Debito, petrolio, emergenti: i tre incubi dei mercati

Pubblicato il 08 febbraio 2016 da redazione

mercati

ROMA. – “Non vediamo tutto questo pessimismo sui mercati”, diceva a Davos, tre settimane fa, l’amministratore delegato di una grossa blue chip italiana. E’ la misura dello sgomento che in questi giorni attanaglia decine di imprese, fuori e dentro l’Europa, di fronte al crollo dei mercati anche se molti economisti lo avevano predetto. E i fatti di questi giorni suonano come una campana a morto anche per il durissimo programma di risanamento della Grecia, che riaccende il rischio di contagio.

Al centro della tempesta perfetta, che ha una portata tale da coinvolgere Usa, Europa e Asia, c’è un mix fatto di petrolio sotto i 30 dollari, debito stellare e Paesi emergenti in frenata dopo anni di crescita. L’allarme lo lancia, ormai da mesi, la Banca dei regolamenti internazionali: il debito, pubblico e privato, su scala globale è volato dai 31.400 miliardi del 2006 – quando aveva innescato per l’appunto una crisi del debito – ai 49.100 miliardi del 2015.

Un livello “così estremo” – avvertiva la ‘banca delle banche centrali’ – da minacciare il sistema finanziario. Bene: di tutto questo debito, 3.000 miliardi di dollari fanno capo al solo settore petrolifero. Le compagnie petrolifere statali hanno aumentato il proprio indebitamento fra il 2006 e il 2014 del 31% in Cina, del 13% in Russia, del 25% in Brasile, del 17% nel resto degli emergenti.

E’ chiaro che la corsa saudita al ribasso dei prezzi rischia di fare da innesco al default di qualche ‘Big’ che sui mercati viene evocato sussurrandolo appena, per quanto alto è il timore di un effetto a catena. Non si tratta solo dei produttori di ‘shale’ americano, da tempo andati in rosso (un obiettivo saudita era proprio quello). Ma di fondi istituzionali, persino fondi sovrani e, qualcuno dice, banche d’investimento troppo esposte verso il barile, negli Usa come in Europa. Il rischio c’è, se una banca come Goldman Sachs si sbilancia prevedendo una ripresa dei prezzi che invece non si avvera.

Al mix vanno aggiunti i timori per la Cina, alle prese con una fuga di investitori (-735 miliardi di dollari nel 2015) che stanno persino riesumando un dibattito sui controlli ai movimenti di capitali. Per arginare le perdite, molti fondi, sovrani e istituzionali, dalle tasche capienti stanno scaricando investimenti fatti in altri settori. Senza risparmiare nessuno. Contribuendo non poco alla scossa tellurica che investe l’Europa, con perdite arrivate oltre il 3% a Parigi e Francoforte e vicine al 5% a Milano, e un’onda di vendite che fa impennare lo spread (Btp a 146) andando a mettere il coltello nella piaga dell’Eurozona e dei suoi specifici problemi.

Perché quando è fuga dal rischio, come questi giorni, tutti corrono a comprare il bund tedesco, o il treasury americano e scaricano ‘carta’ non solo degli emergenti, ma anche dei Paesi non a ‘tripla A’. Non avendo mai risanato veramente molte delle sue banche, con Londra in vista del referendum e la Spagna senza un governo, l’Europa si trova con una crisi finanziaria tutta sua: quando sui mercati si parla di rischio deflazione e recessione globale, tornano i dubbi sulla loro enorme esposizione al debito sovrano e a quello di un settore privato la cui ripresa è tutta da vedere.

Non solo in Italia. Infatti, mentre la borsa di Atene sprofondava ai minimi dal 1990 in un ‘de profundis’ degli accordi europei dell’estate scorsa (che ne è del programma di ristrutturazione del debito?), le banche elleniche segnavano -24%. Un colosso come Deutsche Bank (-4,26%) ha visto salire i contratti che assicurano dal default a oltre 200, sui livelli del 2012, trovandosi costretta a smentire i dubbi degli analisti di Credit Sights sulla propria solvibilità.

Gli occhi di tutti sono puntati al ruolo salvifico delle banche centrali, in particolare sulla Bce di Mario Draghi, e c’è chi scommette che la Fed farà marcia indietro mentre ormai il 30% dell’economia globale viaggia con tassi negativi. Ma per qualcuno i mercati stanno segnalando che quella fiducia è in via di esaurimento. E’ la “nuova anormale” di crescita, inflazione, moneta e prezzi degli asset che proprio a Davos Nouriel Roubini ha previsto “resterà con noi nel 2016 e oltre”.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

12:58Nuoto: Mondiali, Quadarella in finale

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Grande prestazione di Katie Ledecky nella seconda giornata dei Mondiali di nuoto in corso di svolgimento a Budapest. La statunitense, oro ieri nei 400 sl, ha chiuso le batterie dei 1500 sl con il tempo di 15'47"54, distanziando di quasi 18" la seconda classificata della sua batteria, la spagnola Mireia Belmonte (16'05"37). Qualificata per la finale l'azzurra Simona Quadarella, quarta con il tempo di 16'07"08. In chiave azzurra da segnalare il passaggio di Matteo Milli, alla sua prima gara internazionale, alle semifinali dei 100 dorso maschili (11/o tempo, 54"17) e di Arianna Castiglioni alle semifinali dei 100 rana (15/o tempo, 1'07"43). Nella stessa gara eliminata Martina Carraro (22/a, 1'08"11). Fuori nei 100 dorso donne Margherita Panziera (20/o tempo, 1'01"03) e nei 200 sl maschili Filippo Megli (28/o, 1'47"94).

12:54Incendio a Messina, piromani tre minorenni

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - Una ragazzina di 14 anni e due coetanei di 13 e 15 anni sono i responsabili dell'incendio che sabato pomeriggio ha bruciato le colline dell'area di Fondo Fucile, a Messina. Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Agli agenti uno dei tre ha detto: "Abbiamo fatto una stupidaggine". Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando. Alcune persone avevano notato i tre ragazzini muoversi su per la collina. I vigili del fuoco, avvertiti dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare l'incendio e a evitare che le fiamme raggiungessero le vicine abitazioni ai piedi della collina. Una vasta porzione di vegetazione è comunque andata distrutta. I tre ragazzini sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo e riaffidati alle famiglie.

12:48Fisco: blitz M5S in Agenzia Entrate Cagliari per sgravi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - Blitz delle parlamentari del Movimento Cinque stelle, Emanuela Corda e Manuela Serra, assieme agli attivisti del punto Civico di Cagliari SOS Equitalia e una piccola rappresentanza del Movimento Artigiani, negli uffici dell'agenzia delle Entrate di Cagliari per chiedere l'applicazione della legge sugli sgravi contributivi nelle cartelle esattoriali (228/12). "Oggi abbiamo dovuto intraprendere questa azione forte, senza preavviso, perché ci sentiamo presi in giro, dopo mesi di rimandi e promesse mai mantenute - spiega la deputata Corda - chiediamo che vengano concessi gli sgravi a diversi contribuenti che ci hanno conferito delega a rappresentarli in questa sede, così come l'agenzia aveva garantito mesi fa, c'è una disposizione del direttore regionale che impone ai dirigenti di questa agenzia di provvedere immediatamente alla cancellazione del debito di queste persone, in ossequio a ciò che dispone la legge. Oggi vogliamo una risposta chiara e semplice".

12:46Mdp: Rossi, Pisapia chiarisca su sentirsi a casa con il Pd

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Sarebbe utile qualche chiarimento": è quanto manda a dire a Giuliano Pisapia il governatore della Toscana Enrico Rossi (Mdp), attraverso un post-lettera su facebook. "Caro compagno Giuliano Pisapia, molti compagni - scrive Rossi - mi fanno presente che la tua affermazione che ti senti a casa alla festa del Pd è un po' contraddittoria con la scelta di costruire una forza alternativa al Pd e con la scelta dolorosissima compiuta da molti tuoi sostenitori di abbandonare il Pd per costruire una casa nuova".

12:37‘Ladro per amore’, 25enne patteggia condanna a quattro mesi

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Un "ladro per amore", come ha risposto al giudice Immacolata Iadeluca, A.H., 25 anni, nato da una famiglia marocchina naturalizzata italiana, ha detto di avere rubato perché voleva pagare il biglietto aereo alla fidanzata con cui andare in vacanza: "Io ho il mio ma nessuno la aiuta a comprarne uno". Il giovane (che ha anche detto di avere due 'diplomi professionali' ma di essere in attesa di occupazione) è comparso oggi in tribunale a Torino dopo essere stato arrestato: aveva sfondato il vetro di un'auto parcheggiata in zona Porta Palazzo e si era impadronito di un navigatore satellitare e di un paio di occhiali. Il proprietario è stato risarcito con 250 euro direttamente in aula dal padre del venticinquenne, il quale, con l'assistenza dell'avvocato Roberto Mordà, ha patteggiato quattro mesi ed è stato scarcerato.(ANSA).

12:34Cade da tre metri da palco a Montignoso, morta attrice

(ANSA) - PISA, 24 LUG - (ANSA) - E' morta all'ospedale Cisanello di Pisa, dove era stata ricoverata, l'attrice di 56 anni, del Gruppo Folkloristico di Montignoso, che sabato sera è caduta dal palco, da un'altezza di circa tre metri, subendo un trauma toracico. Lorena Baldi stava recitando, sul palcoscenico allestito in piazza Paolini, nella commedia dialettale 'Amore alla Piazza'. L'attrice è stata soccorsa immediatamente e lo spettacolo è stato interrotto. Il 118 l'ha portata prima all'ospedale Noa di Marina di Massa, poi è stata trasferita con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale Cisanello di Pisa. Sarà eseguita l'autopsia, mentre è stato posto sotto sequestro il palco sui cui si esibiva.

12:31Migranti: non si fermano sbarchi nel Sulcis

(ANSA) - CARBONIA, 24 LUG - Non si fermano gli sbarchi di migranti in Sardegna. Ieri sera nel Sulcis sono arrivati altri 10 algerini. Un barchino con a bordo tre persone è stato intercettato dalla Guardia costiera di Sant'Antioco. Gli algerini sono stati trasferiti in porto e affidati alle forze dell'ordine. Alcune ore dopo sulla spiaggia di Is Arenas bianca, nella zona di Teulada vicino al poligono militare, i carabinieri hanno rintracciato altri sette algerini appena sbarcati. I migranti, identificati e visitati, sono stati trasferiti nei centri di accoglienza. (ANSA).

Archivio Ultima ora