Intesa Obama e Putin, da sabato cessate il fuoco in Siria

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

US President Barack Obama (L) talks to Russian counterpart Vladimir Putin (R) during a break of the G20 summit working session in Antalya, Turkey, 15 November 2015. EPA/PRESIDENTIAL PRESS SERVICE/POOL MANDATORY CREDIT: RIA NOVOSTI

US President Barack Obama (L) talks to Russian counterpart Vladimir Putin (R) during a break of the G20 summit working session in Antalya, Turkey, 15 November 2015. EPA/PRESIDENTIAL PRESS SERVICE/POOL MANDATORY CREDIT: RIA NOVOSTI

BEIRUT. – Un barlume di speranza si riaccende per la Siria con l’annuncio di un accordo per un cessate il fuoco patrocinato da Usa e Russia che dovrebbe entrare in vigore dalla mezzanotte di sabato 27 febbraio.

“Questa è un’opportunità reale per fermare lo spargimento di sangue”, ha commentato il presidente russo Vladimir Putin dopo averne parlato al telefono con il leader Usa Barack Obama. Mosca si è detta pronta a condurre “il lavoro necessario” con il governo di Damasco, auspicando che gli americani facciano lo stesso con le opposizioni.

E’ arrivato il momento di “alleviare la sofferenza del popolo siriano, galvanizzare il processo politico a guida Onu e concentrarsi sulla sconfitta dell’Isis”, ha detto dal canto suo Obama. Il cessate il fuoco, infatti, non riguarderà lo Stato islamico e il Fronte al Nusra, riconosciuti anche dagli Usa come organizzazioni terroristiche contro le quali sarà lecito continuare a combattere.

“I raid russi contro gli obiettivi terroristici – ha messo in chiaro Putin – proseguono”. Mosca e Washington lavoreranno insieme per determinare quali gruppi non dovranno essere colpiti. E per promuovere e monitorare il rispetto della tregua, stabiliranno una “linea diretta di comunicazione per scambiare informazioni importanti”, ha fatto sapere il Dipartimento di Stato.

Ad ogni modo le parti in lotta in Siria devono confermare o alla Russia o agli Usa il loro impegno al cessate il fuoco entro mezzogiorno del 26 febbraio, in modo tale che la tregua possa entrare in vigore alla mezzanotte del 27, ora di Damasco. Finora i segnali sono contrastanti.

Riad Hijab, leader dell’alleanza anti-governativa appoggiata dall’Arabia Saudita, ha detto di accettare il cessate il fuoco “in linea di principio”. Mentre da parte governativa Omar Osso, un deputato membro della delegazione di Damasco già presente ai negoziati di Ginevra, si è mostrato scettico: le forze lealiste, ha detto, continueranno a combattere non solo l’Isis, ma anche “altri gruppi terroristi”. Una definizione usata dal regime per tutti i gruppi armati ribelli.

Così, se il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha parlato di “un’iniezione di nuova speranza”, l’inviato speciale dell’Onu Staffan de Mistura ha accolto l’annuncio “con la dovuta cautela” dopo “cinque anni di orrore”. Mentre il segretario generale Ban Ki-moon ha detto che, “se il cessate il fuoco verrà rispettato”, creerà “un ambiente più favorevole alla ripresa dei negoziati politici”.

Un primo cessate il fuoco, in programma venerdì scorso, non si era concretizzato, mentre le forze governative, appoggiate da massicci bombardamenti russi, continuavano la loro offensiva a nord di Aleppo, verso il confine con la Turchia, contro una congerie di forze ribelli. E proprio queste operazioni avevano portato il 3 febbraio scorso ad una sospensione dei negoziati di Ginevra tra governo e opposizioni.

Ma anche la ripresa delle trattative, ha affermato de Mistura, potrebbe essere “imminente” se le violenze cesseranno sul terreno e se sarà consentito il passaggio di aiuti umanitari per le popolazioni assediate. Intanto, dopo gli attentati rivendicati ieri a Homs e a Damasco con un bilancio di 180 morti, l’Isis ha ricominciato a muoversi sul terreno, avanzando da est e riuscendo a tagliare le linee di rifornimento dell’esercito siriano tra la città di Aleppo e il resto dei territori sotto il controllo governativo.

I jihadisti hanno infatti confermato di avere conquistato oggi dopo intensi combattimenti tre località lungo l’unica strada che collega la parte di Aleppo in mano alle forze governative al resto della Siria sotto il controllo di Damasco. Fonti locali hanno precisato che i tre centri si trovano intorno alla cittadina di Khanaser, a sud-est della metropoli.

Più ad est, nella provincia di Hassake, l’Isis ha rilasciato gli ultimi 43 cristiani assiri dei 230 presi in ostaggio un anno fa durante un’offensiva contro alcuni villaggi nella Valle del Khabur. Ne hanno dato notizia fonti della Chiesa assira, senza precisare come si sia arrivati alla loro liberazione.

E’ noto, tuttavia, che per il rilascio dei prigionieri lo Stato islamico aveva chiesto il pagamento di ingenti riscatti e nell’ottobre scorso, per ribadire le sue pretese, aveva diffuso un video in cui venivano mostrati tre degli ostaggi mentre venivano uccisi.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

Archivio Ultima ora