Usa 2016: Trump vuole anche Nevada, ma occhio a Rubio

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

trump

NEW YORK.- Donald Trump alla conquista del Nevada, dove si svolgeranno i caucus repubblicani. I sondaggi finora lo danno per favorito, così come in 10 dei 14 stati dove si voterà nel ‘Super Tuesday’ del primo marzo. Il tycoon newyorchese, dopo le vittorie in New Hampshire e South Carolina, appare inarrestabile.

Ma a minacciare la sua corsa verso la nomination c’è soprattutto l’ascesa di Marco Rubio. Il giovane senatore di origini cubane, che nelle primarie del South Carolina ha ottenuto un ottimo secondo posto, ha ancora ampi margini di crescita. Dopo il fallimento di Jeb Bush è su di lui che punta l’establishment del partito repubblicano. E su di lui dovrebbero convergere gran parte dei voti e dei soldi finora diretti all’ex governatore della Florida, una volta suo mentore.

Rubio attende con ansia l’endorsement ufficiale non solo di Bush, ma anche di Mitt Romney, candidato repubblicano alla Casa Bianca sconfitto da Barack Obama nel 2012. Già in Nevada Rubio potrebbe dare del filo da torcere a Trump, più del senatore ultraconservatore Ted Cruz. E la sua posizione potrebbe ulteriormente rafforzarsi se a ritirarsi nei prossimi giorni saranno anche l’ex neurochirurgo Ben Carson (la sua uscita di scena è nell’aria) e il governatore dell’Ohio, John Kasich. E’ quest’ultimo la vera incognita per Rubio, che spera in un pressing dei vertici del partito per tentare di concentrare i voti dei moderati su un unico candidato.

E Rubio ha dalla sua parte anche i numeri: non solo potrebbe ereditare l’appoggio dei finanziatori della campagna di Bush (il candidato per ironia della sorte che finora aveva raccolto più soldi) ma, secondo gli ultimi dati, è già il candidato che ha raccolto più fondi da Wall Street, oltre 4 milioni di dollari da dipendenti di banche e fondi di investimento come Bank of America, Deutsche Bank e Goldman Sachs. Più di Hillary Clinton.

Il senatore della Florida ha però un grande nemico: il tempo. Non c’e n’è molto per tentare di unire tutti i consensi necessari per battere Trump. Quest’ultimo ha già guadagnato 65 delegati. In Nevada ce ne sono in palio altri 30, ma nel supermartedì ce ne sono ben 595 che verranno distribuiti proporzionalmente ai voti ricevuti.

E se il tycoon dovesse fare il pieno potrebbe davvero essere troppo tardi per fermarlo. Anche se il 15 marzo sarà la volta di quattro stati-chiave (Florida, Ohio, Missouri e Illinois) che metteranno in palio altri 671 delegati, stavolta assegnati col metodo del ‘winner-take-all’, chi vince piglia tutto.

Per la nomination serve raggiungere la soglia dei 1.237 delegati. E se Ted Cruz punta sulla cosiddetta ‘Bible Belt’, le aree a maggioranza bianca e con una maggiore presenza di evangelici, Rubio punta più sulle grandi aree metropolitane, da Atlanta a Boston, passando per Minneapolis e Nashville, dove può garantirsi il voto delle minoranze. La partita, insomma, è più aperta di quanto si pensi.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

Archivio Ultima ora