Berlusconi spiato dagli Usa. L’Italia vuole spiegazioni

Pubblicato il 23 febbraio 2016 da redazione

Silvio Berlusconi parla al telefono mentre sale in auto dalla sua abitazione nel centro di Milano in una foto d'archivio. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Silvio Berlusconi parla al telefono mentre sale in auto dalla sua abitazione nel centro di Milano in una foto d’archivio.
ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – Scoppia un caso diplomatico tra Italia e Stati Uniti dopo le ultime rivelazioni di Wikileaks sullo spionaggio americano ai danni di Silvio Berlusconi quando era capo del governo nel 2011, poco prima delle sue dimissioni. Il premier Matteo Renzi ha chiesto spiegazioni e la Farnesina ha convocato l’ambasciatore americano. Mentre da Washington, per il momento, tacciono.

Secondo i nuovi documenti fatti filtrare dall’organizzazione di Julian Assange – e pubblicati in Italia da Repubblica e L’Espresso – la Nsa avrebbe intercettato le telefonate dell’allora premier e quelle dei suoi collaboratori principali a Palazzo Chigi, tra cui anche conversazioni dirette con leader stranieri come Benyamin Netanyahu.

E c’è anche un report su un incontro tra Berlusconi, il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel nel quale Sarkozy avrebbe sollecitato il premier italiano a “prendere delle decisioni” perché le istituzioni finanziarie italiane rischiavano di “saltare in aria”. L’incontro è del 22 ottobre 2011. Meno di un mese dopo, Berlusconi si dimise sotto la pressione di uno spread arrivato alle stelle, aprendo le porte di Palazzo Chigi a Mario Monti.

Il caso Berlusconi-Wikileaks ha provocato la reazione del governo italiano. Renzi ha annunciato che verranno chieste “informazioni in tutte le sedi, anche con passi formali”. La Farnesina ha convocato l’ambasciatore americano John Phillips ed il segretario generale Michele Valensise gli ha trasmesso “la viva aspettativa italiana di poter disporre quanto prima di chiarimenti specifici”. Phillips, ha fatto sapere la Farnesina, ha ricordato “le nuove procedure adottate da Obama nel 2014 in materia di riservatezza delle comunicazioni” e comunque ha assicurato che porterà “immediatamente” la questione all’attenzione di Washington.

Anche il Parlamento si è mosso. La presidente della Camera Laura Boldrini ha parlato di “spionaggio inaccettabile”. Il Copasir, l’organo di controllo dei servizi, ha chiesto chiarimenti al sottosegretario con delega all’Intelligence Marco Minniti. La procura di Roma ha fatto sapere che procederà in caso di esposti o denunce.

Ora finalmente mi crederanno quando denunciavo di essere stato vittima di un complotto, sarebbe stato lo sfogo di Berlusconi con i parlamentari di Forza Italia, che hanno chiesto a Renzi di riferire in aula. Il capogruppo azzurro alla Camera, Renato Brunetta, ha sollecitato l’avvio di una commissione d’inchiesta, rilanciando la tesi che l’ex Cavaliere sia caduto all’epoca sotto i colpi della “finanza internazionale” e dei “poteri oscuri”.

L’ex premier italiano era già finito nel mirino di Wikileaks nell’ambito del cosiddetto ‘Cablegate’, del novembre 2010, quando vennero pubblicati documenti con informazioni confidenziali inviate dalle ambasciate americane di tutto il mondo al dipartimento di Stato. Berlusconi era stato definito un leader “inefficace” che pensava troppo alle feste ed il “portavoce di Putin in Europa”.

Giudizi poco lusinghieri erano stati riservati anche ad altri leader come Sarkozy, definito “imperatore nudo”, e alla Merkel, che “evita il rischio e raramente è creativa”. L’imbarazzo degli Usa nei confronti degli alleati era riesploso tre anni dopo con il ‘Datagate’, quando la talpa dei servizi Edward Snowden diffuse documenti sullo spionaggio americano ai danni di ben 35 leader stranieri, persino con il cellulare della Merkel messo sotto controllo.

Quel ciclone costrinse l’amministrazione Obama ad ammettere gli eccessi e ad avviare una riforma delle regole. Ma soltanto in parte. Lo scorso giugno il presidente Usa ha firmato il Freedom Act, che vieta alla Nsa di raccogliere informazioni di massa, chiudendo l’epoca delle intercettazioni libere inaugurata dopo gli attentati dell’11 settembre 2001. La nuova legge, però, vale solo per le comunicazioni all’interno degli Stati Uniti. Quanto alle intercettazioni all’estero, Obama ha imposto soltanto una stretta sorveglianza della Casa Bianca. Nsa e Cia, quindi, potranno continuare a spiare i leader stranieri.

(di Luca Mirone/Ansa)

Ultima ora

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

16:21Calcio: Higuain “noi niente dubbi, fatto la nostra gara”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nessuna risposta, abbiamo fatto la nostra partita, sapevamo che era difficile, ad un orario difficile, contro una squadra che stava facendo bene. Abbiamo fatto di tutto per portarla a casa e per fortuna ci siamo riusciti". Gonzalo Higuain commenta così il successo della Juve in casa con la Lazio e tiene a distanza le critiche subite dai bianconeri dopo il ko con la Fiorentina. "Dubbi? no, a voi era venuto, noi siamo sempre stati convinti delle nostre cose, sapevamo di aver sbagliato - ha aggiunto l'argentino -. Oggi abbiamo trovato la soluzione e l'abbiamo dimostrato". Con un modulo inedito e una squadra tutta all'attacco: "La strada è che se giochiamo con questo modulo dobbiamo lavorare di più. Oggi l'abbiamo fatto e la Lazio non ha fatto nulla e abbiamo dimostrato che possiamo giocare con questo modulo".

16:20Terremoto: Finocchiaro, Gentiloni pronto a riferire

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è pronto a riferire in Parlamento sulle tragiche vicende di questi giorni". A confermarlo è la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro. "Tale disponibilità - aggiunge la ministra - sarà comunicata formalmente a breve ai presidenti di Camera e Senato".

Archivio Ultima ora