Mercoledì lo sgombero dei migranti a Calais, è bufera

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

A migrant walks among the tents and huts of the makeshift camp called 'The Jungle' next to the fenced area made of containers used as housing in Calais, France, 15 February 2016. EPA/JULIEN WARNAND

A migrant walks among the tents and huts of the makeshift camp called ‘The Jungle’ next to the fenced area made of containers used as housing in Calais, France, 15 February 2016. EPA/JULIEN WARNAND

PARIGI.- La Francia non può ridursi a del “filo spinato e dei bulldozer”: oltre 250 personalità tra politici, intellettuali e artisti si oppongono alla decisione di sgomberare la cosiddetta ‘giungla’ dei migranti a Calais. Per i firmatari del testo pubblicato sul quotidiano Le Monde, l’evacuazione della parte sud della tendopoli “non è una soluzione”.

Da parte sua, il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, ha assicurato che quello previsto per mercoledì sarà uno sgombero “umanitario”. “Lo Stato – ha detto il ministro in un’intervista a La Voix du Nord – non ha mai dispiegato tanti sforzi umanitari per migliorare la situazione a Calais”. E ancora: “Si tratta di un’operazione umanitaria in cui proponiamo soluzioni a tutti. Il numero di posti offerti per dare un tetto ai migranti è sufficiente per accogliere tutti quanti”.

Venerdì scorso, diverse associazioni e Ong hanno depositato un ricorso al Tar di Lille per rinviare l’operazione. E’ dunque molto probabile che le ruspe non si muoveranno prima del pronunciamento del giudice. Contrariamente a Cazeneuve, volontari e Ong ritengono che le strutture esistenti non siano sufficienti per accogliere l’insieme degli esiliati presenti nella parte sud del campo. “Non abbiamo nessun altro posto dove andare. Se ci sgomberano sarà un grande problema”: l’appello di un rifugiato afghano, intervistato da BFM-TV, è stato ripreso dai media di tutto il Paese.

Qui – ha aggiunto il ragazzo in sandali nonostante il freddo di febbraio – è molto complicato, fa freddo, c’è vento ed è sporco, non abbiamo vestiti, ma spero che non ci spostino. Siamo esseri umani dovremmo essere liberi, e poi non abbiamo nessun posto in cui andare. Se ci sgomberano sarà un grosso problema.

La Francia ha proposto loro due soluzioni: trasferirsi nei vicini container (provvisori e controllati) che contano 1.500 posti letto ma sono in larga parte già occupati o trasferirsi nei 102 centri d’accoglienza distribuiti ai quattro angoli della République. E però secondo il Sécours Catholique il numero di posti non è in ogni caso sufficiente.

Secondo le autorità transalpine nella parte sud della tendopoli sostano appena mille persone ma le associazioni che hanno effettuato diversi censimenti, tenda per tenda, parlano di numeri ben superiori, almeno 3.400. Il rischio, avvertono le Ong, è che molti di loro si ritrovino in una situazione ancora più disperata di quella in cui sono attualmente.

L’attore britannico Jude Law – quasi irriconoscibile sotto a un cappello di lana grigio-azzurro – è arrivato nella tendopoli insieme ad altri artisti britannici. “Bisogna trovare una soluzione”, ha ammonito, aggiungendo: “Dirsi che tanta gente e soprattutto centinaia di bambini non accompagnati vivono in una situazione tanto spaventosa così vicino a Parigi e Londra è scioccante. I due terzi di questo luogo verranno sgomberati e non sappiamo che fine faranno”.

La prefettura – che già da una settimana chiede agli abitanti di lasciare volontariamente la tendopoli – assicura che farà tutto il possibile “per evitare il ricorso alla forza”.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora