Mattarella, basta esecuzioni capitali nel mondo

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

pena-morte

ROMA.- “Liberare” il mondo dalla pena capitale per l’Italia era ed è “un dovere irrinunciabile”. A meno di 24 ore dall’appello di papa Francesco che ha chiesto, oltre all’abolizione della pena di morte, almeno una “moratoria” delle esecuzioni “in questo Anno Santo della Misericordia”, Sergio Mattarella interviene con decisione sul tema ricordando quali siano i valori del vecchio Continente e quanto la pena capitale sia anche inutile come strumento di prevenzione dei reati.

Occasione del richiamo del presidente della Repubblica è stato un simposio internazionale organizzato dalla comunità di sant’Egidio a Roma dall’esplicito titolo “Non c’è giustizia senza vita”. E il capo dello Stato ha approfittato dell’occasione anche per stimolare Governo e Parlamento a riprendere in cura il sistema penitenziario italiano da anni in forte sofferenza: bisogna “adeguare il sistema penale e carcerario ai principi di umanità consentendo ai carcerati una vita dignitosa durante la pena e dando loro la possibilità di progettare un futuro dopo aver effettivamente pagato per gli errori commessi”.

Ma è la battaglia difficilissima per l’abolizione globale della pena di morte il cuore dell’intervento di Mattarella. Il presidente è da poco rientrato da un viaggio negli Stati Uniti, simbolo attualissimo di un Paese occidentale ed alleato dove la frase biblica “occhio per occhio, dente per dente”, la cosiddetta “legge del taglione”, viene ancora interpretata alla lettera in molti Stati dell’Unione.

Non a caso Mattarella ha ricordato la tradizionale battaglia delle Nazioni Unite che, consapevole delle difficoltà oggettive di una abolizione globale, da anni si batte per una “moratoria” delle esecuzioni. Il ragionamento del capo dello Stato parte da un concetto che invece ormai nell’Unione europea è scolpito nella pietra: “la dignità di ogni uomo non è una variabile indipendente ma il fondamento della civiltà”.

“Chiunque voglia entrare nell’Unione europea sa – ha ricordato – di dover cancellare la pena di morte – se esistente – dalle proprie regole. Non si è europei se si mette in discussione questo principio. Non può esserci Europa senza il rispetto della vita”. E Mattarella, sviluppando un ragionamento fatto in precedenza dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha spiegato che tantomeno oggi bisogna cedere a questi “impulsi” pensando di vincere così la sfida del terrorismo fondamentalista.

“Purtroppo non è sopito l’impulso di affidare alla pena di morte la speranza di vincere paure e insicurezze. Le esecuzioni capitali hanno un prezzo di vite umane ancora troppo alto; e sarebbe comunque inaccettabile anche se la pena cadesse su una sola persona”. Piuttosto “l’effetto deterrente della punizione legale dipende molto di più dalla certezza e dalla prontezza con cui una sanzione, anche severa, viene applicata, che non dal suo carattere estremo e irrimediabile”.

Un altro monito che può benissimo essere letto in chiave italiana dove i ritardi della Giustizia sembrano indomabili.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

15:15Sci: cdm, 2/a prova Kitzbuehel a Kilde, indietro azzurri

(ANSA) - Kitzbuehel (Austria), 19 gen - Il norvergese Aleksander Kilde in 1.56.33 è stato il più veloce nella seconda ed ultima prova cronometrata sui terribili e ghiacciatissimi 3.312 metri della Streif di Kitzbuehel. Secondo l'austriaco Hannes Reichelt in 1.56.35 e terzo l'altro norvegese Kjetil Jansrud in 1.56.40. Miglior azzurro ma solo 13/o è stato il vincitore dello scorso anno Peter Fill in 1.57.50 dopo esserci sbilanciato subito dopo il via. Poi c'è Dominik Paris 15/o in 1.57.65 mentre Christof Innerhofer ha preferito disertare questa seconda prova per non forzare troppo e consumare energie dopo la gran botta rimediata a fine 2016 a Santa Caterina Valfurva. La Streif - con 15 gradi sotto zero, tempo perfetto ed un fondo durissimo e quasi ovunque gelato - ha anche in questa prova visto alcune spettacolari cadute come quelle dello statunitense Andrew Weinrecht e del tedesco Klaus Brander.

15:13Marra: sequestrato appartamento a Roma

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sequestrato dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma l'appartamento e il posto auto di via dei Prati Fiscali di proprietà di Raffaele Marra (braccio destro della sindaca Virginia Raggi arrestato nelle corse settimane) e della moglie. I carabinieri hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip presso il Tribunale di Roma. L'appartamento è quello al centro dell'indagine che ha portato all'arresto di Marra per corruzione. Secondo quanto si è appreso, il provvedimento è stato adottato su richiesta della Procura di Roma e si basa sul presupposto che i beni sequestrati siano stati acquistati con denaro proveniente dall'episodio di corruzione di cui Marra è accusato e per cui il 16 dicembre dello scorso anno è stato arrestato dai carabinieri.

