Debito, petrolio, emergenti: i tre incubi dei mercati

Pubblicato il 08 febbraio 2016 da redazione

mercati

ROMA. – “Non vediamo tutto questo pessimismo sui mercati”, diceva a Davos, tre settimane fa, l’amministratore delegato di una grossa blue chip italiana. E’ la misura dello sgomento che in questi giorni attanaglia decine di imprese, fuori e dentro l’Europa, di fronte al crollo dei mercati anche se molti economisti lo avevano predetto. E i fatti di questi giorni suonano come una campana a morto anche per il durissimo programma di risanamento della Grecia, che riaccende il rischio di contagio.

Al centro della tempesta perfetta, che ha una portata tale da coinvolgere Usa, Europa e Asia, c’è un mix fatto di petrolio sotto i 30 dollari, debito stellare e Paesi emergenti in frenata dopo anni di crescita. L’allarme lo lancia, ormai da mesi, la Banca dei regolamenti internazionali: il debito, pubblico e privato, su scala globale è volato dai 31.400 miliardi del 2006 – quando aveva innescato per l’appunto una crisi del debito – ai 49.100 miliardi del 2015.

Un livello “così estremo” – avvertiva la ‘banca delle banche centrali’ – da minacciare il sistema finanziario. Bene: di tutto questo debito, 3.000 miliardi di dollari fanno capo al solo settore petrolifero. Le compagnie petrolifere statali hanno aumentato il proprio indebitamento fra il 2006 e il 2014 del 31% in Cina, del 13% in Russia, del 25% in Brasile, del 17% nel resto degli emergenti.

E’ chiaro che la corsa saudita al ribasso dei prezzi rischia di fare da innesco al default di qualche ‘Big’ che sui mercati viene evocato sussurrandolo appena, per quanto alto è il timore di un effetto a catena. Non si tratta solo dei produttori di ‘shale’ americano, da tempo andati in rosso (un obiettivo saudita era proprio quello). Ma di fondi istituzionali, persino fondi sovrani e, qualcuno dice, banche d’investimento troppo esposte verso il barile, negli Usa come in Europa. Il rischio c’è, se una banca come Goldman Sachs si sbilancia prevedendo una ripresa dei prezzi che invece non si avvera.

Al mix vanno aggiunti i timori per la Cina, alle prese con una fuga di investitori (-735 miliardi di dollari nel 2015) che stanno persino riesumando un dibattito sui controlli ai movimenti di capitali. Per arginare le perdite, molti fondi, sovrani e istituzionali, dalle tasche capienti stanno scaricando investimenti fatti in altri settori. Senza risparmiare nessuno. Contribuendo non poco alla scossa tellurica che investe l’Europa, con perdite arrivate oltre il 3% a Parigi e Francoforte e vicine al 5% a Milano, e un’onda di vendite che fa impennare lo spread (Btp a 146) andando a mettere il coltello nella piaga dell’Eurozona e dei suoi specifici problemi.

Perché quando è fuga dal rischio, come questi giorni, tutti corrono a comprare il bund tedesco, o il treasury americano e scaricano ‘carta’ non solo degli emergenti, ma anche dei Paesi non a ‘tripla A’. Non avendo mai risanato veramente molte delle sue banche, con Londra in vista del referendum e la Spagna senza un governo, l’Europa si trova con una crisi finanziaria tutta sua: quando sui mercati si parla di rischio deflazione e recessione globale, tornano i dubbi sulla loro enorme esposizione al debito sovrano e a quello di un settore privato la cui ripresa è tutta da vedere.

Non solo in Italia. Infatti, mentre la borsa di Atene sprofondava ai minimi dal 1990 in un ‘de profundis’ degli accordi europei dell’estate scorsa (che ne è del programma di ristrutturazione del debito?), le banche elleniche segnavano -24%. Un colosso come Deutsche Bank (-4,26%) ha visto salire i contratti che assicurano dal default a oltre 200, sui livelli del 2012, trovandosi costretta a smentire i dubbi degli analisti di Credit Sights sulla propria solvibilità.

Gli occhi di tutti sono puntati al ruolo salvifico delle banche centrali, in particolare sulla Bce di Mario Draghi, e c’è chi scommette che la Fed farà marcia indietro mentre ormai il 30% dell’economia globale viaggia con tassi negativi. Ma per qualcuno i mercati stanno segnalando che quella fiducia è in via di esaurimento. E’ la “nuova anormale” di crescita, inflazione, moneta e prezzi degli asset che proprio a Davos Nouriel Roubini ha previsto “resterà con noi nel 2016 e oltre”.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

23:03Basket: Dinamo crolla a Montecarlo, 87-55 per Monaco

(ANSA) - SASSARI, 16 GEN - La Dinamo Banco di Sardegna Sassari si arrende all'evidenza e cede il passo alla Salle Gaston-Medecin Arena di Montecarlo allo schiacciasassi As Monaco, capolista del girone a punteggio pieno, che conclude la "passeggiata" contro i ragazzi di Federico Pasquini con un eloquente 87-55. Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia, la sconfitta odierna complica il cammino del Banco anche in Europa. Un vero peccato, perché Sassari nel primo quarto ha illuso i suoi tifosi, chiudendo sotto solo di un punto: 18-17. Ma poi l'offensiva monegasca si è fatta insostenibile e il 24-8 parziale del secondo quarto ha messo fine a ogni discorso. Domani la squadra raggiungerà Cantù dove i biancoblù prepareranno il match della prima giornata di ritorno di campionato, in programma sabato sera.

23:02Trump: il caso dei Dreamer finisce alla Corte suprema

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - La vicenda dei cosiddetti 'Dreamer' negli Stati Uniti finisce davanti alla Corte suprema. In una rara decisione l'amministrazione Trump ha infatti deciso di scavalcare la Corte d'appello e di chiedere l'intervento del massimo organo del sistema giudiziario americano. Questo dopo che un giudice federale della California giorni fa ha fermato lo smantellamento voluto da Trump del programma per proteggere gli immigrati entrati irregolarmente negli Stati Uniti quando erano minorenni. Uno stop che ha costretto l'amministrazione a ripristinare il programma che è stato introdotto dall'amministrazione Obama.

22:42Banca Marche: Bankitalia parte civile nel processo per crac

(ANSA) - ANCONA, 16 GEN - La Banca d'Italia sarà parte civile nel procedimento ad Ancona per il crac da un miliardo di euro della vecchia Banca Marche contro 16 ex manager dell'istituto di credito. Al termine di un'udienza fiume terminata in serata il gup di Ancona Carlo Cimini ha ammesso, insieme a Bankitalia, oltre 2.800 parti civili tra cui azionisti, obbligazionisti che hanno visto azzerati i valori dei titoli, rappresentati da varie associazioni di consumatori tra cui Unione nazionale consumatori (2.683 assistiti), Adusbef, Adiconsum e Federconsumatori. Il giudice ha accolto la richiesta di chiamata in causa come responsabile civile della vecchia BM in liquidazione che, a sua volta, aveva avviato un'azione civile contro il vecchio management. Non sarà responsabile civile invece Ubi Banca che ha acquisito la Nuova Banca Marche nata dopo la risoluzione del vecchio istituto di credito. Il gup ha rinviato al 13 febbraio e ha fissato diverse udienze fino al 27 marzo quando dovrebbe emettere la sentenza.

22:38Verme in Coca Cola, 12enne ricoverata ad Andria

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - Una ragazzina di 12 anni è ricoverata in osservazione all'ospedale 'Bonomo" di Andria dopo avere bevuto una Coca Cola da una lattina ed essersi accorta di avere in bocca un verme. "La bambina sta bene - sottolinea il responsabile del presidio ospedaliero, Stefano Porziotta - e viene tenuta in osservazione solo per precauzione". "Stando ad un primo esame macroscopico del verme - aggiunge - non vi sono elementi che destino preoccupazioni ma invieremo il campione all'istituto zooprofilattico di Foggia per approfondimenti da parte di esperti". "La bambina - conclude il medico - non ha avuto né vomito, né diarrea o altri sintomi che possano allarmarci, resterà per qualche ora in ospedale". Intanto, sul posto, sono giunti agenti del commissariato di polizia che, con l'ufficio igiene di Andria e il Sian, il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione della Puglia, hanno sequestrato la lattina e stanno cercando di individuare il lotto per risalire alla provenienza. (ANSA).

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

Archivio Ultima ora