Sì dell’Italia ai droni armati Usa da Sigonella

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

A undated handout image made available by British Royal Air Force showing A MQ-9 Reaper UAV drone from 39 Sqn (Creech AFB Nevada), waiting in anticipation before taking off into the nights sky above Afghanistan.   EPA/SAC Andrew Morris /

A undated handout image made available by British Royal Air Force showing A MQ-9 Reaper UAV drone from 39 Sqn (Creech AFB Nevada), waiting in anticipation before taking off into the nights sky above Afghanistan. EPA/SAC Andrew Morris /

NEW YORK.- L’Italia ha dato il via libera alla partenza di droni armati americani dalla base di Sigonella, in Sicilia. Destinazione la Libia e il Nord Africa, nell’ambito delle operazioni anti-Isis. Ma l’autorizzazione, giunta il mese scorso, è stata concessa da Roma ad una condizione: i velivoli potranno essere utilizzati solo a scopo difensivo, per proteggere l’azione delle forze speciali Usa.

A svelare l’ok del governo Renzi all’amministrazione Obama è stato il Wall Street Journal, che parla di “svolta” dopo oltre un anno di negoziati. Finora infatti la presenza dei droni a Sigonella, lì dal 2011, era consentita solamente per voli di sorveglianza e non armati.

Il ministero della Difesa, confermando la notizia dell’accordo tra Washington e Roma, ha sottolineato come l’attività non sia ancora iniziata e dovrà essere sottoposta, di volta in volta, all’autorizzazione del governo, che ha chiesto precisi limiti.

L’intesa è considerata un importante passo in avanti per la Casa Bianca e il Pentagono, che da tempo stanno lavorando per aumentare la pressione militare sull’Isis anche al di fuori di Siria e Iraq. Nello specifico in Libia, dove gli uomini dello Stato islamico, approfittando del caos ancora in atto, stanno prendendo sempre più piede, con molti dei leader del gruppo che dalla città siriana di Raqqa si sono rifugiati nell’area di Sirte per sfuggire alla pesante campagna aerea in atto da mesi sulla Siria.

Ma il Wall Street Journal, citando fonti dell’amministrazione statunitense, mette in evidenza come per Obama convincere gli alleati a un maggiore impegno nella lotta all’Isis in Libia e in Nord Africa sia una sfida non facile. Nel caso dell’Italia, la Casa Bianca e il Pentagono – scrive il quotidiano – stanno tuttora tentando di persuadere il governo Renzi ad autorizzare l’uso dei droni armati anche in operazioni offensive.

Operazioni come quella condotta venerdì scorso contro un campo dell’Isis a Sabratha, nel nordovest della Libia, proprio di fronte alle coste italiane. In quell’occasione sono stati uccisi almeno 30 jihadisti, e tra questi quasi certamente anche Noureddine Chouchane, considerato la mente degli attentati al museo del Bardo di Tunisi e del resort della spiaggia di Sousse, sempre in Tunisia.

In questo caso i droni armati sono partiti da una base militare in Inghilterra, quella di Lakenheath. Finora – scrive ancora il Wsj – l’Italia si è rifiutata di cedere su questo punto, per paura di sollevare enormi polemiche interne e di alimentare nell’opinione pubblica un’opposizione contro la guerra. Soprattutto se nel corso delle operazioni dei droni ci dovessero essere vittime civili.

Preoccupazioni reali, ammette del resto lo stesso Wsj, che ricorda come nell’ultimo raid di Sabratha hanno probabilmente perso la vita anche due ostaggi serbi.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:47Inchiesta canili: Raggi indagata, chiesta archiviazione

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione della posizione di Virginia Raggi nell'inchiesta sui canili scaturita da una denuncia del Partito Animalista Europeo. Nell'indagine, si è appreso, Raggi risulta indagata per omissione in atti d'ufficio. Nell'esposto si accusava la sindaca di "non aver dato corso al bando, già vinto e assegnato con decorrenza 1 ottobre 2016, per la gestione dei canili comunali di Roma". Per il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Alberto Pioletti, secondo quanto si è appreso, non sussistono fatti penalmente rilevanti attribuibili alla sindaca sulla gestione del caso. Nell'esposto, il Partito Animalista Europeo aggiungeva che la sindaca "ha mantenuto rapporti istituzionali con l'ex gestore privato Avcpp che da maggio 2016 occupa abusivamente le strutture comunali impedendo con la forza fisica l'insediamento degli affidatari vincitori del bando pubblico".

16:33Trump:via a celebrazioni, omaggio a Arlington, poi benvenuto

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - Le celebrazioni dell'inauguration day, che culmineranno domani con il giuramento di Donald Trump a Capitol Hill e la successiva parata sino alla Casa Bianca, si aprono ufficialmente oggi alle 15 (le 21 in Italia) al cimitero di Arlington con la deposizione di una corona di fiori ai caduti da parte del presidente eletto e del suo vice Mike Pence. Una cerimonia privata alla quale seguira' un'ora dopo la celebrazione di benvenuto 'Make American Great again' (lo slogan della campagna di Trump) al Lincoln Memorial, con un concerto nel quale si esibiranno Toby Keith, 3 Doors Down ed altri gruppi. E' prevista un'apparizione del tycoon. Alle 19.30 (01.30 in Italia) Trump e Pence dovrebbero farsi vedere con i loro familiari ad una serata di gala organizzata da 'Great America Alliance", uno dei principali superPac (comitati elettorali privati che raccolgono fondi) che ha sostenuto il magnate nella corsa alla Casa Bianca.

16:30Russia: migliaia fedeli celebrano Epifania in acque gelate

(ANSA) - MOSCA, 19 GEN - Diverse migliaia di russi hanno celebrato anche quest'anno l'Epifania ortodossa sfidando il rigido inverno e immergendosi nelle acque gelate di laghi e fiumi per ricordare il battesimo di Cristo nel fiume Giordano. Su laghi e fiumi ghiacciati i credenti creano di solito un buco a forma di croce per potersi bagnare.

16:21Migranti: finti certificati in cambio denaro, arrestata

(ANSA) - CUNEO, 19 GEN - Un'insegnante cuneese è agli arresti domiciliari per aver falsificato certificati di lingua italiana per stranieri. La donna, docente in una scuola primaria, è indagata per reati previsti dal Testo Unico sull'immigrazione e per falso ideologico. Avrebbe falsificato 110 documenti per consentire ad altrettanti stranieri, indiani e cinesi, di ottenere il permesso di soggiorno a lungo termine. Gli attestati costavano dai 250 ai 300 euro. Sono indagati anche tre intermediari: due indiani residenti a Savigliano e Pavia e un italiano di Torino. Le indagini della polizia sono partite a giugno da un'anomalia riscontrata nell'Ufficio Stranieri della Questura di Cuneo: un indiano, che non parlava italiano, ha presentato il certificato di conoscenza della lingua. L'uomo ha ammesso di non aver frequentato alcun corso e di aver pagato l'insegnante per ottenere l'attestato. (ANSA).

16:20Hotel Rigopiano: dispersa famiglia di Osimo

(ANSA) - OSIMO (ANCONA), 19 GEN - C'è anche un famiglia di tre persone di Osimo tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano, in Abruzzo: la madre è una commerciante, il marito un poliziotto, con il loro bimbo di 7 anni. Lo ha confermato il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni. Tra i dispersi c'è anche una coppia marchigiana, di Castignano (Ascoli Piceno).

16:12Giornata memoria: a Milano prima pietra inciampo per ricordo

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - È dedicata ad Alberto Segre, ucciso ad Auschwitz nel 1944, la prima delle pietre d'inciampo della città di Milano. Un sampietrino con una targa in ottone che serve a ricordare le vittime del nazifascismo. Nel mondo ne sono state sistemate oltre 50 mila. In città vengono collocate le prime sei come parte delle iniziative 'Milano è memoria' in vista della giornata della memoria del 27 gennaio. "È una cosa che Milano avrebbe dovuto fare prima, ma abbiamo iniziato a rimediare" ha commentato il sindaco Giuseppe Sala. "Non ci abbiamo pensato prima e credo che questo sia un errore comune grave. Meno male abbiamo cominciato" ha aggiunto Liliana Segre, che con il padre Alberto fu deportata ad Auschwitz. Per lei la posa di questa pietra (e delle due che verranno sistemate accanto, per ricordare i suoi nonni, anche loro morti in campo di concentramento) significa "iniziare ad avere un punto su cui fermarci visto che non ho una tomba per mio padre, che è stato assassinato per la colpa di essere nato", di essere ebreo.

16:05Migranti: Alfano, con Libia stabile accordo come con Turchia

(ANSA) - TUNISI, 19 GEN - Sui migranti "anche con la Libia si può raggiungere un accordo simile a quello raggiunto con la Turchia. E si potrà fare quando le condizioni di stabilità lo permetteranno". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, in conferenza stampa a Tunisi con il collega Khemaies Jhinaoui. "Siamo già al lavoro con il governo di Sarraj per realizzare il massimo degli obiettivi realizzabili allo stato dell'arte", ha aggiunto il capo della Farnesina. Sull'immigrazione illegale, "la cooperazione con l'Italia funziona bene e la vogliamo sviluppare ancora di più, nel senso di introdurre il concetto di 'immigrazione concordata'", ha detto Jhinaoui. "Abbiamo firmato nel 2011 un accordo bilaterale che ci ha permesso di controllare meglio le nostre frontiere. E nel 2015-2016 le partenze verso l'Italia si sono ridotte molte e si limitano a qualche centinaia di tunisini. Continueremo a controllare le nostre frontiere, nell'interesse della Tunisia e anche nell'interesse dei nostri partner italiani ed europei".

Archivio Ultima ora