Hillary sbanca South Carolina, trionfo fra afroamericani

Pubblicato il 28 febbraio 2016 da redazione

Democratic presidential candidate Hillary Clinton waves to supporters celebrating her victory in the South Carolina primary in Columbia, South Carolina, USA, 27 February 2016. EPA/RICHARD ELLIS

Democratic presidential candidate Hillary Clinton waves to supporters celebrating her victory in the South Carolina primary in Columbia, South Carolina, USA, 27 February 2016. EPA/RICHARD ELLIS

NEW YORK.- Tripletta Hillary Clinton. La candidata democratica sbanca in South Carolina stracciando il rivale Bernie Sanders. Una vittoria schiacciante con il 73,5% delle preferenze, grazie alla pioggia di voti degli afroamericani. Hillary è ora proiettata verso il Supertuesday del primo marzo, quando spera di infliggere il colpo finale a Sanders e conquistare, in netto anticipo, la nomination. Con il South Carolina, Hillary porta a tre le vittorie nei quattro stati dove i democratici hanno votato.

La First lady nel Palmetto State era la favorita ma pochi immaginavano che lo potesse conquistare con un margine così ampio. Hillary invece non solo ha vinto ma ha stravinto, riuscendo a conquistare il ‘popolo di Obama’, quegli elettori afroamericani che nel 2008 le avevano girato le spalle preferendole il senatore dell’Illinois. Fra gli afroamericani Hillary fa addirittura meglio di Obama, conquistando l’84% dei voti a fronte del 78% del presidente americano.

Sanders ammette la batosta, forse il colpo fatale alla sua campagna. “Siamo stati decimati. Ci hanno massacrato” afferma il senatore del Vermont, mostrando però ottimismo in vista dell’appuntamento cruciale del Supertuesday. Sanders ritiene di poter vincere in almeno cinque degli 11 stati che andranno al voto. E di poter vincere in altri stati cruciali che voteranno più avanti, inclusi California, Michigan e New York.

I sondaggi al momento non sono però a suo favore. Secondo le ultime rilevazioni del Wall Street Journal, Hillary è in vantaggio in Georgia di 34 punti, in Tennessee di 26 punti e in Texas di 21 punti.

Fra i repubblicani, Donald Trump vola in alcuni stati, ma non nell’importante Texas, quello che ha in palio il maggior numero di delegati. Ted Cruz, infatti, è in testa in Texas con un margine di 13 punti sui suoi rivali. Dati che non scuotono Trump, convinto del suo successo finale a scapito degli altri candidati repubblicani: “Alla fine sarà fra me e Hillary la corsa alla Casa Bianca”.

Trump sembra non fare i conti con gli attacchi incrociati che gli arrivano da Cruz e Marco Rubio, con l’ostilità nei suoi confronti del partito repubblicano e con i suoi scivoloni. L’ultimo, in ordine temporale, twittare una frase di Benito Mussolini e non prendere le distanze dai suprematisti bianchi del KKK.

Hillary, nel discorso della vittoria in South Carolina, non nomina direttamente Trump, ma lo attacca comunque. “Altro che costruire muri, dobbiamo abbattere le barriere, abbatterle tutte”, dice riferendosi al muro che il tycoon vorrebbe costruire al confine con il Messico. “Non dobbiamo far tornare l’America Grande, l’America è già grande”, aggiunge questa volta riferendosi allo slogan di Trump ‘Make America Great Again’.

Hillary guarda poi avanti, a una campagna che abbandona i confini dei singoli stati e che diventa nazionale. E vede a portata di mano quella nomination che le è sfuggita nel 2008.

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora