Venezuela: l’arroganza della delinquenza provoca l’esodo dei nostri giovani

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

violencia

Non un fatto isolato, ma la punta di un iceberg. Postate su Youtube, le immagini dei detenuti sul tetto del carcere di Porlamar, mentre sparano raffiche di mitra all’aria come ultimo tributo al loro leader assassinato, hanno avuto il merito di mostrare una realtà che, si pensava, esistesse solo nelle pagine dei “mass-media”. Insomma, che fosse frutto dell’esagerazione di un certo tipo di stampa pronta ad alterare i fatti pur di conquistare nuovi lettori.

La delinquenza, oggi, ha superato abbondantemente la capacità di risposta delle istituzioni, in ogni rione e in ogni città. Non più solo nei “barrios”, dove la vita da sempre è una lotteria; ora anche nei quartieri di classe media. Detta le proprie regole, impone la propria legge. E le forze dell’ordine sono sempre più inermi di fronte al loro potere. Le bande si moltiplicano e l’armamento di cui dispongono è sempre più moderno e mortale. I loro “soldati” sono arruolati soprattutto in seno alla micro-criminalità capace di uccidere per un paio di scarpe o un telefonino; una micro-criminalità che quando non è assorbita dalle bande esistenti ne crea di nuove. Sempre più violente, sempre più feroci, sempre più audaci.

Non deve sorprendere, quindi, se nei giorni scorsi a Maracay una banda di malviventi ha imposto il “copri-fuoco” a un intero quartiere dalle 10 alle 11. Motivo? Permettere al corteo funebre di uno dei loro membri, di transitare liberamente senza alcun ostacolo. Nessuno si è ribellato. Avvisati da volantini, minacciati dai membri del “clan”, i negozianti piccoli e grandi hanno abbassato le saracinesche e il trasporto pubblico si è paralizzato. Nessuno si è azzardato, se non qualche sprovveduto cittadino, a transitare per strada. La polizia si è limitata a osservare. Non è intervenuta. L’ha fatto solo dopo che i giornali ne hanno dato notizia e, quindi, non poteva farne a meno.

Un fatto isolato? No. Quanto accaduto a Maracay era già avvenuto in altre città del Venezuela sotto lo sguardo inerme – o indifferente – delle Forze dell’Ordine. Caracas, Valencia, Barinas, Maracaibo, Barquisimeto, Maturin. Ovunque la delinquenza dilaga e la micro-criminalità cresce, si organizza, si arma. Diventa potente e temuta. E provoca l’esodo di giovani venezuelani che cercano all’estero la tranquillità che il Paese non offre, come si evidenzia in uno dei reportage (“Y si lo pensamos bien yo me quedo”) trasmesso dallo stesso canale dello Stato, Venezolana de Televisiòn.

La nostra Collettività, com’è ovvio, non è immune a questo flagello. Furti, estorsioni, borseggi, rapine. Tante le storie. Basta ascoltare le conversazioni dei connazionali nei nostri Centri sociali e Case d’Italia. Sono episodi sussurrati che si moltiplicano tra i tavolinetti dei bar, nelle grade dei campi di calcio o ai bordi delle piscine. Non c’è sorpresa nelle loro parole, solo rassegnazione. E, di volta in volta, il sospiro di sollievo per una disavventura a lieto fine.

Oggi i rapimenti si moltiplicano. Ma non si denunciano per paura. Non alimentano le statistiche, che la polizia preferisce nascondere all’opinione pubblica. Ma la mancanza di cifre credibili e computi reali non vuol dire che l’industria del sequestro non sia fiorente come in passato. Oggi più che mai la Collettività ha bisogno del suo esperto antisequestro.

La Procuratrice della Repubblica, Luisa Ortega Dìaz, nello smentire il dossier dell’Ong messicana “Consiglio Cittadino per la Sicurezza e la Giustizia Penale”, che colloca Caracas al Top della classifica tra le città più violente al mondo con 119,87 omicidi ogni 100 mila abitanti e Maturin al quinto posto, ha comunque ammesso indirettamente che 17mila 778 omicidi in un anno sono veramente tanti. Troppi. Si tratta di una vera e propria carneficina. Il Venezuela, con un tasso attorno ai 60 morti uccisi ogni 100 mila abitanti non occuperà il primo posto tra i Paesi più violenti ma sicuramente è nella Top-ten.

