Napoli e Juve sfida d’altri tempi, quante magie in passato

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

Napoli-Juventus, scontro al vertice in serie A

Napoli-Juventus, scontro al vertice in serie A

ROMA. – Poi ne mancheranno altre tredici. Per una volta alleati, Max Allegri e Maurizio Sarri hanno cominciato a recitare il mantra (importante ma non decisiva) per togliere tensione a Juve-Napoli di sabato a Torino, la sfida delle sfide tra le due locomotive d’Italia, la madre di tutte le partite che allo Juventus stadium terrà col fiato sospeso le due tifoserie, e avrà in tv un palcoscenico mondiale.

Il Napoli dal gioco alla Sacchi contro la Juve rigenerata da Allegri dopo il ricambio del mercato, entrambe stordite e zoppicanti all’inizio e poi irresistibili alla distanza. Il Napoli avrà il vantaggio di due punti, la Juve quello di ottenere il sorpasso vincendo la 15/a di fila se riuscirà a interrompere la serie di otto degli avversari. E ancora, il duello argentino tra due straordinari cannonieri: da un lato l’esperto Higuain, che con 24 gol in 24 gare e insegue il record di 35 di Nordahl nel 1950. Dall’altro, a raccogliere l’eredità di Tevez, è arrivato il talento di Paulo Dybala, 22/enne artista del gol, che insegue il Pipita con 13 marcature.

Ma la sfida in chiave argentina è solo una delle tante storie di Juve-Napoli. A meno di crolli clamorosi sarà il quarto testa a testa per lo scudetto e finora i confronti diretti sono risultati decisivi. Il più celebre riguarda ‘core ‘ngrato’ Altafini, che a 34 anni entrò il 6 aprile 1975 e fissò il 2-1 su un errore di Carmignani regalando per due punti lo scudetto alla Juve guadagnandosi il risentimento definitivo dei suoi ex tifosi.

C’è voluto il Napoli di Bianchi e Maradona per confezionare la vendetta nel 1987: 3-1 a Torino, e 2-1 al San Paolo con sigillo dell’umile Romano per il primo scudetto, con tre punti sui rivali. Il terzo sprint scudetto nella stagione 2012-2013, ma con meno brividi. Testa a testa all’andata fino allo scontro diretto vinto dai bianconeri di Conte 2-0, poi 1-1 e il Napoli ha concluso la stagione secondo a nove punti.

Se le perle di Juve-Napoli sono nell’immaginario collettivo le magie di Maradona e Platini, non si dimenticano le imprese di Vinicio, Altafini, Sivori, Baggio, Zidane,Cavani. Andando a zonzo nei decenni rimangono scolpite alcune immagini: un incubo per il Napoli nell’anno della fondazione quando subisce dalla Juve un 8-0 nel 1927 con una tripletta di Antonio Vojak, che poi diventa l’idolo di Napoli.

La vendetta matura con due 4-1 al S. Paolo: nel 1939 anche con un gol di Nereo Rocco e nel 1942 con Sentimenti II che gioisce e il fratello Sentimenti III che si dispera. Tre volte Napoli in vantaggio nel 1958 con doppiette di ‘o lione’ Vinicio, tre volte raggiunto, poi Bertucco fissa il 4-3 e il comandante Lauro improvvisa una processione in campo.

La sfida prende quota quando si prende la scena Sivori: tris in un 4-2 del 1960 e in un 4-0 al San Paolo. Prima di ‘core ‘ngrato’ gli anni ’70 vedono due 4-1 della Juve di Vycpalek nel ’71 e nel ’74. Nella Coppa Italia 1978 poker record di Savoldi in un pesante 5-0. Poi arrivano Maradona e Platini ed è sempre festa: Roi Michel segna due volte nel 1984; Diego risponde con una magia su punizione a scendere che fissa l’1-0 nel 1985.

Ma spettacolo ed emozioni non finiscono: doppio Baggio nel 3-1 del 1992. Ecco Zidane che confeziona un pari nel 1996 e una vittoria esterna per il 2-1 nel 1997. Dal purgatorio della B per entrambe tornano presto protagoniste. Canta Napoli per tre successi di fila dal 2009: 3-2 a Torino con doppietta di Hamsik, 3-1 al San Paolo decisivo Quagliarella, 3-0 con tris di Cavani. E poi ogni incontro è show fino al 4-2 in Supercoppa 2012 col Napoli assente nella premiazione a Pechino dopo una gara al veleno. Poi la Juve decolla e il Napoli non vince più: due pari e quattro successi Juve.

Ma che possa essere una stagione diversa il Napoli lo assapora nell’andata: 2-1 firmato Insigne e Higuain con inutile gol di Lemina. Ora sabato ci sarà il secondo verdetto, ma Sarri sa bene che neanche un raddoppio consentirà di stare tranquilli: ci saranno altre tredici tappe faticose per tagliare il traguardo scudetto.

Ultima ora

21:51Calcio: tweet Mertens, Napoli mio presente mio futuro

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - "Il mio passato, il mio presente, il mio futuro", questo è il tweet dell'attaccante del Napoli Dries Mertens accompagnato da una foto del giocatore mentre firma il suo nuovo contratto fino al 2020. La firma del contratto era stata annunciata già oggi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che aveva confermato anche come nell'accordo sia presente una clausola rescissoria valida però soltanto per un eventuale trasferimento a una squadra estera e dal 2018. Secondo indiscrezioni il contratto di Mertens prevede un ingaggio annuo di 4,5 milioni di euro.

21:36Padre morto da cinque mesi, figlio tiene cadavere in casa

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Il cadavere mummificato di un uomo di 88 anni è stato trovato questo pomeriggio in una casa di via Cornigliano, a Genova. L'anziano, che abitava nell'appartamento col figlio di 50 anni, era morto da almeno cinque mesi. Il figlio, che soffre di disturbi psichici, ha cercato di camuffare l'odore con deodoranti e candele profumate. Secondo una prima ricognizione del medico legale Marco Salvi, l'anziano sarebbe morto per un infarto. Il figlio ha custodito la salma sul divano in soggiorno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, chiamati dai vicini che aveva sentito il figlio che inveiva contro il padre. (ANSA).

21:34Calcio: Chelsea battuto, all’Arsenal la Fa Cup

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Manca la doppietta in Inghilterra Antonio Conte sulla panchina del Chelsea, sconfitto 2-1 a Wembley dall'Arsenal nella finale di Fa Cup. La squadra che da quasi 21 anni è guidata da Arsene Wenger, andando contro i pronostici, ha battuto i dominatori della Premier League e portato a casa la 13/a coppa d'Inghilterra, 2 anni dopo l'ultimo successo. Per il francese, si tratta del 16/o trofeo portato nella bacheca dei Gunners, di cui 7 Fa Cup, e forse questo successo potrà incidere sulle sue scelte future dopo una stagione complicata e una forte spinta dei tifosi al club di trovare un sostituto. La sconfitta è dura per Conte, anche se il Chelsea ha tenuto aperta la sfida fino all'ultimo nonostante l'espulsione di Moses per doppia ammonizione al 67'. Anche in 10, i Blues hanno continuato a cercare di pareggiare la rete di Sanchez al 4', trovandola al 76' con Diego Costa. Solo 3' dopo, il Chelsea ha incassato il 2-1 da Ramsey, lasciato libero di battere di testa in area in mezzo a tre avversari.

21:01Calcio: Inter, Gabigol non convocato

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Mano dura dell' Inter con Joao Mario e Gabigol, che non sono stati convocati per l'ultima partita di campionato contro l'Udinese a San Siro. I due giocatori nerazzurri sono stati esclusi per aver abbandonato la panchina all'Olimpico durante la sfida contro la Lazio di domenica scorsa. Dopo la multa e gli allenamenti a parte rispetto al resto della squadra, la società, insieme a Stefano Vecchi, ha deciso di non convocarli per l'ultima partita. Assenti, loro invece per infortunio, anche Murillo, Miranda, Ansaldi e Icardi.

20:37Calcio: serie A, la Juve vince 2-1 a Bologna

(ANSA) - ROMA, 27 MAG Con un gol al 94' del 17enne Kean la Juventus vince 2-1 a Bologna l'anticipo della 38/a e ultima giornata di serie A chiudendo così il campionato a 91 punti. I padroni di casa erano andati in vantaggio al 52' con Taider, aveva pareggiato Dybala al 70'. Nell'altro anticipo del sabato l'Atalanta supera il Chievo per 1-0 (Gomez al 52') e si porta momentaneamente al quarto posto con 72 punti scavalcando la Lazio, impegnata domani sera a Crotone.

20:33Calcio: Cagliari, contro Milan addio a campionato e a S.Elia

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Addio al campionato e al Sant'Elia. Contro il Milan il Cagliari chiude i conti con stagione e campo. E da lunedì pensa al futuro: si parte dallo smontaggio delle tribune da trasferire nello stadio provvisorio. Ma saranno giorni decisivi soprattutto per le scelte sul direttore sportivo dopo i saluti di Capozucca e sull'allenatore. Rastelli sì, Rastelli no? Il mister pensa per ora solo alla partita di domani: "Domani deve essere una festa - ha detto - dentro e fuori dal campo: questi ragazzi hanno ottenuto un risultato importante: gireranno ancora tra i campi più importanti della A. Questa squadra merita un grande applauso". Il 6 a 2 con il Sassuolo? "Già alle spalle - ha precisato - ora pensiamo al Milan. Non mi aspettavo quella prestazione, alla fine ero molto deluso". Dopo il triplice fischio finale ci sarà un giro di campo di giocatori e staff. E poi? "Fra lunedì e martedì - ha ribadito - mi incontrerò col presidente e il direttore sportivo per vedere se ci sono le condizioni per andare avanti". "Il mio bilancio? Ho dato tutto. Mi sento migliore di quando sono partito, mi auguro di poter andare avanti con questo progetto. Le mie sensazioni sono positive", ha sottolineato Rastelli. Chi confermerebbe di questo gruppo? Risposta del mister: "Tutti". Per la partita di domani dovrà fare a meno probabilmente di Rafael e Salamon. Al posto del portiere (sono infortunati Colombo e Gabriel) potrebbe esordire in serie A Crosta, cresciuto nelle giovanili del Milan. In panchina c'è il 2000 Daga. In bilico anche Salamon e il Cagliari si ritroverebbe praticamente con un solo centrale visto che Alves è squalificato. Problemi anche a destra perché anche Isla è stato fermato dal giudice sportivo: Rastelli per la fascia ha convocato i ragazzini Mastino e Oliveira. In attacco non c'è Sau (anche lui squalificato) ma l'ex Borriello si è ripreso e sarà in campo dal primo minuto. (ANSA).

20:32Terzo Valico: migliaia in corteo per tutela acqua e salute

(ANSA) - ALESSANDRIA, 27 MAG - Oltre duemila persone per gli organizzatori, più di un migliaio per le forze dell'ordine, arrivati anche dal Genovese e dalla ValSusa, hanno marciato in corteo, per circa 3 ore, ad Alessandria contro la discarica di Sezzadio, le cave per lo smarino e il Terzo Valico. In piazza anche un serpentone di una quarantina di trattori. La manifestazione, organizzata dai Comitati di base e Agricoltori della Valle Bormida, Sezzadio Ambiente, Vivere a Predosa, NoTav, ha visto la partecipazione di una ventina di sindaci dei Comuni firmatari della Convenzione per la tutela delle risorse idriche del territorio. Tra loro Enrico Silvio Bertero, sindaco di Acqui Terme. Prossimo appuntamento dei manifestanti l'8 luglio a Sezzadio per il concerto degli 'Assalti Frontali', vincitori della prima edizione del Premio Vivaio Eternot, assegnato dal Comune di Casale per aver affrontato il tema dell'amianto nella canzone 'Asbesto'. (ANSA).

Archivio Ultima ora