15:10Intimidazione a segretario provinciale Fdi di Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 19 GEN - Intimidazione contro il segretario provinciale di Vibo Valentia di Fratelli d'Italia: il furgone di Fausto De Angelis, titolare di una ditta di arredamenti, è stato incendiato la notte scorsa. É il terzo atto intimidatorio che De Angelis subisce. Due anni fa aveva ricevuto alcuni bossoli e lo scorso anno aveva trovato una testa di capretto sul cofano dell'auto insieme a delle cartucce. La famiglia De Angelis ha aperto l'attività commerciale nel 2010 collaborando con marche prestigiose. De Angelis è segretario di Fdi da poco più di un anno ed è stato candidato alle europee ed alle regionali. "Non so quale possa essere il movente - ha detto - ma escluderei quello politico. L'unica mia colpa è quella di voler dare una mano a questo territorio, creare posti di lavoro e aiutare le persone e far conoscere il vibonese sotto una veste positiva. Io e la mia famiglia abbiamo sempre avuto questo obiettivo, ma episodi come questo rischiano di farti passare la voglia di restare". (ANSA).

15:09Maltempo: Anas riapre strada Nuoro-Lanusei

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Continua l'attività delle squadre Anas sulle statali a seguito delle abbondanti nevicate. In provincia di Nuoro è stata riaperta al traffico la strada statale 389 Var, Nuoro-Lanusei, che era stata chiusa fra il km 39,400 e 48,200, nel territorio comunale di Villagrande Strisaili, per consentire la prosecuzione dello sgombero neve da parte del personale e dei mezzi Anas. Sul tratto compreso fra il km 19 e il km 39,400 è stato istituito il senso unico alternato. Sul posto, oltre alle squadre Anas, è presente la Polizia Stradale per la gestione dell'emergenza. Permane invece la chiusura della 125 Orientale Sarda dal km 160 a 173 nei pressi di Baunei, per consentire l'azione dei mezzi e del personale impegnati nello sgombero della neve. Attualmente risultano transitabili tutte le altre statali sarde. Prosegue il lavoro delle squadre Anas coi mezzi spandisale sulla 131 Carlo Felice e 131 Dcn, 125 Orientale, 128 e 128 bis Centrale Sarda, 389 Buddusò e Correboi', 198 Seui-Lanusei', 292 e 129 trasversale.

15:08Tennis: Australia, a sorpresa eliminata Radwanska

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Dopo l'ex re del tennis mondiale Djokovic, un'altra stella lascia anzitempo i campi di Melbourne dove si disputano gli Australian Open: è Agnieszka Radwanska, polacca, n. 3 del mondo, sorprendente battuta con il secco punteggio di 6-2 6-3 dalla croata Mirjana Lucic-Baroni, numero 79 del ranking. Una sconfitta inattesa per la tennista polacca che l'anno scorso a Melbourne era arrivata in semifinale. "Ho potuto fare ben poco, lei ha giocato senza alcuna pressione, spingendo al massimo tutti i colpi", ha commentato a caldo la Radwanska, visibilmente delusa per il risultato. Felice e incredula invece la 34enne croata, che agli Australian Open aveva vinto in doppio nel 1998 all'età di 16 anni, e che dal 2003 al 2008 era stata lontana dai campi da tennis. Al terzo turno Lucic-Baroni affronterà la greca Maria Sakkari, numero 94 del ranking.

15:07Calcio: padre Messi, Leo non lascerà il Barça

(ANSA) - MADRID, 19 GEN - Il padre di Lionel Messi ha rasserenato i tifosi del Barcellona, dopo settimane di dubbi sul rinnovo del contratto del campione argentino, affermando che il figlio non intende lasciare il club catalano. "Non c'è alcun pericolo che Messi se ne vada dal Barça" ha detto Jorge Messi alla trasmissione El Larguero della radio privata Ser, riferisce La Vanguardia. Il contratto dell'astro argentino scade nell'estate 2018 e da tempo la questione del rinnovo suscita incertezze nella tifoseria blaugrana, dopo che è emerso l'interesse di altri grandi club europei come il Psg e il Manchester City, per il giocatore. Secondo il quotidiano Sport l'avvio di trattative fra Messi e il club sul rinnovo sarebbe imminente. Il presidente del Barcellona Bartomeu ha detto che gestirà personalmente il negoziato.

15:05Coni: Toyota vettura ufficiale Italia Team fino a 2024

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - È stato presentata stamane, al Foro Italico, la partnership tra Coni e Toyota. L'accordo, del valore di poco più di un milione di euro all'anno e con validità fino alla fine del 2024, prevede la fornitura al Comitato olimpico nazionale italiano di 25 vetture tra Toyota e Lexus. Questa partnership, che fa della Toyota l'auto ufficiale dell'Italia Team, si inserisce nell'ambito della collaborazione tra la casa giapponese e il Cio (Comitato olimpico internazionale) in tema di mobilità, annunciato a marzo 2015 a Tokyo.

Archivio Ultima ora