Regeni: capo procura Giza, non trovato alcun pc o iPad

(ANSA) – IL CAIRO, 9 FEB – Il capo della Procura di Giza, quella incaricata dell’indagine sull’uccisione di Giulio Regeni, ha riferito che accanto al corpo del ricercatore italiano o nel suo appartamento non è stato rivenuto alcun telefonino, computer portatile o tablet. Ad una domanda dell’ANSA se sia stato trovato alcun cellulare, laptop o iPad, il procuratore Ahmed Nagy ha risposto che “non sono stati trovati accanto al corpo”. Alla richiesta di precisare se non siano stati rinvenuti neanche in casa, il magistrato a riposto “nemmeno”.

Condividi: