Il Presidente Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra a Washington la comunità italiana

WASHINGTON- Nel corso della sua visita negli Stati Uniti il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato la nostra collettività all’Ambasciata italiana a Washington.

Il discorso del Capo dello Stato è stato introdotto dall’ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Claudio Bisogniero che ha ricordato come negli Usa risiedano attualmente oltre 250.000 connazionali di cui circa 6.500 presenti a Washington. Una comunità, quella italiana, in cui, secondo Bisogniero, convivono le realtà dell’emigrazione storica, riunita intorno alle grandi associazioni anche regionali, e quella della nuova comunità italiana composta da funzionari di organizzazioni internazionali, docenti universitari e ricercatori.

Due collettività che trovano spazio negli organismi rappresentativi della nostra comunità. “Di tutti i nostri connazionali e in particolare degli italo americani – ha concluso Bisogniero – voglio sottolineare con orgoglio le loro storie di sacrificio e di successo e il loro grandissimo contributo al rafforzamento dei rapporti fra l’Italia e Stati Uniti e alla diffusione di un immagine positiva del nostro Paese in America”.

“Vi sono italiani da più generazioni che sono cittadini americani, – ha esordito il Presidente Mattarella – connazionali che risiedono abitualmente, e poi c’è chi lavora qui per anni e poi ritorna in Italia, connazionali che lavorano in vari ambienti portando con grande prestigio una conoscenza presso gli altri del nostro paese e delle sue qualità. Tutti voi date una presentazione di grande rilievo all’Italia”.

“C’è un’amicizia antica tra Usa e Italia – ha poi ricordato Mattarella – che va anche alle origini della nostra unità nazionale, si è sviluppata nel corso del tempo e da sette decenni è strettissima, piena di collaborazione, di momenti importanti” .

“Questa amicizia – ha proseguito Mattarella – ci consente di esaminare e di affrontare insieme le sfide di oggi e quelle del futuro” perché “le sfide cambiano, ma l’amicizia tra Stati Uniti e Italia e la collaborazione internazionale sono decisive per affrontare le sfide, i nuovi problemi e i nuovi pericoli che si presentano”.

A proposito dell’Italia il Presidente ha aggiunto che “è in corso un ampio e articolato processo di riforme che ha come obiettivo di rendere il nostro Paese più moderno, più efficiente e più capace di potersi esprimere nelle sedi internazionali”.

“Tutti coloro che sono impegnati in vari settori, dall’economia alla scienza, dalla cultura all’arte, – ha aggiunto Mattarella – sanno che i confini del mondo sono sempre più labili e meno importanti e che si realizza sempre di più un provvido coinvolgimento di aree, regioni e Paesi prima esclusi dal protagonismo in questi vari ambienti di impegno.

Questo rende più impegnativo il compito dei Paesi sviluppati, ma più giusto il mondo. L’Italia, che ha sempre inteso collaborare con i Paesi in vai di sviluppo, cerca di fare la sua parte affinché questo avvenga con equilibrio, apertura e collaborazione reciproca, con beneficio di tutti e in particolare dei Paesi più poveri. Per uno sviluppo armonico del mondo l’Italia svolge la sua parte e cerca di svolgerla sempre meglio”.

“Incontrando le comunità di italiani all’estero – ha continuato il Presidente della Repubblica – ci si sente a casa, perché il clima, il modo di pensare, l’atteggiamento e l’impegno che esprimono gli italiani che lavorano in altri paesi è lo stesso che impiegherebbero in Italia. Il modo di porgersi, la capacità di creare rapporti umani e relazioni con gli altri è un clima e un’attitudine che caratterizza gli italiani e li rende simpatici agli altri interlocutori.

Vi ringrazio – ha concluso Mattarella rivolgendosi alla platea – per quello che fate e il lavoro che svolgete che serve al prestigio del nostro Paese e alla comunità internazionale”.

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora