Usa 2016: Trump vuole anche Nevada, ma occhio a Rubio

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

trump

NEW YORK.- Donald Trump alla conquista del Nevada, dove si svolgeranno i caucus repubblicani. I sondaggi finora lo danno per favorito, così come in 10 dei 14 stati dove si voterà nel ‘Super Tuesday’ del primo marzo. Il tycoon newyorchese, dopo le vittorie in New Hampshire e South Carolina, appare inarrestabile.

Ma a minacciare la sua corsa verso la nomination c’è soprattutto l’ascesa di Marco Rubio. Il giovane senatore di origini cubane, che nelle primarie del South Carolina ha ottenuto un ottimo secondo posto, ha ancora ampi margini di crescita. Dopo il fallimento di Jeb Bush è su di lui che punta l’establishment del partito repubblicano. E su di lui dovrebbero convergere gran parte dei voti e dei soldi finora diretti all’ex governatore della Florida, una volta suo mentore.

Rubio attende con ansia l’endorsement ufficiale non solo di Bush, ma anche di Mitt Romney, candidato repubblicano alla Casa Bianca sconfitto da Barack Obama nel 2012. Già in Nevada Rubio potrebbe dare del filo da torcere a Trump, più del senatore ultraconservatore Ted Cruz. E la sua posizione potrebbe ulteriormente rafforzarsi se a ritirarsi nei prossimi giorni saranno anche l’ex neurochirurgo Ben Carson (la sua uscita di scena è nell’aria) e il governatore dell’Ohio, John Kasich. E’ quest’ultimo la vera incognita per Rubio, che spera in un pressing dei vertici del partito per tentare di concentrare i voti dei moderati su un unico candidato.

E Rubio ha dalla sua parte anche i numeri: non solo potrebbe ereditare l’appoggio dei finanziatori della campagna di Bush (il candidato per ironia della sorte che finora aveva raccolto più soldi) ma, secondo gli ultimi dati, è già il candidato che ha raccolto più fondi da Wall Street, oltre 4 milioni di dollari da dipendenti di banche e fondi di investimento come Bank of America, Deutsche Bank e Goldman Sachs. Più di Hillary Clinton.

Il senatore della Florida ha però un grande nemico: il tempo. Non c’e n’è molto per tentare di unire tutti i consensi necessari per battere Trump. Quest’ultimo ha già guadagnato 65 delegati. In Nevada ce ne sono in palio altri 30, ma nel supermartedì ce ne sono ben 595 che verranno distribuiti proporzionalmente ai voti ricevuti.

E se il tycoon dovesse fare il pieno potrebbe davvero essere troppo tardi per fermarlo. Anche se il 15 marzo sarà la volta di quattro stati-chiave (Florida, Ohio, Missouri e Illinois) che metteranno in palio altri 671 delegati, stavolta assegnati col metodo del ‘winner-take-all’, chi vince piglia tutto.

Per la nomination serve raggiungere la soglia dei 1.237 delegati. E se Ted Cruz punta sulla cosiddetta ‘Bible Belt’, le aree a maggioranza bianca e con una maggiore presenza di evangelici, Rubio punta più sulle grandi aree metropolitane, da Atlanta a Boston, passando per Minneapolis e Nashville, dove può garantirsi il voto delle minoranze. La partita, insomma, è più aperta di quanto si pensi.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora