Polemica sul centro di documentazione fascismo a Predappio

(ANSA) – BOLOGNA, 16 FEB – Il centro di documentazione sul fascismo che dovrebbe nascere nella ex Casa del fascio di Predappio torna a far discutere, dopo che il sindaco Giorgio Frassineti (Pd) ha annunciato di essere alla ricerca di fondi. La notizia ha suscitato la forte contrarietà da Sel e Rifondazione che hanno contestato l’idea di costituire un museo. Il Comune, da qualche mese, è entrato in possesso dell’immobile, che si trova nel centro del paese natale di Benito Mussolini, ma che da anni versa in un grave stato di abbandono. Per chiarire l’equivoco è intervenuto l’assessore regionale alla cultura dell’Emilia-Romagna Massimo Mezzetti. “Parlare di museo del fascismo – ha detto – crea un equivoco, se lo chiami museo del fascismo nasce male, perché in questo caso il nome è sostanza. Dobbiamo evitare che sia una raccolta di cimeli o una cosa nostalgica e che diventi invece un serio centro di documentazione. Io so che il sindaco la pensa come me, ma spesso semplifica un po’ troppo la sua idea e genera equivoci”. (ANSA).

Condividi: