Papa e Kirill, storico abbraccio. “Siamo fratelli”

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

Pope Francis (R) and the Patriarch Kirill of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016. EPA/ALESSANDRO DI MEO

Pope Francis (R) and the Patriarch Kirill of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016. EPA/ALESSANDRO DI MEO

L’AVANA. – Lo storico riavvicinamento è avvenuto. Si è dovuti uscire dai confini europei, andare fino all’Avana, perché cadesse un altro muro, che fino a pochi anni fa sembrava invalicabile: quello tra la Chiesa di Roma e la Chiesa ortodossa russa. L’abbraccio tra papa Francesco e il patriarca di Mosca Kirill nella capitale cubana – un evento mai accaduto prima – segna l’inizio di una nuova stagione, con potenzionalità finora inedite sia nei rapporti interconfessionali che il quelli diplomatici e politici.

“Finalmente!”, è la parola, in italiano, pronunciata quasi con sollievo da papa Francesco al suo primo incontro con Kirill, al momento del caloroso abbraccio, con scambio di baci sulle guance, nel salone d’onore dell’aeroporto internazionale “Josè Martì” della capitale cubana. Un territorio “neutro”, scelto cogliendo al volo l’occasione del viaggio di Bergoglio in Messico, mentre Kirill è in visita ufficiale a Cuba, per tenere a debita distanza le ragioni delle vecchie divisioni religiose e storiche.

All’inizio del colloquio, alla presenza anche del cardinale Kurt Koch e del metropolita Hilarion, la parola “hermano” (fratello in spagnolo) è stata ripetuta dal Papa più volte. “Somos hermanos”, siamo fratelli, ha ribadito il Pontefice al capo della Chiesa ortodossa russa. A un certo punto Kirill ha anche affermato: “ora le cose sono più facili”. E il Papa, in spagnolo, subito tradotto in russo dall’interprete: “E’ più chiaro che questa è la volontà di Dio”.

A fare da orgogliosissimo padrone di casa, il presidente Raul Castro, che ha rivisto Bergoglio dopo la visita di quest’ultimo a Cuba dello scorso settembre, avvenuta dopo un altro epocale “disgelo”, quello con gli Stati Uniti. Castro ha accolto e salutato Francesco appena sceso dall’aereo con una calorosa stretta di mano. ha avuto quindi con lui un colloquio privato nelle sale dell’aeroporto, prima di quello con Kirill.

Ma è il nuovo corso tra il Papa e il capo degli ortodossi russi – un incontro mai riuscito né Giovanni Paolo II né a Benedetto XVI – a dare la caratura di questa giornata che rimarrà scritta nei libri di storia. Al termine del loro colloquio, il Papa e Kirill hanno firmato una dichiarazione congiunta sui temi più importanti. “Pregando per i miei fratelli in Cristo, Papa Francesco e il Patriarca Kirill. Contento che il dialogo iniziato nel 1964 con Atenagora e Paolo VI continua a dare i suoi frutti”, ha subito scritto il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo, in un tweet.

“Oggi è un giorno di grazia. L’incontro con il Patriarca Kirill è un dono di Dio. Pregate per noi”, ha a sua volta twittato Papa Francesco in volo verso l’Avana. Un viaggio “per portare un messaggio di speranza”, ha definito Francesco il suo a Cuba e in Messico nel telegramma di saluto inviato al presidente Mattarella: e sicuramente il nuovo ponte gettato oggi fa sperare in un mondo con meno divisioni.

(dell’inviato Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

12:36Massacrato da branco: Pm, indagini difficili, anche omertà

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Molti sono stati ascoltati, alcuni sono stati reticenti, omertosi, altri solo suggestionati dal fatto gravissimo e confusi e ciò può avere determinato ricordi attendibili". Così il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco ha spiegato la "difficoltà delle indagini che sono alla fase iniziale e proseguono: il fatto si presta a letture sociologiche ma l'autorità inquirente deve attenersi alla valutazione delle emergenze istruttorie - ha aggiunto il magistrato - e non possiamo farci condizionare da affermazioni tipo pestaggio di gruppo, dobbiamo valutare la posizione di tutti".

12:28Massacrato da branco: Emanuele aggredito più volte

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "I due fermati sono gli autori dell'aggressione letale che ha causato le lesioni al capo mortali". Così il Procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco sui fermi per la morte di Emanuele Morganti. "Una volta fuori da locale e in posti diversi ci sono state più aggressioni da parte di alcune persone, aggressioni con modalità diverse ed intensità diverse", ha aggiunto. "Sono stati ravvisati indizi gravi nei confronti di due persone che sono state fermate a Roma - ha detto ancora -. Sono quelle nei cui confronti alla luce della ricostruzioni ci sono indizi univoci sulla condotta violenta nella fase terminale".

12:26Calcio: cantiere Arsenal, 12 sono in scadenza di contratto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - L'era di Arsène Wenger volge al termine e molti calciatori, come l'allenatore francese, potrebbero lasciare l'Arsenal. La squadra londinese, in vista del futuro, è un cantiere aperto, come conferma il dato relativo ai contratti di 12 giocatori, che scadranno a giugno o l'anno prossimo. Il primo contratto in scadenza saranno quelli di Santi Cazorla e Yaya Sanogo. Al centrocampista spagnolo, che in questo momento è infortunato, non dispiacerebbe tornare nella Liga. Gli altri 10 'gunners' sono legati al club fino al 2018, tra loro anche Alexis Sanchez e Mesut Ozil: il primo sembra intenzionato a tornare in Serie A, mentre il fantasista tedesco ha recentemente dichiarato di "trovarsi bene", a Londra. Anche i vari Ramsey, Oxlade-Chamberlain, Gibbs, Mertesacker e Jenkinson hanno i contratti in scadenza 2018, come Jack Wilshere, Wojciech Szczesny e Joel Campbell, attualmente in prestito al Bournemouth, alla Roma e allo Sporting Lisbona. Il loro futuro dipenderà dalla scelta dell'allenatore.

12:24Aeronautica: Mattarella a Gioia del Colle per 94/o Arma

(ANSA) - GIOIA DEL COLLE (BARI), 28 MAR - Il presidente della Repubblica e Capo delle Forze armate, Sergio Mattarella, è arrivato all'aeroporto 'Antonio Ramirez' di Gioia del Colle dove poco fa è iniziata la cerimonia per il 94/o anniversario della fondazione dell'Aeronautica militare e per il centenario della costituzione dei primi cinque gruppi 'caccia'. Alla cerimonia partecipano, tra gli altri, il presidente del Senato, Pietro Grasso, la vice presidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Capo di Stato maggiore della Difesa, gen. Claudio Graziano, il Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica, gen. Enzo Vecciarelli, e il comandante del 36/o Stormo dell'Aeronautica militare, di stanza a Gioia del Colle, col. Bruno Levati. Nel corso della cerimonia Mattarella consegnerà cinque onorificenze al valore aeronautico e due al merito aeronautico a sette militari dell'Arma distintisi in complesse operazioni di servizio.

12:23Senato: arrivata lettera dimissioni Minzolini

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Augusto Minzolini ha presentato in mattinata al Senato la sua lettera di dimissioni da parlamentare. Ora le sue dimissioni dovranno essere accettate o meno dall'Assemblea di Palazzo Madama. "Oggi mi sono dimesso. Sono andato stamattina e ho presentato la lettera. Perché sono una persona seria e non prendo lezioni da altri. La lettera l'ho presentata alla Presidenza del Senato", ha detto poi Minzolini a L'aria che tira su La7.

12:23Garlasco: archiviata a Pavia inchiesta bis su Sempio

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il gip di Pavia Fabio Lambertucci ha archiviato l'inchiesta su Andrea Sempio, il giovane finito indagato per l'omicidio di Chiara Poggi in seguito al deposito al pg di Milano di indagini genetiche commissionate dai legali di Alberto Stasi, l'ex fidanzato della giovane che sta scontando una condanna definitiva a 16 anni di carcere. Il giudice di Pavia con un provvedimento depositato oggi ha accolto l'istanza del procuratore aggiunto Mario Venditti e del pm Giulia Pezzino.

12:22Oltre 8,3 mln donne sottomesse psicologicamente

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Atti sessuali degradanti e umilianti, rapporti non desiderati e subiti come violenza, abusi o molestie fisiche sessuali gravi come stupri o tentati stupri: il 21% delle donne, oltre 4,5 milioni, li ha subiti nel corso della propria vita, un milione e 157 mila nelle sue forme più gravi, lo stupro (653mila) e tentato stupro (746mila). E ancora: il 20,2% delle donne tra i 16 e i 70 anni, 4,3 milioni, è stata vittima di violenza fisica, minacce, schiaffi, pugni, calci. Un crescendo che in una minoranza dei casi, l'1,5%, ha portato a danni seri e permanenti, per strangolamento, ustione, soffocamento. E il 40,4% delle donne, oltre 8,3 milioni di donne, è stata vittima di violenza psicologica al centro di una giornata di approfondimento sul tema. "Prima di arrivare alla violenza efferata ci sono i sintomi - commenta la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Teresa Amici -. E questo avviene fin dai banchi di scuola. È impressionante la regressione nei rapporti tra sessi nella scuola italiana".

Archivio Ultima ora