Petrolio: Mosca privatizza Rosneft, decisione presa

Pubblicato il 19 febbraio 2016 da redazione

rosneft-640

MOSCA. – Il dado pare tratto. Rosneft, colosso petrolifero russo, una delle gemme più preziose della ‘parure’ statale, entrerà nel piano di privatizzazioni prossimo venturo. “La decisione è presa”, ha detto il ministro per lo Sviluppo Economico Alexei Ulyukayev. Che ha poi sottolineato come gli introiti andranno “interamente” a colmare le (esangui) casse dell’erario. Ora resta da vedere che percentuale della compagnia verrà messa sul mercato, fermo restando uno dei capisaldi della dottrina-Putin in materia di privatizzazione degli asset strategici: il controllo resta nelle mani dello Stato.

Rosneftegas – che amministra per conto del governo i beni pubblici nel settore ‘oil&gas’ – possiede circa il 69,5% di Rosneft mentre il 19,75% è in mano a British BP. Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft e protégé di Putin, fedele al presidente e membro dell’esclusivo ‘club di Pietroburgo’, ha valutato la compagnia sui 100-130 miliardi di dollari e si è sempre opposto alla vendita di quote col prezzo del barile sotto i 100 dollari. Ma quel tempo è passato e ora, col crollo verticale dell’oro nero, bisogna fare di necessità virtù e così Sechin sembra aver avuto la peggio.

L’indicazione data l’anno passato dal ministro delle Finanze Anton Siluanov è che Mosca potrebbe mettere in vendita il 19,5% della compagnia per incamerare 760 milioni di dollari. Il che valuterebbe Rosneft a poco meno di 4 miliardi di dollari. Poco. Al ministero dell’Energia spingono però sull’acceleratore. Il primo vice ministro Alexei Teksler si era detto favorevole a una privatizzazione del 50% delle quote di Bashneft, altro moloch degli idrocarburi. “Vendere a un partner strategico è la via più giusta”, ha spiegato. A completare la ‘troika’ – così come immaginato da Ulyukayev – manca solo Alrosa (estrazione diamanti).

Al di là delle quote, l’altro interrogativo che lascia perplessi gli analisti è chi soddisferà la stringente lista di requisiti stilata da Putin per poter accedere all’acquisto – niente società offshore, niente prestiti elargiti da banche pubbliche, niente società in competizione tra loro. Insomma, l’identikit dell’investitore perfetto – stando a molti analisti – si riduce a 15-20 individui in tutta la Russia, proprietari di grandi asset nazionali, che negli ultimi anni hanno registrato notevoli profitti e ora, in cambio, si rendono disponibili a investire senza chiedere nulla in cambio tranne i possibili dividendi.

Il ‘firewall’ alzato dal Cremlino pare dunque fatto apposta per scoraggiare possibili acquirenti stranieri, anche se il portavoce di Putin ha più volte smentito tale lettura e ha assicurato che la Russia è aperta ai capitali esteri. Ulyukayev, dal canto suo, ha lasciato intendere che i cinesi potrebbero far parte della partita. Di certo c’è che Putin ha affrontato la questione dei bassi prezzi del greggio col Consiglio di Sicurezza della Russia e ha sentito al telefono il re saudita, ufficialmente per parlare di Siria. Ma pare impossibile che la questione petrolio non sia stata affrontata.

Da settimane, infatti, al ministero dell’Energia lavorano pancia a terra per arginare il crollo dell’oro nero pur salvaguardando la quota di mercato russa; un difficile rebus sfociato nell’accordo sul ‘congelamento’ della produzione ai livelli di gennaio. Patto che, stima Mosca, se messo in pratica potrebbe tagliare la metà del surplus di oggi. E spingere in su i prezzi.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

15:06Calcio: United all’assalto di Neymar, pronti 200 mln

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Duecento milioni di euro: a tanto ammonterebbe la faraonica offerta che il Manchester United sarebbe pronto a formulare per pagare la stratosferica clausola rescissoria per assicurarsi i servigi di Neymar. Lo scive oggi il catalano 'Sport', secondo cui la dirigenza dei Red Devils e Josè Mourinho sono già al lavoro per rinforzare la squadra in vista della prossima stagione. E l'asso brasiliano figurerebbe al primo posto nella lista dei 'desiderata', per farlo diventare - data l'età e l'indiscusso valore tecnico - la nuova bandiera della squadra. "Una vera e propria minaccia incombe sul Barcellona, il tridente delle meraviglie è in grave pericolo", scrive 'Sport' aggiungendo che "il tecnico José Mourinho è il regista dell'operazione e parla direttamente col giocatore brasiliano. Diverse telefonate sono state fatte al giocatore per convincerlo a lasciare il Barcellona e andare al Manchester United dove potrebbe crescere senza più l'ombra di Leo Messi".

