Pechino batte NY, è la nuova capitale mondiale Paperoni

Pubblicato il 24 febbraio 2016 da redazione

jack-ma-reuters

PECHINO. – Su Pechino sventola la bandiera di nuova capitale mondiale dei “Paperoni”, strappata per la prima volta al simbolo per eccellenza del capitalismo, New York City. L’ultima classifica sui miliardari del pianeta di Hurun, la risposta cinese all’americana Forbes, riserva altre sorprese, a partire dalla top ten delle città: ci sono altre 4 metropoli come Hong Kong, Shanghai, Shenzhen e Hangzhou riconducibili al Dragone. Che detiene il record di 93 donne super ricche “che si sono fatte da sole” (sulle 124 totali), mentre sono 630 i miliardari di origine cinese, il 29% della lista, ben oltre il 20% che è la quota in relazione alla popolazione mondiale.

Pechino può adesso vantare 100 miliardari contro i 95 di Big Apple, a conferma di come l’elite sia riuscita ad accumulare e consolidare vaste ricchezze nonostante un mercato azionario pressoché dimezzato rispetto ai massimi della scorsa estate e un sostanziale raffreddamento dell’economia alle prese con gli scenari e lo yuan quanto mai incerti.

E a riprova di un Paese che, malgrado la “nuova normalità” teorizzata dal presidente Xi Jinping, sia sempre più a velocità divergenti: su tutto questo la quarta sessione del 12/mo Congresso nazionale del Popolo di marzo proverà a dare risposte con il nuovo piano quinquennale. Secondo Rupert Hoogewerf, fondatore di Hurun che ha sede a Shanghai, la crescita esplosiva dei super ricchi cinesi è dovuta alla Borsa: il via libera massiccio dato alle offerte pubbliche iniziali (Ipo), dopo il blocco di anni, ha scatenato un vero e proprio assalto agli acquisti azionari.

A sostegno di questa lettura, Hoogewerf ha aggiunto che i suoi calcoli si basano sui valori dei listini al 15 gennaio scorso, che già scontano il crollo di oltre 40% registrato negli ultimi sei mesi. Se la ricerca fosse stata eseguita durante il picco di Borsa della scorsa estate, il numero di nuovi miliardari a Pechino sarebbe stato di 150, contro gli attuali 32, più che sufficienti a superare gli appena quattro segnati da New York City.

Al terzo posto c’è Mosca con 66 miliardari, poi Hong Kong e Shanghai al quarto e quinto posto, rispettivamente con 64 e 50 super ricchi.

L’immobiliare è la fortuna di un quinto dei 568 miliardari della Grande Cina, titolari di asset per 1.400 miliardi di dollari, sugli stessi livelli del Pil dell’Australia. Nessuno di loro è tra le prime posizioni, che vede al vertice Bill Gates: il primo in classifica è Wang Jianlin (21/mo), a capo di Wanda e uomo più ricco della Cina con 26 miliardi di dollari, appena prima di Li Ka-shing (Cheung Kong) con 25 miliardi e Jack Ma, fondatore di Alibaba (21 miliardi).

La “lunga marcia” di Wang è in corso: dopo aver acquistato Legend Entertainment di gennaio staccando un assegno di 3,5 miliardi, un’altra grande operazione sarebbe in arrivo. A inizio settimana, Viacom ha annunciato l’esame di diverse opzioni per il futuro di Paramount Pictures, rilanciando i rumor sull’arrivo di un colosso cinese per una delle major di Hollywood. Lo scorso mese, all’incontro societario annuale, Wang citò 5 operazioni principali da fare nel 2016 di cui tre fuori dalla Cina.

(Antonio Fatiguso/Ansa)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora