Venezuela: Aperto il cammino verso un “Golpe”? Si torna a parlare di “transizione pilotata”

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Mensaje Anual del Presidente Nicolás Maduro Moros (cortesia avn.info.ve)

Mensaje Anual del Presidente Nicolás Maduro Moros (cortesia avn.info.ve)

Confusione, sconcerto. Ma non sorpresa. La decisione della Corte Costituzionale, viste le circostanze attuali, era prevedibile. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, vi si era appellato sicuro del risultato. D’altronde, anche in precedenti occasioni, la Corte aveva deliberato a favore del Governo.

Perché non farlo anche in questa? L’interpretazione della Corte, chiesta dal capo dello Stato, non solo disattende la decisione dell’Assemblea Nazionale, ripristina il Decreto di Emergenza Economica e restituisce al presidente Maduro la facoltà di decisione in materia economica ma, quel che appare più grave, rompe il delicato equilibrio tra poteri. Infatti, la Corte, così facendo, si pone, con l’assenso dell’Esecutivo, al di sopra di ogni altro potere previsto dalla Costituzione.

Non entriamo in merito ad argomenti che anche ad esperti costituzionalisti risultano ostici ed enigmatici. Ma è logico pensare che la decisione della Corte scriva un pericoloso precedente. In futuro, qualunque decisione del Parlamento, presa nell’esercizio delle attribuzioni che gli conferisce la Costituzione, potrà essere messa in discussione. L’Assemblea Nazionale, eletta a suffragio universale, è oggi sconfessata da un organismo i cui membri sono designati dal proprio Parlamento, quindi con una elezione di secondo grado.

Il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, nel commentare la decisione, ha affermato con amarezza che nel Paese si apre il cammino verso un colpo di Stato. E non è mancato chi ha ricordato, anche se le differenze sono abissali, quanto accaduto nel Perù di Fujimori: l’“auto-golpe” del 1992 e lo scioglimento del Parlamento.

Il presidente dell’Assemblea Nazionale ha anche sostenuto che la sentenza della Corte contribuisce ad approfondire la crisi politica che ha inevitabilmente gravi riflessi su quella economica e sociale. Da qui, sempre secondo Ramos Allup, la necessità di accelerare, attraverso i meccanismi contemplati dalla Costituzione, un avvicendamento alla presidenza della Repubblica. E su questo indirizzo l’Assemblea Nazionale si è proposta di lavorare.

La tesi di un avvicendamento ai vertici del Governo, che dopo l’elezione del nuovo Parlamento pareva fosse stata archiviata, è stata rispolverata dal Tavolo dell’Unità che ne ha discusso a lungo all’indomani della sentenza della Corte. Ora, le differenze riscontrate in passato tra falchi e colombe non sono più di fondo ma solo di forma. Insomma, vi è coincidenza circa la necessità di un cambio accelerato di governo; restano le differenze sul cammino a seguire.

Henrique Capriles Radonski, rappresentante dell’ala moderata, ha suggerito di lavorare contemporaneamente sulla soluzione avanzata dalla Causa R – leggasi, emendamento alla Costituzione per ridurre il periodo presidenziale a 4 anni – e sul “Referendum Revocatorio”. Dal canto suo, Voluntad Popular, la corrente radicale del Tavolo dell’Unità, ha insistito sul referendum per una nuova Assemblea Costituente che possa riscrivere la “Costituzione”.

Di tutt’altro tono, invece, la posizione del Segretario Esecutivo del Tavolo dell’Unità. Jesùs “Chuo” Torrealba considera le dimissioni del capo dello Stato il cammino meno traumatico per promuovere una trasformazione capace di frenare la crisi e gettare le basi per la crescita del Paese.

La necessità di una svolta in seno al governo è avvertita anche all’interno di settori importanti del “chavismo”. Marea Socialista, la corrente dissidente del Psuv, ha reso noto che, nei giorni scorsi, si sarebbero svolte presunte riunioni del vertice del Polo Patriotico per studiare gli scenari che si aprirebbero nel caso di una presunta uscita del presidente Maduro dalla scena politica.

Le dimissioni del capo dello Stato sono state suggerite da dissidenti come Nicmer Evans e il connazionale ed ex ministro Jorge Giordani, e da organizzazioni “chavistas” contrarie alla politica del governo, come ad esempio Marea Socialista e Aporrea.com.

L’esistenza di una corrente d’opinione in seno al “chavismo” aperta a una svolta politica ed economica per “salvare la rivoluzione” è stata confermata alla “Voce” da fonti solitamente ben informate. Tra le varie proposte sul tavolo quella più accreditata sarebbe la transizione pilotata che risparmierebbe al Paese una “svolta traumatica” e permetterebbe al “chavismo” di guadagnare tempo.

Come si ricorderà, già qualche mese fa, quando dai sondaggi cominciavano a emergere indicazioni sulla probabile sconfitta del “chavismo” e poi, quando la tendenza verso una catastrofica debacle del governo pareva ormai irreversibile, in seno al “chavismo” cominciò un dibattito sulla possibile transizione pilotata. Allora s’impose la tesi dell’ala dura del “chavismo”, quella radicale, che sosteneva la necessità della “rivoluzione ad oltranza”.

Ramos Allup ha assicurato che nonostante le avversità, il Parlamento continuerà a lavorare e a legiferare. Sono sul tavolo di discussione, oggi, alcune leggi assai polemiche. Tra queste, quella che permetterebbe agli inquilini delle case della “Misiòn Vivienda” di averne definitivamente il titolo di proprietà e quella che dovrebbe restituire la libertà ai prigionieri politici. Quest’ultima sicuramente sarà tema di polemica e, probabilmente, la sua legalità sarà messa di nuovo in discussione e ogni decisione rimandata alla Corte.

Mentre la politica si affronta senza esclusione di colpi, e il governo scommette sull’indebolimento del potere legislativo, la crisi economica continua a mordere. Pasta, farina, lenticchie, ceci, fagioli sono scomparsi dai supermarket e dalla dieta dei venezuelani, mentre tra coloro che per ore fanno la fila di fronte ai generi alimentari si parla con insistenza dell’imminente incremento della benzina e della svalutazione del bolìvar.

Sono questi due provvedimenti assai temuti dal governo, per gli effetti catastrofici sulla propria popolarità, oggi ai minimi storici, e sull’inflazione, ormai a un passo dall’iper-inflazione.

Stando agli esperti, il Governo si troverebbe a un bivio: applicare un incremento della benzina e una svalutazione radicale, con un alto costo politico; o un incremento della benzina e una svalutazione programmata. In altre parole, uno schema d’incremento della benzina e una svalutazione mensile pianificate che, in poco tempo, permetterebbero di riportare il valore del combustibile e della moneta a livelli più consoni con la realtà. Il costo politico, comunque, resterebbe alto.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora