Zaza gol sorpasso e anche il Napoli si arrende alla Juve

Pubblicato il 13 febbraio 2016 da redazione

Simone Zaza of Juventus is going to score the winning goal during the italian serie A soccer match Juventus FC - SSC Napoli at Juventus Stadium, Turin, 13 February 2016. ANSA / ANDREA DI MARCO

Simone Zaza of Juventus is going to score the winning goal during the italian serie A soccer match Juventus FC – SSC Napoli at Juventus Stadium, Turin, 13 February 2016. ANSA / ANDREA DI MARCO

TORINO. – Avrà pur ragione Allegri che Juve-Napoli non era decisiva e che restano 13 partite da giocare e 39 punti in palio. Ma adesso che ha completato la rimonta, sorpassando il Napoli battuto con beffa doppia – gol all’88’ e deviazione di Albiol sul sinistro di Zaza – non si vede chi possa fermare questa Juventus, capace di farsi un baffo di infortuni a catena e di vincere all’88’, con una riserva (sia pure di lusso), la partita più importante e delicata (fin qui) della stagione.

Giù il cappello davanti ai bianconeri, al 15/o successo consecutivo in campionato: non avevano Mandzukic, Chiellini, Caceres ed Asamoah, hanno perso per strada anche Bonucci e poi Morata, ma sono andati dritti all’obiettivo come se nulla fosse. Ed Allegri ha, tra i tanti meriti, quello di avere motivato al massimo due giocatori entrati per i minuti finali: è stato decisivo Zaza, ma altrettanto Alex Sandro. Il brasiliano in mezzo a due avversari ha toccato per Evra il pallone finito poi, passando per Evra, sui piedi dell’attaccante ex Sassuolo.

Il Napoli, ad onor del vero, è stato una mezza delusione: a “muso duro” ha giocato troppo poco, contro una squadra che cercava con carattere e grinta di mascherare stanchezza e pezzi mancanti: l’unico tiro di Higuain (36′ st) è stato un disastro, una ciabattata che Buffon ha visto passare innocua lontano metri dalla sua porta. E poche iniziative sono venute da Hamsik, che pure era partito bene, da Callejon e Insigne, scialba la direzione d’orchestra di Jorginho.

Gli azzurri hanno un grande rimpianto: non avere cambiato la storia nei 3′ minuti d’oro, tra il 35′ ed il 38′ del primo tempo: salvataggio decisivo di Bonucci su Higuain, parata altrettanto decisiva di Buffon sul piatto sotto porta di Albiol, palla troppo lunga di Callejon per il ‘Pipita’.

L’ultimo test in allenamento aveva sciolto l’ultimo piccolo rebus in casa bianconera: Khedira, a meno di due settimane dall’ultimo infortunio muscolare, era pronto per giocare dal 1′ ed Allegri non ha avuto dubbi a rischiarlo. Nessuna sorpresa dell’ultima ora nel Napoli, deciso a giocarsi la sfida scudetto “a muso duro” come aveva promesso Sarri, da ultimo spronando la squadra con il grido “Andiamo!” prima del fischio d’inizio.
Nello ‘Stadium’ più che mai tutto bianconero – settore ospiti chiuso, tifosi napoletani mischiati qua e là ma quasi in incognito, la Juventus ha subito cercato di tagliare ogni rifornimento a Higuain, il re dei bomber. E ci è riuscita perché il primo tiro degli azzurri, al 32′ è stato di Allan, contrastato da Barzagli.

La Juventus ha patito, all’inizio, la velocità del Napoli, che dava impressione di avere maggior freschezza, e lo stesso pressing degli uomini di Sarri. Impressionante potenza e velocità nei 60 metri di Koulibay, che però in piena area venificava tutto con un velleitario colpo di tacco. E pericoli per Buffon anche dai contropiede di Insigne, che tuttavia calibrava male gli assist al ‘Pipita’.

Allegri calava l’asso nella manica, un Cuadrado in forma ‘mundial’, che teneva sempre accesa la spia dell’allarme nella difesa partenopea: il destro, facile preda di Reina, era in fondo il pezzo peggiore nel repertorio del colombiano, devastante invece negli scatti e nei dribbling. Nell’arco bianconero c’erano anche le frecce di Pogba: punizione al 20′ e poi destro da fuori, prima del tiro improvviso sull’esterno della rete.

Uscita indenne dalle fiammate napoletane dopo dopo la mezz’ora del primo tempo, la Juventus ha preso coraggio. Lo 0-0 sembrava tutto sommato andare bene ad entrambe, per la Juve palla-gol di Dybala che però (18′) sparava alto sull’appoggio di Dybala, sinistro a giro di Hamsik (35′) che non si abbassava, poi un tiro senza pretese di Pogba e lo stesso per un Higuan poco lucido, prima del timbro di Zaza. Che vale primato e un pezzo di scudetto, anche se la stagione è ancora lunga.

Ma nello ‘Stadium’ impazzito di gioia, il popolo bianconero canta e prende in giro i napoletani: “Ohi vita ohi vita mia, ohi sole ohi sole mio”, mentre sui social, in onore di Zaza e in riferimento ai tifosi napoletani impazzano le battute sull’ ‘Amaro Lucano’.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

19:31Voto Saarland: Schulz, non è buona giornata per l’Spd

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - "Ci sono giorni buoni e meno buoni: non direi che quello di oggi appartiene a quelli buoni per l'Spd". Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi Martin Schulz, commentando il risultato delle elezioni nel Saarland, dove ha vinto la Cdu con 10 punti di vantaggio, secondo gli exit poll. "Sono un vecchio calciatore", ha aggiunto, "e i giorni meno buoni rappresentano una motivazione".

19:28Attacco Londra: arrestato un 30enne a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo di 30 anni è stato arrestato a Birmingham nell'ambito delle indagini sull'attacco a Londra: è sospettato - riferisce la Press Association - di preparare attentati terroristici.

19:21Trump cancellerà le norme di Obama contro il gas serra

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - Il capo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa), Scott Pruitt, ha annunciato alla Abc che martedì il presidente Donald Trump firmerà un nuovo ordine esecutivo che cancella il piano di Obama per ridurre il surriscaldamento globale. Si tratta del Clean Power Plan, una normativa che limita i gas serra nelle centrali a carbone. Normativa che tuttavia è stata sospesa lo scorso anno in attesa che una corte federale esamini il ricorso presentato da alcuni stati repubblicani favorevoli all'energia fossile e di oltre cento società.

19:14Trump: Wsj, Flynn discusse con turchi ‘rapimento’ Gulen

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Usa Mike Flynn, mentre era ancora tra i collaboratori di Trump durante la campagna elettorale, incontrò alti dirigenti del governo turco e discusse l'ipotesi di portare in Turchia, senza estradizione legale, Fethullah Gulen, l'imam residente in Usa che secondo Ankara avrebbe orchestrato il fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo ha rivelato al Wall Street Journal James Woolsey, direttore della Cia sotto Bill Clinton, divenuto poi collaboratore della campagna di Trump. L'idea, ha raccontato Wollsey, era "una iniziativa coperta nel cuore della notte per portare via questa persona", ma non sarebbero stati discussi piani specifici né è dato sapere chi lanciò la proposta. All'incontro, svoltosi in un hotel di Manhattan il 19 settembre scorso, parteciparono anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu e Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Un portavoce di Flynn ha negato che si sia discusso di alcunché di illegale.

19:04Russia: polizia conferma, circa 500 fermi oggi a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - La polizia di Mosca ha confermato che "circa 500 persone" sono state fermate oggi dalle forze dell'ordine durante la manifestazione non autorizzata indetta da Alexei Navalny. "Sono state portate nelle stazioni distrettuali della polizia per sbrigare le pratiche di violazione delle disposizioni amministrative". Lo riporta la Tass che cita un portavoce della polizia.

18:50Prostituta uccisa Bologna: confessa uomo sentito in questura

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - Ha confessato di essere l'autore dell'omicidio l'uomo interrogato in questura a Bologna per la morte di Ana Maria Stativa, la prostituta 30enne trovata deceduta per un colpo al capo ieri pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, in zona Murri. L'uomo, Francesco Serra, 55enne, era un cliente che si era invaghito della donna. Assistito da un avvocato è stato sentito a lungo dagli investigatori della squadra mobile e dal Pm Roberto Ceroni: alla fine ha ammesso l'omicidio e fatto ritrovare l'arma utilizzata per uccidere, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali. Serra è ora in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. La scintilla che ha fatto scattare la volontà omicida sarebbe il fatto che Ana Maria voleva tornare in Romania e lui non voleva. Le indagini vagliano anche possibili problemi di ordine economico tra omicida e vittima. La donna era stato trovata morta dal fidanzato che aveva dato l'allarme.(ANSA).

18:42Germania: exit poll Saarland, Cdu in testa con il 40%

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - Resta la Cdu di Angela Merkel il partito più forte del Saarland, in Germania, con il 40% dei voti, stando al primo exit poll. L'Spd avrebbe conquistato invece il 30% dei voti. Stando a questi dati resta fuori dal parlamentino regionale l'Fdp con il 3,5%, mentre i populisti dell'Afd sono dentro con il 6%.

Archivio Ultima ora