Renzi: Italia non più subalterna, adesso tocca all’Europa fare i compiti

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Italian President Sergio Mattarella meets Italian Premier Matteo Renzi ahead of an EU summit tomorrow, at Quirinale Palace, Rome, 14 October 2015. ANSA / US QUIRINALE - PRESS OFFICE

Italian President Sergio Mattarella meets Italian Premier Matteo Renzi ahead of an EU summit tomorrow, at Quirinale Palace, Rome, 14 October 2015. ANSA / US QUIRINALE – PRESS OFFICE

ROMA. – “Bisogna vincere la nostra sudditanza psicologica verso l’Europa”. Parla alla politica italiana, Matteo Renzi. A chi, come l’ex premier Mario Monti, nell’Aula del Senato lo invita a non “denigrare” Bruxelles e a rispettare le regole di bilancio europee. “Non accetto lezioni”, replica il premier. E nelle usuali comunicazioni al Parlamento in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì, ribadisce una linea d’attacco in Ue. Perché “l’Italia sta facendo i compiti, l’Europa non ancora. E dirlo non è lesa maestà”.

Così come non è lesa maestà dire “la verità” contro la ricetta di austerity che “ha visto crescere la disoccupazione e la distanza tra il Paese leader e gli altri”: è “pronto”, annuncia il premier, un documento del ministro Padoan, che potrebbe essere presentato la prossima settimana, con le proposte italiane di politica economica, dalla crescita alle banche. Non è con fare “da Gianburrasca” ma “a testa alta” che questo governo, rivendica Renzi, si presenta in Ue a dire la sua su ogni dossier, “come gli altri Paesi già fanno” e come in passato il nostro Paese non ha fatto abbastanza.

Perciò, dopo il braccio di ferro con la Germania sui fondi per i migranti alla Turchia (il problema “non si risolve con gli oboli”), il premier annuncia fin d’ora il “veto” dell’Italia su “un tetto alla presenza di titoli di stato nel portafoglio delle banche”. E non si dice neanche contrario a una “indagine” sul surplus commerciale tedesco (“Ma è la Commissione a decidere, non noi”).

Nessuna sudditanza psicologica verso la Germania, tant’è che Renzi ribadisce che il problema “enorme” in Ue non è il salvataggio di quattro banche fatto dal governo italiano, ma “l’eccesso di titoli tossici nella pancia” di molti istituti europei, con una crisi che investe “la prima e la seconda banca tedesca”. Di fronte a questo scenario, prima di parlare della proposta franco-tedesca di superministro dell’economia, bisogna “decidere – afferma il premier – la direzione economica”.

Non sono questi i temi sul tavolo del Consiglio che si apre domani. Si parlerà della “Brexit”, del referendum che potrebbe segnare l’addio degli inglesi all’Ue, e sarebbe “una sconfitta” per tutti. E si parlerà del tema migranti, sul quale secondo l’Italia serve una risposta unitaria, europea, mentre oggi certi leader Ue vanno “a zig zag”. Ma i due temi, sostiene il premier, non sono altro che un sintomo di una malattia più vasta. E un unico “fil rouge” lega tutti i dossier europei, dalle banche, alla flessibilità, ai rifugiati: “Se l’Europa tornerà a essere comunità o sarà solo un contratto. Se sarà di ponti più che di conti, di ideali più che decimali, di visione e non divisione”.

Il presidente del Consiglio, che sui temi europei ha un colloquio al Quirinale con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, spiega alle Camere che il suo governo sta provando a ribaltare innanzitutto la prospettiva in Europa. E affermare, a partire dai temi economici, che “la flessibilità non è una richiesta italiana ma l’unico modo per affrontare la realtà”.

Su questa linea Renzi punta a convogliare innanzitutto i colleghi del Pse e martedì prossimo vedrà perciò lo spagnolo Pedro Sanchez. Ma dovrebbe ancora una volta disertare il “rito” del pre-vertice dei socialisti a Bruxelles. In Parlamento le mozioni in vista del Consiglio europeo vengono approvate ma i toni si fanno a tratti assai aspri e Sinistra italiana alla Camera protesta perché Renzi va via prima della fine del dibattito.

Mentre al Senato va in scena un inedito scontro con l’ex premier Mario Monti. Il senatore a vita rimprovera a Renzi di non aver ottenuto quanto Andreotti e Craxi nel semestre di presidenza italiana, lo invita a rispettare le regole di bilancio e a posare “clava e scalpello”.

Ma il leader del Pd risponde a muso duro: senza la flessibilità ottenuta “da Padoan”, l’economia italiana sarebbe “morta”, a causa di regole europee “devastanti”, sostenute anche dal governo Monti. L’Italia, sottolinea Renzi, non “batte i pugni” in Ue per “ottenere un decimale in più” di flessibilità, perché quel decimale le spetta: “Le regole le rispettiamo, su questo non accetto lezioni”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:36Estate: al mare 50% delle presenze turistiche, 90% al Sud

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il mare va alla grande, come di consueto nelle calde estati all'italiana, concentrando nei quasi 8 mila chilometri di coste della penisola oltre il 50% delle presenze turistiche estive, dato che è sensibilmente più alto nel Mezzogiorno dove arriva a sfiorare il 90%. Emerge da un'indagine di Sindacato Italiano Balneari Fipe Confcommercio secondo cui lo stabilimento balneare è preferito dalle famiglie del Nord e delle grandi aree metropolitane e il cliente medio ha tra i 35 e i 54 anni. Sdraio, lettino, ombrellone, servizi igienici, docce e ristorazione i servizi più utilizzati, con un livello di soddisfazione superiore all'80%. Manutenzione del lido e delle strutture, cordialità e professionalità del gestore, elevato livello di sicurezza e soprattutto la gestione familiare i punti di forza di uno stabilimento balneare, secondo il giudizio dei clienti che dichiarano di: "Sentirsi a casa".

15:24Immigrazione: tredici vittime a Trapani, anche due incinte

(ANSA) - TRAPANI, 28 LUG - C'erano anche 13 cadaveri (tra cui 8 donne, due delle quali in stato di gravidanza) a bordo della nave Vos Hestia di Save the Children, approdata stamani al porto di Trapani. Tra i migranti, alcuni dei quali ustionati, 240 persone, compresi sei bambini al di sotto dei 5 anni, rimasti orfani. La maggior parte dei migranti sbarcati a Trapani è stata soccorsa martedì scorso al largo della Libia dalla nave della ong Proctavia Open Arms.

15:16Calcio: Conte, io all’Inter? ‘Non devo fare chiarezza’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - ''Non credo ci sia da far chiarezza su questo argomento. C'erano altri due anni di contratto con il Chelsea, pertanto ho deciso di continuare perché era giusto così''. Così alla vigilia della partita amichevole contro l'Inter, Antonio Conte, affronta l'argomento del suo possibile passaggio in nerazzurro prima dell'avvento di Spalletti. ''Ho un lavoro da portare a termine con questa società. Penso che non sia importante parlarne adesso. La cosa che conta è la mia felicità di essere al Chelsea, tanto da aver rinnovato il contratto''. Sul match contro l'Inter alla 'Singapore American School', Conte conferma che farà giocatore sia l'ex Juve Morata che l'ex Roma Ruediger: ''troveranno sicuramente spazio. il tedesco giocherà una parte di gara, è arrivato da poco. Devo ancora decidere se dall'inizio o a gara in corso''.

15:14Rifiutò di celebrare unione civile,sindaco antigay aggredito

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - L'ex sindaco di Favria Serafino Ferrino, che lo scorso anno era balzato alle cronache nazionali per essersi rifiutato di celebrare l'unione civile tra due uomini, è stato aggredito da uno sconosciuto nei pressi della sua abitazione. L'aggressore ha finto un guasto all'auto, poi ha ripetutamente colpito l'ex primo cittadino, che è stato medicato al pronto soccorso di Cuorgnè. Sull'episodio indagano i carabinieri di Rivarolo Canavese. Ferrino, a lungo sindaco di Favria, appartiene al movimento delle Sentinelle in piedi.(ANSA).

15:09Terremoto: consegnate 400 casette, lavori in altre 92 aree

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sono 396 le casette consegnate nelle zone del centro Italia colpiti dai terremoti dello scorso anno. Il dato aggiornato è stato fornito dal Dipartimento della Protezione Civile secondo il quale sono complessivamente 3.805 le Soluzioni abitative d'emergenza ordinate dai 51 comuni del cratere che ne hanno fatto richiesta. Al momento dunque sono stati completati i lavori in 25 aree - 3 a Norcia, 5 ad Accumoli, 15 ad Amatrice, una ad Arquata e una a Calcara di Torricella - mentre altre 177 aree ritenute idonee sono state consegnate ai consorzi incaricati della progettazione delle opere di urbanizzazione per la successiva installazione delle Sae e in 92 di queste sono in corso i lavori. In particolare, sono le Marche ad aver ordinato la metà del numero complessivo di casette: la Regione ne ha richieste 1.899 per 29 comuni. L'Abruzzo, invece, ha ordinato fino ad oggi 218 casette, da installare in 13 comuni, il Lazio 755 per i sei comuni più colpiti, l'Umbria 933 per 3 comuni che ne hanno fatto richiesta. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile è possibile consultare la mappa sullo stato di avanzamento dei lavori per l'installazione delle Sae. (ANSA).

14:59Calcio: Fiorentina test a Lisbona, con Kalinic

(ANSA) - FIRENZE, 28 LUG - C'è Nikola Kalinic ma non Matias Vecino tra i convocati per l'amichevole che la Fiorentina affronterà domani a Lisbona contro lo Sporting nel ricordo del tifoso viola Marco Ficini scomparso in aprile. L'attaccante croato, da tempo al centro di voci di mercato, al momento resta quindi aggregato agli ordini di Pioli, al contrario del centrocampista uruguaiano per il quale l'Inter sarebbe pronta a pagare la clausola di 24 milioni. Nel gruppo partito per il Portogallo c'è anche Mati Fernandez rientrato dal prestito al Milan e accostato al Valencia, ma non gli infortunati Saponara, reduce dall'intervento alla caviglia di qualche mese fa, e Badelj. Quest'ultimo, sottoposto oggi ad accertamenti, è alle prese con una lieve lesione al polpaccio sinistro e ha già iniziato la riabilitazione. Intanto la società viola ha ufficializzato un'altra amichevole: il 10 agosto alle 20,30 affronterà la Pistoiese al 'Melani' di Pistoia.

14:46Vaccini: Renzi, follia pura aggressione a deputati Pd

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Tre deputati del Pd sono stati assaliti da manifestanti No-Vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo". Così Matteo Renzi, su twitter, denuncia l'aggressione ai tre deputati dem all'uscita dalla Camera dopo il via libera al decreto vaccini.

Archivio Ultima ora