Storico viaggio di Obama a Cuba in marzo

Pubblicato il 18 febbraio 2016 da redazione

obama-raul

WASHINGTON. – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, insieme con la first lady Michelle, si recherà a Cuba i prossimi 21 e 22 marzo. Questo l’annuncio storico della Casa Bianca, che conferma un viaggio che era nell’aria da tempo, con un ulteriore cruciale passo sulla strada della normalizzazione nei rapporti tra Washington e l’Avana. Un disgelo fortemente voluto da Obama, che diventa così il primo presidente americano a mettere piede sull’isola in 88 anni.

Pazienza se la destra repubblicana attacca, giudicando il viaggio “assurdo e vergognoso”. L’obiettivo di Obama è aggiungere concretezza al processo avviato oltre un anno fa, e per questo i tempi non sono casuali: “Meglio andare adesso e cercare di fare qualcosa di concreto che andare a dicembre facendo diventare il viaggio una ‘vacanza a Cuba’. Vogliamo che sia un viaggio produttivo”, ha spiegato il consigliere di Obama per la Sicurezza nazionale Ben Rhodes. Ovvero capitalizzare sull’interesse sollevato, spingere l’acceleratore per far sì che lo sforzo diplomatico diventi tangibile.

E Obama vuole che ciò accada nel pieno del suo mandato, vuole che il suo viaggio non sia considerato il mero “coronamento” di un processo, un atto simbolico pur dirompente, ma che sia fonte di nuovi stimoli su cui costruire. Allora il presidente riconosce le “differenze” che contraddistinguono ancora i rapporti tra Usa e Cuba e promette di sollevarle “direttamente”, sottolineando inoltre che “l’America sosterrà sempre i diritti umani nel mondo”, mentre dalla Casa Bianca si esclude un incontro tra Obama e Fidel Castro sull’isola, e si precisa che si sta lavorando sulla possibilità che Obama abbia occasione di parlare ai cubani, così come – si assicura – incontrerà i dissidenti.

Perché quello del presidente deve essere un intervento ben calibrato, volto a dimostrare agli americani tutti i vantaggi che il passo storico comporta. E’ il motivo per cui in queste ore si ripercorrono punto per punto i progressi segnati fino ad ora, il lavoro dietro le quinte anche per stabilire nuovi rapporti commerciali, di cui l’ok dei giorni scorsi ai voli per l’isola caraibica sono la punta dell’iceberg.

Ne scrive il New York Times, spiegando che proprio mentre si annunciano le date della visita di Obama, rappresentanti del Tesoro Usa e la controparte cubana si incontrano a Washington per tratteggiare le crescenti possibilità di business tra i due Paesi. E nonostante l’embargo – che la Casa Bianca ha chiesto a chiare lettere al Congresso di rimuovere – Washington ha spinto il più possibile, ha confermato la segretario al Commercio Usa Penny Pritzker, “ma abbiamo bisogno di aiuto dal lato cubano”.

Questo va a rafforzare Obama, sfidando le ire della destra che, nell’arena infiammata dalla campagna elettorale, grida allo scandalo. Sono i due candidati con origini cubane nella corsa per la nomination repubblicana che colgono la palla al balzo e più di tutti puntano il dito su una visita giudicata “assurda”.

“Cuba non è libera. E ad un anno e due mesi dalle aperture, il governo cubano resta repressivo come sempre: una dittatura”, tuona Marco Rubio. Di natura analoga le critiche di Ted Cruz: “Non andrei mai a Cuba da presidente finché Castro è al potere”.

Intanto L’Avana sembra tentare di stemperare anche le ultime tensioni con l’incaricata d’affari cubana con gli Usa, Josefina Vidal, che sottolinea: “Barack Obama è benvenuto”, anche quando sul tavolo delle trattative ci saranno “tematiche quali quelle dei diritti umani. Sarà trattato con ogni considerazione e rispetto”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

15:54Calcio: Hart, sarò per sempre tifoso del Torino

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Grazie Torino, sono orgoglioso di aver giocato per la tua Grande Squadra". Il portiere del Manchester City e dell'Inghilterra, saluta così la squadra con cui ieri ha concluso la stagione. Da tempo i granata hanno annunciato che non riscatteranno il numero uno, perché la valutazione del suo cartellino - 15 milioni di euro la richiesta del Manchester - è ritenuta eccessiva. "Non dimenticherò mai il modo in cui avete accolto me e la mia famiglia", aggiunge su Instagram Hart, diventato subito beniamino dei tifosi granata nonostante qualche errore di troppo. "Sarò un tifoso del Torino per sempre, per il resto dei miei giorni - sottolinea -. Ho incontrato tante persone veramente speciali e questa è stata una delle più splendide esperienze della mia vita. Per adesso è solo un arrivederci, perché tornerò per vedervi ed incontrarvi tutti. Vi auguro una estate eccezionale, mi mancherete!", conclude Hart con quel "#kaammoonnnn" che quest'anno è stato il suo grido di battaglia.

15:53Spagna: stroncato traffico anabolizzanti

(ANSA) - MADRID, 29 MAG - La polizia spagnola ha annunciato di avere smantellato una importante rete internazionale di traffico di anabolizzanti, procedendo a 14 arresti e al sequestro di oltre 3 milioni di dosi. Secondo la Guardia Civil si tratta della più importante operazione portata a termine in Europa contro i trafficanti di anabolizzanti, che riforniva privati e palestre in Spagna e all'estero. Due dei 14 arrestati - a Malaga, Alicante, Valencia e Valladolid - sono venezuelani, gli altri spagnoli. I trafficanti ricevevano le sostanze da Cina e India e le distribuivano senza alcun controllo sanitario. Alcuni prodotti venivano rifiniti a Malaga e distribuiti illegalmente sotto il falso marchio di un noto laboratorio. Nell'operazione, cui hanno partecipato anche agenti di Francia e Germania, sono state sequestrate più di 120 sostanze diverse.

15:42Pakistan: scontri per blackout, un morto

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 MAG - Almeno una persona è morta in Pakistan ed altre sei sono rimaste ferite oggi in incidenti fra le forze dell'ordine e centinaia di manifestanti scesi in piazza contro i ripetuti blackout elettrici nella provincia nord-occidentale di Khyber Pkhtunkhwa. Lo riferisce la tv DawnNews. Gli incidenti sono avvenuti nel distretto di Malakand, dove i dimostranti hanno appiccato il fuoco al locale commissariato di polizia. Una simile protesta è avvenuta anche nel capoluogo provinciale Peshawar dove i manifestanti hanno bloccato il traffico sul Ring Road. L'interruzione delle forniture di energia elettrica è frequente in Pakistan, ma si è intensificata negli ultimi giorni, aumentando i disagi della popolazione impegnata nel rispetto del mese sacro di Ramadan.

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

Archivio Ultima ora