termine di un lungo duello con il ferrarista Alonso. Prima pole e prima vittoria per un pilota venezuelano in Formula Uno.

Ritornando al presente, il portavoce di Maldonado non ha voluto parlare su cosa fará nel frattempo il suo assistito: “E’ troppo presto per dire cosa faremo”.

Nicolas Todt ha anche dichiarato che la separazione di Pastor dalla Renault é stato un divorzio consensuale ed ha smentito le voci di alcuni media inglesi che parlavano di un debito da parte di Pdvsa nei confronti della scuderia francese. “Non voglio parlare dei dettagli del contratto. L’accordo con la Renault é finito in maniera amichevole. Si sono comportati in una maniera molto giusta”.

Il manager del pilota italo-venezuelano ha anche comunicato che il suo assistito avrebbe avuto una chance di continuare in F1 con la scuderia Manor, ma questa alternativa é stata scartata. “Non era realmente una opzione per noi. Dopo cinque anni trascorsi tra Williams e Lotus, con tutto il rispetto per la Manor, non sarebbe stata una opzione idonea per Pastor”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

11:38Promoter uccisa: Ris al lavoro nella villa del reo confesso

(ANSA) - MILANO, 20 SET - I carabinieri del Ris di Parma sono al lavoro nella villetta di Vito Clericó, il 65enne che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Il cadavere decapitato era stato trovato sepolto il 12 settembre scorso nell'orto del 65enne, a Garbagnate Milanese (Milano). Era stato lo stesso Clericò a indicare agli investigatori dove scavare. Sul posto è presente anche l'avvocato dell'uomo, Daniela D'Emilio. Inquirenti e investigatori proseguono le indagini anche perché l'uomo ha cambiato più volte versione. Accertamenti e sopralluoghi andranno quindi avanti sia nella sua villa di Garbagnate sia nell' abitazione di Marilena Re, a Castellanza. "Ha reso una nuova versione dei fatti, ancora diversa rispetto a quelle precedenti. Ora dobbiamo attendere l'esito degli accertamenti dei Ris". È il commento dell'avvocato Daniela D'Emilio, a margine del sopralluogo dei carabinieri a casa di Vito Clericó (che lei difende).

11:3315enne ferita al volto con colpo pistola, uomo in fuga

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Una ragazzina di 15 anni è stata ferita al volto da un colpo di arma da fuoco sparato a distanza ravvicinata da un uomo non ancora identificato mentre la giovane percorreva via Zuppetta, a Ischitella, per andare a scuola. Le condizioni della ragazza sono disperate. E' stata trasportata tramite elisoccorso agli ospedali Riuniti di Foggia. A quanto si è saputo, la ragazza era uscita di casa intorno alle 7,30 e stava attraversando il centro storico del paese per raggiungere la scuola che frequenta. In via Zuppetta è stata raggiunta alle spalle da una persona che poi le ha sparato un colpo di pistola in faccia. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri del Comando provincia di Foggia. La ragazzina è stata trasportata in elisoccorso agli Ospedali Riuniti di Foggia dove la stanno sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico. La vittima era seguita dai servizi sociali ed era stata affidata ai nonni.

11:32Gioielleria Capri truffata da due turisti per 125 mila euro

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 SET - Una coppia di turisti inglesi è stata scoperta a Capri (Napoli) dalla Polizia dopo aver truffato una gioielleria di una nota strada dello shopping dell'isola effettuando, a più riprese, acquisti con una carta di credito clonata intestata ad una terza persona del tutto ignara, per circa 125mila euro. La ragazza, 23 anni, è stata bloccata dai poliziotti del commissariato guidati dal vicequestore Maria Edvige Strina all'uscita dalla gioielleria, mentre il compagno, che ha 35 anni, è stato fermato sul porto di Capri mentre si apprestava a lasciare l'isola. Addosso avevano cinque orologi Rolex, orecchini, anelli e un bracciale. Le transazioni erano in un primo momento andate a buon fine consentendo alla coppia di lasciare il negozio con il sostanzioso bottino, ma successivamente il gestore della carta di credito ha contattato il negoziante bloccando l'avvenuto pagamento in quanto il reale titolare della carta si era reso conto che era stata oggetto di clonazione.

11:03Violenza sessuale: abusava di figlia, condannato a 12 anni

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il tribunale di Bolzano ha condannato un uomo a 12 anni di reclusione, per aver abusato ripetutamente della propria figlia. Gli abusi, secondo l'accusa, erano iniziati nel 2009, quando la bimba aveva appena 5 anni e sono andati avanti per tre anni. I genitori all'epoca dei fatti erano già separati e il padre approfittava dei giorni nei quali si occupava della figlia. I fatti sono venuti alla luce, quando la bambina ha iniziato a rifiutare di andare da sua padre e ha raccontato tutto al tribunale dei minori, in presenza di una psicologa. La dichiarazione è stata ritenuta credibile. L'imputato, che ha invece sempre respinto ogni addebito, affermando di essere vittima di una vendetta dell'ex compagna, dovrà pagare una provvisionale di 50.000 euro a favore della figlia e di 10.000 euro a favore della donna. L'accusa aveva chiesto 20 anni di pena.

11:03Turchia: 2 agenti servizi segreti rapiti dal Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 20 SET - Due agenti dei servizi segreti turchi sono stati rapiti da militanti del Pkk curdo in nord Iraq. A confermarlo, dopo diverse indiscrezioni apparse su media locali, è stato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu. La Turchia sta lavorando per il rilascio di "tutti i suoi cittadini che il Pkk ha rapito", ha spiegato Cavusoglu, negando tuttavia trattative dirette con il gruppo ribelle, che Ankara considera "terrorista". Secondo la stampa curda, gli 007 sarebbero finiti nelle mani della guerriglia il mese scorso durante un'operazione oltreconfine.

11:00Catalogna: Rajoy, unica risposta possibile

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona "non può essere diversa da quella decisa". "A nessuno piace questa situazione, e a me neppure" ha aggiunto.

10:59Messico: Protezione civile si corregge, 217 morti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il coordinatore nazionale della Protezione civile messicana, Luis Felipe Puente, ha rivisto al ribasso - da 248 a 217 - il bilancio delle vittime del terremoto che ha colpito il Paese ieri sera. Di queste, ha scritto in un tweet, 86 si contano a Città del Messico, 71 nello Stato di Morelos, 43 in quello di Puebla, 12 nello Stato del Messico, 4 in quello di Guerrero e una in quello di Oaxaca.

Archivio Ultima ora