Mattarella e Renzi, pressing in Ue per la crescita

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la visita nella sede della Rappresentanza Permanente presso le Nazioni Unite, New York, 10 febbraio 2016. ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la visita nella sede della Rappresentanza Permanente presso le Nazioni Unite, New York, 10 febbraio 2016.
ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

ROMA. – Far passare il messaggio che non è più tempo di indugiare, che “di sola austerity si muore”. Convincere i leader europei che non solo perseverare nella “cura” del rigore li porterà a perdere le elezioni nei loro Paesi, ma che quella cura si è rivelata sbagliata ed è ormai chiaramente un “accanimento terapeutico” sull’economia europea.

A questo mira la “battaglia” ingaggiata con Bruxelles, assicura Matteo Renzi. Una battaglia che non ha ancora la spinta politica necessaria. Perciò il premier ha avviato una girandola di contatti per rinsaldare un asse anti-austerità innanzitutto nel campo socialista, che al momento – scuotono la testa i renziani – si presenta diviso e a dir poco timido. E incontrerà a Palazzo Chigi il presidente del Parlamento Ue, il socialista tedesco Martin Schulz, e il presidente austriaco Werner Faymann.

In questo momento, osserva da New York Sergio Mattarella, “non è condivisa da tutti” la linea italiana. Ma è ferma convinzione del presidente della Repubblica che dopo il “necessario periodo di austerity” c’è bisogno di “un momento di espansione”. Il capo dello Stato lo afferma in un discorso alla Columbia university: “L’Unione europea deve mirare a politiche che creino investimenti e occupazione”, mentre dà risposte “strutturali” alla questione dei migranti. E’ crescente, nota il presidente della Repubblica, la “sfiducia” nella capacità dell’Ue di reagire alle crisi ma “le difficoltà non sono insuperabili”. E l’Italia è persuasa che, nell’economia come sui migranti, servano più “integrazione” e capacità di “leadership”.

Forte anche di questo sostegno, il presidente del Consiglio ha intenzione di non mollare la presa sui colleghi europei. La prossima settimana, dopo un viaggio istituzionale in Argentina, incontrerà il leader socialista spagnolo, Pedro Sanchez, che sta provando a formare un governo a Madrid. E, dopo le consuete comunicazioni alla Camera e al Senato, in programma per mercoledì 17, volerà a Bruxelles per il Consiglio europeo.

Ma è nei contatti bilaterali – da Hollande e Cameron, al socialista austriaco Faymann che incontrerà domani a pranzo – che il premier sta provando a costruire il consenso necessario a spezzare la linea dell’austerità in Europa. Il colloquio con Schulz e poi quello del 26 febbraio con Jean Claude Juncker serviranno anche a ribadire che il Pd ha dato ai vertici istituzionali europei un mandato preciso, fondato su crescita e investimenti. Ora, non si stancano di ripetere gli europarlamentari Dem, ci si aspettano passi concreti. Un impegno che la pattuglia italiana a Bruxelles è pronto a far valere a giugno, quando Schulz dovrebbe lasciare la carica di presidente a un eletto Ppe.

Prima di discutere degli incarichi, prima di dibattere della proposta franco-tedesca – cui l’Italia è favorevole – di un ministro del Tesoro europeo, bisogna cambiare “direzione” alla politica economica europea, sottolinea Renzi. E intanto, ribadisce, l’Italia non accetta più di sentirsi sotto accusa. Perché ha fatto i “compiti a casa” delle riforme e “rispetta le regole” di bilancio, mentre altri Paesi come la Spagna sono cresciuti “violando in modo macroscopico le regole di deficit”.

Anche le accuse rivolte al sistema bancario italiano, mentre infuria l’ennesima tempesta delle borse, non hanno ragion d’essere, secondo il premier: “Il sistema italiano è solido, sono molto più preoccupato per banche di altri Paesi”, ha detto mercoledì notte dopo il Cdm. “Ad esempio – ha aggiunto, con implicito riferimento a Deutsche Bank – una crisi del sistema bancario ha certo effetti anche da noi”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora