Via libera a missione Nato contro trafficanti nell’Egeo

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

migranttt

BRUXELLES. – I ministri della Difesa dell’Alleanza Atlantica, a cominciare dall’americano Ash Carter, hanno dato il via libera ad una missione sotto bandiera Nato contro “i trafficanti di esseri umani e l’immigrazione illegale” nel mar Egeo.

Ma intanto il presidente Recep Tayyip Erdogan alza la posta. Da una parte torna a chiedere l’istituzione di una ‘no-fly zone’ (sulla quale in Nato glissano) come unico mezzo per fermare la guerra in Siria, dall’altra conferma con “orgoglio” che all’epoca dell’accordo sul piano d’azione con la Ue ha minacciato Juncker di mandare milioni di rifugiati in Europa. E ribadisce che se non avrà più fondi potrebbe aprire le porte anche domani: “Non abbiamo la scritta ‘idioti’ sulla fronte. Saremo pazienti, ma faremo quello che dovremo. Non pensate che gli aerei e gli autobus sono lì per niente…”.

Una minaccia che arriva mentre gli europei notano che il flusso dei migranti dalla Turchia non è significativamente diminuito e la Germania annuncia che manterrà i controlli alle frontiere per altri tre mesi (in coincidenza con l’ultimatum alla Grecia, che potrebbe di fatto ridisegnare la frontiera esterna dell’area Schengen). L’ambasciatore turco presso la Ue, Selim Yenel, invece volla come “inaccettabile” il piano della presidenza olandese di prendere in Europa solo 250mila rifugiati siriani in cambio di frontiere sigillate verso la Ue ma aperte dal lato siriano.

La missione Nato approvata a tempo di record nasce dall’accordo tra Angela Merkel ed il primo ministro Davutoglu, annunciato lunedì scorso durante la visita della cancelliera ad Ankara. Fonti diplomatiche specificano che la leader tedesca aveva già ottenuto il consenso del greco Alexis Tsipras. La missione sarà condotta dai mezzi di Germania, Grecia e Turchia sotto l’egida Nato.

Il comandante supremo dell’Alleanza, Philip Breedlove, ha già dato l’ordine alle tre navi (turca, tedesca e canadese) schierate nel Mediterraneo Orientale come “misura di rassicurazione” per la Turchia, di far rotta nel Mar Egeo. Obiettivo della missione, come sottolinea Carter, la “rete di crimine organizzato” che sfrutta i migranti. I mezzi della Nato, ha precisato il segretario generale, Jens Stoltenberg, “aumenteranno la sorveglianza della frontiera turco-siriana”, con le navi, ma anche con aerei-radar Awacs e sistemi elettronici di intelligence e ricognizione. E l’ex premier norvegese sottolinea che “lo scopo non è quello di fermare o rimandare indietro i barconi dei migranti”.

E’ però evidente lo scopo di scoraggiare chi si mette in mare: tutte le persone che saranno raccolte saranno “automaticamente riportate in Turchia” indipendentemente da dove saranno stati salvati e da chi. Tra i dettagli ancora da chiarire, ma sui quali la Nato annuncia di aver cominciato da subito a lavorare, il coordinamento con Frontex e l’Unione europea. Ma anche il funzionamento pratico della missione.

Stoltenberg e Carter hanno chiarito che i mezzi di Turchia e Grecia opereranno esclusivamente nelle rispettive acque territoriali, senza sconfinamenti. Per riportare in Turchia chi è raccolto da navi greche saranno “seguiti gli accordi bilaterali”. Roberta Pinotti ha espresso soddisfazione per l’accordo e la “risposta operativa ad un problema sul fronte sud dell’Alleanza”.

La ministro della Difesa ha anche ricordato che l’Italia aveva già chiesto tempo fa l’attivazione di una missione simile, riscontrando “perplessità”. Ora il percorso appare “più piano”, osserva, aggiungendo che c’è una “apertura positiva” all’estensione dell’operazione antiterrorismo ‘Active Endeavour’ della Nato (lanciata dopo il 9/11) alle acque davanti alla Libia in cui già opera l’italiana ‘Mare Sicuro’.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

11:01Rigopiano: Stefano vivo, a Valva si riaccende la speranza

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 21 GEN - La notizia che Stefano Feniello è vivo ed è stato individuato assieme alla fidanzata Francesca Bronzi ed altre tre persone sotto le macerie del resort Rigopiano è giunta nel cuore della notte a Valva (Salerno). "Aspettiamo qualche buona notizia'' aveva detto ieri lo zio di Stefano, Claudio, che stamattina insieme con la sorella Graziella ed il figlio Carmine si sta dirigendo a Silvi Marina dove vive la famiglia di Stefano. "Per il momento non abbiamo notizie - dice Claudio Feniello - speriamo che quando saremo a destinazione nostro nipote sia stato estratto dalle macerie". A telefono il fratello di Stefano, Andrea, che si trova in queste ore a Pescara, dice: 'Aspettiamo notizie''.

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

Archivio Ultima ora