Papa e Kirill, storico abbraccio. “Siamo fratelli”

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

Pope Francis (R) and the Patriarch Kirill of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016. EPA/ALESSANDRO DI MEO

Pope Francis (R) and the Patriarch Kirill of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016. EPA/ALESSANDRO DI MEO

L’AVANA. – Lo storico riavvicinamento è avvenuto. Si è dovuti uscire dai confini europei, andare fino all’Avana, perché cadesse un altro muro, che fino a pochi anni fa sembrava invalicabile: quello tra la Chiesa di Roma e la Chiesa ortodossa russa. L’abbraccio tra papa Francesco e il patriarca di Mosca Kirill nella capitale cubana – un evento mai accaduto prima – segna l’inizio di una nuova stagione, con potenzionalità finora inedite sia nei rapporti interconfessionali che il quelli diplomatici e politici.

“Finalmente!”, è la parola, in italiano, pronunciata quasi con sollievo da papa Francesco al suo primo incontro con Kirill, al momento del caloroso abbraccio, con scambio di baci sulle guance, nel salone d’onore dell’aeroporto internazionale “Josè Martì” della capitale cubana. Un territorio “neutro”, scelto cogliendo al volo l’occasione del viaggio di Bergoglio in Messico, mentre Kirill è in visita ufficiale a Cuba, per tenere a debita distanza le ragioni delle vecchie divisioni religiose e storiche.

All’inizio del colloquio, alla presenza anche del cardinale Kurt Koch e del metropolita Hilarion, la parola “hermano” (fratello in spagnolo) è stata ripetuta dal Papa più volte. “Somos hermanos”, siamo fratelli, ha ribadito il Pontefice al capo della Chiesa ortodossa russa. A un certo punto Kirill ha anche affermato: “ora le cose sono più facili”. E il Papa, in spagnolo, subito tradotto in russo dall’interprete: “E’ più chiaro che questa è la volontà di Dio”.

A fare da orgogliosissimo padrone di casa, il presidente Raul Castro, che ha rivisto Bergoglio dopo la visita di quest’ultimo a Cuba dello scorso settembre, avvenuta dopo un altro epocale “disgelo”, quello con gli Stati Uniti. Castro ha accolto e salutato Francesco appena sceso dall’aereo con una calorosa stretta di mano. ha avuto quindi con lui un colloquio privato nelle sale dell’aeroporto, prima di quello con Kirill.

Ma è il nuovo corso tra il Papa e il capo degli ortodossi russi – un incontro mai riuscito né Giovanni Paolo II né a Benedetto XVI – a dare la caratura di questa giornata che rimarrà scritta nei libri di storia. Al termine del loro colloquio, il Papa e Kirill hanno firmato una dichiarazione congiunta sui temi più importanti. “Pregando per i miei fratelli in Cristo, Papa Francesco e il Patriarca Kirill. Contento che il dialogo iniziato nel 1964 con Atenagora e Paolo VI continua a dare i suoi frutti”, ha subito scritto il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo, in un tweet.

“Oggi è un giorno di grazia. L’incontro con il Patriarca Kirill è un dono di Dio. Pregate per noi”, ha a sua volta twittato Papa Francesco in volo verso l’Avana. Un viaggio “per portare un messaggio di speranza”, ha definito Francesco il suo a Cuba e in Messico nel telegramma di saluto inviato al presidente Mattarella: e sicuramente il nuovo ponte gettato oggi fa sperare in un mondo con meno divisioni.

(dell’inviato Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

17:29Calcio: Spalletti, Lisandro Lopez è uno da Inter

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Lisandro Lopez è uno da Inter, ha la 'garra'. In campo ha richiamato subito i compagni per accorciare la squadra. Ha aggressività nel riconquistare la palla e far vedere il muscolo". Sono le prime impressioni del tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro la Roma, sul nuovo difensore nerazzurro. L'allenatore parla anche di Rafinha, centrocampista in arrivo dal Barcellona: ''Sono sempre soddisfatto dell'operato dei professionisti e dirigenti dell'Inter. Collaboro con loro 24 ore su 24, siamo in sintonia. Sta a noi aiutare Rafinha a ritrovare la condizione perché possa darci una mano. Si rischia di dare un messaggio distorto agli altri giocatori, sono loro a dover fare il salto in avanti alle nostre ambizioni".

17:28Slavina a Roccaraso, coinvolti due sciatori in fuoripista

(ANSA) - ROCCARASO (L'AQUILA), 20 GEN - Due sciatori sono stati travolti, durante un fuoripista a Roccaraso (L'Aquila), da una slavina che si è staccata da un costone in località Valleverde del Monte Aremogna. Uno dei due è stato estratto quasi subito dai soccorritori, addetti degli impianti di risalita, sciatori della Polizia di Stato e del soccorso alpino della Guardia di Finanza, in servizio sulle piste, mentre l'altro sarebbe rimasto sepolto sotto la neve una decina di minuti prima di essere raggiunto. Le sue condizioni sono apparse inizialmente critiche. Nel frattempo un elicottero del 118 partito da L'Aquila con i cinque componenti l'equipaggio, è arrivato sul posto con il medico del Soccorso Alpino (Cnsas). Lo sciatore è stato rianimato, stabilizzato e trasportato all'ospedale de L'Aquila.

17:25Uccisa in hotel: assassino si costituisce

(ANSA) - BERGAMO, 20 GEN - Un uomo di 62 anni, bergamasco di Bottanuco, si è costituito dai carabinieri per il delitto della donna uccisa questa mattina in un hotel di Dalmine (Bergamo). La vittima era una nigeriana di 37 anni. Il movente sarebbe di natura passionale.

17:24Ricordo di Craxi dalla Tunisia

(ANSAmed) - TUNISI, 20 GEN - "Non è un caso se quest'anno la Fondazione Craxi ha deciso, in occasione dell'anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, di rendere quest'omaggio commosso alle vittime del Bardo, un vile attentato che Tunisi ha subito al pari di tante capitali europee, da Parigi a Nizza a Bruxelles". Lo ha detto oggi a Tunisi Stefania Craxi, presidente della Fondazione Craxi, in occasione degli eventi celebrativi per il 18/o anniversario della morte del leader socialista. "Non è un caso - ha continuato - perché Craxi ha speso tanta parte della sua azione politica e della sua vita per la pace nel Mediterraneo. Un mare che Craxi voleva luogo di pace, di scambi commerciali, culturali, un incontro tra culture diverse e proprio la Tunisia è il simbolo di questo incontro. Ci piace ricordare che nella bella isola di Djerba esiste la prima sinagoga del mondo arabo. E la cattedrale di Tunisi dove si svolsero i funerali di Craxi è nel viale principale della città.

17:19Isis: rapper tedesco jihadista ucciso

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Deso Dogg, nome d'arte dell'ex rapper berlinese Denis Cuspert divenuto una delle figure di primo piano dell'Isis, è stato ucciso in un raid aereo a Deir Ezzor, nell'est della Siria. Lo riportano i media internazionali. Cuspert è stato dato morto diverse volte ma secondo il Site stavolta sono gli stessi siti jihadisti a riportare la notizia pubblicando la foto del cadavere insanguinato. Nato a Berlino nel 1975 da madre tedesca e padre ghanese, l'ex rapper era diventato uno dei più influenti reclutatori di 'foreign fighters' in Europa. Nel 2007 si era convertito all'islam, e cinque anni più tardi si era unito all'Isis in Siria. Era noto con il nome di battaglia Abu Talha al-Almani ed era considerato uno dei comunicatori più efficaci, capace di influenzare con il suo carisma molti giovani. Per le sue qualità propagandistiche si era ritagliato il non invidiabile soprannome di 'Gobbels dell'Isis'. Aveva messo la sua precedente esperienza di rapper al servizio dei messaggi violenti e truculenti dell'Isis.

17:10Calcio: Spalletti, Totti? Vi firmo risposta in bianco…

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Totti? Vi firmo una risposta in bianco. Potete scrivere quello che vi pare. Non dico altri aggettivi, allenandolo ci si rende conto della qualità assoluta del giocatore. Poi, per quanto riguarda i rapporti, le complicazioni tra le persone possono nascere dalle cose che si lasciano in sospeso e che non vengono chiarite. Ma a lui ho detto tutto. Mi sono comportato come dovevo, giorno dopo giorno". Lo dice l'allenatore dell'Inter, Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro la Roma. "E' chiaro - prosegue - che se lo dovessi incontrare domani lo andrò a salutare in maniera importante, come tutti gli altri giocatori. Lo abbraccerò come abbraccerò tutti".

17:08Bonino, deciso apparentamento con Pd

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Abbiamo scelto l'apparentamento della nostra lista con quella del Pd perché abbiamo messo al centro la valorizzazione dell'agenda europeista" e per "impedire la vittoria di chi non vuole l'Europa". Così la leader di +Europa, Emma Bonino, in una conferenza stampa.

Archivio Ultima ora