La delinquenza cresce in maniera esponenziale e non risparmia neanche i venezuelani più umili che, nei “barrios” fanno la fila alle porte dei generi alimentari per acquistare pasta, farina, uova, latte, carne o pollo, se ne trovano. Bande armate di motociclisti seminano il panico e spadroneggiano ovunque.

Si trema anche davanti al nostro Consolato Generale d’Italia a Caracas. Si è rafforzata, com’è giusto che fosse, la sicurezza interna alla struttura. Non ci sono solo documenti delicati, cartelle, certificati e passaporti da proteggere, ma anche, anzi soprattutto, c’è da assicurare l’incolumità del personale. Nulla da eccepire. Qualunque provvedimento in tal senso è benvenuto. Ciò che è incomprensibile, però, è la ragione per la quale, pur avendo spazio all’interno della struttura per accogliere gli utenti che attendono il loro turno per un documento, si obblighi ancora il connazionale a stare in strada.

E’ lecito chiedersi se la loro sicurezza conti meno di quella dei funzionari. Si è provveduto ad avviare il sistema degli appuntamenti, che va comunque rivisto e migliorato, per assicurare al connazionale un miglior servizio. Ma poi lo si lascia attendere in strada, in una delle città più violente al mondo.

La rapida crescita della delinquenza, in Venezuela, è la conseguenza di una crisi economica, politica e sociale dalle proporzioni dantesche. Mentre la politica non riesce a trovare un terreno comune, nel quale incontrarsi per studiare le riforme di cui ha bisogno il paese, la crisi è diventata incontrollabile. Come sostiene il deputato ed economista Josè Guerra, la vendita delle riserve aurifere della nazione è il termometro della gravità della situazione.

Il Venezuela non ha valuta sufficiente per far fronte ai debiti in scadenza. Ha bisogno di quasi 10 miliardi di dollari per evitare lo spettro del default. E intanto, come sostiene la prestigiosa agenzia Bloomberg nel suo dossier annuale, il Paese è nella Top-ten delle nazioni più miserabili al mondo, in compagnia dell’Argentina, del Brasile e della Spagna.

E’ questa una classifica singolare che prende in considerazione numerose variabili economiche, tra le quali l’inflazione, la disoccupazione e il deficit.

Il primato, che i venezuelani cederebbero volentieri ad altri Paesi se fosse possibile, conferma, qualora ce ne fosse stato bisogno, le proiezioni del Fondo monetario Internazionale che prevede, per il Venezuela un’inflazione del 720 per cento e una recessione del 10 per cento. Difficoltà nel reperire generi alimentari, carestia di prodotti per l’igiene e, mancanza d’ogni tipo di medicina. Ma nulla spaventa di più della possibilità di perdere la vita per un telefonino, un paio di scarpe e, oggi, addirittura per un chilo di farina.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

14:34Nuoto: Paltrinieri eliminato nei 400 sl

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'eliminazione di Gregorio Paltrinieri dalla finale dei 400 sl è una delle poche note stonate della prima giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. L'olimpionico e primatista mondiale dei 1500 sl ha nuotato in 3'44"70 ottenendo solo il 15/o crono. Piero Codia e Matteo Rivolta si qualificano per le semifinali dei 100 farfalla, rispettivamente con il primo (50"40) e il quinto tempo (50"80). Arianna Castiglioni centra dei 50 rana le semifinali col quarto tempo di 30"12 (primato italiano), con lei Martina Carraro nona in 30"30. Nella gara maschile in semifinale con il miglior tempo Fabio Scozzoli (25"90). Avanza anche Nicolò Martinenghi, nono in 26"43. Silvia Scalia nuota nei 100 dorso la sua seconda miglior prestazione in 57"91 col quarto tempo, subito davanti a Federica Pellegrini quinta in 57"95. Entrambe si qualificano per le semifinali. In finale Ilaria Cusinato nei 400 misti, Simona Quadarella negli 800 sl e la staffetta 4x50 sl maschile (miglior tempo in 1'25"33).

Archivio Ultima ora