Zaza gol sorpasso e anche il Napoli si arrende alla Juve

Pubblicato il 13 febbraio 2016 da redazione

Simone Zaza of Juventus is going to score the winning goal during the italian serie A soccer match Juventus FC - SSC Napoli at Juventus Stadium, Turin, 13 February 2016. ANSA / ANDREA DI MARCO

Simone Zaza of Juventus is going to score the winning goal during the italian serie A soccer match Juventus FC – SSC Napoli at Juventus Stadium, Turin, 13 February 2016. ANSA / ANDREA DI MARCO

TORINO. – Avrà pur ragione Allegri che Juve-Napoli non era decisiva e che restano 13 partite da giocare e 39 punti in palio. Ma adesso che ha completato la rimonta, sorpassando il Napoli battuto con beffa doppia – gol all’88’ e deviazione di Albiol sul sinistro di Zaza – non si vede chi possa fermare questa Juventus, capace di farsi un baffo di infortuni a catena e di vincere all’88’, con una riserva (sia pure di lusso), la partita più importante e delicata (fin qui) della stagione.

Giù il cappello davanti ai bianconeri, al 15/o successo consecutivo in campionato: non avevano Mandzukic, Chiellini, Caceres ed Asamoah, hanno perso per strada anche Bonucci e poi Morata, ma sono andati dritti all’obiettivo come se nulla fosse. Ed Allegri ha, tra i tanti meriti, quello di avere motivato al massimo due giocatori entrati per i minuti finali: è stato decisivo Zaza, ma altrettanto Alex Sandro. Il brasiliano in mezzo a due avversari ha toccato per Evra il pallone finito poi, passando per Evra, sui piedi dell’attaccante ex Sassuolo.

Il Napoli, ad onor del vero, è stato una mezza delusione: a “muso duro” ha giocato troppo poco, contro una squadra che cercava con carattere e grinta di mascherare stanchezza e pezzi mancanti: l’unico tiro di Higuain (36′ st) è stato un disastro, una ciabattata che Buffon ha visto passare innocua lontano metri dalla sua porta. E poche iniziative sono venute da Hamsik, che pure era partito bene, da Callejon e Insigne, scialba la direzione d’orchestra di Jorginho.

Gli azzurri hanno un grande rimpianto: non avere cambiato la storia nei 3′ minuti d’oro, tra il 35′ ed il 38′ del primo tempo: salvataggio decisivo di Bonucci su Higuain, parata altrettanto decisiva di Buffon sul piatto sotto porta di Albiol, palla troppo lunga di Callejon per il ‘Pipita’.

L’ultimo test in allenamento aveva sciolto l’ultimo piccolo rebus in casa bianconera: Khedira, a meno di due settimane dall’ultimo infortunio muscolare, era pronto per giocare dal 1′ ed Allegri non ha avuto dubbi a rischiarlo. Nessuna sorpresa dell’ultima ora nel Napoli, deciso a giocarsi la sfida scudetto “a muso duro” come aveva promesso Sarri, da ultimo spronando la squadra con il grido “Andiamo!” prima del fischio d’inizio.
Nello ‘Stadium’ più che mai tutto bianconero – settore ospiti chiuso, tifosi napoletani mischiati qua e là ma quasi in incognito, la Juventus ha subito cercato di tagliare ogni rifornimento a Higuain, il re dei bomber. E ci è riuscita perché il primo tiro degli azzurri, al 32′ è stato di Allan, contrastato da Barzagli.

La Juventus ha patito, all’inizio, la velocità del Napoli, che dava impressione di avere maggior freschezza, e lo stesso pressing degli uomini di Sarri. Impressionante potenza e velocità nei 60 metri di Koulibay, che però in piena area venificava tutto con un velleitario colpo di tacco. E pericoli per Buffon anche dai contropiede di Insigne, che tuttavia calibrava male gli assist al ‘Pipita’.

