Juve col cuore, Dybala e Sturaro beffano Pep

Pubblicato il 23 febbraio 2016 da redazione

Dibatta festeggia il gol

Dibatta festeggia il gol

TORINO – Fin dall’avvio è il Bayern a fare la partita, con la Juve che si raccoglie all’indietro pronta a distendersi negli spazi. Le prime emozioni le regalano i due ex in campo: Mandzukic avrebbe la palla buona sugli sviluppi di un lancio dalle retrovie, ma il croato, forse stupito dalla libertà concessagli dalla retroguardia ospite, conclude debolmente dal limite dell’area. La replica bavarese è affidata a Vidal, che di controbalzo lascia partire un gran destro: Buffon è reattivo e respinge coi pugni.

Il cileno dà spesso il via all’azione partendo alle spalle della difesa bavarese agendo a tutti gli effetti da regista puro. Una soluzione che permette al Bayern di proporre una manovra ad ampio respiro, con l’obiettivo di accerchiare la difesa di casa. Sul fronte opposto, invece, è ancora Mandzukic a mettersi in evidenza. Il croato, appostato sul secondo palo, manca di un soffio la deviazione vincente su cross di Dybala.

Al quarto d’ora sono gli uomini di Guardiola a divorarsi una colossale palla-gol. Un rimpallo favorisce Lewandowski, che serve Muller nell’area piccola. L’attaccante tedesco è completamente solo, ma attende un attimo di troppo prima di concludere, consentendo a Bonucci di effettuare un prodigioso recupero. La Juve si salva, ma fatica a trovare controffensive adeguate al fraseggio bavarese,come dimostrano anche le statistiche sul possesso di palla.

Robben e Douglas Costa sono due stantuffi sulle corsie esterne ed è l’olandese a mettere nuovamente paura a Buffon, con una mazza girata che finisce di poco oltre la traversa. Magistrale, nell’occasione, l’assistenza di Lahm. Tocca poi a Bernat andare alla battuta dal limite dell’area: la conclusione dello spagnolo è sporca e per poco non inganna il numero uno bianconero, che si salva nuovamente di pugno.

E’ un primo tempo di estrema sofferenza quello della Juve, che quando recupera palla viene immediatamente aggredita in pressing, non riuscendo a verticalizzare con efficacia. La pressione del Bayern è asfissiante e il vantaggio, che si concretizza al 43’, ne è la conseguenza inevitabile: Robben si incunea in area dalla destra e lascia partire un cross che Douglas Costa rimette in mezzo per il tap-in vincente di Muller. Si arriva così all’intervallo: Bianconeri opachi, Bayern extralusso.

In avvio di ripresa Allegri si gioca subito la carta Hernanes, spedito in campo al posto di Marchisio, e la Juve prova ad alzare il baricentro, ma il Bayern la punisce subito. Lewandowski innesca la ripartenza tedesca e serve Robben sulla destra: l’olandese taglia in area e si porta il pallone sul mancino, calciando secco sul secondo palo. Per Buffon non c’è nulla da fare.

Siamo al 55’ e pochi istanti e Lewandowski sfiora il tris di testa, in tuffo. La Juve appare frastornata, ma nel momento di massima difficoltà trova la forza di reagire. Al 63’ Mandzukic sfrutta un errato controllo di Kimmich e serva un filtrante perfetto a Dybala, che fulmina Neuer con un preciso piatto destro. Primo acuto in Champions per la Joya e sfida, di fatto, riaperta.

Il gol trasfigura la Juve che di colpo diventa straripante. Dybala mette Cuadrado a tu per tu con Neuer, che si salva alzando il pallone oltre la traversa, quindi è Pogba a sfiorare il 2-2 con un destro a giro che sibila poco distante dall’incrocio dei pali. A questo punto servono forze fresche: Allegri getta nella mischia Sturaro per Khedira, mentre Guardiola infoltisce la linea difensiva inserendo Benatia per Bernat. Arriva anche il momento di Morata, che rileva uno stremato Dybala.

E i cambi sorridono alla Juve, che al 76’ trova il pareggio proprio grazie ai due subentrati. Mandzukic pesca Morata, che di testa spedisce il pallone nell’area piccola: Sturaro brucia Kimmich, non esente da colpe, e in scivolata spedisce il pallone sotto la traversa, firmando il 2-2. Anche per il centrocampista si tratta del primo gol in Champions e ora in campo i ruoli sono ribaltati: le certezze del Bayern vacillano, mentre la Juve sogna il paradiso dopo essere stata all’inferno.

Un colpo di testa di Pogba che termina oltre la traversa lascia presagire un finale arrembante da parte della Juve. Allo scadere Bonucci prova a pescare il jolly calciando dal limite dell’area, ma Neuer è saldo nella presa. Il Bayern alleggerisce la pressione ripartendo in verticale, ma non ha più la forza per far male. Finisce così in parità: partita a due volti per la Juve, che andrà a giocarsi la qualificazione in Germania.

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora