Totti e la Roma, fine di un grande amore?

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

Totti e Spalletti (2006)

Totti e Spalletti (2006)

CARACAS – Icona, bandiera, simbolo della Roma per 24 anni: Francesco Totti é il capitano. Campione per sempre per alcuni, calciatore sul viale del tramonto per altri. Totti é l’uomo del cucchiaio all’Olanda nell’Europeo del 2000, ma anche quattro anni dopo é quello dello sputo al danese Poulsen. Il campione nato a Roma il 27 settembre 1976, é quello dello Scudetto vinto dai giallorossi nella stagione 2000-2001, quello degli sfottò alla Lazio.

In questo campionato il matrimonio Totti-Roma non sta attraversando momenti felici.

Nella partita contro il Carpi del 26 settembre 2015 subisce un grave infortunio che lo terrà fuori dal campo per circa 4 mesi. Recuperato dall’infortunio, torna in campo il 9 gennaio, entrando al 70º minuto della partita pareggiata 1-1 contro il Milan, allo Stadio Olimpico e con la sua 592ª presenza in campionato raggiunge Gianluca Pagliuca al terzo posto della classifica di presenze in Serie A. Il 30 gennaio, supera Pagliuca definitivamente per numero di presenze in Serie A, subentrando nella partita all’Olimpico contro il Frosinone e inventando un assist per il definitivo 3 a 1 di Pjanić.

Il 17 febbraio, con il suo esordio stagionale in Champions League avvenuto nell’andata degli ottavi di finale contro il Real Madrid, diviene il terzo giocatore più anziano (39 anni e 143 giorni) ad aver preso parte alle fasi a eliminazione diretta della competizione continentale dopo Ryan Giggs (40 anni e 123 giorni) e Paolo Maldini (39 anni e 252 giorni).

Pochi giorni dopo, Francesco Totti, ha rilasciato un’intervista al Tg1, con dichiarazioni polemiche sul suo rapporto ed il poco utilizzo da parte del mister Luciano Spalletti.

Nel loro rapporto di soli ‘buongiorno e buonasera’, per dirla come il capitano giallorosso, Spalletti e Totti hanno raggiunto il punto più basso. Durante la mattinata di domenica a Trigoria, dopo il consueto buongiorno, ha riservato la rottura: il tecnico, subito dopo la colazione, ha convocato il capitano nel suo ufficio e gli ha comunicato la decisione di non ritenerlo più a disposizione per la gara di domenica contro il Palermo (vinta facilmente dai giallorossi per 5-0). Totti, preso atto di quanto deciso da Spalletti, ha salutato i compagni e lasciato il ritiro giallorosso.

Per conoscere le diverse opinioni al riguardo, abbiamo interpellato giornalisti e tecnici del mondo sportivo italovenezuelano.

Sergio Biferi, storica voce della Serie A in Venezuela negli anni ’90, ci confessa: “E’ una situazione complicata, venuta a galla in questi giorni, la lotta interna tra il mister toscano (Spalletti é nato a Certaldo, provincia di Firenze) ed un calciatore romano verace, nato a Porta Metronia. Il vaso é traboccato mercoledí nella sfida dell’Olimpico, quando Totti é entrato all’87’, a gara giá decisa in favore del Real Madrid. Lí é finita la pazienza dell’uomo di 39 anni, che nella cittá eterna é un símbolo.

Totti ha difeso i colori giallorossi dalla stagione ’92-’93. Per molti campioni, il momento del ritiro é quello piú difficile e per la testa di Francesco quell’idea non passa. Il suo contratto scade il prossimo mese di giugno, anche se la squadra gli ha proposto un rinnovo fino al 2017. Il capitano, nella polemica intervista forse é stato un po’ troppo sincero, però una figura come lui, sul viale del tramonto, non puó imporre il suo regolare impegno in campo, sappiamo che la sua condizione física non é la stessa.

Rispettando ovviamente la sua traiettoria sportiva e quello che lui significa ed ha significato per la Lupa, in questi 24 anni. Il tecnico Spalletti ha tutto il diritto di escludere un calciatore dalla sua rosa, ovvio, nel caso di Totti c’erano altri metodi per farlo, per tutto quello detto anteriormente. Poteva risolvere la situazione con piú diplomazia, senza toccare fibre sensibili nel popolo romano, sponda giallorossa”.

Per avere una visione piú tecnica della situazione, abbiamo contattato Rodolfo Gaetano Greco (zio del calciatore del Deportivo Táchira Edgar Perez Greco) che ha il patentino di allenatore Professionista di Prima Categoria omologato dalla FIGC e l’UEFA.

“Essere allenatore non è un compito facile, di piú quando devi gestire gruppi d´altissimo valore técnico. Luciano Spalleti lo sa, ma ci sono certi parametri e certi codici che devono essere rispettati,soprattutto con i beniamini di casa, in questo caso della Roma, e anche del calcio Italiano, come lo é stato Francesco Totti, uno degli ultimi campioni del mondo con la maglia azzurra. Non si capisce per quale ragione abbia fatto giocare per tre minuti in una partita finita, un Totti che (con consapevolezza), non sará incisivo in quei pochi minuti, e tantomeno potrá cambiare il risultato regalando una gioia ai tifosi romanisti e tutti quelli che tifiamo le italiane nelle competizioni europee.

Come allenatore e anche ex giocatore, pensó che Francesco meriti tutto il rispetto di qualsiasi allenatore per tutto quello che ha sudato e dato al grande calcio, sarebbe stato meglio non chiamarlo piú e lasciarlo andare. Con una gara d’addio e i saluti ad un grande campione come lo é stato Totti”.

Il 20 settembre 2013 Francesco Totti rinnovò il contratto con la Roma fino al 30 giugno 2016 e, tra una festa e l’altra, in conferenza stampa sottolineò come la squadra della sua vita l’avesse trattato da re, a differenza di quanto fece la Juve con Del Piero. Chissà se i fatti di questi giorni, per ora chiusi dallo sfogo al Tg1 e dalla successiva scelta di Spalletti di escluderlo dai convocati, gli abbiano fatto cambiare idea: ha chiesto rispetto, evidentemente pensa di non averne ottenuto dal tecnico e (non ancora) dalla società, con cui si siederà a tavolino per discutere del suo futuro.

I risultati di quell’incontro saranno probabilmente decisivi per restituirgli la serenità, mentre non lo consolerà sapere che la bandiera che brucia (dentro) non è una novità. Da Maldini a Zanetti, la storia è piena di capitani scoraggiati proprio sul traguardo, per motivi assai diversi l’uno dall’altro.

Sul trattamanto dei capitani-bandiera ci ha parlato il giornalista Antonino Cittadino: “E’ un peccato quello che sta succedento con Totti. Sta giocato meno e gli é difficile stare in panchina. É comprensibile per il tipo di giocatore che é: bandiera della Roma e campione del mondo con la nazionale azzurra. Ciò che complica la situazione, sono state le sue dichiarazioni ed il fatto che è stato mandato via da Trigoria dal mister, ma sicuramente questa situazione sarà risolta. La sua gerarchia è innegabile, ma nessuno è al di sopra della squadra. E da nessuna parte.

Ad esempio, Del Piero ha avuto situazioni simili nella sua ultima stagione alla Juve, ma non é mai arrivato a quel punto. Durante, quella stagione, giocó poco, ma quando entrava in campo segnava reti importanti. Un pezzo di quello scudetto vinto nella stagione 2011-2012 é arrivato grazie ai suoi gol, come quello segnato alla Lazio su punizione, che servì per sbloccare la gara”.

Infine, abbiamo contattato, Vito de Palma, la voce della Serie A sull’emittente televisiva Espn: “La cosa é molto complessa e abbastanta difficile per rispondere in poche parole. Da una parte Francesco Totti é un mito per la tifoseria e per la gente. É uno dei pochi esempi che rimangono di grandi campioni fedeli ad una maglia durante tutta una carriera. Dall’altra parte c’é da dire che, nonostante Totti giá da molti anni rappresenti la Roma, per la qualitá magari in un’altra squadra avrebbe potuto vincere di piú di quanto ha fatto.

Ma ultimamente la sua presenza è diventata ingrombante, lui é sempre stato il padrone, molto prima degli allenatori per i suoi rapporti con la tifoseria e con la stampa. É sempre stato il padrone della Roma, e questo molte volte alla squadra ha precluso la possibilitá di ottenere risultati migliori. Tanto é cosí che Totti addirittura pretendeva, con quasi 40 anni, di firmare un contratto per un’altro anno ancora, in fondo ancora lo pretende, nell’intervista che ha causato tutto questo problema, lui diceva: ‘mo verrà Pallotta, speriamo che ci mettiamo d’accordo’.

Quindi lui vorrebbe continuare a giocare. Un grande campione si deve saper ritirare al momento giusto. Guarda ad esempio Di Natale, nell’ultimo turno di campionato, ha sbagliato un rigore decisivo che gli poteva regalare il pareggio alla sua Udinese. Quindi, io ho come la sensazione che quando é stato contrattato Spalletti, una delle missioni assegnategli dalla dirigenza sia stata quella di risolvere il problema Totti, perche Totti alla fine é diventato un problema difficile da gestire.

Per ultimo posso dirti che la squadra tanto male non ha reagito contro il Palermo, hanno giocato bene ottenendo un risultato tondo, Dzeko é tornato al gol e addirittura ha segnato una doppietta. Attenzione, che sono stati tanti i grandi campioni che se ne sono andati da Roma cominciando da Battistituta passando per Cassano e tanti altri come Lamela, perché la presenza di Totti era veramente troppo ingrombante. Totti non ha mai sopportato che qualcuno potesse essere il protagonista al posto suo.

Quindi un grande campione come giocatore senza dubio, ma é sempre stato un tipo problematico e che ha creato non pochi problemi alla squadra e l’ha fatta vincere paradossalmente meno di quanto avesse potuto nonostante l’amore che la tifoseria ha per lui. Quindi era una situazione difficile da risolvere e non mi meraviglia che alla fine si sia risolta in una maniera traumatica. Certo rimane la tristeza di quei pochi minuti giocati in una sconfitta contro il Real Madrid come una eventuale chiusura di carriera. Però speriamo che anche lui capisca la situazione e possa accordarsi con Spalletti per una chiusura di carriera piú dignitosa”.

Leonardo Fioravanti, figlio di Vittorio autore degli almanacchi ‘Datos Sport’ ed anche ex portiere del Deportivo Italia negli anni ’90, ci confessa: “Secondo me è pù la Roma che Spalletti. Hanno tentato di disfarsi di lui con Rudi Garcia e non ci sono riusciti. Ma, siccome Luciano Spalletti è un uomo con più carattere, è riuscito a fare il cosiddetto lavoro sporco. Purtroppo, per un calciatore come Totti che ha dato anima e cuore per questa società, uscire dalla porta piccola non è giusto. Se la Juve non è stata elegante con Del Piero, quello che ha fatto la Roma con il ‘capitano’ non è stato tanto bello”.

Totti è la Roma, Totti è la vita giallorossa, Totti è l’orgoglio di questa città, Totti ha rifiutato il Real Madrid per la sua squadra e Totti è colui che ha pagato di tasca sua gli stipendi ai dipendenti quando il grano nella famiglia Sensi, per colpa della Roma, stava per finire. Lo sappiamo! Sappiamo che Totti è stato il Dio del calcio italiano e sappiamo che a Roma Totti è più amato del Papa.

Messo da parte tutto questo, e non è facile. Luciano Spalletti prima di risolvere tutti i mali della Roma, sta provando a risolvere il problema più grande. Non definiremmo mai Totti un male ma un problema sì, quello si dove ammettere. Totti sta facendo il male della Roma, da diversi anni. Per troppo amore. Sì, perché si può far male involontariamente ad una persona o una squadra anche per troppo amore. Francesco sogna di vincere un altro scudetto con la Magica, sogna di essere ancora protagonista e non vuole digerire una triste verità: il tempo passa per tutti.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

Archivio Ultima ora