Sci: doppietta dell’Italia con Fanchini e Paris

Italy's Nadia Franchini, winner, left, and Daniela Merighetti, second placed, hold an Italian flag as they celebrate at the end of a women's Alpine ski downhill race, in La Thuile, Italy, Saturday, Feb. 20, 2016. (ANSA/AP Photo/Alessandro Trovati)
Italy's Nadia Franchini, winner, left, and Daniela Merighetti, second placed, hold an Italian flag as they celebrate at the end of a women's Alpine ski downhill race, in La Thuile, Italy, Saturday, Feb. 20, 2016. (ANSA/AP Photo/Alessandro Trovati)
Italy’s Nadia Franchini, winner, left, and Daniela Merighetti, second placed, hold an Italian flag as they celebrate at the end of a women’s Alpine ski downhill race, in La Thuile, Italy, Saturday, Feb. 20, 2016. (ANSA/AP Photo/Alessandro Trovati)

LA THUILE (AOSTA). – Italia da podio nello sci alpino: l’azzurra Nadia Fanchini è infatti arrivata terza, 1’36″60, nella discesa di Coppa del mondo, a La Thuile, valida come recupero della gara annullata a Crans Montana; nella vicina Chamonix, Dominik Paris ha ottenuto un eccellente secondo posto, in 2’13″56, nella terza e ultima combinata della stagione.

La gara più emozionante è stata quella di La Thuile, con un ottimo esordio in Coppa del mondo della località valdostana e con la sua pista Tre, Franco Berthod, altamente selettiva. La discesa è stata infatti vinta in 1’35″57 dalla svizzera Lara Gut – 24 anni, sesta vittoria stagionale e 18/a in carriera – mentre è clamorosamente finita fuori la campionessa statunitense Lindsey Vonn: in curva le si è aperto l’attacco dello sci esterno che si è poi rotto. Secondo posto per l’austriaca Cornelia Huetter, in 1’36″59, avanti di un solo centesimo – una distanza di 26 centimetri – su Nadia Fanchini.

Per l’atleta lombarda di 29 anni è l’11/o podio in carriera. Per la Vonn, infuriata dopo l’incidente, la caduta è stata costosissima. Gut, con questa vittoria, è infatti ora in testa alla classifica generale di coppa, con 1.073 punti, contro i 1.060 della statunitense. Nella corsa per la coppa di disciplina – con Vonn al comando con 500 punti e Huetter seconda a 374 – si deve attendere una nuova gara: sarà comunque un finale di stagione altamente emozionante.

A La Thuile c’è stato comunque un buon risultato complessivo per l’Italia, con Elena Curtoni 7/a, in 1’37″48, Johanna Schnarf 11/a in 1’38″07. E poi Elena Fanchini in 1’38″94, Daniela Merighetti in 1’39″21 e pure Federica Brignone andata a punti in una disciplina che non è la sua. “Son commossa, anche perché facevo fatica ad allenarmi in discesa e pensavo di lasciare queste gare. Questo podio mi ridà gran fiducia”, ha detto Nadia Fanchini, a fine gara.

Felicissimo anche Paris per questo eccellente secondo posto e 12/o podio in carriera, il tutto grazie soprattutto ad una superba manche di slalom. La gara e la coppa di disciplina 2016 sono andate al francese Alexis Pinturault, in 2’13″29. Terzo l’altro francese Thomas Mermillod Blondin, in 2’13″86. Per l’Italia ci sono poi l’8/o posto di Riccardo Tonetti e il 12/o di Peter Fill. Domani a la Thuile è in programma un’altra discesa, seguita domenica da un supergigante. A Chamonix toccherà, invece, alla discesa, con Fill sempre in corsa per la coppa di disciplina. Riuscisse a vincerla, sarebbe il primo azzurro a farlo nella storia della Coppa del mondo.

Condividi: