Ronaldo, il calcio mi ha regalato tutto nella vita

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

Ronaldo con il giornalista Emilio Buttaro

Ronaldo con il giornalista Emilio Buttaro

FIRENZE – Senza dubbio il più gettonato alla quinta edizione della ‘Hall of Fame del calcio italiano’. Nella splendida cornice della Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, Ronaldo il Fenomeno, per intenderci, ha regalato grandi emozioni ai presenti, proprio come quando giocava sul prato verde e incantava gli spettatori, anche quelli di fede avversaria. Adesso l’ex attaccante dell’inter, entra ufficialmente tra le figure che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del calcio italiano.

“Questo sport mi ha regalato tutto nella vita – ha spiegato il brasiliano con una certa emozione – è stato la mia università, altrimenti chissà cosa avrei fatto. Sono orgoglioso di quello che ho realizzato e soprattutto se sono stato capace di far divertire il pubblico”.

La sua storia è stata bella anche perchè è passato dal calcio italiano…
“Ho sempre pensato questo ed in effetti quando sono arrivato in Italia, c’era il campionato più bello del mondo. All’epoca fu una grande sfida per me. Trovai di fronte i migliori difensori, sempre tutte le domeniche e sono contento di aver vinto in Italia”.

Ma cosa c’è di speciale nel calcio italiano rispetto a quello degli altri Paesi?
“Ha un sapore unico ed anche quando vivevo in Brasile mi svegliavo presto per vederlo in tv: un grande sogno. Adesso sono orgoglioso di questo premio anche perchè la carriera di un calciatore è sempre corta, fatta anche di molti sacrifici ed un riconoscimento del genere è importante”.

In Italia poi lei si sente sempre a casa…
“E’ il Paese dove mi sento più amato, anche più che in Brasile. Qui è stata la mia casa per anni”.

Ma è vero che in Italia si è visto anche il miglior Ronaldo?
“In effetti credo che l’Italia abbia saputo tirar fuori il meglio di me ed anche per questo sono molto grato e per questo ci torno sempre volentieri”.

Sabato ha seguito l’Inter contro la Sampdoria, che impressione le ha fatto?
“Direi buona anche perchè le ultime partite che avevo visto in tv non erano state delle migliori ed in questo girone di ritorno in fatto di risultati le cose non stavano andano bene per la mia ex squadra. Sono contento che anche fuori dal campo ho potuto dare il mio contributo e vivere quei momenti a San Siro è stato molto carino”.

Che idea si è fatto del caso Totti?
“E’ sicuramente il più importante di Roma e uno dei più importanti d’Italia. Deciderà lui quando fermarsi però tutto il rispetto se lo merita. Saprà poi lui quando è il momento di fermarsi. Comunque è molto difficile perchè noi facciamo questo mestiere perchè lo amiamo tanto e siamo anche pagati per farlo. Non conosco un giocatore che non ami il calcio, perciò è bello è fare quello che piace ma è anche dura smettere. Insomma c’è da capire”.

Ha incontrato qui a Firenze l’allenatore dei viola Paulo Sousa?
“Sì, siamo stati a cena, lui è un grande amico, sta facendo molto bene. La sua Fiorentina lotta addirittura per lo scudetto ma sarà anche contento di arrivare in zona Champions League”.

Juve o Napoli per lo scudetto?
“Tifo Napoli per motivi chiari ma ancora è da vedere, anche se io a dire il vero vorrei che vincesse l’Inter”.

Potrà avere in futuro un ruolo nell’Inter?
“Intanto abbiamo ripreso il rapporto ed era importantissimo farlo, credo anche nei tempi giusti. All’Inter sono grato perchè mi ha fatto diventare quello che sono ma non abbiamo parlato di progetti, vedremo in futuro. Intanto mi sto preparando per fare delle cose sempre legate al calcio”.

I fischi di San Siro?
“Chiaramente fanno male ma non rappresentano quello che vedo nelle strade. C’è forse un malinteso perchè qualcuno della curva ha difficoltà a capire quanto successo in passato ed accettare gli errori. Sono fiero, non c’è nulla da nascondere, la storia è stata così”.

Foto di gruppo dei premiati

Foto di gruppo dei premiati

Oltre a Ronaldo, altre nove stelle entrano a far parte della “Hall of Fame del calcio italiano”: Gianluca Vialli (giocatore), Roberto Mancini (allenatore), Corrado Ferlaino (dirigente), Roberto Rosetti (arbitro), Marco Tardelli (veterano), Patrizia Panico (calciatrice), Giacinto Facchetti, Helenio Herrera e Umberto Agnelli (Premi alla memoria).

(di Emilio Buttaro – Foto: Franco Buttaro)

Ultima ora

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

21:20Studente morto a Valencia: legale ‘chiesta nuova autopsia’

(ANSA) - ANCONA, 24 MAR - ''Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia''. Lo ha detto all'ANSA l'avv. Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, dove frequentava l'Erasmus, con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi. Se ieri il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (''non c'è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere''), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: ''sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo...''. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.

21:07Sicurezza: giudice Treviso “si arma”, Anm Veneto si dissocia

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - "La Giunta veneta dell'Associazione nazionale magistrati resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo, dallo stesso inviate ai giornali locali, e se ne dissocia e riservandosi di interessarne il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari". Lo si legge in una nota dell'Anm veneta in riferimento alle affermazioni del giudice trevigiano che, sentendosi non protetto dallo Stato, ha deciso di armarsi. "I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo - rileva l'Anm -, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare; lo fanno, ogni giorno, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà giuridica che connotano il nostro paese e che hanno consentito di debellare il terrorismo politico e ridimensionare la mafia".

20:38Calcio: Lega Pro, Taranto-Paganese si recupera il 19 aprile

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Taranto-Paganese, la gara di Lega Pro (girone C) originariamente in programma domenica ma rinviata in seguito all'aggressione subita mercoledì scorso da calciatori, tecnici e dirigenti della società pugliese, verrà recuperata mercoledì 19 aprile alle ore 14.30. Lo comunica la Lega Pro precisando che si tratta della prima data utile, considerando la programmazione a mercoledì 5 aprile del turno infrasettimanale della 14/a giornata di ritorno ed a sabato 14 aprile della 16/a giornata. (ANSA).

20:30Alto Adige: Corte Suprema Vienna boccia doppio passaporto

(ANSA) - BOLZANO, 24 MAR - Dopo il Tribunale amministrativo ora anche la Corte costituzionale di Vienna ha respinto il ricorso, presentato da esponenti della Südtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, per il doppio passaporto per i sudtirolesi. I partiti di opposizione di lingua tedesca in consiglio provinciale a Bolzano da tempo si battono per il riconoscimento della doppia cittadinanza per i discendenti dei cittadini dell'impero austro-ungarico in Alto Adige. La legge austriaca del 1925, alla quale faceva riferimento il ricorso, secondo la Suprema Corte di Vienna non è applicabile per gli altoatesini che non hanno mai avuto diritto di cittadinanza austriaca.

Archivio Ultima ora