Bloccato l’ascensore sociale, pesa l’origine della famiglia

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

sociale

ROMA. – Dopo la scuola: università o lavoro? Dipende dal background famigliare. E’ più probabile che si immatricoli all’università un diplomato che proviene da contesti socio-economici avvantaggiati (lo fa l’81% dei diplomati 2014) piuttosto che chi è cresciuto in contesti meno favoriti (52%). Sulla scelta incide poi anche il titolo di studio di mamma e papà: prosegue gli studi l’86% dei diplomati con almeno un genitore laureato, il 64% di quelli con genitori in possesso di un diploma e il 43% (la metà rispetto ai figli di laureati) tra quanti hanno genitori con al più la licenza media. Al contrario è più probabile che si mettano subito alla ricerca di un lavoro i figli di chi ha la licenza media (38%) rispetto ai figli di laureati (22%).

E’ un ascensore sociale bloccato quello che emerge dal Rapporto 2016 di AlmaDiploma. Ma è anche la fotografia di giovani che non si scoraggiano. A un anno dal titolo, la maggior parte dei diplomati del 2014 è iscritta a un corso di laurea (65%) o lavora (31%; 51% nel caso dei diplomati 2010). Il 13% è in cerca di occupazione, mentre il 4% non cerca un impiego.

Secondo AlmaDiploma, che ha intervistato circa 100 mila diplomati nel 2014, 2012 e 2010, la ricetta per ottenere risultati brillanti dopo il diploma, nell’università come nel lavoro, è un mix tra “orientamento, voti alti e stage”. “La scuola – ha osservato il sottosegretario all’Istruzione, Gabriele Toccafondi – è ‘conoscenze’ ma anche ‘competenze’ e queste ultime si acquisiscono anche con modalità di alternanza scuola-lavoro”. Con la riforma, ha aggiunto, “stiamo aprendo le scuole al mondo della produzione”: occorre che il “mondo del lavoro collabori” e “indichi quali competenze sono richieste ai giovani da qui ai prossimi anni”. “Competenze”, per il sottosegretario, è anche la parola chiave per sbloccare l’ascensore sociale: lo “strumento principe dell’Erasmus+”, che consente ai ragazzi di svolgere un periodo di studi all’estero lavorando, va “potenziato”.

Secondo l’indagine di AlmaDiploma, il 44% dei diplomati 2014 che hanno svolto un percorso di orientamento, come AlmaOrientati, ha “riportato performance più brillanti e lineari” di chi non l’ha fatto o non ne ha seguito le indicazioni. Svolgere esperienze lavorative e internazionali durante gli studi, invece, ha aumentato le chance occupazionali dei diplomati tecnici e professionali, rispettivamente del 66% e del 31%. “Decisivo”, per queste due categorie di studenti, è stato anche l’aver ottenuto un voto alto all’esame di Stato: passare da 60 a 100 aumenta la probabilità di lavorare dell’80%.

Infine, gli stage dopo il titolo accrescono del 90% la possibilità di trovare presto un’occupazione. In generale, la paga media dei diplomati tecnici e professionali 2014 che già lavorano corrisponde a poco più di mille euro netti mensili. Una parte di questi ragazzi ha già un contratto stabile (28% nel caso dei tecnici; 22% nel caso dei professionali), ma quasi la metà (rispettivamente il 47% e il 48%) ammette di utilizzare in modo ridotto le competenze acquisite a scuola. Il 29%, invece, non le utilizza per niente.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

13:22Massacrato dal branco: domani interrogatori di garanzia

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono fissati per domani mattina, nel carcere di Regina Coeli, gli interrogatori di garanzia di Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, i fratellastri di Alatri fermati per l'omicidio di Emanuele Morganti. Entrambi compariranno davanti al gip Anna Maria Gavoni in sede di esame della richiesta di convalida dei fermi e di emissione di ordinanze di custodia cautelare in carcere per omicidio volontario. Le attività di domani si terranno per rogatoria, poiché i due ragazzi sono stati fermati nella capitale. Gli atti saranno poi trasmessi alla magistratura di Frosinone, competente a procedere per l'omicidio di Morganti.

13:17Moto: Fmi e VR46 Academy, a Misano i talenti italiani

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - I migliori giovani talenti italiani. Tutti in pista a Misano. Una giornata particolare quella andata in scena al World Circuit Marco Simoncelli, che ha visto presenti un gruppo di corridori supportati dalla Fmi e al via dell'ELF CIV 2017, accanto agli alfieri della VR46 Riders Academy, alcuni di rientro dalla prima prova MotoGP in Qatar. Tutti in pista per un'intensa mattinata di allenamento, il primo di una serie di appuntamenti che vedrà nel 2017 i piloti Fmi e VR46 girare insieme in giornate simili, esperienza che prosegue per il terzo anno di fila. A testimonianza della collaborazione tra le due realtà non sono mancati il Presidente della federazione motociclistica italiana, Giovanni Copioli, il responsabile della VR46 Riders Academy Alessio Salucci e lo stesso Valentino Rossi.

13:15Processo rating: tutti assolti imputati S&P a Trani

(ANSA) - TRANI, 30 MAR - Il Tribunale di Trani ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato 5 tra analisti e manager di Standard & Poor's e la stessa società di rating. La procura aveva chiesto la condanna a due anni per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer. Per S&P era stata chiesta la condanna alla sanzione di 4,6 milioni

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

Archivio Ultima ora