Via libera a missione Nato contro trafficanti nell’Egeo

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

migranttt

BRUXELLES. – I ministri della Difesa dell’Alleanza Atlantica, a cominciare dall’americano Ash Carter, hanno dato il via libera ad una missione sotto bandiera Nato contro “i trafficanti di esseri umani e l’immigrazione illegale” nel mar Egeo.

Ma intanto il presidente Recep Tayyip Erdogan alza la posta. Da una parte torna a chiedere l’istituzione di una ‘no-fly zone’ (sulla quale in Nato glissano) come unico mezzo per fermare la guerra in Siria, dall’altra conferma con “orgoglio” che all’epoca dell’accordo sul piano d’azione con la Ue ha minacciato Juncker di mandare milioni di rifugiati in Europa. E ribadisce che se non avrà più fondi potrebbe aprire le porte anche domani: “Non abbiamo la scritta ‘idioti’ sulla fronte. Saremo pazienti, ma faremo quello che dovremo. Non pensate che gli aerei e gli autobus sono lì per niente…”.

Una minaccia che arriva mentre gli europei notano che il flusso dei migranti dalla Turchia non è significativamente diminuito e la Germania annuncia che manterrà i controlli alle frontiere per altri tre mesi (in coincidenza con l’ultimatum alla Grecia, che potrebbe di fatto ridisegnare la frontiera esterna dell’area Schengen). L’ambasciatore turco presso la Ue, Selim Yenel, invece volla come “inaccettabile” il piano della presidenza olandese di prendere in Europa solo 250mila rifugiati siriani in cambio di frontiere sigillate verso la Ue ma aperte dal lato siriano.

La missione Nato approvata a tempo di record nasce dall’accordo tra Angela Merkel ed il primo ministro Davutoglu, annunciato lunedì scorso durante la visita della cancelliera ad Ankara. Fonti diplomatiche specificano che la leader tedesca aveva già ottenuto il consenso del greco Alexis Tsipras. La missione sarà condotta dai mezzi di Germania, Grecia e Turchia sotto l’egida Nato.

Il comandante supremo dell’Alleanza, Philip Breedlove, ha già dato l’ordine alle tre navi (turca, tedesca e canadese) schierate nel Mediterraneo Orientale come “misura di rassicurazione” per la Turchia, di far rotta nel Mar Egeo. Obiettivo della missione, come sottolinea Carter, la “rete di crimine organizzato” che sfrutta i migranti. I mezzi della Nato, ha precisato il segretario generale, Jens Stoltenberg, “aumenteranno la sorveglianza della frontiera turco-siriana”, con le navi, ma anche con aerei-radar Awacs e sistemi elettronici di intelligence e ricognizione. E l’ex premier norvegese sottolinea che “lo scopo non è quello di fermare o rimandare indietro i barconi dei migranti”.

E’ però evidente lo scopo di scoraggiare chi si mette in mare: tutte le persone che saranno raccolte saranno “automaticamente riportate in Turchia” indipendentemente da dove saranno stati salvati e da chi. Tra i dettagli ancora da chiarire, ma sui quali la Nato annuncia di aver cominciato da subito a lavorare, il coordinamento con Frontex e l’Unione europea. Ma anche il funzionamento pratico della missione.

Stoltenberg e Carter hanno chiarito che i mezzi di Turchia e Grecia opereranno esclusivamente nelle rispettive acque territoriali, senza sconfinamenti. Per riportare in Turchia chi è raccolto da navi greche saranno “seguiti gli accordi bilaterali”. Roberta Pinotti ha espresso soddisfazione per l’accordo e la “risposta operativa ad un problema sul fronte sud dell’Alleanza”.

La ministro della Difesa ha anche ricordato che l’Italia aveva già chiesto tempo fa l’attivazione di una missione simile, riscontrando “perplessità”. Ora il percorso appare “più piano”, osserva, aggiungendo che c’è una “apertura positiva” all’estensione dell’operazione antiterrorismo ‘Active Endeavour’ della Nato (lanciata dopo il 9/11) alle acque davanti alla Libia in cui già opera l’italiana ‘Mare Sicuro’.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora