Calcio venezuelano: Pérez Greco, compleanno con gol nella Libertadores

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Perez Greco en el partido realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 16 de febrero de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

Perez Greco en el partido realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 16 de febrero de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

CARACAS – C’è qualcosa di indiscutibile nella serata di Coppa Libertadores a Pueblo Nuevo: il talento, la forma, l’eccezionale vena realizzativa dell’italo-venezuelano di origini siciliane Edgar Pérez Greco.

Difficile, impossibile credere alla carta d’identità. Compiva 34 anni proprio nel giorno in cui il suo Deportivo Tàchira cercava la conferma ad una tradizione che lo vede protagonista nella massima competizione continentale per club. La rete di ‘El flaco’ arriva al 61’: una zuccata vincente che ha mandato in delirio il popolo aurinegro che aveva gremito il ‘Templo Sagrado’. E così, nella gara d’esordio di Coppa Libertadores il Deportivo Tàchira ha superato per 2-1 i paraguaiani dell’Olimpia.

Dal momento del suo ritorno al Deportivo Tàchira, Edgar Pérez Greco ha sempre detto che voleva rivivere la magica atmosfera della manifestazione continentale, ma solo con la maglia che ha stampata sulla pelle il giallo e nero degli “aurinegros”.

“Volevo vincere, volevo rivivere l’ambiente della Coppa Libertadores che solo la cornice di San Cristòbal può offrire. – ha dichiarato il campione di origine siciliana, aggiungendo – Ho avuto l’opportunità di segnare e non potevo farmela sfuggire, quella sensazione di essere sul campo di Pueblo Nuevo è unica e indescrivibile”.

Ricordiamo che il suo circolo familiare vive al massimo la passione per questo club: suo nonno Gaetano é stato uno dei fondatori della società, mentre suo padre (Fernando) e suo zio (Rodolfo) hanno anche indossato la maglia come giocatori. Per questo motivo, Edgar, appena segnato il gol è volato verso la sud, per baciare la gigantografia che ritrae a suo nonno. “Mio nonno è una persona importante per me, sin da piccolo mi ha dato tutto e che miglior modo di ringraziarlo che dedicargli i miei gol. Lui è tutto per me”.

Le partite di Coppa Libertadores sono quelle che si vincono con i calzoncini sporchi e la maglia strappata, i denti stretti e le lacrime: il livello di esigenza va oltre i 90 minuti. “Le gare di Coppa sono diverse, le giochi con un altro ritmo, ci vuole esperienza per affrontarle nel migliore dei modi: noi lo abbiamo dimostrato durante tutto l’incontro”.

Dopo una grande vittoria come quella contro l’Olimpia, la cosa più difficile è non cedere agli ozi, non mettersi in poltrona con whisky e sigaro. Questo lo sa bene Edgar Pèrez Greco e per questo motivo ha già voltato pagina pensando alla prossima avversaria: l’Ureña in una gara valevole per il Torneo Apertura.

“Bisogna cercare di riposarsi un po’, ma senza dormire sugli allori, nei prossimo giorni avremo un tour de force con impegni per il torneo locale e la Coppa Libertadores”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora