L’Italia disegna la nuova Europa: eurobond, Fme e ministro delle Finanze

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi (right) puts an arm around the shoulder of  President of the European Commission Jean-Claude Juncker during arrivals at Eastern Partnership Summit in Riga, Latvia, 22 May 2015.  ANSA/VALDA KALNINA

Italian Prime Minister Matteo Renzi (right) puts an arm around the shoulder of President of the European Commission Jean-Claude Juncker during arrivals at Eastern Partnership Summit in Riga, Latvia, 22 May 2015. ANSA/VALDA KALNINA

ROMA. – L’Italia traccia le linee guida di una nuova Ue, più forte, più integrata, più “mutualistica”, come ama ripetere il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, più ricca in termini di crescita e di lavoro. In un documento di 9 pagine il governo propone l’emissione di eurobond per fronteggiare l’emergenza migranti e sostenere gli investimenti, chiede il massimo utilizzo degli spazi di bilancio sui conti pubblici, ipotizza la nascita di un Fondo monetario europeo e sposa l’idea di un superministro delle Finanze Ue, rigorosamente dotato di un proprio budget.

Ma nonostante il tono del position paper ufficiale di Palazzo Chigi sia decisamente meno enfatico di quello utilizzato quasi quotidianamente da Matteo Renzi, abituato ad un linguaggio diretto e poco diplomatico, ad emergere distintamente dal testo è ancora una volta un confronto aperto Italia-Germania. Berlino non viene mai nominata, così come nessun altro Paese membro, ma le differenze tra le posizioni dei due governi sul futuro dell’Unione sono inequivocabili. Non solo su rigore e austerity.

La Germania non ha mai amato e continua a respingere l’idea di obbligazioni di debito comuni. Eppure l’Italia le propone sia per trovare le risorse necessarie a fronteggiare l’emergenza rifugiati, che alle frontiere va gestita veramente a livello comunitario rafforzando e non abbandonando Schengen, sia per favorire gli investimenti.

Il piano Juncker che deve essere ancora attuato in tutte le sue potenzialità, potrebbe infatti non essere sufficiente e proprio per questo, sottolinea Roma, andrebbero esplorate “ulteriori iniziative comuni”, come appunto le emissioni di bond garantiti a livello europeo. Praticamente fumo negli occhi per il governo tedesco.

L’Italia spinge per un’accelerazione nel completamento dell’Unione bancaria e lo fa puntando sulla creazione del Fondo europeo di garanzia dei depositi, per niente ben visto in Germania. Nel documento non si fa parola di una possibile moratoria del bail-in, richiesta invece dalla Banca d’Italia, ma si invoca comunque la condivisione del rischio e si arriva persino ad ipotizzare la trasformazione dell’Esm in Fondo monetario europeo.

Roma scopre le carte anche sposando l’idea di Bundensbank e governo francese di un superministro europeo delle Finanze, sulla quale però il ministro tedesco Schaeuble si è mostrato finora decisamente prudente.

Il piatto forte arriva poi sui conti pubblici. I punti deboli dell’Italia sono deficit e debito, quelli della Germania surplus commerciale e delle partite correnti, ma l’Ue – lamenta indirettamente Roma – usa due pesi e due misure, mentre quello che servirebbe è una “maggiore simmetria” nel rispetto delle regole. Importanti surplus delle partite correnti hanno infatti sull’Eurozona “un impatto negativo alla pari di quello causato dal deficit”.

Renzi lo ha sottolineato, a suo modo, anche davanti alla stampa estera, rispondendo – non a caso – proprio alla domanda di un giornalista di un’agenzia tedesca. Lo scorso anno l’export dell’Italia verso la Germania è aumentato dell’1%, mentre l’import dalla Germania del 7%. Il risultato è stato che “l’Italia ha visto il Pil diminuire dello 0,2% per effetto dell’import tedesco”. Una stoccata in stile Renzi che, senza mezzi termini, è tornato ad attaccare il fiscal compact, rivelatosi un “circolo vizioso e non virtuoso”.

Ufficialmente Roma non chiede ancora però una revisione dei Trattati e, anzi, proprio per evitare di vedersi sbarrare la porta da chi si oppone tout court a modifiche degli accordi, sottolinea che molto si può già ottenere rimanendo dentro alle regole esistenti. Le ambizioni vanno tuttavia coltivate, come si è dimostrato con la comunicazione sulla flessibilità di un anno fa.

Proprio il pieno utilizzo di quei margini permetterebbe del resto all’Italia di ottenere il pieno via libera Ue alla manovra 2016, anche nel caso di una crescita dell’economia inferiore alle aspettative. E Renzi si è lasciato sfuggire una possibile revisione delle stime del Pil a +1,4% contro il +1,6% del Nota al Def.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

11:36Filippine: Duterte con una battuta esorta militari a stupro

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - "Se vi capita di stuprare tre donne, dirò che l'ho fatto io". Lo ha detto ieri sera il presidente filippino Rodrigo Duterte, in un discorso fatto ai soldati impegnati a far rispettare la legge marziale imposta sull'isola di Mindanao in seguito alla presa di parte della città di Marawi da parte di un gruppo di combattenti islamici affiliato all'Isis. "Sarò io a prendermi la responsabilità. Andrò in prigione per voi. Voi fate il vostro lavoro, e io mi prenderò cura del resto", ha detto il leader di Manila prima di aggiungere la frase incriminata, detta con tono scherzoso. Non è la prima volta che Duterte - noto per la sua parlata "popolana" e volgare - menziona la violenza sessuale nei suoi comizi. Prima di essere eletto un anno fa, aveva fatto dell'umorismo su uno stupro di gruppo ai danni di una missionaria australiana uccisa nel 1989 a Davao, da lui guidata. "Che peccato. Il sindaco sarebbe dovuto essere il primo", aveva detto a una folla di sostenitori, scatenando le risate del pubblico.

Archivio Ultima ora