Mattarella e Renzi, pressing in Ue per la crescita

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la visita nella sede della Rappresentanza Permanente presso le Nazioni Unite, New York, 10 febbraio 2016. ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la visita nella sede della Rappresentanza Permanente presso le Nazioni Unite, New York, 10 febbraio 2016.
ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

ROMA. – Far passare il messaggio che non è più tempo di indugiare, che “di sola austerity si muore”. Convincere i leader europei che non solo perseverare nella “cura” del rigore li porterà a perdere le elezioni nei loro Paesi, ma che quella cura si è rivelata sbagliata ed è ormai chiaramente un “accanimento terapeutico” sull’economia europea.

A questo mira la “battaglia” ingaggiata con Bruxelles, assicura Matteo Renzi. Una battaglia che non ha ancora la spinta politica necessaria. Perciò il premier ha avviato una girandola di contatti per rinsaldare un asse anti-austerità innanzitutto nel campo socialista, che al momento – scuotono la testa i renziani – si presenta diviso e a dir poco timido. E incontrerà a Palazzo Chigi il presidente del Parlamento Ue, il socialista tedesco Martin Schulz, e il presidente austriaco Werner Faymann.

In questo momento, osserva da New York Sergio Mattarella, “non è condivisa da tutti” la linea italiana. Ma è ferma convinzione del presidente della Repubblica che dopo il “necessario periodo di austerity” c’è bisogno di “un momento di espansione”. Il capo dello Stato lo afferma in un discorso alla Columbia university: “L’Unione europea deve mirare a politiche che creino investimenti e occupazione”, mentre dà risposte “strutturali” alla questione dei migranti. E’ crescente, nota il presidente della Repubblica, la “sfiducia” nella capacità dell’Ue di reagire alle crisi ma “le difficoltà non sono insuperabili”. E l’Italia è persuasa che, nell’economia come sui migranti, servano più “integrazione” e capacità di “leadership”.

Forte anche di questo sostegno, il presidente del Consiglio ha intenzione di non mollare la presa sui colleghi europei. La prossima settimana, dopo un viaggio istituzionale in Argentina, incontrerà il leader socialista spagnolo, Pedro Sanchez, che sta provando a formare un governo a Madrid. E, dopo le consuete comunicazioni alla Camera e al Senato, in programma per mercoledì 17, volerà a Bruxelles per il Consiglio europeo.

Ma è nei contatti bilaterali – da Hollande e Cameron, al socialista austriaco Faymann che incontrerà domani a pranzo – che il premier sta provando a costruire il consenso necessario a spezzare la linea dell’austerità in Europa. Il colloquio con Schulz e poi quello del 26 febbraio con Jean Claude Juncker serviranno anche a ribadire che il Pd ha dato ai vertici istituzionali europei un mandato preciso, fondato su crescita e investimenti. Ora, non si stancano di ripetere gli europarlamentari Dem, ci si aspettano passi concreti. Un impegno che la pattuglia italiana a Bruxelles è pronto a far valere a giugno, quando Schulz dovrebbe lasciare la carica di presidente a un eletto Ppe.

Prima di discutere degli incarichi, prima di dibattere della proposta franco-tedesca – cui l’Italia è favorevole – di un ministro del Tesoro europeo, bisogna cambiare “direzione” alla politica economica europea, sottolinea Renzi. E intanto, ribadisce, l’Italia non accetta più di sentirsi sotto accusa. Perché ha fatto i “compiti a casa” delle riforme e “rispetta le regole” di bilancio, mentre altri Paesi come la Spagna sono cresciuti “violando in modo macroscopico le regole di deficit”.

Anche le accuse rivolte al sistema bancario italiano, mentre infuria l’ennesima tempesta delle borse, non hanno ragion d’essere, secondo il premier: “Il sistema italiano è solido, sono molto più preoccupato per banche di altri Paesi”, ha detto mercoledì notte dopo il Cdm. “Ad esempio – ha aggiunto, con implicito riferimento a Deutsche Bank – una crisi del sistema bancario ha certo effetti anche da noi”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:01Expo, pronta memoria difensiva di Giuseppe Sala

(ANSA) - MILANO, 21 LUG - E' pronto a difendersi con una memoria che dovrebbe essere depositata in Procura generale all'inizio della prossima settimana, il sindaco di Milano Giuseppe Sala indagato per falso materiale e ideologico e turbativa d'asta nell'inchiesta con al centro l'appalto per la 'Piastra dei Servizi' di Expo e che vede indagate 8 persone, tra cui il primo cittadino in qualità di ex ad per l'Esposizione Universale, e anche due società. Da quanto si è saputo, infatti, i legali sono al lavoro per completare la memoria difensiva e il difensore di Sala, l'avvocato Salvatore Scuto, potrebbe depositarla il 25 luglio. Quel giorno scadranno i termini fissati dal sostituto pg Felice Isnardi, titolare dell'inchiesta, dopo la chiusura delle indagini e previsti dal codice (sono stati prorogati perché i difensori hanno dovuto attendere diversi giorni prima di poter accedere agli atti) per dare la possibilità agli indagati o di chiedere un interrogatorio o di depositare memorie, come farà appunto la difesa del sindaco.

18:57Atletica: Italia regina 100 m, Tortu oro europeo Under20

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il ragazzo più veloce d'Europa è italiano e si chiama Filippo Tortu. Il 19enne brianzolo con origini sarde ha conquistato la medaglia d'oro dei 100 metri ai Campionati Europei under 20 in corso a Grosseto. Sul rinnovato rettilineo azzurro dello Stadio Zecchini Tortu è sfrecciato in 10.73 contro un autentico muro di vento (-4.3). Battuti il finlandese Samuel Purola (10.79) e il britannico Oliver Bromby (10.88). "Sapevo di poter vincere - le parole dello sprinter - il tempo non ha alcuna importanza. Esultare davanti a questa tribuna gremita e vedere dalla pista questa incredibile macchia azzurra che mi festeggiava è un'emozione che non riesco a spiegare. Ora correrò la 4x100 con i miei compagni, possiamo fare grandi cose. E poi penserò ai Mondiali di Londra". Si tratta del primo titolo continentale per l'Italia sui 100 nella rassegna juniores.

18:48Pd: al via nel Reggiano la Festa regionale Emilia-Romagna

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 LUG - Parte tra una settimana, venerdì 28 luglio, l'ottava edizione della Festa Regionale del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna nel Parco Secchia di Villalunga di Casalgrande (Reggio Emilia), in programma fino a Ferragosto. Tra gli ospiti i ministri Delrio (30 luglio), Lotti (1 agosto), Minniti (3), Orlando (4), Madia (8), Martina (9), la Sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi (5), il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini (2), Debora Serracchiani (10), Antonio Decaro (8) e Matteo Richetti (6). Primo dibattito il 28 luglio (ore 21) con il presidente del Pd, Matteo Orfini, e il segretario dell'Emilia Romagna, Paolo Calvano. Sono stati invitati altri ospiti "che potrebbero confermare la loro presenza nei prossimi giorni". Nel programma diffuso oggi dal Pd E-R non compare al momento Matteo Renzi, che è stato presente alle ultime edizioni della Festa. (ANSA).

18:43Francia: ancora veleni per dimissioni capo esercito

(ANSA) - PARIGI, 21 LUG - Ancora veleni in Francia dopo le dimissioni del capo di Stato maggiore dell'esercito, Pierre de Villiers, in aperta polemica con il presidente Emmanuel Macron per i tagli al bilancio della Difesa. In un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano Le Figaro, il portavoce del governo, Christophe Castaner - uno dei fedelissimi dell'attuale presidente - ha accusato De Villiers di essere stato "sleale dal punto vista della comunicazione" e di aver "messo in scena le sue dimissioni". Davanti alla commissione Difesa dell'Assemblea Nazionale, il generale aveva tuonato la settimana scorsa contro il taglio di 850 milioni di euro ai militari voluto da Macron per il 2017. De Villiers "si è comportato da poeta rabbioso - rincara Castaner - Avremmo preferito sentire la sua visione strategica (...) piuttosto che i suoi commenti sul bilancio".

18:41Usa: media, Spicer si è dimesso da portavoce Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 21 LUG - Sean Spicer si è dimesso da portavoce del presidente Usa Donald Trump. Lo riferiscono i media americani, apparentemente in contrasto con il presidente per la nuova nomina del direttore della comunicazione alla Casa Bianca, il finanziere Anthony Scaramucci.

18:34Gentiloni, da Ue pretendiamo solidarietà

(ANSA) - TORINO, 21 LUG - "Dai nostri vicini, dai Paesi che condividono il progetto europeo abbiamo diritto di pretendere solidarietà. Non accettiamo lezioni né parole minacciose. Serenamente ci limitiamo a dire che noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l'Europa faccia il proprio senza darci improbabili lezioni". Lo ha detto a Torino il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dopo l'invito dei leader del gruppo di Visegard a "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori.

18:26Fiorentina: striscione contro Corvino ‘Dimettiti’

(ANSA) - MOENA (tn), 21 LUG - 'Venderesti anche te stesso, Corvino dimettiti'. Questo lo striscione esposto sulle cancellate del campo Benatti di Moena dove da quasi due settimane si sta allenando la Fiorentina. Uno striscione apparso in coincidenza dell'arrivo, questo pomeriggio, del direttore generale viola nel ritiro della squadra insieme al presidente esecutivo Mario Cognigni. I tifosi viola sono sempre più arrabbiati e delusi dopo l'ultima cessione, quella di Federico Bernardeschi alla Juventus definita in queste ore. E proprio all'ormai ex attaccante della Fiorentina è stato 'dedicato' a Moena l'ennesimo striscione di protesta.

Archivio Ultima ora