Dal ponte di Verrazzano ai tanti ponti che uniscono oggi l’Italia e gli Stati Uniti

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

Il presidente Mattarella e il governatore Cuomo durante l'incontro con la collettività italiana nel Museo Guggenheim a NY

Il presidente Mattarella e il governatore Cuomo durante l’incontro con la collettività italiana nel Museo Guggenheim a NY

NEW YORK: Avrebbe potuto essere una visita meno impegnativa quella effettuata dal Presidente Mattarella a New York dopo l’intenso tour de force di Washington ma il nostro Capo di Stato non si è risparmiato in questa sua prima visita alla Grande Mela. Città e Stato di New York, governati da due italo-americani lo meritavano.

Bill De Blasio e Andrew Cuomo sono l’espressione del potere e del rispetto di cui gode la nostra comunità. Ed è ciò che ha ribadito il Presidente nel suo incontro con i tantissimi connazionali che lo hanno accolto nella stupenda cornice del Museo Guggenheim dopo aver sfidato il freddo intenso mentre aspettavano diligentemente in fila che i vari servizi d’ordine ne permettessero l’ingresso.

Gli onori di casa sono stati fatti dalla Console Natalia Quintavalle, ormai in partenza dopo aver concluso con successo la sua missione a New York.

Con voce pacata e parole che tradivano la sua emozione Mattarella ha ricordato i sacrifici di quei pionieri che per primi si sono avventurati in mare per raggiungere la Merica, e in particolare delle donne che hanno affrontato prove molto dure quando hanno dovuto integrarsi in una società tanto diversa e lontana da quella lasciata in patria. Ha parlato dei grandi passi avanti fatti negli anni dalle nuove generazioni grazie ai sacrifici e al lavoro svolto dai primi emigrati.

Oggi le seconde e terze generazioni, perfettamente integrate e completamente americane, continuano a mantenere il legame con la madre patria e, come il Capo di Stato ha sottolineato, rappresentano il grande volano del made in Italy in questo paese.

Parlando di New York ha messo l’accento sulla sua capacità di accoglienza di persone di ogni razza e religione e ha sottolineato come questo aspetto degli Stati Uniti, la facilità con cui integra le comunità che arrivano da ogni parte del mondo, costituisca un grande esempio per chi, come l’Italia, si trova oggi ad affrontare tutte le sfide dell’accoglienza di immigrati che cercano in Europa un diverso futuro, proprio come fecero ieri gli italiani che lasciarono il proprio paese.

Raccontando della sua visita a Ground Zero ha ricordato l’impegno congiunto dei due paesi nella lotta alla barbarie e al terrorismo.

Con orgoglio ha parlato dell’ingegno italiano ricordando anche il lavoro svolto dall’architetto Renzo Piano e in particolare ha fatto riferimento alla nuova sede del Museo “Withney”.

Ad esempio della laboriosità e ingegno degli italiani il Presidente ha citato Giovanni da Verrazzano, l’italo-americano che, insieme ad altri, ha costruito un ponte che porta il suo nome e che unisce Staten Island con Brooklyn. Come quel ponte che unisce, anziché isolare, che accoglie anziché respingere, voi rappresentate un “ponte” tra Stati Uniti e Italia ha detto per poi concludere il suo intervento dicendo in inglese “Today I’m a new yorker”.

Emotive anche le parole del governatore Andrew Cuomo che ha parlato delle proprie origini italiane, napoletane da parte di padre e siciliane da parte di madre, di cui, ha detto, va molto orgoglioso, dell’amicizia del suo paese con l’Italia e dell’orgoglio che prova nell’essere governatore di uno stato, New York, in cui “quasi tutti sono immigrati”.

Diverso il discorso che il Presidente Mattarella ha tenuto nella Columbia University dove lo attendevano studenti e docenti.

Qui ha parlato di politica internazionale, del ruolo dell’Italia all’interno dell’Europa in un momento in cui l’immigrazione prende sempre più i contorni di un’emergenza umanitaria. Mattarella ha puntato il dito contro chi vorrebbe risolvere tutto alzando muri e fili spinati. Ha parlato della necessità di promuovere un’Europa più forte e coesa per dare risposte adeguate alla richiesta d’aiuto che arriva da popolazioni che fuggono dalla guerra e dalla fame.

Seguendo la stessa linea di ragionamento ha spostato il discorso verso il terrorismo dell’Isis riaffermando anche qui l’importanza di un’Europa forte e matura e di un’occidente capace di difendere i valori della giustizia e della democrazia. “Alla barbarie dell’Isis va contrapposto l’occidente dei diritti”. Il Capo dello Stato si è soffermato a lungo sulla realtà italiana impegnandosi a mostrare gli aspetti migliori di un paese la cui immagine all’estero è piuttosto deteriorata dalle informazioni riguardanti i vari scandali che colpiscono personalità pubbliche e rappresentanti istituzionali.

Mattarella ha sottolineato i grandi passi avanti che sta compiendo l’Italia per diventare un paese più trasparente, per modernizzare il suo apparato burocratico e per rendere più agile il lavoro del Parlamento. Su questo punto si è soffermato a lungo difendendo la riforma del Senato che, a detta del Presidente, permetterà all’Italia di dare risposte adeguate alle problematiche che di volta in volta si troverà ad affrontare. E soprattutto di farlo in tempi brevi, consoni con la velocità impressa dalle nuove tecnologie all’epoca che stiamo vivendo.

Emotiva poi la visita ad Ellis Island e cordiale quella con il sindaco Di Blasio.

Dopo aver ascoltato il Presidente Mattarella, dopo aver assistito al modo come ha gestito situazioni anche scomode con gli studenti della Columbia che non hanno avuto remore a fare domande difficili sui mali dell’Italia, viene proprio da dire “meno male che l’Italia ha i suoi Presidenti”.

In questi ultimi anni, Napolitano prima e Mattarella poi sono l’espressione di un’Italia che per fortuna resiste, nonostante tutto, anche se spesso è resa invisibile dalla volgarità e banalità di politici mediocri capaci solamente di urlare in mancanza di argomenti validi da difendere. È l’Italia della cultura, dell’eleganza, della discrezione, della serietà.

È l’Italia che accoglie, che crede nella pace, che lotta per un mondo migliore e che difende i valori profondi della democrazia. È l’Italia di cui vogliono continuare a sentirsi orgogliosi i tanti connazionali che vivono all’estero.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora