Renzi: Italia non più subalterna, adesso tocca all’Europa fare i compiti

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Italian President Sergio Mattarella meets Italian Premier Matteo Renzi ahead of an EU summit tomorrow, at Quirinale Palace, Rome, 14 October 2015. ANSA / US QUIRINALE - PRESS OFFICE

Italian President Sergio Mattarella meets Italian Premier Matteo Renzi ahead of an EU summit tomorrow, at Quirinale Palace, Rome, 14 October 2015. ANSA / US QUIRINALE – PRESS OFFICE

ROMA. – “Bisogna vincere la nostra sudditanza psicologica verso l’Europa”. Parla alla politica italiana, Matteo Renzi. A chi, come l’ex premier Mario Monti, nell’Aula del Senato lo invita a non “denigrare” Bruxelles e a rispettare le regole di bilancio europee. “Non accetto lezioni”, replica il premier. E nelle usuali comunicazioni al Parlamento in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì, ribadisce una linea d’attacco in Ue. Perché “l’Italia sta facendo i compiti, l’Europa non ancora. E dirlo non è lesa maestà”.

Così come non è lesa maestà dire “la verità” contro la ricetta di austerity che “ha visto crescere la disoccupazione e la distanza tra il Paese leader e gli altri”: è “pronto”, annuncia il premier, un documento del ministro Padoan, che potrebbe essere presentato la prossima settimana, con le proposte italiane di politica economica, dalla crescita alle banche. Non è con fare “da Gianburrasca” ma “a testa alta” che questo governo, rivendica Renzi, si presenta in Ue a dire la sua su ogni dossier, “come gli altri Paesi già fanno” e come in passato il nostro Paese non ha fatto abbastanza.

Perciò, dopo il braccio di ferro con la Germania sui fondi per i migranti alla Turchia (il problema “non si risolve con gli oboli”), il premier annuncia fin d’ora il “veto” dell’Italia su “un tetto alla presenza di titoli di stato nel portafoglio delle banche”. E non si dice neanche contrario a una “indagine” sul surplus commerciale tedesco (“Ma è la Commissione a decidere, non noi”).

Nessuna sudditanza psicologica verso la Germania, tant’è che Renzi ribadisce che il problema “enorme” in Ue non è il salvataggio di quattro banche fatto dal governo italiano, ma “l’eccesso di titoli tossici nella pancia” di molti istituti europei, con una crisi che investe “la prima e la seconda banca tedesca”. Di fronte a questo scenario, prima di parlare della proposta franco-tedesca di superministro dell’economia, bisogna “decidere – afferma il premier – la direzione economica”.

Non sono questi i temi sul tavolo del Consiglio che si apre domani. Si parlerà della “Brexit”, del referendum che potrebbe segnare l’addio degli inglesi all’Ue, e sarebbe “una sconfitta” per tutti. E si parlerà del tema migranti, sul quale secondo l’Italia serve una risposta unitaria, europea, mentre oggi certi leader Ue vanno “a zig zag”. Ma i due temi, sostiene il premier, non sono altro che un sintomo di una malattia più vasta. E un unico “fil rouge” lega tutti i dossier europei, dalle banche, alla flessibilità, ai rifugiati: “Se l’Europa tornerà a essere comunità o sarà solo un contratto. Se sarà di ponti più che di conti, di ideali più che decimali, di visione e non divisione”.

Il presidente del Consiglio, che sui temi europei ha un colloquio al Quirinale con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, spiega alle Camere che il suo governo sta provando a ribaltare innanzitutto la prospettiva in Europa. E affermare, a partire dai temi economici, che “la flessibilità non è una richiesta italiana ma l’unico modo per affrontare la realtà”.

Su questa linea Renzi punta a convogliare innanzitutto i colleghi del Pse e martedì prossimo vedrà perciò lo spagnolo Pedro Sanchez. Ma dovrebbe ancora una volta disertare il “rito” del pre-vertice dei socialisti a Bruxelles. In Parlamento le mozioni in vista del Consiglio europeo vengono approvate ma i toni si fanno a tratti assai aspri e Sinistra italiana alla Camera protesta perché Renzi va via prima della fine del dibattito.

Mentre al Senato va in scena un inedito scontro con l’ex premier Mario Monti. Il senatore a vita rimprovera a Renzi di non aver ottenuto quanto Andreotti e Craxi nel semestre di presidenza italiana, lo invita a rispettare le regole di bilancio e a posare “clava e scalpello”.

Ma il leader del Pd risponde a muso duro: senza la flessibilità ottenuta “da Padoan”, l’economia italiana sarebbe “morta”, a causa di regole europee “devastanti”, sostenute anche dal governo Monti. L’Italia, sottolinea Renzi, non “batte i pugni” in Ue per “ottenere un decimale in più” di flessibilità, perché quel decimale le spetta: “Le regole le rispettiamo, su questo non accetto lezioni”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:53Omessi controlli radioattività container a Genova, 2 arresti

(ANSA) - GENOVA, 24 OTT - I carabinieri del Noe, il nucleo tutela ambientale, sta eseguendo due misure agli arresti domiciliari e quattro obblighi di firma nell'ambito di una inchiesta su presunti omessi controlli in container radioattivi in transito dal porto di Genova. L'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Pinto, è simile a un'altra che nel dicembre 2014 portò a tre arresti domiciliari e tre indagati. Secondo l'accusa, sarebbero stati omessi i controlli per la radioattività dei container per snellire i tempi delle procedure. Perquisizioni sono in corso negli uffici delle società coinvolte.

11:39Insulti antisemiti: Fedeli, segno degrado culturale

(ANSA) - ROMA, 24 OTT - Quella dei tifosi della Lazio è stata un'azione "molto violenta, negativa e inaccettabile, perché usare in modo dispregiativo un'esperienza come quella di Anna Frank è veramente un segno di degrado culturale". Lo ha detto la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, in merito all'uso di immagini di Anna Frank come insulto durante la partita Lazio-Cagliari di domenica scorsa.

11:36Calcio: Agnelli, plauso a Tavecchio commissario Lega

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - Faccio un plauso al presidente della Federcalcio Tavecchio nella sua veste di commissario di Lega e ai sub commissari Uva e Nicoletti. Con estrema difficoltà abbiamo approvato un nuovo statuto che consente una governance più snella". Lo ha detto il presidente della Juventus Andrea Agnelli all'assemblea degli azionisti della società bianconera. "Ieri - ha aggiunto - (in Lega, ndr) c'è stato un incontro positivo, sono stati formati due gruppi lavoro e verosimilmente verrà affidata a una società di cacciatori di teste l'incarico di individuare il profilo privato dell'amministratore delegato. L'auspicio -ha aggiunto Agnelli- è quello di sviluppare il prodotto calcio".

11:34Austria: Kurz invita Fpoe a consultazioni per governo

(ANSA) - BERLINO, 24 OTT - Il cancelliere austriaco in pectore Sebastian Kurz ha invitato alle consultazioni la destra oltranzista del Fpoe, per costituire il nuovo governo. L'Oevp, il partito popolare di Kurz, si è affermato in modo nettissimo alle elezioni del 15 ottobre, mentre l'Fpoe è arrivato al terzo posto.

11:31Calcio: Agnelli, 1/o obiettivo Juve vincere in Italia

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Il primo obiettivo della Juventus deve essere quello di vincere in Italia, riconfermarsi conquistando il settimo scudetto". Così il presidente della Andrea Agnelli, all'assemblea degli azionisti. "Come definiremmo i giocatori con 7 scudetti consecutivi, è un tema che auspichiamo di potere discutere più avanti...".

11:15‘Smart city’, Milano città più avanzata d’Italia

(ANSA) - MILANO, 24 OTT - Milano è la 'smart City' più avanzata in Italia: si conferma al primo posto in Italia per il quarto anno consecutivo, staccando le altre città per crescita economica, mobilità sostenibile, ricerca/innovazione, trasformazione digitale, con ottimi risultati anche nella partecipazione dei cittadini. La conferma del primato arriva da 'ICity Rate 2017', il rapporto annuale realizzato da FPA per fotografare la situazione delle città italiane nel percorso per diventare 'smart', ovvero più vivibili e più vicine ai bisogni dei cittadini. Ma in questa edizione il distacco del capoluogo lombardo è quasi azzerato, per l'introduzione di variabili ambientali come il consumo di suolo (Milano è 97/a posto) e qualità dell'aria (98/a). Al secondo posto la tallona Bologna, che ha solo due punti di distanza dal vertice (erano oltre 50 del 2016), potendo vantare il primato nell'energia e nella governance. Firenze si riprende il terzo posto che aveva perso lo scorso anno.

11:05Calcio: Agnelli “per conti Juve utile storico 42,6 mln”

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Dobbiamo essere estremamente orgogliosi anche dell'attività fuori dal campo: il fatturato di quest'anno, escludendo i trasferimenti, ha visto un ulteriore +20%, arrivando a 411 milioni; abbiamo segnato un utile storico, 42,6 milioni". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, aprendo l'assemblea degli azionisti del club bianconero. "Il focus per la Juventus è sempre stato, è e resterà il calcio giocato, ma per sviluppare la parte sportiva - ha spiegato Agnelli - è altrettanto importante quello che avviene fuori dal campo".

Archivio Ultima ora