15:05Sarri panchina oro,bello per una volta battere Allegri

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - "Non e' Napoli-Juve 1-0, la Juve e' piu' forte: piu' che i premi contano punti e risultati, ma per una volta battere Massimiliano e' bello": Maurizio Sarri e' stato incoronato miglior allenatore della passata stagione dai suoi colleghi, e i 25 voti ottenuti contro i 22 del tecnico della Juve sono inevitabilmente letti, anche dall'interessato, in chiave della prossima sfida diretta di campionato tra i bianconeri e il Napoli. Al terzo posto, Eusebio Di Francesco, del Sassuolo, con 7 voti.

15:02Calcio: Sarri vince Panchina d’oro 2016

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - Maurizio Sarri ha vinto la panchina d'oro 2016 per la serie A, il premio assegnato dagli allenatori come miglior tecnico. "Solitamente ritirare i premi non mi dà una particolare soddisfazione perché a volte penso si tratta anche di tempo sottratto al mio lavoro in campo ma per questo riconoscimento è diverso: mi dà gusto e mi emoziona". Lo ha detto il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri vincitore della Panchina d'oro con 25 preferenze su 61. "Penso sia dovuto al fatto che la giuria è composta da allenatori ed io fino a 5 anni fa militavo in serie C. Devo ringraziare due società, Empoli e Napoli, ed ancora Marcello Carli e Cristiano Giuntoli: senza loro probabilmente non sarei l'allenatore che sono adesso".

15:00Russia: Navalni condannato a 15 giorni di carcere

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexei Navalni è stato condannato a 15 giorni di carcere dopo l'arresto alla manifestazione anti-corruzione di ieri a Mosca. La pena è stata inflitta dal tribunale Tverskoi di Mosca per l'accusa di non aver obbedito agli ordini della polizia dopo essere stato fermato ieri nel corso di una manifestazione dell'opposizione nella capitale russa: lo riferisce la portavoce di Navalni, Kira Iarmish.

14:57Brexit: May in Scozia, insieme siamo forza inarrestabile

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - "Insieme siamo una forza inarrestabile": è così, con un appello all'unità del Regno, che la premier britannica, Theresa May, si è rivolta oggi agli scozzesi in un discorso tenuto a East Kilbride, in Scozia. May, che più tardi incontrerà la leader indipendentista di Edimburgo, Nicola Sturgeon, ha rivendicato il ruolo di una Gran Bretagna unita nel mondo, evidenziando fra l'altro le missioni militari all'estero, gli aiuti internazionali che fornisce, la sua capacità d'attrarre investimenti stranieri anche con la Brexit.

14:56Lei non gridò,assolto da violenza: insulti a giudice

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Insulti contro il giudice Diamante Minucci sono comparse questa mattina sui muri di fronte al tribunale di Torino. "Protegge gli stupratori" è la scritta realizzata in via Paolo Borsellino, corredata da una "A" cerchiata di anarchia. Minucci è il giudice che, lo scorso 15 febbraio, ha assolto un volontario della Croce Rossa accusato di violenza sessuale nei confronti di una collega perché, sono le motivazioni della sentenza, gli avrebbe detto "solo 'basta'", senza "gridare", "tradire emotività", chiedere aiuto. Il pm Marco Sanini, che ha sempre creduto nella vittima, aveva chiesto una condanna a dieci anni per l'imputato, difeso dagli avvocati Cosimo Maggiore e Vittorio Rossini. I giudici non hanno creduto al racconto della donna e hanno disposto la trasmissione degli atti in procura perché si proceda nei suoi confronti per calunnia. Sul caso il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto accertamenti preliminari. Dalla Procura di Torino fanno sapere che la scritta verrà "rimossa subito".

14:56Prostituta uccisa Bologna, omicida si sentiva preso in giro

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAR - L'avrebbe uccisa perché si sentiva preso in giro: sfruttato economicamente dalla donna alla quale nel corso degli anni aveva dato parecchi soldi (circa 40.000 euro) e di cui era innamorato, mentre lui per lei era solo un cliente. Sembra essere questo, secondo le indagini della squadra Mobile di Bologna, il movente dell'omicidio di Ana Maria Stativa, la trentenne romena trovata morta con un colpo alla nuca sabato pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, zona Murri. Il presunto assassino, reo confesso, è il 55enne Francesco Serra, operaio che abita a Cereglio di Vergato, sull'Appennino, in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. Oltre ad ammettere l'omicidio ha fatto ritrovare l'arma, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali che si era fatto prestare da un amico allevatore, dicendogli che l'avrebbe utilizzata per uccidere un capretto. (ANSA).

Archivio Ultima ora