Juve col cuore, Dybala e Sturaro beffano Pep

Pubblicato il 23 febbraio 2016 da redazione

Dibatta festeggia il gol

Dibatta festeggia il gol

TORINO – Fin dall’avvio è il Bayern a fare la partita, con la Juve che si raccoglie all’indietro pronta a distendersi negli spazi. Le prime emozioni le regalano i due ex in campo: Mandzukic avrebbe la palla buona sugli sviluppi di un lancio dalle retrovie, ma il croato, forse stupito dalla libertà concessagli dalla retroguardia ospite, conclude debolmente dal limite dell’area. La replica bavarese è affidata a Vidal, che di controbalzo lascia partire un gran destro: Buffon è reattivo e respinge coi pugni.

Il cileno dà spesso il via all’azione partendo alle spalle della difesa bavarese agendo a tutti gli effetti da regista puro. Una soluzione che permette al Bayern di proporre una manovra ad ampio respiro, con l’obiettivo di accerchiare la difesa di casa. Sul fronte opposto, invece, è ancora Mandzukic a mettersi in evidenza. Il croato, appostato sul secondo palo, manca di un soffio la deviazione vincente su cross di Dybala.

Al quarto d’ora sono gli uomini di Guardiola a divorarsi una colossale palla-gol. Un rimpallo favorisce Lewandowski, che serve Muller nell’area piccola. L’attaccante tedesco è completamente solo, ma attende un attimo di troppo prima di concludere, consentendo a Bonucci di effettuare un prodigioso recupero. La Juve si salva, ma fatica a trovare controffensive adeguate al fraseggio bavarese,come dimostrano anche le statistiche sul possesso di palla.

Robben e Douglas Costa sono due stantuffi sulle corsie esterne ed è l’olandese a mettere nuovamente paura a Buffon, con una mazza girata che finisce di poco oltre la traversa. Magistrale, nell’occasione, l’assistenza di Lahm. Tocca poi a Bernat andare alla battuta dal limite dell’area: la conclusione dello spagnolo è sporca e per poco non inganna il numero uno bianconero, che si salva nuovamente di pugno.

E’ un primo tempo di estrema sofferenza quello della Juve, che quando recupera palla viene immediatamente aggredita in pressing, non riuscendo a verticalizzare con efficacia. La pressione del Bayern è asfissiante e il vantaggio, che si concretizza al 43’, ne è la conseguenza inevitabile: Robben si incunea in area dalla destra e lascia partire un cross che Douglas Costa rimette in mezzo per il tap-in vincente di Muller. Si arriva così all’intervallo: Bianconeri opachi, Bayern extralusso.

In avvio di ripresa Allegri si gioca subito la carta Hernanes, spedito in campo al posto di Marchisio, e la Juve prova ad alzare il baricentro, ma il Bayern la punisce subito. Lewandowski innesca la ripartenza tedesca e serve Robben sulla destra: l’olandese taglia in area e si porta il pallone sul mancino, calciando secco sul secondo palo. Per Buffon non c’è nulla da fare.

Siamo al 55’ e pochi istanti e Lewandowski sfiora il tris di testa, in tuffo. La Juve appare frastornata, ma nel momento di massima difficoltà trova la forza di reagire. Al 63’ Mandzukic sfrutta un errato controllo di Kimmich e serva un filtrante perfetto a Dybala, che fulmina Neuer con un preciso piatto destro. Primo acuto in Champions per la Joya e sfida, di fatto, riaperta.

Il gol trasfigura la Juve che di colpo diventa straripante. Dybala mette Cuadrado a tu per tu con Neuer, che si salva alzando il pallone oltre la traversa, quindi è Pogba a sfiorare il 2-2 con un destro a giro che sibila poco distante dall’incrocio dei pali. A questo punto servono forze fresche: Allegri getta nella mischia Sturaro per Khedira, mentre Guardiola infoltisce la linea difensiva inserendo Benatia per Bernat. Arriva anche il momento di Morata, che rileva uno stremato Dybala.

E i cambi sorridono alla Juve, che al 76’ trova il pareggio proprio grazie ai due subentrati. Mandzukic pesca Morata, che di testa spedisce il pallone nell’area piccola: Sturaro brucia Kimmich, non esente da colpe, e in scivolata spedisce il pallone sotto la traversa, firmando il 2-2. Anche per il centrocampista si tratta del primo gol in Champions e ora in campo i ruoli sono ribaltati: le certezze del Bayern vacillano, mentre la Juve sogna il paradiso dopo essere stata all’inferno.

Un colpo di testa di Pogba che termina oltre la traversa lascia presagire un finale arrembante da parte della Juve. Allo scadere Bonucci prova a pescare il jolly calciando dal limite dell’area, ma Neuer è saldo nella presa. Il Bayern alleggerisce la pressione ripartendo in verticale, ma non ha più la forza per far male. Finisce così in parità: partita a due volti per la Juve, che andrà a giocarsi la qualificazione in Germania.

Ultima ora

20:31Leu: Boldrini, D’Alema? Così si disincentiva voto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Intanto mi permetto di dire che dobbiamo motivare le persone ad andare a votare, non possiamo dare per scontata l'ingovernabilità. Dobbiamo unirci a Mattarella all'appello al voto; le persone non possono pensare che non servirà andare a votare. Votare significa decidere in che paese si vuole vivere". Così Laura Boldrini, intervistata a Carta Bianca, ha commentato le affermazioni di Massimo D'Alema su un governo del Presidente dopo le urne. "Il governo certo che serve, e questa legge non è il massimo e rende tutto più difficile. Potrebbe esserci questi problemi, ma si risolvono sui programmi e sui valori, non in astratto. Noi siamo di sinistra - ha proseguito - diciamo 'lavoro, ambiente', valori che mancavano, e noi andiamo a riempire un vuoto, poi vediamo. Qualsiasi previsione rischia di essere un esercizio vuoto".

20:26Brasile: proteste per aumento prezzi dei trasporti pubblici

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Centinaia di brasiliani hanno protestato oggi contro l'aumento delle tariffe del trasporto pubblico a San Paolo, in una manifestazione terminata con alcuni incidenti che hanno coinvolto cittadini e polizia. La protesta è stata indetta dal movimento Passe Livre per denunciare l'aumento del 5,26% della tariffa della rete di trasporto pubblico (autobus, metropolitana e treno), che è salita da 3,80 real a 4 real (1,24 dollari). Per gli organizzatori, l'aumento danneggia soprattutto le classi sociali più povere. "I brasiliani con un salario minimo investiranno il 20% del loro denaro per pagare la tariffa giornaliera dell'autobus", ha detto Francisco Bueno, 21 anni, membro del movimento Passe Livre. La protesta, che ha visto un importante dispiegamento di forze di polizia, è stata pacifica fino a quando un gruppo di manifestanti ha invaso la stazione Brás della metro, con conseguente intervento degli agenti che hanno lanciato gas lacrimogeni contro i cittadini.

20:19Siccità in Sudafrica, manca l’acqua

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Città del Capo, la metropoli sudafricana colpita dalla peggiore siccità del secolo, ha annunciato nuove riduzioni della disponibilità d'acqua per i cittadini: dal mese prossimo il quantitativo massimo che ogni cittadino potrà usare scenderà dagli attuali 87 a 50 litri al giorno. La sindaca della città, Patricia de Lille, teme che Città del Capo possa diventare la prima metropoli al mondo a restare senza acqua già fra tre mesi. La città sudafricana ha raggiunto un "punto di non ritorno" e il "Giorno Zero" in cui la maggior parte dei rubinetti rimarrà a secco è fissato per il 21 aprile. De Lille ha lamentato che, nonostante appelli al risparmio idrico lanciati per mesi, il 60% dei cittadini continua a usare più di 87 litri al giorno. "Non possiamo più solo chiedere alla gente di smettere di sprecare l'acqua. Dobbiamo obbligarla", ha detto de Lille, che ha già messo al bando il lavaggio delle auto e il riempimento delle piscine.

20:13Berlusconi, ho sperato in Renzi ma è stata promessa mancata

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Renzi è stata una promessa in cui molti hanno sperato tra cui il sottoscritto ma è stata promessa mancata". Lo afferma Silvio Berlusconi ospite del programma Quinta Colonna su rete 4.

20:12Uccisa da uno sparo accidentale, indagato il ragazzo

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - Sarà eseguita mercoledì prossimo l'autopsia sul corpo di Alessandra Cornago, la studentessa ventunenne di Ponteranica morta ieri sera per un proiettile esploso dalla pistola del fidanzato, l'ex guardia giurata Denis Zeni, suo coetaneo, da oggi indagato a piede libero per omicidio colposo. Gli inquirenti hanno sequestrato gli smartphone dei due fidanzati e il computer su cui stava studiando Alessandra Cornago. Denis aveva in camera da letto una pistola perché, per circa sei mesi e fino a un anno fa, aveva lavorato come guardia particolare giurata all'istituto di vigilanza privato Fidelitas. Dopo aver lasciato l'istituto, aveva continuato a detenere legalmente l'arma. Pochi istanti dopo la tragedia la reazione del giovane è stata di quelle che, a detta degli inquirenti, non lasciano dubbi sull'involontarietà dell'episodio: ha cercato di rianimarla, ha chiamato la madre che era in un'altra stanza (il papà era invece fuori casa) e hanno subito avvertito il 118. Era sotto choc.

20:10Maltempo: in Belgio si fermano treni ad alta velocità

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La circolazione dei treni ad alta velocità Thalys dal Belgio verso Olanda e Germania è stata interrotta, per l'intera giornata, a causa del maltempo. Una cinquantina di treni regionali sono stati cancellati, e sono stati accumulati ritardi per oltre 20 ore sulla rete ferroviaria del Paese. Inoltre si sono registrati una ventina di incidenti ferroviari a causa dei detriti finiti sui binari. Lo scrivono i media online del Paese. Ad Anversa si contano almeno 4 feriti tra cui una donna grave.

20:06Calcio: serie A, Orsato arbitrerà Atalanta-Napoli

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Sarà Daniele Orsato di Schio l'arbitro di Atalanta-Napoli, anticipo delle 12.30 della 2/a giornata di ritorno in programma domenica 21 gennaio. Inter-Roma, big match delle 20.45 è stata affidata a Davide Massa di Imperia mentre il posticipo di lunedì tra Juventus e Genoa sarà diretto da Marco Di Bello di Brindisi. Queste le altre designazioni: Bologna-Benevento ad Abbattista di Molfetta; Cagliari-Milan a Guida di Torre Annunziata; Verona-Crotone a Rocchi di Firenze; Lazio-Chievo ad Abisso di Palermo; Samp-Fiorentina a Pasqua di Tivoli; Sassuolo-Torino a Fabbri di Ravenna; Udinese-Spal a Doveri di Roma 1.

Archivio Ultima ora