“The Donald” continua a sorprendere. La grande sfida di Obama

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

obama-hillary

NEW YORK – Una meteora? Una cometa destinata a spegnersi senza lasciare alcuna traccia nel firmamento del conservatorismo americano? Né l’uno né l’altro. Gli esperti e analisti che avevano definito Trump un “fuoco di paglia” oggi devono ricredersi. Il magnate newyorchese ha stracciato ogni pronostico. E lo ha fatto nonostante le gaffe collezionate in questi mesi; gaffe che avrebbero distrutto l’immagine di qualunque altro candidato.

Come dimenticare la campagna contro Obama, fatto nascere in Kenya, gli insulti contro le donne messicane, la promessa di costruire un muro nella frontiera messicana, e la proposta anticostituzionale di obbligare i migranti musulmani a un esame di religione? Anche così, Trump resta in sella e continua a mietere successi. L’ultimo, nei caucus in Nevada.

Trionfo, quest’ultimo, in cui il voto latinoamericano se non determinante è stato sicuramente importante. Eppure le comunità “latine” avrebbero dovuto votare Marco Rubio, che ha vissuto per anni in Nevada. Ma, a quanto pare, anche i paradossi, con “The Donald”, possono diventare realtà.

Certo, manca ancora tanto cammino da percorrere. E la corsa trionfale di Trump potrebbe interrompersi improvvisamente. Ma molto dipenderà dal “super-martedì”, quando si voterà in ben 14 Stati. Dal “super-tuesday” in avanti, insistono gli analisti, la corsa del frontrunner repubblicano potrebbe farsi molto più complicata. E, infatti, tanto dipenderà dai candidati oggi in agonia.

Dopo l’appuntamento dell’1 marzo, si avrà un panorama più concreto e, probabilmente, si saprà chi, tra Cruz e Rubio, sarà il rivale di Trump. E cioè, se il Tycoon se la giocherà con l’erede della destra repubblicana, che ha regalato agli americani la guerra in Iraq, o col beniamino del Tea-Party, i giacobini della destra americana. Tra i tre, comunque, il meno pericoloso pare proprio Trump, più pragmatico e senz’altro poco impegnato ideologicamente.

Il magnate del mattone si presenta agli americani, grazie alle gaffe e a certe proposte irrealizzabili, più genuino, meno politico e più vicino all’americano comune; proprio al repubblicano, e qui un’altra grossa contraddizione, che stenta a sbarcare il lunario. Quindi, tanto diverso dall’arcimiliardario.

Per il partito di Abraham Lincoln, Dwight Eisenhower, ma anche della destra di Reagan e della dinastia Bush, lo scenario si presenta inquietante. Il Tycoon newyorchese non è un candidato facilmente classificabile all’interno della nomenklatura repubblicana. E’ un conservatore atipico che, in passato, si è definito democratico e che ha generosamente erogato fondi a candidati di sinistra. Agli stessi Clinton, che probabilmente saranno gli avversari alla corsa alla Casa Bianca.

Nei caucus del “super-martedì” dovrebbe emergere la candidatura di Cruz. E’ lui il favorito, in particolare perché si vota anche nello Stato del Texas; stato con una numerosa comunità latinoamericana e del quale Cruz è stato senatore. Ma i pronostici, oramai, lasciano il tempo che trovano. Infatti, nel Nevada, il grande favorito era Marco Rubio che vi ha vissuto da ragazzo e poteva contare su una comunità “latina” assai numerosa. Ma proprio i latinoamericani pare abbiano determinato il trionfo di Trump, il candidato che li ha chiamati “ladri e stupratori” e che ha promesso di costruire muri lungo la frontiera col Messico.

“The Donald”, con la sua vittoria nel Nevada, ha sfatato anche un altro mito: l’organizzazione capillare nel territorio. Sempre dando retta agli analisti, questa non sarebbe la principale caratteristica di Trump. Tutto indicava, quindi, la vittoria di Rubio, specialmente dopo la polemica a distanza tra il magnate e il Papa e le manifeste simpatie del Tycoon per Putin. Nulla di più errato.

E ora l’establishment repubblicano è realmente preoccupato. Se qualche mese fa assumeva la presenza di Trump nella campagna elettorale come un fenomeno folclorico, una bolla di sapone destinata a scomparire; oggi, teme che il candidato possa essere in grado di raccogliere il maggior numero di preferenze. Da qui, il tentativo di compattarsi attorno alla figura di Marco Rubio, meno estremista e più presentabile agli elettori americani. Oggi fermare il magnate del mattone appare un’impresa difficile se non impossibile.

