Usa 2016: Trump vuole anche Nevada, ma occhio a Rubio

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

trump

NEW YORK.- Donald Trump alla conquista del Nevada, dove si svolgeranno i caucus repubblicani. I sondaggi finora lo danno per favorito, così come in 10 dei 14 stati dove si voterà nel ‘Super Tuesday’ del primo marzo. Il tycoon newyorchese, dopo le vittorie in New Hampshire e South Carolina, appare inarrestabile.

Ma a minacciare la sua corsa verso la nomination c’è soprattutto l’ascesa di Marco Rubio. Il giovane senatore di origini cubane, che nelle primarie del South Carolina ha ottenuto un ottimo secondo posto, ha ancora ampi margini di crescita. Dopo il fallimento di Jeb Bush è su di lui che punta l’establishment del partito repubblicano. E su di lui dovrebbero convergere gran parte dei voti e dei soldi finora diretti all’ex governatore della Florida, una volta suo mentore.

Rubio attende con ansia l’endorsement ufficiale non solo di Bush, ma anche di Mitt Romney, candidato repubblicano alla Casa Bianca sconfitto da Barack Obama nel 2012. Già in Nevada Rubio potrebbe dare del filo da torcere a Trump, più del senatore ultraconservatore Ted Cruz. E la sua posizione potrebbe ulteriormente rafforzarsi se a ritirarsi nei prossimi giorni saranno anche l’ex neurochirurgo Ben Carson (la sua uscita di scena è nell’aria) e il governatore dell’Ohio, John Kasich. E’ quest’ultimo la vera incognita per Rubio, che spera in un pressing dei vertici del partito per tentare di concentrare i voti dei moderati su un unico candidato.

E Rubio ha dalla sua parte anche i numeri: non solo potrebbe ereditare l’appoggio dei finanziatori della campagna di Bush (il candidato per ironia della sorte che finora aveva raccolto più soldi) ma, secondo gli ultimi dati, è già il candidato che ha raccolto più fondi da Wall Street, oltre 4 milioni di dollari da dipendenti di banche e fondi di investimento come Bank of America, Deutsche Bank e Goldman Sachs. Più di Hillary Clinton.

Il senatore della Florida ha però un grande nemico: il tempo. Non c’e n’è molto per tentare di unire tutti i consensi necessari per battere Trump. Quest’ultimo ha già guadagnato 65 delegati. In Nevada ce ne sono in palio altri 30, ma nel supermartedì ce ne sono ben 595 che verranno distribuiti proporzionalmente ai voti ricevuti.

E se il tycoon dovesse fare il pieno potrebbe davvero essere troppo tardi per fermarlo. Anche se il 15 marzo sarà la volta di quattro stati-chiave (Florida, Ohio, Missouri e Illinois) che metteranno in palio altri 671 delegati, stavolta assegnati col metodo del ‘winner-take-all’, chi vince piglia tutto.

Per la nomination serve raggiungere la soglia dei 1.237 delegati. E se Ted Cruz punta sulla cosiddetta ‘Bible Belt’, le aree a maggioranza bianca e con una maggiore presenza di evangelici, Rubio punta più sulle grandi aree metropolitane, da Atlanta a Boston, passando per Minneapolis e Nashville, dove può garantirsi il voto delle minoranze. La partita, insomma, è più aperta di quanto si pensi.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:02Egitto: sventolano bandiera gay, sette arresti

(ANSA) - IL CAIRO, 26 SET - Alcuni giovani sono stati arrestati o identificati in Egitto per aver sventolato la bandiera del movimento omosessuale a un concerto rock. Ad essere arrestata è una "persona responsabile di aver filmato e promosso il concerto su Facebook", mentre identificazioni hanno riguardato "un certo numero di persone che hanno sventolato bandiere Lgbt", scrive l'agenzia Mena citando un' "alta fonte della sicurezza" e riferendosi ai drappi multicolore che simboleggiano i diritti di lesbiche, gay, bisessuali e transgender. "Sono in corso misure per arrestarle", aggiunge l'agenzia. Il sito del quotidiano Al Youm7 precisa che, sulla base di immagini di telecamere di sorveglianza, gli "arresti" hanno colpito "sette omosessuali" che fra l'altro "hanno inneggiato alla depravazione e all'immoralità" a un concerto del gruppo "Mashrou' Leila" alla periferia est della città (New Cairo). In Egitto, paese musulmano al 90%, l'omosessualità è un tabù e, pur non bandita per legge, è perseguita come "depravazione".

14:58Cannabis:Farina,testo deludente,mi dimetto da relatore

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Purtroppo il testo che andrà in Aula sulla Cannabis non risponde alle richieste e alle aspettative su questo tema. Un testo molto distante dalla discussione pubblica di questi anni nel nostro Paese e dalle esperienze concrete ormai diffuse in diversi Stati del mondo. Per queste ragioni ho ritenuto di presentare le dimissioni da relatore. Dimissioni necessarie che rendono più libero me e il gruppo di Sinistra Italiana-Possibile per il confronto in Aula". Lo afferma il deputato di SI-Possibile Daniele Farina, al termine della commissione.

14:58L.elettorale, slitta voto commissione su testo base

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Una questione procedurale sollevata da M5S e da Mdp ha provocato lo slittamento dell'adozione del Rosatellum 2.0 come testo base da parte della commissione Affari Costituzionali della Camera, che sta esaminando la legge elettorale. Si attende ora il responso della presidente Laura Boldrini sul problema sollevato.

14:57Banche: ok Senato a mozione unitaria con 196 sì

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Riceve il via libero unanime dell' Aula del Senato, con 196 sì, la mozione sulle banche proposta dal governo e illustrata all'Assemblea dal sottosegretario Pier Paolo Baretta. Il documento, in cui si parla anche dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici per tutti gli amministratori giudicati responsabili, è stato sottoscritto dai presidenti di tutti i gruppi parlamentari che hanno ritirato le precedenti mozioni presentate.

14:57Vertici M5S, no a mini-direttorio, ormai c’è Di Maio

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non ci sarà alcun mini-direttorio, il tema non è in agenda e non è stato mai discusso". Così fonti vicine a Davide Casaleggio e dell'entourage di Luigi Di Maio smentiscono "categoricamente" all'ANSA l'ipotesi di un mini-direttorio. "Ora abbiamo un candidato premier che è anche capo della forza politica, il che rende superflua la costituzione di qualsiasi altro organo di guida e indirizzo, compiti assunti in pieno da Di Maio dopo la sua designazione", spiegano le stesse fonti.

14:57Germania: Frauke Petry lascia l’Afd

(ANSA) - BERLINO, 26 SET - Frauke Petry lascia il partito Afd. Lo ha detto a Dresda la ex leader. La Petry ha annunciato di voler rinunciare al ruolo di capogruppo nel Landtag della Sassonia. Ieri Petry, che ha 42 anni, e che è attualmente la portavoce federale del partito insieme a Joerg Meuthen, aveva annunciato a sorpresa di non volere fare parte del gruppo parlamentare del partito che oggi si sta incontrando per la prima volta al Bundestag.

14:55Tim: rinviata a giovedì riunione Comitato golden power

(ANSA) - ROMA, 26 SET - E' stata rinviata a giovedì 28 settembre, la riunione del comitato governativo sulla verifica per l'attivazione del golden power su Tim. L'incontro, che dovrebbe terminare la verifica della posizione di Vivendi, avrebbe dovuto tenersi a Palazzo Chigi nel pomeriggio. E invece, a quanto si apprende, si terrà dopodomani, probabilmente nel pomeriggio.

Archivio Ultima ora