G20 tra timori per la crescita e prezzi del petrolio

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

g20

PECHINO. – Le rassicurazioni date nell’ultima settimana, insistenti e ripetute su economia e stabilità dello yuan, non hanno sortito gli effetti sperati alla vigilia del G20 finanziario che, tra timori sulla crescita e tracollo dei prezzi del petrolio, vedrà i riflettori puntati su Pechino: le borse cinesi hanno vissuto un’altra seduta di grande volatilità, più che dimezzando il rally del 10% accumulato da fine gennaio. Shanghai ha accusato un tonfo del 6,41% e Shenzhen ha fatto peggio, a -7,34, quando Tokyo (+1,41%), listini europei (+2,3 Milano e +2,43 Londra) e Wall Street si sono mossi nell’altra direzione.

Il siluramento del criticato Xiao Gang dalla guida della China Securities Regulatory Commission, la Consob cinese, e l’arrivo Liu Shiyu, ex presidente della Agricultural Bank of China ed ex vicegovernatore della Banca centrale cinese, hanno portato serenità per lo spazio di un giorno, troppo poco. A nulla sono valsi i messaggi sull’economia “che acquista compostezza” e sulla Cina che ha “strumenti” per fronteggiare le difficoltà “in nuove sfide e rischi”, come ha detto il premier Li Keqiang al presidente della Banca mondiale, Jim Yong Kim, o i report del ministero del Commercio sui consumi in risalita.

Il nuovo scossone dei listini, che rimanda alle scosse estive del 2015, conferma l’estrema volatilità e mette il governo in difficoltà mentre si prepara a ospitare venerdì e sabato, a Shanghai, il G20 con ministri finanziari e banchieri centrali.

La guida cinese, nei piani del presidente Xi Jinping, avrebbe dovuto rilanciare la ridefinizione della governance globale, con Pechino in un ruolo di primo piano. Con una crescita economica ai minimi degli ultimi 25 anni, listini azionari quasi dimezzati dalla scorsa estate (sono andati in fumo oltre 4.000 miliardi di dollari di capitalizzazione), lo yuan che continua a indebolirsi e diverse centinaia di miliardi in libera uscita verso l’estero, gli sforzi principali saranno diretti a dare rassicurazioni.

Il ministro delle Finanze Lou Jiwei, in un’intervista, ha escluso l’ipotesi (“solo fantasia”) di “accordo del Plaza” in linea con quello del 1985 per stabilizzare i cambi, mentre il vice Zhu Guangyao ha parlato di stimoli fiscali per l’economia. “I Paesi con margini di manovra – ha osservato – dovrebbero attivare manovre espansive”. La Cina è pronta a sostenere un deficit del budget fino al 4% rispetto al Pil a copertura del taglio delle tasse societarie.

In un documento redatto in vista del G20, il Fmi ha messo in guardia contro il rischio di turbolenze sui mercati, in ripresa ma vulnerabili, sollecitando misure per l’economia reale. Il segretario al Tesoro Usa, Jack Lew, ha smorzato l’allarme, anche il monito del Fondo è indirizzato all’Europa che deve agire anche sul fronte dei migranti, con azioni di sostegno dell’integrazione nella forza lavoro.

Alla vigilia del summit dello Shangri-La Hotel di Pudong, il quartiere finanziario avveniristico di Shanghai, non sembra che linee “realmente concrete” possano emergere: ancora una volta, l’attesa è innanzitutto per la conferenza stampa, in vista delle “rassicurazioni”, che il governatore della Banca centrale cinese (Pboc) Zhou Xiaochuan terrà ben prima che si aprano i lavori.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

21:52LeU: Grasso, posso ricostruire la sinistra, quindi il Paese

(ANSA) - ASTI, 21 GEN - "Penso di poter ricostruire la sinistra, ricostruire la politica, ricostruire un partito e quindi ricostruire il Paese". Così Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, ad Asti per un'altra tappa in Piemonte, dopo l'avvio questa mattina a Torino, della campagna elettorale. "I valori della sinistra sono fondamentali, i valori della nostra Resistenza sono quelli che hanno portato la liberazione del nostro Paese e quindi alla Costituzione, che quest'anno ha compiuto 70 anni", aggiunge.

21:31Calcio: Rafinha a Milano, domani le visite con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Rafinha è arrivato a Milano e domani mattina svolgerà le visite mediche con l'Inter. Il centrocampista brasiliano è il secondo rinforzo per il club nerazzurro in questa sessione di mercato. Arriva in prestito dal Barcellona con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus. Rafinha non ha fatto dichiarazioni, ma ha sorriso ai giornalisti che lo attendevano in aeroporto. Questa sera potrebbe assistere alla partita contro la Roma dalla tribuna di San Siro, anche se per il momento non ci sono ancora conferme ufficiali.

21:29Calcio: serie A, Cagliari-Milan 1-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Prima vittoria stagionale in rimonta e prima esterna sotto la guida di Gattuso per il Milan a Cagliari nel primo posticipo serale della 21/a giornata di serie A, conclusosi 1-2 alla Sardegna Arena battuta dal maestrale. Il Milan ha cercato di fare da subito la partita, stringendo nella loro metà campo i rossoblù, ma è stato il primo a capitolare quando all'8' un tiro di Barella dal limite ha battuto Donnarumma. I rossoneri hanno ripreso a masticare gioco cercando spesso Kalinic, che al 34' è stato atterrato in area. Kessiè ha trasformato il rigore e 6' dopo ha raddoppiato sfruttando un bell'assist dell'attaccante croato. Nella ripresa, i padroni di casa hanno cercato il pari, con maggior intensità dal 35' col Milan in 10 per espulsione di Rodriguez per doppia ammonizione, ma un po' Donnarumma e un po' gli errori di misura hanno impedito al risultato di cambiare. Il Milan sale a quota 31, al settimo posto, scavalcando Atalanta, Udinese e Torino. Il Cagliari resta a 20, in zona pericolosa.

21:15Siria: agenzia curda denuncia, civili uccisi da raid turchi

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - L'agenzia di stampa curda Hawar News e l'Osservatorio siriano dei diritti umani hanno denunciato oggi che almeno sette civili sono stati uccisi da un bombardamento aereo compiuto dai turchi su un villaggio dell'enclave curda di Afrin, in Siria. Il villaggio colpito è quello di Jilbra, nel sud-est di Afrin. Tra le vittime, affermano le fonti, vi è anche un bambino. Secondo l'Osservario, da quando la Turchia ha dato il via all'offensiva 'Ramo d'Ulivo' contro i curdo-siriani, sono almeno 18 i civili uccisi. La provincia siriana di Afrin è controllata dai miliziani curdi che hanno costretto i jihadisti dell'Isis a ritirarsi. Ma la Turchia li considerat "terroristi".

21:06Etiopia: forze sicurezza sparano a raduno religioso

(ANSA) - ADDIS ABEBA, 21 GEN - Almeno cinque persone sono state uccise e decine sono state ferite nel nord dell'Etiopia dalle forze di sicurezza che hanna sparato sulla folla riunita per una festa religiosa durante la quale sarebbero stati scanditi slogan anti-governativi. Lo riferisce la Bbc on line, precisando che nella città di Waldiya i manifestanti avevano bloccato le strade e che i negozi erano rimasti chiusi. Da tre anni in Etiopia si svolgono dimostrazioni contro il governo per chiedere riforme politiche ed economiche oltre che la fine della corruzione e delle violazioni dei diritti umani. E migliaia di persone sono finite in carcere. Mercoledì scorso le autorità avevano rilasciato molti detenuti e tra loro anche un importante leader dell'opposizione, Merera Gudina, in prigione da più di un anno. All'inizio di gennaio il primo ministro etiope Hailemariam Desalegn aveva annunciato che il governo intende chiudere il centro di detenzione di Maekelawi, nella capitale Addis Abeba, dove la tortura sarebbe prassi.

Archivio Ultima ora