Venezuela: l’arroganza della delinquenza provoca l’esodo dei nostri giovani

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

violencia

Non un fatto isolato, ma la punta di un iceberg. Postate su Youtube, le immagini dei detenuti sul tetto del carcere di Porlamar, mentre sparano raffiche di mitra all’aria come ultimo tributo al loro leader assassinato, hanno avuto il merito di mostrare una realtà che, si pensava, esistesse solo nelle pagine dei “mass-media”. Insomma, che fosse frutto dell’esagerazione di un certo tipo di stampa pronta ad alterare i fatti pur di conquistare nuovi lettori.

La delinquenza, oggi, ha superato abbondantemente la capacità di risposta delle istituzioni, in ogni rione e in ogni città. Non più solo nei “barrios”, dove la vita da sempre è una lotteria; ora anche nei quartieri di classe media. Detta le proprie regole, impone la propria legge. E le forze dell’ordine sono sempre più inermi di fronte al loro potere. Le bande si moltiplicano e l’armamento di cui dispongono è sempre più moderno e mortale. I loro “soldati” sono arruolati soprattutto in seno alla micro-criminalità capace di uccidere per un paio di scarpe o un telefonino; una micro-criminalità che quando non è assorbita dalle bande esistenti ne crea di nuove. Sempre più violente, sempre più feroci, sempre più audaci.

Non deve sorprendere, quindi, se nei giorni scorsi a Maracay una banda di malviventi ha imposto il “copri-fuoco” a un intero quartiere dalle 10 alle 11. Motivo? Permettere al corteo funebre di uno dei loro membri, di transitare liberamente senza alcun ostacolo. Nessuno si è ribellato. Avvisati da volantini, minacciati dai membri del “clan”, i negozianti piccoli e grandi hanno abbassato le saracinesche e il trasporto pubblico si è paralizzato. Nessuno si è azzardato, se non qualche sprovveduto cittadino, a transitare per strada. La polizia si è limitata a osservare. Non è intervenuta. L’ha fatto solo dopo che i giornali ne hanno dato notizia e, quindi, non poteva farne a meno.

Un fatto isolato? No. Quanto accaduto a Maracay era già avvenuto in altre città del Venezuela sotto lo sguardo inerme – o indifferente – delle Forze dell’Ordine. Caracas, Valencia, Barinas, Maracaibo, Barquisimeto, Maturin. Ovunque la delinquenza dilaga e la micro-criminalità cresce, si organizza, si arma. Diventa potente e temuta. E provoca l’esodo di giovani venezuelani che cercano all’estero la tranquillità che il Paese non offre, come si evidenzia in uno dei reportage (“Y si lo pensamos bien yo me quedo”) trasmesso dallo stesso canale dello Stato, Venezolana de Televisiòn.

La nostra Collettività, com’è ovvio, non è immune a questo flagello. Furti, estorsioni, borseggi, rapine. Tante le storie. Basta ascoltare le conversazioni dei connazionali nei nostri Centri sociali e Case d’Italia. Sono episodi sussurrati che si moltiplicano tra i tavolinetti dei bar, nelle grade dei campi di calcio o ai bordi delle piscine. Non c’è sorpresa nelle loro parole, solo rassegnazione. E, di volta in volta, il sospiro di sollievo per una disavventura a lieto fine.

Oggi i rapimenti si moltiplicano. Ma non si denunciano per paura. Non alimentano le statistiche, che la polizia preferisce nascondere all’opinione pubblica. Ma la mancanza di cifre credibili e computi reali non vuol dire che l’industria del sequestro non sia fiorente come in passato. Oggi più che mai la Collettività ha bisogno del suo esperto antisequestro.

La Procuratrice della Repubblica, Luisa Ortega Dìaz, nello smentire il dossier dell’Ong messicana “Consiglio Cittadino per la Sicurezza e la Giustizia Penale”, che colloca Caracas al Top della classifica tra le città più violente al mondo con 119,87 omicidi ogni 100 mila abitanti e Maturin al quinto posto, ha comunque ammesso indirettamente che 17mila 778 omicidi in un anno sono veramente tanti. Troppi. Si tratta di una vera e propria carneficina. Il Venezuela, con un tasso attorno ai 60 morti uccisi ogni 100 mila abitanti non occuperà il primo posto tra i Paesi più violenti ma sicuramente è nella Top-ten.

La delinquenza cresce in maniera esponenziale e non risparmia neanche i venezuelani più umili che, nei “barrios” fanno la fila alle porte dei generi alimentari per acquistare pasta, farina, uova, latte, carne o pollo, se ne trovano. Bande armate di motociclisti seminano il panico e spadroneggiano ovunque.

Si trema anche davanti al nostro Consolato Generale d’Italia a Caracas. Si è rafforzata, com’è giusto che fosse, la sicurezza interna alla struttura. Non ci sono solo documenti delicati, cartelle, certificati e passaporti da proteggere, ma anche, anzi soprattutto, c’è da assicurare l’incolumità del personale. Nulla da eccepire. Qualunque provvedimento in tal senso è benvenuto. Ciò che è incomprensibile, però, è la ragione per la quale, pur avendo spazio all’interno della struttura per accogliere gli utenti che attendono il loro turno per un documento, si obblighi ancora il connazionale a stare in strada.

E’ lecito chiedersi se la loro sicurezza conti meno di quella dei funzionari. Si è provveduto ad avviare il sistema degli appuntamenti, che va comunque rivisto e migliorato, per assicurare al connazionale un miglior servizio. Ma poi lo si lascia attendere in strada, in una delle città più violente al mondo.

La rapida crescita della delinquenza, in Venezuela, è la conseguenza di una crisi economica, politica e sociale dalle proporzioni dantesche. Mentre la politica non riesce a trovare un terreno comune, nel quale incontrarsi per studiare le riforme di cui ha bisogno il paese, la crisi è diventata incontrollabile. Come sostiene il deputato ed economista Josè Guerra, la vendita delle riserve aurifere della nazione è il termometro della gravità della situazione.

Il Venezuela non ha valuta sufficiente per far fronte ai debiti in scadenza. Ha bisogno di quasi 10 miliardi di dollari per evitare lo spettro del default. E intanto, come sostiene la prestigiosa agenzia Bloomberg nel suo dossier annuale, il Paese è nella Top-ten delle nazioni più miserabili al mondo, in compagnia dell’Argentina, del Brasile e della Spagna.

E’ questa una classifica singolare che prende in considerazione numerose variabili economiche, tra le quali l’inflazione, la disoccupazione e il deficit.

Il primato, che i venezuelani cederebbero volentieri ad altri Paesi se fosse possibile, conferma, qualora ce ne fosse stato bisogno, le proiezioni del Fondo monetario Internazionale che prevede, per il Venezuela un’inflazione del 720 per cento e una recessione del 10 per cento. Difficoltà nel reperire generi alimentari, carestia di prodotti per l’igiene e, mancanza d’ogni tipo di medicina. Ma nulla spaventa di più della possibilità di perdere la vita per un telefonino, un paio di scarpe e, oggi, addirittura per un chilo di farina.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora