Mercoledì lo sgombero dei migranti a Calais, è bufera

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

A migrant walks among the tents and huts of the makeshift camp called 'The Jungle' next to the fenced area made of containers used as housing in Calais, France, 15 February 2016. EPA/JULIEN WARNAND

A migrant walks among the tents and huts of the makeshift camp called ‘The Jungle’ next to the fenced area made of containers used as housing in Calais, France, 15 February 2016. EPA/JULIEN WARNAND

PARIGI.- La Francia non può ridursi a del “filo spinato e dei bulldozer”: oltre 250 personalità tra politici, intellettuali e artisti si oppongono alla decisione di sgomberare la cosiddetta ‘giungla’ dei migranti a Calais. Per i firmatari del testo pubblicato sul quotidiano Le Monde, l’evacuazione della parte sud della tendopoli “non è una soluzione”.

Da parte sua, il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, ha assicurato che quello previsto per mercoledì sarà uno sgombero “umanitario”. “Lo Stato – ha detto il ministro in un’intervista a La Voix du Nord – non ha mai dispiegato tanti sforzi umanitari per migliorare la situazione a Calais”. E ancora: “Si tratta di un’operazione umanitaria in cui proponiamo soluzioni a tutti. Il numero di posti offerti per dare un tetto ai migranti è sufficiente per accogliere tutti quanti”.

Venerdì scorso, diverse associazioni e Ong hanno depositato un ricorso al Tar di Lille per rinviare l’operazione. E’ dunque molto probabile che le ruspe non si muoveranno prima del pronunciamento del giudice. Contrariamente a Cazeneuve, volontari e Ong ritengono che le strutture esistenti non siano sufficienti per accogliere l’insieme degli esiliati presenti nella parte sud del campo. “Non abbiamo nessun altro posto dove andare. Se ci sgomberano sarà un grande problema”: l’appello di un rifugiato afghano, intervistato da BFM-TV, è stato ripreso dai media di tutto il Paese.

Qui – ha aggiunto il ragazzo in sandali nonostante il freddo di febbraio – è molto complicato, fa freddo, c’è vento ed è sporco, non abbiamo vestiti, ma spero che non ci spostino. Siamo esseri umani dovremmo essere liberi, e poi non abbiamo nessun posto in cui andare. Se ci sgomberano sarà un grosso problema.

La Francia ha proposto loro due soluzioni: trasferirsi nei vicini container (provvisori e controllati) che contano 1.500 posti letto ma sono in larga parte già occupati o trasferirsi nei 102 centri d’accoglienza distribuiti ai quattro angoli della République. E però secondo il Sécours Catholique il numero di posti non è in ogni caso sufficiente.

Secondo le autorità transalpine nella parte sud della tendopoli sostano appena mille persone ma le associazioni che hanno effettuato diversi censimenti, tenda per tenda, parlano di numeri ben superiori, almeno 3.400. Il rischio, avvertono le Ong, è che molti di loro si ritrovino in una situazione ancora più disperata di quella in cui sono attualmente.

L’attore britannico Jude Law – quasi irriconoscibile sotto a un cappello di lana grigio-azzurro – è arrivato nella tendopoli insieme ad altri artisti britannici. “Bisogna trovare una soluzione”, ha ammonito, aggiungendo: “Dirsi che tanta gente e soprattutto centinaia di bambini non accompagnati vivono in una situazione tanto spaventosa così vicino a Parigi e Londra è scioccante. I due terzi di questo luogo verranno sgomberati e non sappiamo che fine faranno”.

La prefettura – che già da una settimana chiede agli abitanti di lasciare volontariamente la tendopoli – assicura che farà tutto il possibile “per evitare il ricorso alla forza”.

Ultima ora

14:37Totti: Zanetti, grazie ultimo imperatore Roma

(ANSA) - MILANO, 28 MAG - Da una bandiera ad un'altra bandiera, Javier Zanetti omaggia Francesco Totti, con un messaggio su Twitter, a poche ore dalla sua ultima partita con la maglia della Roma. "Caro Francesco - scrive il vicepresidente dell'Inter, ritratto con un paio di scarpini dorati 'griffati' dal capitano giallorosso - mancherai a tutti gli amanti di questo sport! Complimenti per quello che hai dato, ultimo imperatore di Roma!".

14:36Totti: Rudi Garcia, ‘non c’è fine, tu sei eterno’

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Oggi vestirai per l'ultima volta la tua seconda pelle Ma non c'é fine perché sei eterno.@Totti". Questo il tweet con cui l'ex allenatore della Roma Rudi Garcia, ora tecnico del Marsiglia, celebra il capitano oggi contro il Genoa all'ultima apparizione con la maglia giallorossa. Ai tempi della comune militanza a Trigoria i rapporti tra Garcia e Totti erano eccellenti.

14:10Tennis: Vinci subito eliminata a Parigi

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Roberta Vinci è stata subito eliminata dal torneo parigino del Roland Garros, cominciato questa mattina. La 34enne tarantina ha ceduto in tre set (6-3, 3-6, 6-2) alla portoricana Monica Puig, oro olimpico ai Giochi di Rio 2016. La sfida tra l'italiana n.33 Wta e la n.41 del ranking mondiale è durata dopo due ore e 50 minuti, con una breve interruzione per la pioggia. Al Roland Garros, secondo slam della stagione, la Vinci non è mai andata oltre gli ottavi e negli ultimi tre anni era uscita sempre al primo turno.

13:58L. elettorale: Salvini, ok qualsiasi legge purché si voti

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Da dicembre diciamo a Renzi di portare in Parlamento qualsiasi legge e la votiamo, portano il tedesco? Va bene il tedesco. Per noi va bene qualsiasi legge perchè confidiamo nella capacità degli elettori di saper scegliere. Ma bisogna andare al voto al più presto, già abbiamo perso troppo tempo e nel frattempo la disoccupazione è cresciuta e l'immigrazione è diventata una calamità naturale una invasione che deve essere bloccata". Così il leader leghista Matteo Salvini all'Intervista di Maria Latella su SkyTg24.

13:57Voucher: Orlando, tema non aprirà crisi ma spero riflessione

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 MAG - "Mi auguro di no". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha risposto ha chi ha chiesto se il voto di Forza Italia con il Pd in commissione sui voucher potesse rappresentare un segnale per un patto tra Renzi e Berlusconi, il cosiddetto Renzusconi. Orlando ha escluso che sui voucher si possa aprire una crisi di Governo dopo che i deputati vicini al guardasigilli non hanno partecipato al voto. Alla domanda se sui voucher gli orlandiani potrebbero spaccare il Pd, il ministro ha risposto: "Mi porrò sulla questione come mi sono sempre posto. Io espongo le mie posizioni e poi mi attengo alle decisioni del partito. In un partito si deve stare così. Ma senza rinunciare a esprimere il proprio punto di vista".

13:56L. elettorale: Cicchitto, Renzi vuole liberarsi di Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Non è esatto quello che nell'intervista al Messaggero afferma il presidente Renzi e cioè che vuole attuare direttive del presidente della Repubblica. Anche i sampietrini sanno a Roma che il suo obiettivo principale è quello di liberarsi del governo Gentiloni senza lasciare impronte digitali troppo marcate e per ottenere questo risultato è disponibile a qualunque legge elettorale: tedesca, francese, spagnola o russa che sia". Così Fabrizio Cicchitto (Ap), presidente della Commissione Esteri della Camera.

13:56Gerusalemme avrà una funivia per la Città vecchia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 MAG - Gerusalemme avrà presto una funivia in grado di scaricare migliaia di escursionisti all' ingresso meridionale della Città Vecchia: la cosiddetta porta dell'Immondizia, che è la più vicina al Muro del Pianto. Lo ha annunciato oggi il premier Benyamin Netanyahu nel corso di una seduta di governo tenuta in via eccezionale in un'aula sotterranea vicino al Muro del Pianto, nel 50.mo anniversario della guerra dei sei giorni. Nel corso della seduta Netanyahu ha promesso che il suo governo farà investimenti ingenti a Gerusalemme e fra i vari progetti realizzerà anche quello di una funivia che partirà dall'edificio della antica stazione ferroviaria, sulla Hebron Road. I vagoni - secondo il sito del municipio di Gerusalemme - saranno in grado di trasportare quattromila persone all'ora. Il tragitto di 2,3 chilometri - che passerà sopra la vallata Ben Hinom e oltrepasserà il Monte Sion - durerà 5 minuti. ''Il primo viaggiatore sarò io stesso'' ha promesso Netanyahu.

Archivio Ultima ora