In due giorni poche violazioni, la tregua regge in Siria

Pubblicato il 28 febbraio 2016 da redazione

Siria: in due giorni poche violazioni, la tregua regge

Siria: in due giorni poche violazioni, la tregua regge

ROMA. – Una tregua fragile, quella in Siria, che però regge e ieri ha vissuto il suo secondo giorno tra dichiarazioni di speranza, denunce di violazioni e sporadici incidenti. Sono in gran parte tranquille per la prima volta in cinque anni di guerra le zone dove più intensi fino a venerdì notte erano stati i combattimenti, i bombardamenti degli aerei e dell’artiglieria pesante, le devastazioni e le stragi. Lo riferiscono fonti diverse, mentre testimoni raccontano della gente che sta tornando nelle strade delle città in macerie a far scorte di acqua e cibo.

Soprattutto nella capitale Damasco – dicono – le vie durante il giorno sono state molto animate. La tregua ‘trovata’ su iniziativa di Washington e di Mosca, e appoggiata dal Consiglio di sicurezza dell’Onu che l’ha ‘benedetta’ con una risoluzione approvata all’unanimità, sta dunque suscitando grandi speranze malgrado la complessità della sua applicazione su un territorio vastissimo, che è comunque solo quello interessato dai bombardamenti Usa e dai combattimenti tra le forze del regime appoggiate dall’aviazione degli alleati russi e i ribelli siriani.

Sono esclusi dal cessate-il-fuoco i jihadisti dell’Isis e di al-Nusra, con i quali non è stato possibile avviare la benché minima trattativa. Ma sono esclusi, secondo la Turchia, anche i curdi del Pkk (Partito dei lavoratori del Kurdistan) che Ankara non smette di definire “terroristi” e che anche oggi sono stati presi di mira dai colpi dell’artiglieria turca.

Il capo del centro russo per la riconciliazione delle parti in Siria, Sergei Kurylenko, ha denunciato anche l’attraversamento del confine siriano “da parte di un gruppo di circa 100 miliziani provenienti dalla Turchia che, insieme ad altri già in Siria, hanno preso il controllo della città di Tal Abyad, 82 chilometri a nord di Raqqa”, da mesi oggetti di sanguinosa contesa tra combattenti curdi e jihadisti dell’Isis.

Le complessivamente poche denunce di violazioni della tregua – una ventina in due giorni, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) – stanno comunque dando vita a un rimpallo di responsabilità tra i Paesi coinvolti a vario titolo nel conflitto. Così, mentre Mosca mette sotto schiaffo la Turchia, l’Arabia Saudita accusa proprio la Russia e il governo di Damasco di aver compiuto raid aerei senza precisare se si tratta di quelli che hanno colpito sei località nelle province di Aleppo e Hama.

Mentre l’opposizione siriana armata denuncia anche raid aerei americani. In questo fragile contesto, la voce di speranza più forte è stata quella del Papa. “Invito tutti – ha detto – a pregare perché questo spiraglio possa dare sollievo alla popolazione sofferente favorendo i necessari aiuti umanitari, e apra la strada al dialogo e alla pace tanto desiderata”.

Con i consueti distinguo sulla peculiarità delle cosiddette “linee rosse israeliane” che impongono uno stop “dell’aggressione iraniana contro Israele dalla Siria”, anche il premier Benyamin Netanyahu ha sottolineato che lo stato ebraico dà il benvenuto “agli sforzi per raggiungere uno stabile, lungo e reale cessate il fuoco. Qualunque cosa metta fine all’orribile macello in Siria è importante. Prima di tutto – ha concluso – sul piano umanitario”.

Ultima ora

19:22Salvini a D’Alema, Lega fascista? Lui beve tanto vino

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "D'Alema è preoccupato per "la deriva neofascista della Lega". Oltre a produrre vino, forse ne beve tanto. A casa queste mummie che hanno distrutto l'Italia! #4marzovotoLega". Così il segretario della Lega e candidato premier Matteo Salvini replica alle parole di Massimo D'Alema che si era detto preoccupato più della "deriva fascista della Lega" che del M5S.

19:22Germania: Schulz sollevato, mi confronterò con critici

(ANSA) - BERLINO, 21 GEN - "Siamo tutti sollevati, il risultato dimostra che abbiamo lottato duramente". Lo ha detto Martin Schulz, parlando alla tv Phoenix, dopo il voto di Bonn che ha sancito il via libera dei delegati dell'Spd alle consultazioni per la Grosse Koalition. "Dopo questo duro dibattito, abbiamo il compito di portare avanti il partito tenendolo insieme. Io mi confronterò con i critici", ha aggiunto.

19:11M5S: in programma governo manca il referendum sull’ euro

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - Manca il referendum sull'euro tra i 20 punti del programma di governo M5S. Luigi Di Maio, parlando del punto sull'Europa precisa invece che il M5S "non vuole rompere con l'Ue" ma, sul deficit, "vuole andare ai tavoli europei per chiedere ciò che altri Paesi hanno avuto" e poter fare "investimenti in deficit in settori ad alto moltiplicatore". "Ridurremo di 40 punti il rapporto tra debito pubblico e Pil", sottolinea Di Maio.

19:05Calcio: vento forte a Cagliari, ma gara col Milan si gioca

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Fortissime raffiche di maestrale a Cagliari, ma la partita tra rossoblù e Milan si gioca lo stesso. Il primo ok è arrivato dopo il sopralluogo della questura per verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza per il pubblico della Sardegna Arena. Pochi minuti fa è arrivato anche il benestare tecnico della terna arbitrale. Anche perché il vento, che stamattina ha spazzato la città buttando giù anche diversi alberi, sta diminuendo di intensità.

19:05Di Maio, intercettazioni informatiche contro corruzione

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Riformiamo la prescrizione, con la sospensione dal primo grado di giudizio o dal rinvio a giudizio. Istituiamo il Daspo per corrotti: se sei corrotto non devi più avere a che fare con la Pubblica Amministrazione" e il M5S vuole inserire "agenti sotto copertura per i reati di corruzione e le intercettazioni informatiche con i virus trojan nei Pc e negli smartphone sempre per i reati di corruzione". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio parlando del programma di governo del movimento a Pescara.

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

Archivio Ultima ora