Usa 2016: dopo lo scontro col Papa, Trump attenua i toni

Pubblicato il 19 febbraio 2016 da redazione

trump

WASHINGTON. – Donald Trump non corregge del tutto, ma di certo attenua la sua reazione alle parole di papa Francesco che condannano la sua proposta di costruire un muro alla frontiera tra Stati Uniti e Messico per fermare l’immigrazione illegale. Sono passate poche ore dalle critiche del pontefice quando il tema irrompe con prepotenza nel duello tra i contendenti per la nomination repubblicana, tanto che in un nuovo dibattito tv in South Carolina, trasmesso dalla Cnn, non può che essere su questo la prima domanda, con i candidati che si dividono tra chi si dichiara “pro papa” come John Kasich e chi, come il cattolico Jeb Bush, ritiene che nessuno abbia il diritto di pronunciarsi sulla fede di ciascuno, nemmeno il Santo padre evidentemente.

Kasich, quindi, il governatore dell’Ohio che emerge sempre più come il moderato ragionevole nell’infuocata battaglia per la nomination repubblicana, non ha dubbi : “Consideratemi nella colonna di quelli che stanno col Papa” afferma subito.”Abbiamo già troppi muri tra di noi – aggiunge -, se vogliamo fare qualcosa a Washington sono i ponti che dobbiamo costruire”. E’ poi Jeb Bush, di fede cattolica, a prendere invece le distanze dalle osservazioni del pontefice. “Il papa è una ispirazione, ma non è appropriato mettere in discussione la fede di Trump”, ammettendo: “Mi metto sempre nei guai quando si tratta delle parole del papa”. Già in occasione dell’enciclica di Francesco sul clima Jeb Bush aveva sottolineato che a suo avviso Chiesa e politica devono occuparsi di cose diverse.

E’ poi la volta di Donald Trump, che non si tira indietro e dapprima non sembra mollare, salvo però offrire qualche precisazione. E’ tutta colpa dei media, secondo il miliardario aspirante presidente che a caldo aveva definito “vergognoso” l’intervento del pontefice. “Io non voglio litigare con il papa”, afferma quindi, e spiega che a suo avviso le parole di Francesco sono state male interpretate, riferite incorrettamente. Il tono, in particolare, secondo Trump è stato travisato, e infatti afferma che riguardando i commenti del papa “erano molto più leggeri di come originariamente riportati dai media”. Aggiungendo inoltre che a suo avviso il pontefice si è pronunciato in quel modo dopo aver parlato con il governo messicano durante la sua visita nel Paese.

Questo mentre per il tabloid New York Daily News Donald Trump diventa “l’anticristo”, o almeno così lo raffigura in prima pagina.

Intanto a Las Vegas, in Nevada che è la prossima tappa del voto democratico, va in scena lo scontro sul fronte opposto. Stessa formula, cambia solo il canale tv, Msnbc in questo caso che manda in onda i due candidati per la nomination democratica Hillary Clinton e Bernie Sanders mentre si contendono il ‘primato’ di femminista. Il senatore del Vermont si considera un ”forte femminista. Infatti Gloria Steinem (storica leader del femminismo, ndr) mi ha proclamato donna onoraria molti, molti anni fa. E io ho accettato”, dice. Hillary Clinton non ci sta e risponde a tono, rivendicando di aver sempre discusso i diritti delle donne in tutti i Paesi visitati come segretario di Stato e di aver sollevato tale questione con ”dittatori”, ”sciovinisti” e ”misogini”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

17:26Fassone a Pallotta, su debiti-fatturato Milan meglio di Roma

(ANSA) - MILANO, 28 LUG - "Io non so come Pallotta possa pensare che gli stipendi del Milan un domani possano essere uguali ai ricavi. Tutto il nostro piano prevede che gli stipendi rimangano entro una soglia pari al 50-60% dei ricavi della società. Quest'anno è così". Marco Fassone replica così al n.1 della Roma, sottolineando che "il livello dell'indebitamento del club, e cioè di 120 milioni, rispetto al fatturato del club è straordinariamente migliore percentualmente di quello che ha la Roma che - ha continuato l'ad rossonero nel video sulla pagina Facebook del Milan -, essendo quotata in Borsa, ha un bilancio che è pubblico. Io non mi permetto minimamente di commentarlo ma chiunque può andare a vedere e verificare il livello di indebitamento".

17:09Uomo accoltella clienti supermarket Amburgo, un morto

(ANSA) - AMBURGO, 28 LUG - Un uomo ha accoltellato alcuni clienti di un supermarket di Amburgo: il bilancio è di "un morto e diversi feriti" Lo riferisce la Bild citando la polizia locale. L'aggressore, che ha tentato di darsi alla fuga, è stato arrestato.

16:53Migranti: Viminale, passi avanti con ong, lunedì firma

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sul codice di condotta delle Ong durante i soccorsi di migranti in mare ci sono stati "passi avanti" e sono state accolte alcune delle richieste delle organizzazioni. Lo ha fatto sapere il Viminale che al termine di una riunione questa mattina durata circa due ore ha indicato lunedì prossimo come data per la firma del documento. Rimangono però ancora delle distanze, come emerge dalle dichiarazioni dei rappresentanti di alcune delle principali sigle, tra cui Medici senza Frontiere, Save the Children, Sea Watch, che hanno chiesto modifiche su alcuni punti. Due i più critici: l'impegno a non effettuare trasbordi delle persone salvate su altre navi e quello ad accettare la presenza di personale di polizia giudiziaria a bordo. Su quest'ultimo in particolare le visioni sono divergenti e le Ong chiedono che la polizia non sia armata. Senza un accordo su questo aspetto "potremo non firmare", dice Sea Watch. Le Ong si dicono comunque fiduciose in un'intesa e sottolineano le aperture manifestate dal Viminale.

16:39Calcio: l’agente di Rodriguez, al Milan è felicissimo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Ricardo si trova molto bene, il Milan è un gruppo unito e questo è importante per lui che è nuovo nel campionato italiano". Lo ha detto a radio Crc Gianluca Di Domenico, procuratore di Ricardo Rodriguez, ieri nel suo debutto in rossonero autore del gol partita al Craiova, nel terzo turno preliminare di Europa League. "Il Milan - ha proseguito l'agente del 24enne difensore - ha cercato Ricardo e lui è felicissimo; lavorerà molto e sono contento che sia in Italia. Anche la sua compagna lo è. Uno come Ricardo, che ha trascorso 5 anni a Wolfsburg, potrebbe restare tutta la vita a Milano. Il calcio italiano è migliorato tantissimo: se si vuole giocare per soldi, si va in Cina; in Italia, invece, mancano solo le infrastrutture e spero che l'Uefa aiuti le società. Il campionato? Sarà molto equilibrato. Napoli e Juve sono compatte, hanno cambiato poco, ma anche Milan e Inter faranno la loro parte. Quando si prendono 10 giocatori nuovi, bisogna creare un'amalgama, spero che il Milan disputi un buon campionato".

16:36F1:Ungheria,Vettel scherza in italiano ‘oggi insalata mista’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - E' stata un po' un'insalata mista, non so se mi spiego. Oggi è stato un po' altalenante''. Sebastian Vettel gioca con le parole tra l'italiano e l'inglese ma fa capire di essere abbastanza ottimista dopo il venerdì di prove libere in vista del Gran Premio d'Ungheria a Budapest. ''Ho avuto alti e bassi - aggiunge il pilota tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - non è andata troppo male e sembriamo tutti vicini. Dovrebbe essere divertente domani, lavorando più sulle gomme dovremmo andare meglio''. La gara? ''Se ci sarà l'opportunità cercheremo di vincere''. Tutto sommato soddisfatto anche l'altro ferrarista Kimi Raikkonen: ''non è andata male, abbiamo provato diverse cose anche se non abbiamo girato quanto avremmo voluto. La partenza è importante come sempre, ma qui è il momento più semplice per guadagnare posizioni''.

16:31Calcio: Milan “Caro Pallotta, pronti a confronto bilanci”

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Caro Pallotta, siamo pronti a un confronto sui bilanci del Milan e della Roma". E' questo il senso immediato della risposta che l' A.d. del Milan, Fassone, dà al presidente della Roma, James Pallotta. "Siamo sbalorditi per lo stile - afferma Fassone in una dichiarazione che tra poco andrà sulla pagina facebook della società rossonera - e per il fatto veramente inusuale che un club attacchi in modo così diretto una consorella. Tra l'altro, quante imprecisioni...".

16:31Iran: dimostrazioni contro Israele e Myanmar a Teheran

(ANSA) - TEHERAN, 28 LUG - Manifestazioni contro Israele e Myanmar, per "condannare i recenti crimini contro i musulmani", si sono svolte oggi a Teheran. Numerose persone sono scese in piazza dopo la preghiera del venerdì urlando slogan e issando cartelli di protesta. A conclusione della manifestazione è stato diffuso un comunicato nel quale i manifestanti hanno rimarcato il loro "sostegno all'Intifada palestinese" e hanno "condannato la violenza della moschea di Al-Aqsa da parte dei sionisti". Nel comunicato viene inoltre criticato l'atteggiamento degli organismi internazionali "per il loro silenzio verso l'uccisione brutale dei musulmani in Myanmar".

Archivio Ultima ora