Petrolio: Mosca privatizza Rosneft, decisione presa

Pubblicato il 19 febbraio 2016 da redazione

rosneft-640

MOSCA. – Il dado pare tratto. Rosneft, colosso petrolifero russo, una delle gemme più preziose della ‘parure’ statale, entrerà nel piano di privatizzazioni prossimo venturo. “La decisione è presa”, ha detto il ministro per lo Sviluppo Economico Alexei Ulyukayev. Che ha poi sottolineato come gli introiti andranno “interamente” a colmare le (esangui) casse dell’erario. Ora resta da vedere che percentuale della compagnia verrà messa sul mercato, fermo restando uno dei capisaldi della dottrina-Putin in materia di privatizzazione degli asset strategici: il controllo resta nelle mani dello Stato.

Rosneftegas – che amministra per conto del governo i beni pubblici nel settore ‘oil&gas’ – possiede circa il 69,5% di Rosneft mentre il 19,75% è in mano a British BP. Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft e protégé di Putin, fedele al presidente e membro dell’esclusivo ‘club di Pietroburgo’, ha valutato la compagnia sui 100-130 miliardi di dollari e si è sempre opposto alla vendita di quote col prezzo del barile sotto i 100 dollari. Ma quel tempo è passato e ora, col crollo verticale dell’oro nero, bisogna fare di necessità virtù e così Sechin sembra aver avuto la peggio.

L’indicazione data l’anno passato dal ministro delle Finanze Anton Siluanov è che Mosca potrebbe mettere in vendita il 19,5% della compagnia per incamerare 760 milioni di dollari. Il che valuterebbe Rosneft a poco meno di 4 miliardi di dollari. Poco. Al ministero dell’Energia spingono però sull’acceleratore. Il primo vice ministro Alexei Teksler si era detto favorevole a una privatizzazione del 50% delle quote di Bashneft, altro moloch degli idrocarburi. “Vendere a un partner strategico è la via più giusta”, ha spiegato. A completare la ‘troika’ – così come immaginato da Ulyukayev – manca solo Alrosa (estrazione diamanti).

Al di là delle quote, l’altro interrogativo che lascia perplessi gli analisti è chi soddisferà la stringente lista di requisiti stilata da Putin per poter accedere all’acquisto – niente società offshore, niente prestiti elargiti da banche pubbliche, niente società in competizione tra loro. Insomma, l’identikit dell’investitore perfetto – stando a molti analisti – si riduce a 15-20 individui in tutta la Russia, proprietari di grandi asset nazionali, che negli ultimi anni hanno registrato notevoli profitti e ora, in cambio, si rendono disponibili a investire senza chiedere nulla in cambio tranne i possibili dividendi.

Il ‘firewall’ alzato dal Cremlino pare dunque fatto apposta per scoraggiare possibili acquirenti stranieri, anche se il portavoce di Putin ha più volte smentito tale lettura e ha assicurato che la Russia è aperta ai capitali esteri. Ulyukayev, dal canto suo, ha lasciato intendere che i cinesi potrebbero far parte della partita. Di certo c’è che Putin ha affrontato la questione dei bassi prezzi del greggio col Consiglio di Sicurezza della Russia e ha sentito al telefono il re saudita, ufficialmente per parlare di Siria. Ma pare impossibile che la questione petrolio non sia stata affrontata.

Da settimane, infatti, al ministero dell’Energia lavorano pancia a terra per arginare il crollo dell’oro nero pur salvaguardando la quota di mercato russa; un difficile rebus sfociato nell’accordo sul ‘congelamento’ della produzione ai livelli di gennaio. Patto che, stima Mosca, se messo in pratica potrebbe tagliare la metà del surplus di oggi. E spingere in su i prezzi.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora