Il referendum sulle trivelle si farà il 17 aprile, quorum a rischio

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

trivelle

ROMA. – Nessun election day. Il referendum contro le trivelle per la ricerca di petrolio in Adriatico si farà il 17 aprile e non quindi nello stesso giorno delle elezioni amministrative (data peraltro non ancora fissata). Il Cdm lo ha deciso nonostante appelli e sollecitazioni a non sprecare centinaia di milioni di euro (dai 300 ai 400 è la stima) che costerebbe organizzare la consultazione popolare.

Ora ambientalisti e alcune frange politiche sperano in un ‘rifiuto’ del presidente della Repubblica a firmare il decreto. Altro timore è che sia un flop, per mancanza di quorum. Il risultato è “meno partecipazione e più costi” sintetizza Roberto Speranza, deputato che guida la minoranza Pd. E il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, pur dello stesso avviso, avverte che “è una scelta che può essere rimeditata dal governo” anche per dare più informazione ai cittadini su una materia complessa.

Il quesito riguarderà la durata delle autorizzazioni già rilasciate a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti entro le 12 miglia dalla costa e cioè che abbiano la “durata della vita utile del giacimento”.

Ad attaccare l’Esecutivo è il Movimento 5 Stelle, secondo cui l’obiettivo è “affossare definitivamente” il referendum. In sostanza, dice Loredana De Petris (Gruppo Misto-Sel), “è il tentativo sfacciato di rendere più difficile il raggiungimento del quorum”. Si rincorrono i commenti e gli attacchi alla scelta del governo ‘truffaldina’ secondo Nicola Fratoianni di Sel perchè “non consente il tempo sufficiente per aprire nel Paese una discussione ampia che permetta agli italiani di decidere consapevolmente e in maniera approfondita”.

Sinistra Italiana ha presentato una proposta di legge, “semplice e snella di due articoli, che potrebbe essere approvata in 24 ore se solo si volesse” spiega, ‘aiutando’ il ministro Alfano che una settimana fa aveva spiegato che per l’election day ci voleva una legge. Una proposta di legge è stata presentata anche da Alternativa Libera. Che insieme a Sinistra Italiana e Possibile formano un asse per un appello rivolto, più che a Matterella, ad ambientalisti del Pd e presidenti di Regione che hanno promosso il referendum, in modo che Palazzo Chigi riveda la scelta.

Per Pippo Civati, obiettivo del governo è “rendere inutile la consultazione”, “richiesta da Regioni spesso guidate dal partito di cui il premier è segretario”. Il tutto, “per tenersi buoni i petrolieri” dice Rosa Rinaldi, responsabile Ambiente di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea. Di “truffa” parla anche l’ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio, attuale presidente della Fondazione UniVerde.

Scendono in campo gli ambientalisti da Greenpeace (‘scelta antidemocratica e scellerata, una truffa pagata coi soldi degli italiani) al Wwf (‘la politica del Governo si conferma fossile, nella sostanza e nei metodi’) a Legambiente e al Coordinamento No Triv che ricordano che sulle trivelle, dinanzi alla Corte costituzionale pendono ancora due conflitti di attribuzione, la cui ammissibilità verrà decisa a breve con il rischio che gli italiani possano essere richiamati a votare, con ulteriore spreco di denaro pubblico. Il Codacons ricorrerà al Tar.

(di Stefania De Francesco/ANSA)

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora