Dal ponte di Verrazzano ai tanti ponti che uniscono oggi l’Italia e gli Stati Uniti

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

Il presidente Mattarella e il governatore Cuomo durante l'incontro con la collettività italiana nel Museo Guggenheim a NY

Il presidente Mattarella e il governatore Cuomo durante l’incontro con la collettività italiana nel Museo Guggenheim a NY

NEW YORK: Avrebbe potuto essere una visita meno impegnativa quella effettuata dal Presidente Mattarella a New York dopo l’intenso tour de force di Washington ma il nostro Capo di Stato non si è risparmiato in questa sua prima visita alla Grande Mela. Città e Stato di New York, governati da due italo-americani lo meritavano.

Bill De Blasio e Andrew Cuomo sono l’espressione del potere e del rispetto di cui gode la nostra comunità. Ed è ciò che ha ribadito il Presidente nel suo incontro con i tantissimi connazionali che lo hanno accolto nella stupenda cornice del Museo Guggenheim dopo aver sfidato il freddo intenso mentre aspettavano diligentemente in fila che i vari servizi d’ordine ne permettessero l’ingresso.

Gli onori di casa sono stati fatti dalla Console Natalia Quintavalle, ormai in partenza dopo aver concluso con successo la sua missione a New York.

Con voce pacata e parole che tradivano la sua emozione Mattarella ha ricordato i sacrifici di quei pionieri che per primi si sono avventurati in mare per raggiungere la Merica, e in particolare delle donne che hanno affrontato prove molto dure quando hanno dovuto integrarsi in una società tanto diversa e lontana da quella lasciata in patria. Ha parlato dei grandi passi avanti fatti negli anni dalle nuove generazioni grazie ai sacrifici e al lavoro svolto dai primi emigrati.

Oggi le seconde e terze generazioni, perfettamente integrate e completamente americane, continuano a mantenere il legame con la madre patria e, come il Capo di Stato ha sottolineato, rappresentano il grande volano del made in Italy in questo paese.

Parlando di New York ha messo l’accento sulla sua capacità di accoglienza di persone di ogni razza e religione e ha sottolineato come questo aspetto degli Stati Uniti, la facilità con cui integra le comunità che arrivano da ogni parte del mondo, costituisca un grande esempio per chi, come l’Italia, si trova oggi ad affrontare tutte le sfide dell’accoglienza di immigrati che cercano in Europa un diverso futuro, proprio come fecero ieri gli italiani che lasciarono il proprio paese.

Raccontando della sua visita a Ground Zero ha ricordato l’impegno congiunto dei due paesi nella lotta alla barbarie e al terrorismo.

Con orgoglio ha parlato dell’ingegno italiano ricordando anche il lavoro svolto dall’architetto Renzo Piano e in particolare ha fatto riferimento alla nuova sede del Museo “Withney”.

Ad esempio della laboriosità e ingegno degli italiani il Presidente ha citato Giovanni da Verrazzano, l’italo-americano che, insieme ad altri, ha costruito un ponte che porta il suo nome e che unisce Staten Island con Brooklyn. Come quel ponte che unisce, anziché isolare, che accoglie anziché respingere, voi rappresentate un “ponte” tra Stati Uniti e Italia ha detto per poi concludere il suo intervento dicendo in inglese “Today I’m a new yorker”.

Emotive anche le parole del governatore Andrew Cuomo che ha parlato delle proprie origini italiane, napoletane da parte di padre e siciliane da parte di madre, di cui, ha detto, va molto orgoglioso, dell’amicizia del suo paese con l’Italia e dell’orgoglio che prova nell’essere governatore di uno stato, New York, in cui “quasi tutti sono immigrati”.

Diverso il discorso che il Presidente Mattarella ha tenuto nella Columbia University dove lo attendevano studenti e docenti.

Qui ha parlato di politica internazionale, del ruolo dell’Italia all’interno dell’Europa in un momento in cui l’immigrazione prende sempre più i contorni di un’emergenza umanitaria. Mattarella ha puntato il dito contro chi vorrebbe risolvere tutto alzando muri e fili spinati. Ha parlato della necessità di promuovere un’Europa più forte e coesa per dare risposte adeguate alla richiesta d’aiuto che arriva da popolazioni che fuggono dalla guerra e dalla fame.

Seguendo la stessa linea di ragionamento ha spostato il discorso verso il terrorismo dell’Isis riaffermando anche qui l’importanza di un’Europa forte e matura e di un’occidente capace di difendere i valori della giustizia e della democrazia. “Alla barbarie dell’Isis va contrapposto l’occidente dei diritti”. Il Capo dello Stato si è soffermato a lungo sulla realtà italiana impegnandosi a mostrare gli aspetti migliori di un paese la cui immagine all’estero è piuttosto deteriorata dalle informazioni riguardanti i vari scandali che colpiscono personalità pubbliche e rappresentanti istituzionali.

Mattarella ha sottolineato i grandi passi avanti che sta compiendo l’Italia per diventare un paese più trasparente, per modernizzare il suo apparato burocratico e per rendere più agile il lavoro del Parlamento. Su questo punto si è soffermato a lungo difendendo la riforma del Senato che, a detta del Presidente, permetterà all’Italia di dare risposte adeguate alle problematiche che di volta in volta si troverà ad affrontare. E soprattutto di farlo in tempi brevi, consoni con la velocità impressa dalle nuove tecnologie all’epoca che stiamo vivendo.

Emotiva poi la visita ad Ellis Island e cordiale quella con il sindaco Di Blasio.

Dopo aver ascoltato il Presidente Mattarella, dopo aver assistito al modo come ha gestito situazioni anche scomode con gli studenti della Columbia che non hanno avuto remore a fare domande difficili sui mali dell’Italia, viene proprio da dire “meno male che l’Italia ha i suoi Presidenti”.

In questi ultimi anni, Napolitano prima e Mattarella poi sono l’espressione di un’Italia che per fortuna resiste, nonostante tutto, anche se spesso è resa invisibile dalla volgarità e banalità di politici mediocri capaci solamente di urlare in mancanza di argomenti validi da difendere. È l’Italia della cultura, dell’eleganza, della discrezione, della serietà.

È l’Italia che accoglie, che crede nella pace, che lotta per un mondo migliore e che difende i valori profondi della democrazia. È l’Italia di cui vogliono continuare a sentirsi orgogliosi i tanti connazionali che vivono all’estero.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora