Venezuela: Aperto il cammino verso un “Golpe”? Si torna a parlare di “transizione pilotata”

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Mensaje Anual del Presidente Nicolás Maduro Moros (cortesia avn.info.ve)

Mensaje Anual del Presidente Nicolás Maduro Moros (cortesia avn.info.ve)

Confusione, sconcerto. Ma non sorpresa. La decisione della Corte Costituzionale, viste le circostanze attuali, era prevedibile. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, vi si era appellato sicuro del risultato. D’altronde, anche in precedenti occasioni, la Corte aveva deliberato a favore del Governo.

Perché non farlo anche in questa? L’interpretazione della Corte, chiesta dal capo dello Stato, non solo disattende la decisione dell’Assemblea Nazionale, ripristina il Decreto di Emergenza Economica e restituisce al presidente Maduro la facoltà di decisione in materia economica ma, quel che appare più grave, rompe il delicato equilibrio tra poteri. Infatti, la Corte, così facendo, si pone, con l’assenso dell’Esecutivo, al di sopra di ogni altro potere previsto dalla Costituzione.

Non entriamo in merito ad argomenti che anche ad esperti costituzionalisti risultano ostici ed enigmatici. Ma è logico pensare che la decisione della Corte scriva un pericoloso precedente. In futuro, qualunque decisione del Parlamento, presa nell’esercizio delle attribuzioni che gli conferisce la Costituzione, potrà essere messa in discussione. L’Assemblea Nazionale, eletta a suffragio universale, è oggi sconfessata da un organismo i cui membri sono designati dal proprio Parlamento, quindi con una elezione di secondo grado.

Il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, nel commentare la decisione, ha affermato con amarezza che nel Paese si apre il cammino verso un colpo di Stato. E non è mancato chi ha ricordato, anche se le differenze sono abissali, quanto accaduto nel Perù di Fujimori: l’“auto-golpe” del 1992 e lo scioglimento del Parlamento.

Il presidente dell’Assemblea Nazionale ha anche sostenuto che la sentenza della Corte contribuisce ad approfondire la crisi politica che ha inevitabilmente gravi riflessi su quella economica e sociale. Da qui, sempre secondo Ramos Allup, la necessità di accelerare, attraverso i meccanismi contemplati dalla Costituzione, un avvicendamento alla presidenza della Repubblica. E su questo indirizzo l’Assemblea Nazionale si è proposta di lavorare.

La tesi di un avvicendamento ai vertici del Governo, che dopo l’elezione del nuovo Parlamento pareva fosse stata archiviata, è stata rispolverata dal Tavolo dell’Unità che ne ha discusso a lungo all’indomani della sentenza della Corte. Ora, le differenze riscontrate in passato tra falchi e colombe non sono più di fondo ma solo di forma. Insomma, vi è coincidenza circa la necessità di un cambio accelerato di governo; restano le differenze sul cammino a seguire.

Henrique Capriles Radonski, rappresentante dell’ala moderata, ha suggerito di lavorare contemporaneamente sulla soluzione avanzata dalla Causa R – leggasi, emendamento alla Costituzione per ridurre il periodo presidenziale a 4 anni – e sul “Referendum Revocatorio”. Dal canto suo, Voluntad Popular, la corrente radicale del Tavolo dell’Unità, ha insistito sul referendum per una nuova Assemblea Costituente che possa riscrivere la “Costituzione”.

Di tutt’altro tono, invece, la posizione del Segretario Esecutivo del Tavolo dell’Unità. Jesùs “Chuo” Torrealba considera le dimissioni del capo dello Stato il cammino meno traumatico per promuovere una trasformazione capace di frenare la crisi e gettare le basi per la crescita del Paese.

La necessità di una svolta in seno al governo è avvertita anche all’interno di settori importanti del “chavismo”. Marea Socialista, la corrente dissidente del Psuv, ha reso noto che, nei giorni scorsi, si sarebbero svolte presunte riunioni del vertice del Polo Patriotico per studiare gli scenari che si aprirebbero nel caso di una presunta uscita del presidente Maduro dalla scena politica.

Le dimissioni del capo dello Stato sono state suggerite da dissidenti come Nicmer Evans e il connazionale ed ex ministro Jorge Giordani, e da organizzazioni “chavistas” contrarie alla politica del governo, come ad esempio Marea Socialista e Aporrea.com.

L’esistenza di una corrente d’opinione in seno al “chavismo” aperta a una svolta politica ed economica per “salvare la rivoluzione” è stata confermata alla “Voce” da fonti solitamente ben informate. Tra le varie proposte sul tavolo quella più accreditata sarebbe la transizione pilotata che risparmierebbe al Paese una “svolta traumatica” e permetterebbe al “chavismo” di guadagnare tempo.

Come si ricorderà, già qualche mese fa, quando dai sondaggi cominciavano a emergere indicazioni sulla probabile sconfitta del “chavismo” e poi, quando la tendenza verso una catastrofica debacle del governo pareva ormai irreversibile, in seno al “chavismo” cominciò un dibattito sulla possibile transizione pilotata. Allora s’impose la tesi dell’ala dura del “chavismo”, quella radicale, che sosteneva la necessità della “rivoluzione ad oltranza”.

Ramos Allup ha assicurato che nonostante le avversità, il Parlamento continuerà a lavorare e a legiferare. Sono sul tavolo di discussione, oggi, alcune leggi assai polemiche. Tra queste, quella che permetterebbe agli inquilini delle case della “Misiòn Vivienda” di averne definitivamente il titolo di proprietà e quella che dovrebbe restituire la libertà ai prigionieri politici. Quest’ultima sicuramente sarà tema di polemica e, probabilmente, la sua legalità sarà messa di nuovo in discussione e ogni decisione rimandata alla Corte.

Mentre la politica si affronta senza esclusione di colpi, e il governo scommette sull’indebolimento del potere legislativo, la crisi economica continua a mordere. Pasta, farina, lenticchie, ceci, fagioli sono scomparsi dai supermarket e dalla dieta dei venezuelani, mentre tra coloro che per ore fanno la fila di fronte ai generi alimentari si parla con insistenza dell’imminente incremento della benzina e della svalutazione del bolìvar.

Sono questi due provvedimenti assai temuti dal governo, per gli effetti catastrofici sulla propria popolarità, oggi ai minimi storici, e sull’inflazione, ormai a un passo dall’iper-inflazione.

Stando agli esperti, il Governo si troverebbe a un bivio: applicare un incremento della benzina e una svalutazione radicale, con un alto costo politico; o un incremento della benzina e una svalutazione programmata. In altre parole, uno schema d’incremento della benzina e una svalutazione mensile pianificate che, in poco tempo, permetterebbero di riportare il valore del combustibile e della moneta a livelli più consoni con la realtà. Il costo politico, comunque, resterebbe alto.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

13:13Calcio: Bayern, Alaba a disposizione per la sfida con il Psg

(ANSA) - ROMA, 23 SET - All'indomani del mezzo passo falso in Bundesliga (con il pareggio interno subìto dal Wolfsburg da 2-0 a 2-2 nell'anticipo della sesta giornata), in casa Bayern Monaco arriva la buona notizia del pieno recupero di David Alaba, il quale potrebbe essere disponibile sin dal prossimo, delicato impegno della squadra di Carlo Ancelotti, mercoledì a Parigi contro il Psg in Champions League. Stamani l'esterno austriaco, infortunatosi ad una caviglia in Nazionale (nella gara del 5 settembre scorso contro la Georgia, qualificazioni mondiali), ha svolto la seduta d'allenamento con i compagni tornando anche colpire il pallone per la prima volta dall'incidente.

13:05Corea Nord: Nuova Cina, terremoto di magnitudo 3.4

(ANSA) - SEUL, 23 SET - Un terremoto di 3.4 gradi di magnitudo è stato rilevato in Corea del Nord. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina. Il sisma rilevato in Corea del nord ha cause naturali, secondo l'agenzia meteorologica sudcoreana. Un funzionario ha precisato che il sisma, di magnitudo 3, è stato individuato nella stessa regione in cui di recente è stato compiuto un test nucleare, ma ha detto che certamente non è stato causato da un'esplosione artificiale. Esperti cinesi, citati da media internazionali, hanno invece affermato che potrebbe trattarsi del risultato di un'esplosione.

12:35Inchiesta a Napoli su test medicina ‘venduti’ a candidati

(ANSA) - NAPOLI, 23 SET - L'ipotesi è che qualcuno abbia 'venduto' i risultati del test per l'accesso alla facoltà di medicina ai figli di due esponenti delle forze dell'ordine: per questo la Procura di Napoli ha aperto una inchiesta. Quattro gli indagati, accusati di corruzione: un'assistente bibliotecaria che il 5 settembre scorso, giorno dei test, faceva parte della squadra di 300 impiegati con compiti di vigilanza; il marito, ex dipendete dell'Università e i due appartenenti alle forze dell'ordine. Sarebbe iniziato tutto da una intercettazione telefonica, da lì su disposizione del pm Ida Frongillo la mattina del 5, tra gli oltre 4mila studenti sarebbero scattate anche le perquisizioni. Quelle sugli indagati hanno dato esito negativo; saranno esaminate le memorie di computer e cellulari. In un solo caso, tra i candidati, è stato rinvenuto un algoritmo sul quale sono in corso accertamenti per verificare la compatibilità con la risoluzione del quiz.

12:35Omicidio stradale, un arresto a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 23 SET - Il conducente di un'automobile, che guidava sotto l'effetto dell'alcool e che è risultato positivo anche all'assunzione di sostanze stupefacenti, è stato arrestato per omicidio stradale dopo che la vettura che guidava, una Renault Megane, è uscita di strada, ribaltandosi, provocando la morte di un 24enne di Carosino (Taranto), Andrea Attanasio. Nell'incidente - avvenuto la notte scorsa sulla statale 7 Appia, nel tratto che collega Taranto a San Giorgio Jonico, nei pressi di un ristorante - è rimasto ferito lo stesso conducente dell'automobile, un 39enne, ed altre tre persone. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, vigili del fuoco e Polizia stradale. L'arrestato ha riportato solo contusioni. Altri tre giovani, trasportati in ospedale, hanno riportato ferite giudicate guaribili tra i 7 e i 30 giorni.

12:17Germania: a vigilia voto si riduce distanza Merkel-Schulz

(ANSA) - BERLINO, 23 SET - Alla vigilia del voto tedesco, si riduce la distanza fra i due candidati cancellieri: stando al sondaggio Emnid di Bild am Sonntag, anticipato oggi, in una elezione diretta Angela Merkel avrebbe il 45% dei consensi e Martin Schulz il 32%. Nelle ultime settimane lo scarto si è ridotto da 29 a 13 punti: quattro settimane fa, infatti, i due candidati erano premiati rispettivamente dal 51 e dal 22% dei consensi.

12:07Calcio: Rizzoli, la Var migliori nel tempismo

(ANSA) - ROMA, 23 SET - La Var è un aiuto "per eliminare gli errori determinanti". Non se ne può abusare perché il gioco deve rimanere "spettacolare, dinamico e veloce". È "in fase di rodaggio" e c'è stato "qualche problema tecnico di comunicazione tra l'arbitro in campo e quello dietro al monitor. Speriamo che il tempismo migliori, che gli interventi siano sempre più veloci". Questo il parere del designatore arbitrale Nicola Rizzoli sulla tecnologia che ha fatto il suo esordio nel campionato di Serie A. Ospite della trasmissione "Extratime" su Rai Radio 1, Rizzoli ha parlato della sua carriera, che lo ha portato a diventare tra i migliori arbitri al mondo. Sul fatto, poi, che gli arbitri siano sempre sotto esame, ha spiegato: "Essere sempre nel mirino aiuta gli arbitri. A livello internazionale, la pressione è minore e non a caso gli italiani sono sempre stati i migliori: sono abituati alla gestione della pressione, alle polemiche. Tutta questa tensione crea una concentrazione e un'esperienza maggiore per poterla sopportare".

11:54Prostituzione: primo ricorso a Tar contro ordinanza Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 23 SET - Via al primo ricorso al Tar contro l'ordinanza antiprostituzione del sindaco di Firenze che prevede sanzioni salatissime, fino a tre mesi di arresto, se viene violato il divieto di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Il ricorso contro l'ordinanza è stato presentato da un legale fiorentino, l'avvocato Francesco Bertini. "Non è l'atto di un cliente indispettito", spiega al quotidiano La Nazione che oggi pubblica la notizia del ricorso, facendo capire che si tratta dell'iniziativa di un uomo di legge, che ha titolo per ricorrere al Tar in quanto residente a Firenze contro "un'ordinanza incostituzionale e contraria anche al decreto Minniti al quale dice di ispirarsi". Secondo l'avvocato Bertini, infatti, l'ordinanza del sindaco Dario Nardella violerebbe le leggi dello Stato al quale la Costituzione riserva le questioni di sicurezza e ordine pubblico, determinando a Firenze una situazione diversa da quella del resto del Paese. Fino ad ora sono stati due i clienti di 'lucciole' incappati nell'ordinanza fiorentina entrata in vigore il 15 settembre. Per loro prevista anche la denuncia sulla base dell'articolo 650 del codice penale per violazione di una ordinanza delle autorità. (ANSA).

Archivio Ultima ora