Ronaldo, il calcio mi ha regalato tutto nella vita

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

Ronaldo con il giornalista Emilio Buttaro

Ronaldo con il giornalista Emilio Buttaro

FIRENZE – Senza dubbio il più gettonato alla quinta edizione della ‘Hall of Fame del calcio italiano’. Nella splendida cornice della Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, Ronaldo il Fenomeno, per intenderci, ha regalato grandi emozioni ai presenti, proprio come quando giocava sul prato verde e incantava gli spettatori, anche quelli di fede avversaria. Adesso l’ex attaccante dell’inter, entra ufficialmente tra le figure che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del calcio italiano.

“Questo sport mi ha regalato tutto nella vita – ha spiegato il brasiliano con una certa emozione – è stato la mia università, altrimenti chissà cosa avrei fatto. Sono orgoglioso di quello che ho realizzato e soprattutto se sono stato capace di far divertire il pubblico”.

La sua storia è stata bella anche perchè è passato dal calcio italiano…
“Ho sempre pensato questo ed in effetti quando sono arrivato in Italia, c’era il campionato più bello del mondo. All’epoca fu una grande sfida per me. Trovai di fronte i migliori difensori, sempre tutte le domeniche e sono contento di aver vinto in Italia”.

Ma cosa c’è di speciale nel calcio italiano rispetto a quello degli altri Paesi?
“Ha un sapore unico ed anche quando vivevo in Brasile mi svegliavo presto per vederlo in tv: un grande sogno. Adesso sono orgoglioso di questo premio anche perchè la carriera di un calciatore è sempre corta, fatta anche di molti sacrifici ed un riconoscimento del genere è importante”.

In Italia poi lei si sente sempre a casa…
“E’ il Paese dove mi sento più amato, anche più che in Brasile. Qui è stata la mia casa per anni”.

Ma è vero che in Italia si è visto anche il miglior Ronaldo?
“In effetti credo che l’Italia abbia saputo tirar fuori il meglio di me ed anche per questo sono molto grato e per questo ci torno sempre volentieri”.

Sabato ha seguito l’Inter contro la Sampdoria, che impressione le ha fatto?
“Direi buona anche perchè le ultime partite che avevo visto in tv non erano state delle migliori ed in questo girone di ritorno in fatto di risultati le cose non stavano andano bene per la mia ex squadra. Sono contento che anche fuori dal campo ho potuto dare il mio contributo e vivere quei momenti a San Siro è stato molto carino”.

Che idea si è fatto del caso Totti?
“E’ sicuramente il più importante di Roma e uno dei più importanti d’Italia. Deciderà lui quando fermarsi però tutto il rispetto se lo merita. Saprà poi lui quando è il momento di fermarsi. Comunque è molto difficile perchè noi facciamo questo mestiere perchè lo amiamo tanto e siamo anche pagati per farlo. Non conosco un giocatore che non ami il calcio, perciò è bello è fare quello che piace ma è anche dura smettere. Insomma c’è da capire”.

Ha incontrato qui a Firenze l’allenatore dei viola Paulo Sousa?
“Sì, siamo stati a cena, lui è un grande amico, sta facendo molto bene. La sua Fiorentina lotta addirittura per lo scudetto ma sarà anche contento di arrivare in zona Champions League”.

Juve o Napoli per lo scudetto?
“Tifo Napoli per motivi chiari ma ancora è da vedere, anche se io a dire il vero vorrei che vincesse l’Inter”.

Potrà avere in futuro un ruolo nell’Inter?
“Intanto abbiamo ripreso il rapporto ed era importantissimo farlo, credo anche nei tempi giusti. All’Inter sono grato perchè mi ha fatto diventare quello che sono ma non abbiamo parlato di progetti, vedremo in futuro. Intanto mi sto preparando per fare delle cose sempre legate al calcio”.

I fischi di San Siro?
“Chiaramente fanno male ma non rappresentano quello che vedo nelle strade. C’è forse un malinteso perchè qualcuno della curva ha difficoltà a capire quanto successo in passato ed accettare gli errori. Sono fiero, non c’è nulla da nascondere, la storia è stata così”.

Foto di gruppo dei premiati

Foto di gruppo dei premiati

Oltre a Ronaldo, altre nove stelle entrano a far parte della “Hall of Fame del calcio italiano”: Gianluca Vialli (giocatore), Roberto Mancini (allenatore), Corrado Ferlaino (dirigente), Roberto Rosetti (arbitro), Marco Tardelli (veterano), Patrizia Panico (calciatrice), Giacinto Facchetti, Helenio Herrera e Umberto Agnelli (Premi alla memoria).

(di Emilio Buttaro – Foto: Franco Buttaro)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora