Il Presidente Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

WASHINGTON- Nel corso della sua visita negli Stati Uniti il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato la nostra collettività all’Ambasciata italiana a Washington.

Il discorso del Capo dello Stato è stato introdotto dall’ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Claudio Bisogniero che ha ricordato come negli Usa risiedano attualmente oltre 250.000 connazionali di cui circa 6.500 presenti a Washington. Una comunità, quella italiana, in cui, secondo Bisogniero, convivono le realtà dell’emigrazione storica, riunita intorno alle grandi associazioni anche regionali, e quella della nuova comunità italiana composta da funzionari di organizzazioni internazionali, docenti universitari e ricercatori.

Due collettività che trovano spazio negli organismi rappresentativi della nostra comunità. “Di tutti i nostri connazionali e in particolare degli italo americani – ha concluso Bisogniero – voglio sottolineare con orgoglio le loro storie di sacrificio e di successo e il loro grandissimo contributo al rafforzamento dei rapporti fra l’Italia e Stati Uniti e alla diffusione di un immagine positiva del nostro Paese in America”.

“Vi sono italiani da più generazioni che sono cittadini americani, – ha esordito il Presidente Mattarella – connazionali che risiedono abitualmente, e poi c’è chi lavora qui per anni e poi ritorna in Italia, connazionali che lavorano in vari ambienti portando con grande prestigio una conoscenza presso gli altri del nostro paese e delle sue qualità. Tutti voi date una presentazione di grande rilievo all’Italia”.

“C’è un’amicizia antica tra Usa e Italia – ha poi ricordato Mattarella – che va anche alle origini della nostra unità nazionale, si è sviluppata nel corso del tempo e da sette decenni è strettissima, piena di collaborazione, di momenti importanti” .

“Questa amicizia – ha proseguito Mattarella – ci consente di esaminare e di affrontare insieme le sfide di oggi e quelle del futuro” perché “le sfide cambiano, ma l’amicizia tra Stati Uniti e Italia e la collaborazione internazionale sono decisive per affrontare le sfide, i nuovi problemi e i nuovi pericoli che si presentano”.

A proposito dell’Italia il Presidente ha aggiunto che “è in corso un ampio e articolato processo di riforme che ha come obiettivo di rendere il nostro Paese più moderno, più efficiente e più capace di potersi esprimere nelle sedi internazionali”.

“Tutti coloro che sono impegnati in vari settori, dall’economia alla scienza, dalla cultura all’arte, – ha aggiunto Mattarella – sanno che i confini del mondo sono sempre più labili e meno importanti e che si realizza sempre di più un provvido coinvolgimento di aree, regioni e Paesi prima esclusi dal protagonismo in questi vari ambienti di impegno.

Questo rende più impegnativo il compito dei Paesi sviluppati, ma più giusto il mondo. L’Italia, che ha sempre inteso collaborare con i Paesi in vai di sviluppo, cerca di fare la sua parte affinché questo avvenga con equilibrio, apertura e collaborazione reciproca, con beneficio di tutti e in particolare dei Paesi più poveri. Per uno sviluppo armonico del mondo l’Italia svolge la sua parte e cerca di svolgerla sempre meglio”.

“Incontrando le comunità di italiani all’estero – ha continuato il Presidente della Repubblica – ci si sente a casa, perché il clima, il modo di pensare, l’atteggiamento e l’impegno che esprimono gli italiani che lavorano in altri paesi è lo stesso che impiegherebbero in Italia. Il modo di porgersi, la capacità di creare rapporti umani e relazioni con gli altri è un clima e un’attitudine che caratterizza gli italiani e li rende simpatici agli altri interlocutori.

Vi ringrazio – ha concluso Mattarella rivolgendosi alla platea – per quello che fate e il lavoro che svolgete che serve al prestigio del nostro Paese e alla comunità internazionale”.

Ultima ora

12:29Totti: Lotti, mi auguro grande festa per lui domani

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "Totti non si discute, è un grande campione. Domani mi auguro che sarà per lui una grande festa, come è giusto che sia, e come sono convinto che l'Olimpico gli tributerà". Lo ha detto il ministro per lo sport Luca Lotti, rispondendo ai giornalisti sull'ultima partita in maglia giallorossa del capitano della Roma. Il ministro è intervenuto oggi a margine di una premiazione organizzata dal comitato toscano dilettanti, al centro tecnico di Coverciano a Firenze.

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

Archivio Ultima ora