Petrolio: anche gli Emirati Arabi Uniti approvano congelamento della produzione

Dubai Financial Market - at the Dubai World Trade Center - ITP Business Picture by Moustafa Zakaria - for Arabian Business English
Dubai Financial Market  -  at the Dubai World Trade Center  -  ITP Business Picture by Moustafa Zakaria  -  for Arabian Business English
Dubai Financial Market – at the Dubai World Trade Center – ITP Business Picture by Moustafa Zakaria – for Arabian Business English

BEIRUT. – Gli Emirati arabi uniti (Eau) danno il loro sostegno all’iniziativa per congelare agli attuali livelli la produzione di petrolio, come convenuto tra Arabia Saudita, Russia, Qatar e Venezuela. Lo ha detto il ministro dell’Energia emiratino, Suhail bin Mohammed Faraj Faris Al Mazrui, citato dall’agenzia nazionale Wam.

“Riteniamo che congelare i livelli di produzione da parte dei membri dell’Opec e della Russia avrà un impatto positivo sull’equilibrio della futura domanda”, ha detto il ministro in una dichiarazione diffusa dall’agenzia.

“La politica petrolifera degli Eau – ha aggiunto – è sempre aperta alla cooperazione con tutti al fine di servire i superiori interessi dei produttori e l’equilibro del mercato”.

La decisione di Russia, Arabia Saudita, Qatar e Venezuela di congelare la produzione ai livelli di gennaio è subordinata all’accettazione anche da parte degli altri maggiori produttori.