Bangladesh:indagine su dimensioni comunità profughi Rohingya

Pubblicato il 13 febbraio 2016 da ansa

(ANSA) – DACCA, 13 FEB – Il Bangladesh ha avviato una indagine per determinare le dimensioni della popolazione di profughi di etnìa Rohingya provenienti dalla Birmania sul territorio nazionale e capire le circostanze che l’hanno costretta ad abbandonare quel Paese. Al riguardo il direttore del progetto governativo, Alamgir Hossain, ha detto al quotidiano The Daily Star che all’indagine seguirà un censimento per determinare l’esatto numero di Rohingya che vivono in Bangladesh e le loro condizioni socioeconomiche. A partire dal 2012 almeno 140.000 di essi sono fuggiti verso il Bangladesh, l’Indonesia e la Thailandia, rendendosi protagonisti di gravi e spesso sconosciute tragedie marittime.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

21:52LeU: Grasso, posso ricostruire la sinistra, quindi il Paese

(ANSA) - ASTI, 21 GEN - "Penso di poter ricostruire la sinistra, ricostruire la politica, ricostruire un partito e quindi ricostruire il Paese". Così Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, ad Asti per un'altra tappa in Piemonte, dopo l'avvio questa mattina a Torino, della campagna elettorale. "I valori della sinistra sono fondamentali, i valori della nostra Resistenza sono quelli che hanno portato la liberazione del nostro Paese e quindi alla Costituzione, che quest'anno ha compiuto 70 anni", aggiunge.

21:31Calcio: Rafinha a Milano, domani le visite con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Rafinha è arrivato a Milano e domani mattina svolgerà le visite mediche con l'Inter. Il centrocampista brasiliano è il secondo rinforzo per il club nerazzurro in questa sessione di mercato. Arriva in prestito dal Barcellona con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus. Rafinha non ha fatto dichiarazioni, ma ha sorriso ai giornalisti che lo attendevano in aeroporto. Questa sera potrebbe assistere alla partita contro la Roma dalla tribuna di San Siro, anche se per il momento non ci sono ancora conferme ufficiali.

21:29Calcio: serie A, Cagliari-Milan 1-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Prima vittoria stagionale in rimonta e prima esterna sotto la guida di Gattuso per il Milan a Cagliari nel primo posticipo serale della 21/a giornata di serie A, conclusosi 1-2 alla Sardegna Arena battuta dal maestrale. Il Milan ha cercato di fare da subito la partita, stringendo nella loro metà campo i rossoblù, ma è stato il primo a capitolare quando all'8' un tiro di Barella dal limite ha battuto Donnarumma. I rossoneri hanno ripreso a masticare gioco cercando spesso Kalinic, che al 34' è stato atterrato in area. Kessiè ha trasformato il rigore e 6' dopo ha raddoppiato sfruttando un bell'assist dell'attaccante croato. Nella ripresa, i padroni di casa hanno cercato il pari, con maggior intensità dal 35' col Milan in 10 per espulsione di Rodriguez per doppia ammonizione, ma un po' Donnarumma e un po' gli errori di misura hanno impedito al risultato di cambiare. Il Milan sale a quota 31, al settimo posto, scavalcando Atalanta, Udinese e Torino. Il Cagliari resta a 20, in zona pericolosa.

21:15Siria: agenzia curda denuncia, civili uccisi da raid turchi

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - L'agenzia di stampa curda Hawar News e l'Osservatorio siriano dei diritti umani hanno denunciato oggi che almeno sette civili sono stati uccisi da un bombardamento aereo compiuto dai turchi su un villaggio dell'enclave curda di Afrin, in Siria. Il villaggio colpito è quello di Jilbra, nel sud-est di Afrin. Tra le vittime, affermano le fonti, vi è anche un bambino. Secondo l'Osservario, da quando la Turchia ha dato il via all'offensiva 'Ramo d'Ulivo' contro i curdo-siriani, sono almeno 18 i civili uccisi. La provincia siriana di Afrin è controllata dai miliziani curdi che hanno costretto i jihadisti dell'Isis a ritirarsi. Ma la Turchia li considerat "terroristi".

21:06Etiopia: forze sicurezza sparano a raduno religioso

(ANSA) - ADDIS ABEBA, 21 GEN - Almeno cinque persone sono state uccise e decine sono state ferite nel nord dell'Etiopia dalle forze di sicurezza che hanna sparato sulla folla riunita per una festa religiosa durante la quale sarebbero stati scanditi slogan anti-governativi. Lo riferisce la Bbc on line, precisando che nella città di Waldiya i manifestanti avevano bloccato le strade e che i negozi erano rimasti chiusi. Da tre anni in Etiopia si svolgono dimostrazioni contro il governo per chiedere riforme politiche ed economiche oltre che la fine della corruzione e delle violazioni dei diritti umani. E migliaia di persone sono finite in carcere. Mercoledì scorso le autorità avevano rilasciato molti detenuti e tra loro anche un importante leader dell'opposizione, Merera Gudina, in prigione da più di un anno. All'inizio di gennaio il primo ministro etiope Hailemariam Desalegn aveva annunciato che il governo intende chiudere il centro di detenzione di Maekelawi, nella capitale Addis Abeba, dove la tortura sarebbe prassi.

Archivio Ultima ora