Petrolio: Mosca privatizza Rosneft, decisione presa

Pubblicato il 19 febbraio 2016 da redazione

rosneft-640

MOSCA. – Il dado pare tratto. Rosneft, colosso petrolifero russo, una delle gemme più preziose della ‘parure’ statale, entrerà nel piano di privatizzazioni prossimo venturo. “La decisione è presa”, ha detto il ministro per lo Sviluppo Economico Alexei Ulyukayev. Che ha poi sottolineato come gli introiti andranno “interamente” a colmare le (esangui) casse dell’erario. Ora resta da vedere che percentuale della compagnia verrà messa sul mercato, fermo restando uno dei capisaldi della dottrina-Putin in materia di privatizzazione degli asset strategici: il controllo resta nelle mani dello Stato.

Rosneftegas – che amministra per conto del governo i beni pubblici nel settore ‘oil&gas’ – possiede circa il 69,5% di Rosneft mentre il 19,75% è in mano a British BP. Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft e protégé di Putin, fedele al presidente e membro dell’esclusivo ‘club di Pietroburgo’, ha valutato la compagnia sui 100-130 miliardi di dollari e si è sempre opposto alla vendita di quote col prezzo del barile sotto i 100 dollari. Ma quel tempo è passato e ora, col crollo verticale dell’oro nero, bisogna fare di necessità virtù e così Sechin sembra aver avuto la peggio.

L’indicazione data l’anno passato dal ministro delle Finanze Anton Siluanov è che Mosca potrebbe mettere in vendita il 19,5% della compagnia per incamerare 760 milioni di dollari. Il che valuterebbe Rosneft a poco meno di 4 miliardi di dollari. Poco. Al ministero dell’Energia spingono però sull’acceleratore. Il primo vice ministro Alexei Teksler si era detto favorevole a una privatizzazione del 50% delle quote di Bashneft, altro moloch degli idrocarburi. “Vendere a un partner strategico è la via più giusta”, ha spiegato. A completare la ‘troika’ – così come immaginato da Ulyukayev – manca solo Alrosa (estrazione diamanti).

Al di là delle quote, l’altro interrogativo che lascia perplessi gli analisti è chi soddisferà la stringente lista di requisiti stilata da Putin per poter accedere all’acquisto – niente società offshore, niente prestiti elargiti da banche pubbliche, niente società in competizione tra loro. Insomma, l’identikit dell’investitore perfetto – stando a molti analisti – si riduce a 15-20 individui in tutta la Russia, proprietari di grandi asset nazionali, che negli ultimi anni hanno registrato notevoli profitti e ora, in cambio, si rendono disponibili a investire senza chiedere nulla in cambio tranne i possibili dividendi.

Il ‘firewall’ alzato dal Cremlino pare dunque fatto apposta per scoraggiare possibili acquirenti stranieri, anche se il portavoce di Putin ha più volte smentito tale lettura e ha assicurato che la Russia è aperta ai capitali esteri. Ulyukayev, dal canto suo, ha lasciato intendere che i cinesi potrebbero far parte della partita. Di certo c’è che Putin ha affrontato la questione dei bassi prezzi del greggio col Consiglio di Sicurezza della Russia e ha sentito al telefono il re saudita, ufficialmente per parlare di Siria. Ma pare impossibile che la questione petrolio non sia stata affrontata.

Da settimane, infatti, al ministero dell’Energia lavorano pancia a terra per arginare il crollo dell’oro nero pur salvaguardando la quota di mercato russa; un difficile rebus sfociato nell’accordo sul ‘congelamento’ della produzione ai livelli di gennaio. Patto che, stima Mosca, se messo in pratica potrebbe tagliare la metà del surplus di oggi. E spingere in su i prezzi.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

18:30F1: Red Bull, Verstappen prolunga fino al 2020

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il pilota olandese Max Verstappen ha firmato un prolungamento triennale del suo contratto con la Red Bull, dove resterà fino al 2020. Lo ha annunciato sul proprio sito ufficiale il team angloaustriaco, che anche nella prossima stagione lo affiancherà all'australiano Daniel Ricciardo. "La Red Bull ha sempre creduto in me e mi ha dato fiducia quando ancora ero giovanissimo - le parole del pilota diffuse dal team -, dandomi la chance di debuttare in Formula 1 a soli 17 anni (nel 2015 con la Toro Rosso, ndr) e di seguito l'opportunità di gareggiare con la Red Bull Racing dove ho avuto un avvio da sogno". Verstappen è il più giovane vincitore di una gara in Formula 1, col successo nel Gp di Spagna 2016 ottenuto a a 18 anni, 7 mesi e 15 giorni. All'inizio di questo mese, in Malesia, l'olandese ha conquistato la sua seconda vittoria in carriera. "E' un vero pilota, un innegabile talento del volante che ha un raro istinto per quel che serve a competere a questo livello", commenta il team principal, Christian Horner.

18:27Calcio: Argentina, Sampaoli convoca Perotti ma non Higuain

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - C'é la novità Diego Perotti tra i 22 convocati dal ct dell'Argentina Jorge Sampaoli per l'amichevole contro la Russia del 9 novembre. Nell'elenco ufficializzato oggi dall'AFA compaiono altri 6 'italiani' (l'altro giallorosso Fazio, l'atalantino Gomez, l'interista Icardi, il viola Pezzella, il milanista Biglia e lo juventino Dybala), mentre resta ancora fuori Gonzalo Higuain ("Higuain è un giocatore molto presente e con lui non c'è niente da dimostrare", ha tagliato corto il ct il conferenza stampa). Dopo la rocambolesca qualificazione al Mondiale, raggiunta solo in extremis, il test contro la Russia servirà a Sampaoli per cercare di meglio definire la rosa e il modulo, soprattutto la 'convivenza tra Messi e Dybala ("Non la vedo così difficile e penso possano essere complementari in campo", ha spiegato Sampaoli) in vista di Russia 2018. Tra i convocati torna anche il 'kun' Aguero, rimasto fuori nelle ultime partite per infortunio.

18:22Truffe: tra falsi braccianti esponenti cosche, 1.464 denunce

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 20 OTT - I carabinieri della Compagnia di Locri hanno denunciato in stato di libertà 1.464 persone, tra cui alcuni esponenti di cosche di 'ndrangheta, con l'accusa, a vario titolo, di concorso in peculato, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e truffa aggravata e continuata. I militari, dopo avere esaminato gli ultimi sei anni di attività di 31 aziende agricole, compresi documenti e dichiarazioni rilasciate dai presunti dipendenti, hanno scoperto come tutti i rapporti di lavoro erano attuati al solo fine di far percepire indebite prestazioni assistenziali e previdenziali erogate dall'Inps, oltre che per ottenere risorse Ue, con un danno erariale accertato di oltre 11 milioni di euro. Le indagini, condotte con il coordinamento della Procura di Locri, hanno evidenziato numerose incongruenze come terreni agricoli e allevamenti "fantasma", documentazione imprenditoriale inesistente e terreni incolti che, sulla carta, risultavano floridi vigneti e uliveti.(ANSA).

18:10Violenze sessuali su modelle, pm chiede 6 anni per fotografo

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Il pm di Milano Cristian Barilli ha chiesto una condanna a 6 anni di carcere nel processo con rito abbreviato a carico di un fotografo franco-algerino di 50 anni, che lavorava nel campo della moda, arrestato dai carabinieri lo scorso dicembre per aver molestato cinque modelle, costrette a subire atti sessuali, e per aver sfruttato la prostituzione di altre due giovani. Le indagini erano scattate nell' aprile del 2015, quando due amiche, una studentessa serba di 26 anni e una hostess croata 30enne, che nel tempo libero lavoravano come indossatrici, avevano denunciato agli investigatori di essere state più volte molestate dal fotografo. In particolare, secondo l'imputazione, in più occasioni l'uomo, tra marzo e aprile del 2015, con la scusa della realizzazione di servizi fotografici nella sua abitazione-studio in zona Niguarda, dopo aver stordito le modelle facendo bere loro "ingenti quantitativi" di alcol, le avrebbe costrette a subire palpeggiamenti, toccamenti e altri abusi.

18:05Brasile: 20 chef italiani al festival della gastronomia

(ANSA) - SAN PAOLO, 20 OTT - Considerata la città con il maggior numero di discendenti italiani di tutto il Paese, San Paolo del Brasile ospiterà dal 23 al 29 ottobre la sesta edizione della Settimana della cucina regionale italiana. Per sette giorni le cucine dei principali ristoranti della città brasiliana saranno guidate da chef provenienti da 20 regioni italiane, che prepareranno le loro ricette con i prodotti tipici delle loro località. Quest'anno l'evento vedrà la presenza di 18 chef uomini e due donne, per un "interscambio" colturale e gastronomico tra i due Paesi. "Non è solo un festival gastronomico, ma anche un'occasione per i brasiliani di sperimentare lo stile di vita italiano, godendo del valore e della genuinità della dieta mediterranea, dell'alto livello della cucina e della qualità degli ingredienti di origine controllata", ha detto Erica Di Giovancarlo, direttrice generale per il Brasile dell'Italia Trade Agency, promotrice dell'evento.

18:04Esplosione in fabbrica fuochi artificio nel Foggiano

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 20 OTT - Una esplosione si è verificata in una fabbrica di fuochi d'artificio vicino San Severo, nel Foggiano. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Non si sa al momento se ci siano feriti.L'esplosione si è verificata nella fabbrica di fuochi d'artificio 'Piro Daunia', tra i territori di San Severo e San Paolo di Civitate. Carabinieri e vigili del fuoco stanno cercando di fare luce sulle cause dell'esplosione mentre si sta lavorando tra le macerie per capire se ci siano feriti o vittime. Sul posto ci sono due squadre dei vigili del fuoco con tre mezzi, carabinieri e personale del '118'.

17:56Mattarella arrivato a Siena, applausi in piazza del Campo

(ANSA) - SIENA, 20 OTT - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato a Siena dove ha partecipato al congresso dell'Associazione nazionale magistrati (Anm) che si svolge al Palazzo Pubblico, in piazza del Campo. Ad accoglierlo gli applausi della gente radunata in piazza. A fare gli onori di casa il sindaco di Siena Bruno Valentini, il presidente della Provincia Fabrizio Nepi e la vice presidente della Regione Toscana Monica Barni. Intanto uno striscione con la scritta 'Verità per David' è stato affisso in piazza del Campo davanti al Palazzo Pubblico. Dietro lo striscione c'erano la vedova dell'ex capo comunicazione di Banca Mps, David Rossi, precipitato dalla finestra del suo ufficio a Rocca Salimbeni il 6 marzo 2013, Antonella Tognazzi e la figlia di quest'ultima Carolina Orlandi. Successivamente il Capo dello Stato si è diretto, in auto, al Santa Maria della Scala per la mostra su Ambrogio Lorenzetti che si inaugura nei prossimi giorni.

Archivio Ultima ora