Allegri calava l’asso nella manica, un Cuadrado in forma ‘mundial’, che teneva sempre accesa la spia dell’allarme nella difesa partenopea: il destro, facile preda di Reina, era in fondo il pezzo peggiore nel repertorio del colombiano, devastante invece negli scatti e nei dribbling. Nell’arco bianconero c’erano anche le frecce di Pogba: punizione al 20′ e poi destro da fuori, prima del tiro improvviso sull’esterno della rete.

Uscita indenne dalle fiammate napoletane dopo dopo la mezz’ora del primo tempo, la Juventus ha preso coraggio. Lo 0-0 sembrava tutto sommato andare bene ad entrambe, per la Juve palla-gol di Dybala che però (18′) sparava alto sull’appoggio di Dybala, sinistro a giro di Hamsik (35′) che non si abbassava, poi un tiro senza pretese di Pogba e lo stesso per un Higuan poco lucido, prima del timbro di Zaza. Che vale primato e un pezzo di scudetto, anche se la stagione è ancora lunga.

Ma nello ‘Stadium’ impazzito di gioia, il popolo bianconero canta e prende in giro i napoletani: “Ohi vita ohi vita mia, ohi sole ohi sole mio”, mentre sui social, in onore di Zaza e in riferimento ai tifosi napoletani impazzano le battute sull’ ‘Amaro Lucano’.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

18:45Calcio: Pelè, sto meglio e pronto a tifare Brasile

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 21 GEN - Per smentire le voci su sue presunte gravi condizioni di salute, Pelè è apparso in un programma di Rete Globo e si è detto "pronto a tifare Brasile ai Mondiali in Russia". "Non so se (il ct) Tite mi convocherà - ha aggiunto -, però mi farò trovare pronto per la prossima Coppa del mondo". O Rei, oggi 77enne, convive con problemi di salute dal 2012 e negli ultimi cinque anni si è sottoposto ad operazioni a femore, menisco e anca. "Ma, grazie a Dio, adesso non sento dolore", ha tenuto a precisare. Poi ancora sui Mondiali per dire la sua sulla Seleçao. "Tempo fa ero preoccupato - ha ammesso -, e anche triste per via della situazione che c'era. Non avevamo una vera squadra, invece adesso sono tranquillo perché Tite ha saputo costruirne una e trasmetterle fiducia. Il Brasile è talmente forte che può perfino permettersi di non vincere in casa. Ci rifaremo".

18:37Ferisce figlio e nuora e si barrica in casa, poi arreso a Cc

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 22 GEN - Ha ferito a colpi di pistola il figlio e la nuora e si é poi barricato in casa insieme alla moglie, arrendendosi ai carabinieri soltanto a distanza di alcune ore. É accaduto nella frazione "Schiavonea" di Corigliano Calabrio, nell'alto Jonio cosentino. Il duplice ferimento sarebbe avvenuto al culmine di una lite provocata da dissidi familiari. Al momento i carabinieri, che stanno ricostruendo i fatti, non hanno reso nota l'identità di chi ha sparato, né quella dei due feriti. La moglie del feritore é uscita dalla casa in cui sono avvenuti i fatti quando l'uomo si é arreso. La donna é rimasta incolume. Dei due feriti il più grave é il figlio dell'uomo, ricoverato in coma farmacologico nell'ospedale di Cosenza.

18:32Colombia: bus travolto da valanga di fango

(ANSA) - BOGOTA', 22 GEN - Un autobus è stato trascinato verso un precipizio da una valanga di fango, causando la morte di almeno 13 persone, sulla strada che porta da Tumaco a San Juan de Pasto, nel dipartimento di Narino, nell'estremo Sudest della Colombia, vicino alla frontiera con l'Ecuador. Lo ha reso noto il responsabile dell'Agenzia colombiana per la sicurezza stradale, Alejandro Maya, che ha precisato che l'incidente è avvenuto nel luogo noto come La Nariz del Diablo (il naso del diavolo) al km 66 della strada, che porta dal capoluogo del dipartimento a Tumaco.

18:32Russia: tribunale dispone liquidazione fondazione Navalni

(ANSA) - MOSCA, 22 GEN - Il tribunale distrettuale Meshchansky di Mosca ha accolto il ricorso del Ministero della Giustizia sulla liquidazione della fondazione Pyatoye Vremya Goda (la quinta stagione) che finanzia il lavoro dello staff del leader dell'opposizione Alexei Navalni. "Il tribunale ha accolto il ricorso della direzione del Ministero della Giustizia", ha detto il giudice Irina Afanasyeva pronunciando la sentenza. Lo riporta Interfax. Allo stesso tempo, gli avvocati della fondazione hanno dichiarato alla corte che le violazioni riscontrate "non sono significative" e che vi si può porre rimedio facilmente. "Riteniamo che la richiesta del Ministero della Giustizia sia illegale, poiché la fondazione è attiva in conformità con la legislazione russa, mentre le violazioni scoperte possono essere sanate", ha detto il legale Ivan Zhdanov annunciando di voler ricorrere in appello.

18:31Incidenti lavoro: operaio scivola e muore in cava nel Senese

(ANSA) - RAPOLANO TERME (SIENA), 22 GEN - Incidente mortale sul lavoro questa mattina in una cava di Rapolano Terme (Siena). E' morto un 36enne di origini bosniache, residente ad Asciano, sulle Crete Senesi. Secondo una prima ricostruzione, mentre l'uomo era al lavoro in una cava di travertino, sarebbe scivolato in una scarpata da un'altezza di 11 metri. Stava lavorando al ripristino di una recinzione. L'uomo è stato subito soccorso dai sanitari del 118 e trasportato in codice rosso con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale di Siena, ma poi è morto per le gravi ferite riportate nella caduta. Sul posto carabinieri ed ispettori del lavoro per accertare la regolare posizione lavorativa dell'uomo.

18:30Figc: Tommasi, mia candidatura alla presidenza resta

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "La mia candidatura resta. Siamo tutti convinti. Sappiamo com'è il sistema elettorale e sappiamo soprattutto quali sono i candidati e che quindi dobbiamo trovare il modo di fare eleggere alla presidenza Figc un ex calciatore, le difficoltà ci sono e ci saranno": lo dice il n.1 dell'Aic, Damiano Tommasi, dopo il consiglio direttivo. "Ho parlato con i dirigenti di società - prosegue - e c'è da capire cosa è per noi rinnovamento. Si dà per scontato che le parti siano due. Quindi noi oggi volevamo ribadire che sono tre. C'è anche Tommasi". "Non è escluso che qualcuno faccia un passo indietro anche prima di domenica - ha aggiunto -. Ad oggi, però, non è chiara la situazione e bisogna scegliere i compagni di viaggio. L'ultima volta che ho tirato indietro la gamba era il 2004 e sono stato fermo 16 mesi. Prima di rifarlo, quindi, ci penserò cento volte. Sono convinto che la mia candidatura abbia un suo perché". Poi conferma la linea comune con l'Aiac: "Oggi abbiamo visto Ulivieri, c'è la volontà di stare insieme".

18:30Germania-Francia celebrano 55 anni del Trattato dell’Eliseo

(ANSA) - BERLINO, 22 GEN - Nel giorno del 55esimo anniversario del trattato dell'Eliseo, il Bundestag si è riunito in una seduta straordinaria a Berlino, alla quale partecipano anche alcuni deputati francesi, con il loro presidente Francois de Rugy. Nel primo pomeriggio parlamentari tedeschi voleranno a Parigi per una seduta analoga del Parlamento francese. Quest'anno sarà firmato un nuovo trattato, che rafforza l'amicizia franco-tedesca, sancita dal celebre accordo siglato da Charles de Gaulle e Konrad Adenauer il 22 gennaio del 1963. All'iniziativa franco-tedesca, rilanciata da Merkel e Macron, partecipano tutti i gruppi parlamentari tedeschi, tranne quello del partito di destra oltranzista Alternative fuer Deutschland, che contesta di non essere stato coinvolto nella fase di preparazione.

Archivio Ultima ora