In casa del partito dell’asinello, la lotta è sempre tra Clinton e Sanders. Dopo aver salvato la faccia per poco nello Iowa, e aver perso sonoramente nel New Hampshire, nel Nevada ha battuto nuovamente Sanders. Può quindi, tirare un sospiro di sollievo. Nel “super-Tuesday” la Clinton appare come la grande favorita. Anche in questa occasione, comunque, il voto dei giovani, quello delle minoranze e degli afro-americani sarà determinante.

Sanders, con grande fair play, ha subito telefonato a Hillary Clinton per congratularsi, una volta conosciuti i primi risultati nel Nevada. Quello della ex first Lady è stato un trionfo di misura ma comunque importante.

Per Hillary Clinton la corsa alla “nomination” appare oggi più difficile e complicata di quanto sembrava qualche mese fa. Sanders è un candidato difficile da battere. I giochi, in casa dell’asinello, son lungi dall’essere fatti. E gli analisti non scartano capovolgimenti di fronte e grosse sorprese. E una grossa sorpresa sarebbe il rush finale, per la Casa Bianca, tra il magnate newyorchese, reazionario e xenofobo; e il professore “socialista”, progressista e liberale.

Mentre i candidati si affrontano sul terreno elettorale, il presidente Obama combatte la sua battaglia personale; quella per restare nella storia. E non vacilla ad affrontare con determinazione l’opposizione del Parlamento, a maggioranza repubblicana. Nonostante le minacce del Congresso, che ha assicurato che si opporrà a ogni proposta del presidente, ha promesso che nei prossimi giorni, e senz’altro prima della fine del suo mandato, presenterà un candidato al posto lasciato vacante dall’improvvisa morte di Antonin Scalia nella Suprema Corte, il primo connazionale ad aver ottenuto una così alta investitura.

Non solo, il presidente Obama ha sfidato le ire della maggioranza repubblicana nel confermare il prossimo viaggio in terra cubana; viaggio che avverrà a marzo. E, ciliegina sulla torta, ha annunciato che presenterà al Parlamento, per la sua approvazione, un programma che permetterà di chiudere definitivamente il carcere di Guantanamo, dove ai tempi di Bush furono racchiusi terroristi veri e sospetti, prigionieri di guerra o ritenuti tali. Prigionieri e terroristi sottomessi a umiliazioni e torture che restano un’offesa per i Diritti Umani.

Lo scontro, nei prossimi mesi, sarà frontale e avrà sicuramente riflessi sulla campagna elettorale.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

21:26Calcio: Marotta, Higuain? Lo riacquisteremmo

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Higuain in difficoltà? Noi siamo estremamente contenti dell'operazione fatta lo scorso anno e l'avremmo fatta anche quest'anno. Non dimentichiamoci che è arrivato dopo l'operazione di Pogba e abbiamo preso un grande campione. Nell'economia del gioco un giocatore come Higuain diventa molto importante". Lo ha detto a Premium Sport l'ad della Juve Beppe Marotta. "La classifica si definirà dalla decima giornata? Credo che un punto di riflessione possa essere la decima giornata, molte squadre si stanno ancor assestando - ha proseguito - ora è prematuro fare previsioni. Certo, i pronostici sono per le squadre che si devono confermare come la Juve o quelle che si sono rinforzate di più sul mercato. "Juve su Pellegri? Sì, noi eravamo su di lui in tempi non sospetti - ha concluso - lo abbiamo trattato due anni fa a cifre molto più basse rispetto a quelle di adesso. E' un talento, poi per diventare un campione ne passa di tempo. Credo che sia uno dei migliori giovani del panorama italiano".

21:07Calcio: Uva, le congratulazioni di Lotti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Rivolgo i miei più sinceri auguri di buon lavoro a Michele Uva: la sua nomina è una bella notizia per tutto lo sport italiano". Lo afferma il ministro per lo Sport Luca Lotti, commentando la nomina a vicepresidente Uefa di Uva. "Si tratta di un riconoscimento che premia la carriera e il merito di un dirigente che ha sempre lavorato con passione, basando la sua attività sui veri valori dello sport" aggiunge il ministro Lotti.

21:06Calcio: Di Francesco, Roma cresciuta nella consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento della prestazione della squadra, siamo cresciuti in consapevolezza e siamo riusciti a sviluppare le mie idee di calcio. Qualcosa nella testa dei giocatori è entrato. Ma non sono del tutto soddisfatto, dobbiamo essere più determinati e precisi in certe situazioni, perché ci vuole un attimo a riaprire le partite". Così Eusebio Di Francesco ha commentato la vittoria della Roma a Benevento. "Dzeko? Oggi si è avvicinato di più alla porta - ha detto -. Solo contro l'Atletico ha fatto un po' più fatica, certe partite sono più complicate di altre, ma Edin è un ragazzo molto intelligente: sa di avere sbagliato a dire determinate cose, comunque dettate dal nervosismo del momento. Sono contento anche degli esterni, io spingo molto per far sì che il gioco si sviluppi sulle fasce". "La squadra, tolto qualche momento di superficialità, mi è piaciuta - conclude -. Se possiamo lottare per lo scudetto? Il campo dirà la sua".

20:57Ciclismo:il’Giro d’Italia’ in 9 giorni,parte sfida Di Felice

(ANSA) - ROMA, 20 SET - 3500 km in 9 giorni attraverso tutte le Regioni d'Italia. E' partita stasera dal Foro Italico di Roma la sfida dell'ultracyclist Omar Di Felice, che percorrerà in bici il Bel Paese senza fermarsi quasi mai. La conclusione del giro in solitaria, presentato dal vice presidente del Coni, Alessandra Sensini, avverrà il 29 settembre al Salaria Sport Village. Il dislivello che Di Felice è chiamato a superare lungo il percorso è di circa 50.000 metri, quanti quelli coperti da un protagonista del singolare Giro d'Italia in tre settimane. Per la prima volta nella sua carriera di ultracylcist, Di Felice sarà impegnato per più di 4 giorni consecutivi. Nella tabella di marcia dell'atleta è prevista un'alimentazione a base di barrette e gel integratori, ma anche di cibi tradizionali (pasta, riso, carni bianche). "La privazione del sonno è una tortura una cosa che va contro la natura. Le prime 30 ore le affronterò senza dormire, da quel momento ogni 10-12 ore è prevista una sosta per un microsonno da 35 minuti al massimo".

20:53Pesta 18enne e gli punta pistola a tempia,arrestato a Verona

(ANSA) - VERONA, 20 SET - Un'aggressione e un pestaggio fulminei, davanti alla stazione dei pullman di Verona Porta Nuova, poi il giovane violento ha estratto una pistola e l'ha puntata alla tempia della sua vittima, uno studente 18enne cingalese. Tutta la scena è stata ripresa con uno smartphone da una persona che si trovava a bordo di un autobus in sosta, ed il filmato è stato determinante per portare la Polizia sulle tracce dell'aggressore, anch'egli cittadino srilankese, di 23 anni, residente a Verona, nullafacente. Il giovane è stato arrestato dagli agenti delle Volanti, con l'accusa di resistenza aggravata e lesioni gravi a pubblico ufficiale. E' anche indagato per rapina, perchè aveva minacciato con l'arma il connazionale per constringerlo a consegnargli soldi. Nonostante il fatto sia avvenuto sotto gli occhi di decine di testimoni, con tanto di riprese filmate, nessuno ha chiamato il 113 e l'allarme è scattato solo su segnalazione della vittima.

20:46Ferita 15enne: trovato cadavere presunto aggressore

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro di Ischitella. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Pare che si sia tolto la vita con la stessa arma usata stamattina contro la 15enne. "Ditemi che è vero", ha scritto la madre della ragazzina su Facebook dopo avere appreso della morte dell'uomo.

20:23Calcio: serie A, Benevento-Roma 0-4

(ANSA) - BENEVENTO, 20 SET - La Roma passa senza problemi a Benevento per 4-0 nell'anticipo della quinta giornata di serie A. Partita dominata in lungo e in largo dagli uomini di Di Francesco: il primo pericolo lo porta Dzeko all'11' con un tiro da fuori. La replica dei padroni di casa è affidata a Cataldi che al 18' lascia partire un destro a giro che esce di pochissimo. La Roma passa in vantaggio con Dzeko al 22' che mette dentro da due passi su passaggio di Kolarov. Lo stesso centravanti bosniaco colpisce un palo al 30'. Al 35' arriva l'autogol di Lucioni che, dopo un cross di Bruno Peres, nel tentativo di anticipare Dzeko mette dentro la propria porta. Dzeko sigla il gol del 3-0 al 52' con un sinistro da fuori area. Benevento pericoloso al 67' con Coda che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Al 74' l'autorete di Venuti per il 4-0 mentre Dzeko - ancora lui - colpisce la traversa all'83'. Roma quinta a nove punti, Benevento sempre ultimo a quota zero.

Archivio Ultima ora