Il referendum sulle trivelle si farà il 17 aprile, quorum a rischio

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

trivelle

ROMA. – Nessun election day. Il referendum contro le trivelle per la ricerca di petrolio in Adriatico si farà il 17 aprile e non quindi nello stesso giorno delle elezioni amministrative (data peraltro non ancora fissata). Il Cdm lo ha deciso nonostante appelli e sollecitazioni a non sprecare centinaia di milioni di euro (dai 300 ai 400 è la stima) che costerebbe organizzare la consultazione popolare.

Ora ambientalisti e alcune frange politiche sperano in un ‘rifiuto’ del presidente della Repubblica a firmare il decreto. Altro timore è che sia un flop, per mancanza di quorum. Il risultato è “meno partecipazione e più costi” sintetizza Roberto Speranza, deputato che guida la minoranza Pd. E il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, pur dello stesso avviso, avverte che “è una scelta che può essere rimeditata dal governo” anche per dare più informazione ai cittadini su una materia complessa.

Il quesito riguarderà la durata delle autorizzazioni già rilasciate a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti entro le 12 miglia dalla costa e cioè che abbiano la “durata della vita utile del giacimento”.

Ad attaccare l’Esecutivo è il Movimento 5 Stelle, secondo cui l’obiettivo è “affossare definitivamente” il referendum. In sostanza, dice Loredana De Petris (Gruppo Misto-Sel), “è il tentativo sfacciato di rendere più difficile il raggiungimento del quorum”. Si rincorrono i commenti e gli attacchi alla scelta del governo ‘truffaldina’ secondo Nicola Fratoianni di Sel perchè “non consente il tempo sufficiente per aprire nel Paese una discussione ampia che permetta agli italiani di decidere consapevolmente e in maniera approfondita”.

Sinistra Italiana ha presentato una proposta di legge, “semplice e snella di due articoli, che potrebbe essere approvata in 24 ore se solo si volesse” spiega, ‘aiutando’ il ministro Alfano che una settimana fa aveva spiegato che per l’election day ci voleva una legge. Una proposta di legge è stata presentata anche da Alternativa Libera. Che insieme a Sinistra Italiana e Possibile formano un asse per un appello rivolto, più che a Matterella, ad ambientalisti del Pd e presidenti di Regione che hanno promosso il referendum, in modo che Palazzo Chigi riveda la scelta.

Per Pippo Civati, obiettivo del governo è “rendere inutile la consultazione”, “richiesta da Regioni spesso guidate dal partito di cui il premier è segretario”. Il tutto, “per tenersi buoni i petrolieri” dice Rosa Rinaldi, responsabile Ambiente di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea. Di “truffa” parla anche l’ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio, attuale presidente della Fondazione UniVerde.

Scendono in campo gli ambientalisti da Greenpeace (‘scelta antidemocratica e scellerata, una truffa pagata coi soldi degli italiani) al Wwf (‘la politica del Governo si conferma fossile, nella sostanza e nei metodi’) a Legambiente e al Coordinamento No Triv che ricordano che sulle trivelle, dinanzi alla Corte costituzionale pendono ancora due conflitti di attribuzione, la cui ammissibilità verrà decisa a breve con il rischio che gli italiani possano essere richiamati a votare, con ulteriore spreco di denaro pubblico. Il Codacons ricorrerà al Tar.

(di Stefania De Francesco/ANSA)

Ultima ora

11:01Gerusalemme, Israele comincia rimozione metal detector

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 LUG - Dopo la decisione di ieri del governo, Israele ha cominciato a rimuovere durante la notte i metal detector che dal 14 luglio scorso erano stati posti, dopo un attentato, all'ingresso della Spianata delle Moschee nella Città Vecchia di Gerusalemme. Gli apparati tolti saranno sostituiti nei prossimi mesi da telecamere 'a tecnologia avanzata' ma questa misura non sembra andare incontro alle richieste dei responsabili islamici della Spianata che si oppongono a qualsiasi tipo di controllo israeliano sugli ingressi al luogo santo. Insieme ai metal detector sono state rimosse anche alcune delle telecamere che nei giorni scorsi erano state montate agli ingressi della Spianata. Il Gabinetto di sicurezza israeliano ha stanziato 100 milioni di shekel (25 milioni di euro) per realizzare entro sei mesi il nuovo piano di sicurezza che prevede appunto anche telecamere a tecnologia avanzata con alta risoluzione che consentono di individuare esplosivi e armi nascoste e sono dotate di sistemi di riconoscimento facciale.

10:46Incendi: deposito Milano, danni di grave entità a struttura

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Sembrerebbero di grave entità i danni registrati nell'impianto di stoccaggio dei rifiuti in cui, ieri sera alle 20, è divampato un furioso incendio ancora in corso di spegnimento. Si tratta dell'azienda Eco.Nova srl, attiva nel riciclaggio e nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Secondo quanto appreso, una parte del tetto è crollata, e anche un'altra zona della struttura sarebbe pericolante. la strada, via Senigallia, è chiusa da via Rubicone. Il 118 ha un'ambulanza in prevenzione che non è dovuta intervenire. Sul posto, stamani, oltre alle squadre di Vigili del fuoco ancora presenti, si sono recati anche i tecnici dell'Nbcr, per scongiurare la possibilità dello sviluppo, nella nube di fumo, di sostanze pericolose e soprattutto di diossine. "Al momento la situazione è sotto controllo - spiegano i Vdf - e non abbiamo ravvisato pericoli immediati per la salute pubblica. Ora la competenza sulla salubrità dell'aria passa all'Arpa per valutare la ricaduta di sostanze inquinanti".

10:45Maltempo, riaperta statale del Brennero in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - La statale del Brennero è nuovamente percorribile nei pressi di Chiusa, in Alto Adige. La strada era stata chiusa ieri per alcuni torrenti straripati. Con il passaggio del fronte di maltempo, in nottata sono stati conclusi i lavori di sgombero da parte del servizio strade provinciale e dei vigili del fuoco della zona. Durante la chiusura della statale il traffico è stato deviato per la vicina autostrada del Brennero.

10:41Droga: due operazioni a Cosenza, 11 arresti per spaccio

(ANSA) - COSENZA, 25 LUG - Due operazioni antidroga, che hanno portato complessivamente all'arresto di 11 persone, sono state eseguite stamattina a Cosenza dalla Squadra mobile e dal Comando provinciale della Guardia di finanza, sotto le direttive della Procura della Repubblica. Nell'operazione condotta dalla polizia sono rimaste coinvolte sette persone, cinque delle quali portate in carcere e due ai domiciliari, accusate di avere svolto un'intensa attività di spaccio di cocaina, soprattutto nella zona del centro storico di Cosenza. Ta i consumatori della droga anche pensionati, avvocati e impiegati di banca. Le quattro persone coinvolte nell'operazione della Guardia di finanza si rifornivano della droga a Casal di Principe (Caserta). L'indagine é partita dalla scoperta di un'attività di usura, con erogazione di prestiti al tasso d'interesse annuale del 120%. La droga che veniva spacciata era contenuta in ovuli ingeriti dalle persone che la reperivano e poi espulsi per il recupero della sostanza stupefacente. (ANSA).

10:40McCain torna in senato per Obamacare

(ANSA) - NEW YORK, 25 LUG - Il senatore John McCain, al quale è stato da poco diagnosticato un tumore al cervello, torna in Senato nelle prossime ore. Lo afferma il suo staff. ''Torna per continuare a lavorare su importanti provvedimenti, inclusi la riforma sanitaria e le nuove sanzioni sulla Russia, l'Iran e la Corea del Nord'', si legge in una nota. Nelle prossime ore è in calendario il voto in Senato sull'abolizione dell'Obamacare, per il quale i repubblicani non sembrano avere i voti necessari e la presenza di McCain potrebbe essere determinante.

10:33Svizzera: continua caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 25 LUG - In Svizzera continua la caccia all'uomo che ieri, armato con una motosega, ha ferito cinque persone a Sciaffusa nel nord del Paese vicino al confine con la Germania. Le forze dell'ordine stanno impiegando elicotteri e unità cinofile per ricercare l'assalitore, Franz Wrousis, un senza fissa dimora di 51 anni. Ieri la polizia ha escluso 'un atto di terrorismo'. Due dei feriti gravi sono ricoverati in ospedale.

10:28Usa: dieci i migranti morti in un camion

(ANSA) - WASHINGTON, 25 LUG - E' stato incriminato e rischia la pena di morte l'uomo che era al volante del camion con a bordo decine di immigrati illegali trovato in un parcheggio dei magazzini Wal-Mart a San Antonio, in Texas, tra cui alcuni che hanno perso la vita durante il viaggio nel veicolo. Si tratta di James Matthew Bradley Jr., comparso ieri in tribunale, accusato del trasporto illegale di migranti risultato nella morte di 10 persone, cui ammonta l'ultimo bilancio delle vittime. Intanto il ministero degli Esteri del Guatemala ha confermato che un cittadino guatemalteco di 20 anni e' tra le vittime, mentre altri due di 17 e 23 anni sono sopravvissuti

Archivio Ultima ora