Fifa: comincia una nuova era, sprint Salman e Infantino

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

Salman e Infantino

Salman e Infantino

ZURIGO. – A meno di clamorosi colpi di scena, la Fifa avrà un nuovo presidente. L’intensa attività diplomatica non dovrebbe aver sconvolto i pronostici in vista del congresso straordinario a Zurigo. Anche per i bookmaker, il favorito è lo sceicco Salman del Bahrein. Il più accreditato sfidante è l’italo-svizzero Gianni Infantino, il principe Alì di Giordana occupa il ruolo di outsider mentre pochissime possibilità sembrano avere il francese Jerome Champagne e il sudafricano Tokyo Sexwale.

I candidati si sono rivolti ai rappresentanti delle varie confederazioni. Lo Sceicco Salman, presidente della confederazione asiatica, ha messo in evidenza la propria competenza a dirigere nel mondo del calcio. “Credo che negli ultimi tre anni i progressi del calcio in Asia siano sotto gli occhi di tutti”, ha detto. Già forte dell’appoggio della confederazione asiatica e di quella africana – iil vice-presidente della Caf Saketu Patel ha affermato che Salman otterrà 53 dei 54 voti africani – lo sceicco ha ricevuto indirettamente una mano anche dalla Concacaf (America del nord, centrale e caraibi), che ha deciso di non dare indicazioni di voto ai propri delegati.

Se per essere eletto al primo turno serviranno i due terzi dei voti espressi, basterà la maggioranza assoluta dal secondo turno in poi. Ipotizzando che tutti i paesi autorizzati (ossia 207 dei 209 che conta la Fifa, l’Indonesia ed il Kuwait sono sospesi) votino, per passare al primo turno ci vorranno 138 preferenze, ma ne basteranno 104 dal secondo. Ad ogni turno, viene escluso il candidato che ha ricevuto meno voti. L’Africa dispone di 54 voti, l’Asia 44, l’Europa 53, la Concacaf 35, la Conmebol (Sudamerica) 10, e l’Oceania 11.

Anche se ogni delegato non è costretto a votare come suggerito dalla propria confederazione, Salman, che dispone anche di appoggi in Oceania, e in Concacaf, sembra messo molto bene. E ciò malgrado alcuni sospetti riguardo al rispetto dei diritti umani nel suo paese (Salman è accusato di aver perseguitato perfino alcuni calciatori della nazionale del suo paese), sollevati in particolare dai tedeschi Wolfgang Niersbach e Reinhard Rauball. Lo sceicco ha dovuto subire critiche anche sulla destinazione di certi fondi provenienti dalla Fifa.

Sembra probabile che il principe Ali si rivolgesse a lui quando, nel suo discorso di fronte al congresso Uefa ha detto : ”la scelta del presidente della Fifa è essenziale perché deve rappresentare un vero cambiamento. Non dobbiamo ritrovarci come prima o molto peggio di prima.”

Gianni Infantino – che può contare sull’appoggio di Europa, Conmebol ed una parte della Concacaf – si è detto fiducioso. Spera addirittura di ottenere la metà dei voti dall’Africa. Certamente il fatto che sia europeo – ”ma non sono il candidato dell’Europa, bensì quello del calcio”, ha insistito – e che rappresenti una ”soluzione di scorta” dopo la forzata rinuncia di Michel Platini non depone a suo favore. Tuttavia, l’ottimo bilancio finanziario dell’Uefa, di cui è segretario generale, rappresenta un punto positivo, così come l’intensa attività diplomatica svolta negli ultimi mesi (”ho fatto cinque volte il giro del mondo”).

Sfidante battutto da Blatter a maggio del 2015, il principe Ali, presidente della federazione giordana, paga il fatto di non aver alcun ”blocco continentale” alle spalle. E’ però il più giovane e forse quello che può spingere più in là le riforme della Fifa. Ha annunciato che in caso di elezione costituirà un gruppo di personalità extra-calcisitiche, presieduto dall’ex segretario generale delle Nazioni Unite Koffi Annan, per lanciare la Fifa in una nuova era. In caso di elezione, il suo segretario generale sarà europeo. Jerome Champagne, ex-consigliere di Blatter, e Tokyo Sexwale – compagno di cella di Nelson Mandela – che partecipò all’organizzazione del Mondiale 2010 non sono neanche certi di raccogliere il voto della propria federazione nazionale. Possibile quindi che si ritirino all’ultimo momento.

In precedenza, il congresso dovrà votare varie riforme della Fifa. Fra queste, la separazione fra decisioni politiche e operative, l’ampliamento a 37 membri dell’esecutivo che diventerebbe consiglio, l’aumento della presenza femminile, il limite a tre mandati per le funzioni importanti (presidente incluso), o ancora il rinforzo dei controlli sui flussi finanziari e sull’integrità dei membri della Fifa. Il presidente ad interim Issa Hayatou ha partecipato alle riunioni di ogni confederazione per chiedere ai delegati di ”approvare le riforme. E’ assolutamente imperativo, per permettere alla Fifa di rialzarsi ed avere un futuro”.

Ultima ora

20:23Ilva: chiusa inchiesta su morte operaio, nove indagati

(ANSA) - TARANTO, 26 SET - Sono nove, tra rappresentanti dell'Ilva e della ditta dell'appalto per cui lavorava, le persone destinatarie dell'avviso di chiusura delle indagini preliminari per la morte di Giacomo Campo, il 25enne operaio della Steel Service vittima di un incidente sul lavoro il 17 settembre 2016 nell'area esterna dell'Afo4 dello stabilimento siderurgico di Taranto. Gli avvisi di garanzia, con le ipotesi di omicidio colposo e altri reati in materia di infortunistica, sono stati firmati dal sostituto procuratore Giovanna Cannarile. Gli indagati in tutto sono 12; per tre di loro c'è la richiesta di archiviazione. L'operaio rimase schiacciato nel nastro trasportatore dell'Altoforno 4 sul quale stava intervenendo, con altri colleghi, per un'operazione di manutenzione. Sei indagati sono dipendenti dell'Ilva e tre della ditta dell'appalto.

20:17Champions: Ancelotti, con Psg importante ma non decisiva

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Domani la partita è importante ma non decisiva. Naturalmente vogliamo vincere per finire primi nel gruppo, questo è l'obiettivo". Lo ha detto l'allenatore del Bayern Carlo Ancelotti alla vigilia della sfida di Champions a Parigi contro il Psg. Non sarà facile, ammette il tecnico di Reggiolo perché la squadra parigina "ha una qualità media fantastica. I nuovi devono ancora trovare il loro posto nella tattica dell'allenatore, ma la squadra è stata costruita apposta per la Champions ed è molto competitiva". Come fermare le punte parigine? "Con il giusto equilibrio tra attacco e difesa, così possiamo arginare le loro ripartenze".

20:13Libia: Haftar ringrazia Pinotti per impegno italiano

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il generale libico Khalifa Haftar, ricevuto a Palazzo Baracchini, ha ringraziato il ministro della DIfesa Roberta Pinotti "per l'impegno italiano nel Paese nord-africano riconoscendone lo spirito collaborativo teso alla pacificazione della Libia". Lo fa sapere la Difesa spiegando che in particolare il generale "ha espresso la sua riconoscenza per la disponibilità offerta dall'Italia nel settore sanitario, prendendo in cura i casi più delicati dei feriti libici, presso le strutture ospedaliere del nostro Paese". Haftar ha anche ricordato "le sofferenze del popolo libico dopo sette anni di guerra e la necessità di una rapida soluzione che assicuri stabilità e unità della Libia". Da parte sua Pinotti ha ribadito "il sostegno italiano alla strategia politica inclusiva dell'inviato dell'Onu Gassam Salamè per dare un ulteriore impulso al dialogo politico libico ed ha auspicato che tutte le parti possano contribuire efficacemente a tale strategia, escludendo qualsiasi soluzione militare".

20:08Catalogna: procura ordina recintare i seggi

(ANSA) - BARCELLONA, 26 SET - La procura spagnola ha ordinato alla polizia catalana, i Mossos d'Esquadra, di recintare tutti i locali indicati come seggi elettorali per il referendum di indipendenza del 1 ottobre per impedire il voto. Il procuratore capo José Maria Romero de Tejada ha anche ordinato che nessuno possa entrare nei locali e che non si possa votare nel raggio di 100 metri dai seggi.

20:03Concorsi truccati: ex docente Bologna, mai fatto scambi

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - E' durato circa mezz'ora l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Angelo Pezzuti del professor Adriano Di Pietro, uno dei sette docenti agli arresti domiciliari per l'inchiesta sui concorsi truccati. Di Pietro è stato il primo, gli altri saranno sentiti nei prossimi giorni, e "ha reso una dichiarazione spontanea - ha detto l'avvocato Giovanni Flora che, insieme a Luigi Stortoni di Bologna, difende l'ex docente della facoltà emiliana - annunciando una successiva memoria sui fatti e in diritto. Il professore ha ribadito di aver sempre agito nell'esclusivo interesse della scienza e di non aver mai fatto scambi". I difensori, presente anche il pm Paolo Barlucchi, hanno chiesto la revoca della misura facendo presente che "il professor Di Pietro è ormai in pensione da diversi anni e non partecipa più ad alcuna commissione. Inoltre, anche a causa dell'immagine negativa creata da quanto detto tra ieri e oggi, non è più in grado di agire", ha spiegato Flora. Il giudice si è riservato la decisione.

20:02G7: Venaria, anche drone polizia per garantire sicurezza

(ANSA) - TORINO, 26 SET - Anche i droni vigilano sulla Reggia di Venaria, che in questi giorni ospita i rappresentanti dei sette Paesi più sviluppati del mondo per i G7 di Industria, Scienza e Lavoro. In dotazione alla Polizia, e alla Guardia di Finanza, permettono di spostarsi più velocemente e di effettuare controlli più dettagliati grazie alle telecamere di cui sono dotati, in grado di riprendere anche piccoli particolari. Di ultimissima generazione, i droni sono dotati anche di infrarossi, per la visione notturna. La polizia ne sta testando alcuni modelli nell'ambito di una sperimentazione avviata proprio in occasione del G7, a Taormina come nelle città sede degli altri vertici di settore. Le immagini riprese dai droni vengono trasmesse alla centrale operativa della Questura di Torino, inaugurata in occasione del G7 dopo un restyling che l'ha dotata delle più moderne tecnologie. Accanto alle novità hi-tech, la polizia non rinuncia alla tradizione: alla Reggia di Venaria sono presenti anche agenti a cavallo.(ANSA).

19:56Doping: Wada sospende laboratorio Parigi

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Stop al laboratorio antidoping di Parigi: nel giorno in cui Macron parla delle Olimpiadi 2024 come un inno alla gioia in nome dell'Europa, arriva un brutto colpo all'immagine dell'olimpismo francese. L'agenzia mondiale antidoping(Wada) ha sospeso in via provvisoria l'accreditamento al laboratorio di analisi dell'agenzia francese antidoping di Parigi, a Châtenay-Malabry, causa problemi "sulle analisi". Lo stop parte dal 24 settembre e vieta di svolgere attività antidoping, comprese tutte le analisi di campioni di urina e di sangue. La sospensione provvisoria rimarrà in vigore in attesa di procedimenti disciplinari da parte di un comitato disciplinare indipendente, che sarà incaricato di presentare una raccomandazione alla presidenza del comitato esecutivo della Wada per quanto riguarda lo stato dell'accreditazione Wada del laboratorio.D urante il periodo di sospensione, sottolinea la Wada, i campioni presenti al laboratorio nelle loro diverse fasi dovranno essere trasferiti a altri laboratori accreditati.

Archivio Ultima ora