Comitato permanente sugli italiani nel mondo e la promozione del sistema paese

Pubblicato il 21 febbraio 2016 da redazione

Newspapers

Newspapers

ROMA – Si è svolta alla Camera dei Deputati, presso Comitato permanente sugli italiani nel mondo e la promozione del sistema paese, l’audizione informale dei rappresentanti della Federazione unitaria per la stampa italiana all’estero (Fusie). Per conto della Fusie sono intervenuti il presidente Giangi Cretti e il segretario generale Giuseppe Della Noce.

Durante l’incontro si è parlato soprattutto della nuova legge delega sull’editoria che riguarderà anche la stampa in lingua italiana realizzata all’estero e quella edita in Italia e diffusa prevalentemente nel mondo. Per avere un quadro più esaustivo di come questo tema è stato trattato durante l’audizione abbiamo contattato il presidente del Comitato Fabio Porta.

“Questa audizione con i rappresentanti della Fusie, che avevamo programmato da tempo, – ci ha spiegato Porta – ha coinciso con l’approvazione di un emendamento alla nuova legge sull’editoria che mi vede come primo firmatario e che è stato sottoscritto anche da altri deputati eletti all’estero. L’emendamento inserisce tra i soggetti destinatari del nuovo fondo per l’editoria, che si sta costituendo sulla base una legge delega che il Parlamento dovrebbe approvare la prossima settimana, i periodici e i giornali editi e diffusi fra gli italiani all’estero.

Questa audizione ci ha quindi consentito di affrontare questa tematica che interessava direttamente la Fusie, nonché di avere un quadro aggiornato su questo contesto associativo e sulla realtà della stampa italiana all’estero. Per il Comitato è infatti importante avere un apporto con questo mondo dell’informazione che riteniamo sia vitale anche per l’attività democratica svolta dai rappresentanti all’estero”.

“Per quanto riguarda la nuova norma sull’editoria – ha proseguito Porta affrontando il tema centrale del dibattito – ci siamo soffermati in particolare sui decreti attuativi, perché essendo una legge delega, questi decreti entreranno nel merito della materia dettando le condizioni e chiarendo alcuni punti che vanno sviluppati.

Ovviamente ci siamo impegnati come Comitato a fare in modo che in questi decreti attuativi vi sia un chiaro riferimento alla stampa italiana all’estero e magari sia possibile arrivare per questi media specializzati anche all’accesso al fondo per l’editoria nel suo complesso, senza dimenticare le somme già stanziate per loro, ovvero i due milioni di euro più i seicentocinquantamila euro previsti nella legge di stabilità.

Durante la discussione – ha continuato il presidente del Comitato – abbiamo inoltre evidenziato una cosa che non era chiara a molti e cioè che questa nuova legge sull’editoria riguarderà anche le testate on line che ovviamente negli ultimi anni si sono molto sviluppate e sono diventate essenziali per l’informazione degli italiani all’estero. Sulla questione del web bisognerà comunque chiarire e specificare meglio perché una cosa è la valutazione e la misurazione dei giornali, un’altra cosa è entrare in un mondo del tutto diverso come quello del web. Vanno quindi verificati e studiati meglio i termini del funzionamento e le condizioni, però la cosa importante è che questo mondo ci sia.

Nel dibattito – ha aggiunto Porta – si è anche fatto riferimento a tutto il comparto radio e televisivo che invece non è direttamente interessato da questa legge, ma che crediamo debba in qualche maniera avere un suo riconoscimento soprattutto per quanto riguarda il mondo delle radio. Una realtà, quest’ultima, che potrebbe essere presa in considerazione nei decreti attuativi o in un altro intervento settoriale”.

“Nelle prossime audizioni – ha poi segnalato Porta – cercheremo di approfondire questa tematica della stampa con la Presidenza del Consiglio – parlo ovviamente del Dipartimento per l’Editoria – e con il Ministero degli Esteri. Come hanno evidenziato nel corso dell’audizione gli stessi rappresentanti della Fusie voglio poi ricordare che la nostra stampa all’estero rappresenta un elemento importantissimo per la promozione e la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo.

Quindi non si tratta soltanto di comunicazione, ma anche di cultura e in questo senso lo strumento della stampa può tenere insieme tutta l’emigrazione, dalle vecchie generazioni alle nuove generazioni di italiani nati all’estero, fino alle ultime mobilità. Una nuova emigrazione – ha precisato Porta – che ovviamente dovremo cercare di coinvolgere anche attraverso questi organismi informativi. Questa è la sfida futura”.

Per quanto riguarda infine le prossime audizioni del Comitato Porta ha rilevato di “aver chiesto nuovamente un incontro con i rappresentanti dell’Anci, al fine di approfondire il tema dell’Imu”, e “di avere intenzione di ascoltare il Presidente della Dante Alighieri Andrea Riccardi sulla questione della promozione all’estero della lingua e cultura italiana.

Aspettiamo inoltre – ha infine ricordato Porta – che venga nuovamente assegnata o confermata la delega per gli italiani all’estero nell’ambito dei vertici politici del Maeci in modo di poter audire il vice ministro o il sottosegretario competente in materia.

(Goffredo Morgia /Inform)

Ultima ora

09:42Terremoti: Indonesia, scossa magnitudo 6.7, danni e feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - E' di almeno tre persone ferite e diversi edifici danneggiati il bilancio della forte scossa di terremoto che ha colpito ieri sera l'isola indonesiana di Sulawesi. Lo riportano i media locali. Secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma si è verificato alle 22:35 ora locale (le 16:35 ora italiana) con magnitudo 6.7 e con ipocentro a 20 km di profondità. Il servizio geologico statunitense Usgs ne ha localizzato l'epicentro 78 km a sudest di Palu.

09:40Calcio: Roma, ufficiale divorzio fra club e Spalletti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Luciano Spalletti lascia la Roma. L'ufficialità del divorzio tra tecnico e società giallorossa è arrivata in mattinata con una nota pubblicata sul sito del club in cui si annuncia "la fine del rapporto di lavoro". "La società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico" prosegue la nota. Il candidato numero uno come successore di Spalletti è l'attuale tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco.

08:00Panama: media, morto ex dittatore Manuel Noriega

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - L'ex dittatore panamense, Manuel Noriega, e' morto ieri all'età di 83 anni: lo scrive sul suo sito online l'emittente panamense Telemetro. La notizia, spiega l'emittente, e' stata confermata al giornalista Álvaro Alvarado dall'ospedale Santo Tomás di Città di Panama. Noriega era stato ricoverato in condizioni critiche lo scorso sette marzo ed era stato stato sottoposto ad un intervento per rimuovere un tumore benigno al cervello.

07:32Istituto Bellini ha un ‘buco’ da 14 milioni, 23 arresti

(ANSA) - CATANIA, 30 MAG - Ventitre persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza a conclusione di un'indagine sull'Istituto superiore di studi musicali 'Vincenzo Bellini' di Catania che ha portato alla scoperta di un 'buco' di bilancio di 14 milioni di euro. Gli indagati sono funzionari e dipendenti della scuola e persone giuridiche esterne all'ente pubblico. Il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei degli indagati e 17 arresti domiciliari, e anche disposto il sequestro preventivo equivalente di beni per 14 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell'Istituto pubblico catanese.

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

Archivio Ultima ora