Venezuela: Esploderà la bomba sociale? Lo spettro del “Caracazo”

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

Caracazo, 27 de febrero 1989. (Foto Orlando Ugueto)

Caracazo, 27 de febrero 1989. (Foto Orlando Ugueto)

CARACAS – Il Venezuela sempre più nel caos. E non pare vi sia la volontà o, quel che è peggiore, la capacità di evitarne un suo possibile tragico epilogo – leggasi, un’esplosione sociale spontanea simile a quella che scosse il Paese 27 anni or sono -. Si ha l’impressione che il governo abbia scommesso tutto sulla ripresa dei prezzi del greggio e affidato ad essa il suo futuro. E, nell’attesa che questa avvenga, prosegue imperterrito lungo la sua strada: alimenta speranze e attribuisce ogni male a una presunta guerra economica disegnata in ipotetici laboratori della “destra nostrana asservita all’imperialismo internazionale”.

La rabbia della popolazione, intanto, continua a crescere mentre l’illusione di un futuro migliore, promesso dall’estinto presidente Chávez, prima, e dal suo “delfino”, poi, s’infrange contro la realtà e si sgretola come un castello di sabbia.

La rabbia, repressa, comincia a manifestarsi apertamente in ogni angolo del paese: sia nei quartieri di classe media sia in quelli più umili, dove la povertà è di casa. Ormai motivi per il malcontento abbondano. Si protesta per l’impunità con cui agiscono i delinquenti, nei giorni scorsi ne è stato vittima, ancora una volta, anche un giovane connazionale freddato con un colpo di pistola alla testa; per l’incremento esponenziale dei sequestri, di cui è vittima privilegiata anche la nostra collettività orfana del suo esperto antisequestro; per la mancanza di medicine, è dei giorni scorsi la notizia della morte di un bambino a causa di un semplice attacco di asma che non è stato possibile curare per la carenza dei farmaci necessari; per l’assenza di alimenti negli scaffali dei supermarket, che i produttori accusati di speculazione ed esposti al disprezzo pubblico non possono approvvigionare per mancanza di materie prime; per l’interruzione del servizio elettrico, che può durare anche giorni rendendo inservibili i frigoriferi e mandando in malora gli alimenti deperibili; per il razionamento dell’acqua, reso necessario dal fenomeno del “Niño” comune anche in altri Paesi ma che stranamente solo in Venezuela pare abbia conseguenze così severe; e si potrebbe andare avanti all’infinito.

Per il momento la rabbia del venezuelano ha, nelle proteste in strada, una valvola di sfogo. Ma questa, alla fine, potrebbe essere insufficiente. E la violenza potrebbe esplodere e incendiare il paese come accadde nel 1989. Allora, le forze dell’Ordine furono travolte dagli eventi. Lo sarebbero eventualmente anche in quest’occasione? Si ripeterà una “strage d’innocenti”?

La crisi non solo pregiudica il governo, che nei giorni scorsi ha annunciato un piano d’azione che prevede anche i classici provvedimenti suggeriti normalmente dal Fondo Monetario Internazionale e dagli esponenti del neo-liberalismo – leggasi, incremento del prezzo della benzina, svalutazione della moneta e un meno rigido controllo dei prezzi -; ma anche l’Opposizione. Anzi, forse soprattutto questa.

I deputati del “Tavolo dell’Unità”, oggi maggioranza in Parlamento, sono riusciti a sconfiggere il partito di governo grazie soprattutto al voto di protesta dello stesso “chavismo”. Hanno cavalcato l’onda dell’insoddisfazione, della delusione, della frustrazione dell’elettorato. Hanno promesso una svolta economica. L’elettorato, ora, attende risultati concreti.

Per chi soffre l’inclemenza della crisi economica, la libertà dei prigionieri politici o la dichiarazione di emergenza sanitaria, economica, politica e così via di seguito, pur nella loro importanza passano a un secondo piano. Il venezuelano vuole dal Parlamento una proposta economica coerente che possa essere condivisa dal Governo. E’ questa, la vera sfida dei deputati della maggioranza. Il referendum o l’emendamento costituzionale per obbligare il presidente Maduro a uscire dalla scena politica, deve essere conseguenza dell’indifferenza e della sordità del governo e non un obiettivo fine a sé stesso.

Il Paese, come abbiamo scritto in altre occasioni, è sull’orlo del precipizio. La crisi economica e sociale del paese si riflette, in tutta la sua gravità, nel sondaggio che Venebarómetro ha condotto su un campione di 1.200 famiglie.

La situazione economica del Paese è avvertita dall’88 per cento dei venezuelani come negativa. E’ una percezione sulla quale convergono “chavistas”, opposizione e indipendenti.

Per quel che riguarda il nucleo famigliare, la stragrande maggioranza dei venezuelani, 7 su 10, sostiene che la loro situazione economica è avversa. Comunque, gran parte di coloro che si definisce “chavista” (54,7%) conserva tuttora una percezione positiva dell’economia.

“Chavistas” (75%), opposizione (93%), indipendenti (89%) coincidono nell’affermare che oggi possono acquistare meno alimenti che in passato. Stando al sondaggio di Venebarómetro solo il 69 per cento dei venezuelani mangia tre pasti al giorno. Lo fa due volte, invece, il 24% e una sola volta il 4,8 per cento. Chi mangia tre pasti al giorno, per l’80,4 per cento, s’identifica con la “rivoluzione”.

L’85 per cento dei venezuelani coincide con la necessità di un cambio nella direzione del paese. Di questi, il 65 per cento si definisce “chavista” il 95 per cento di opposizione, e il 91 per cento indipendente.
Da sottolineare la perdita di popolarità e sostegno del “chavismo”. In effetti, il 44 per cento dei venezuelani si autodefinisce “antichavista” mentre solo il 29,8 per cento simpatizzante del Governo.

Dal sondaggio di Venebarometro emerge un malcontento crescente nel Paese; malcontento che cova tra i venezuelani e che, per il momento, si esprime attraverso le manifestazioni di protesta spontanee e isolate, represse sul nascere dalle forze dell’Ordine. La situazione, però, potrebbe peggiorare nelle prossime settimane. E, infatti, il governo del presidente Maduro, come annunciato dal numero uno della Banca Centrale del Venezuela, Nelson Merentes, ha rimborsato un bond da 1,5 miliardi di dollari.

In altre parole, ha estinto puntualmente il prestito obbligazionario il 26 febbraio 2016, preferendolo sul debito che mantiene con l’industria privata nazionale. Un’operazione non certo indolore, poiché il livello delle riserve statali è ai minimi storici e il prezzo del petrolio crollato si avvicina pericolosamente ai 20 dollari il barile.

Il problema del debito estero, ora, si sposta su Pdvsa che, fra otto mesi, dovrà rimborsare ben 3 miliardi di dollari per due titoli obbligazionari. Privilegiare il debito estero su quello interno avrà ripercussioni sulla produzione nazionale e, quindi, anche un effetto sull’occupazione e soprattutto sul consumo. Il governo non ha valuta per l’importazione delle materie prime di cui ha bisogno l’industria privata. E neanche ne ha a sufficienza per acquistare all’estero i prodotti necessari a soddisfare la domanda interna.

La Banca Centrale, come annunciato nei giorni scorsi, negozia un prestito di 5 miliardi di dollari. Ma gli esperti considerano che la somma, qualora la banca internazionale dovesse raggiungere un accordo col Venezuela, non sarà sufficiente a disinnescare la bomba sociale che potrebbe esplodere in qualunque momento, se non sarà accompagnata da un cambio di rotta nell’ambito economico e da una congiuntura politica meno tesa. Da qui che, nei salotti intellettuali e in taluni ambienti politici, ci si convince sempre più della necessità di un governo di transizione.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

21:33Ghiaccio: Kostner seconda a Mosca

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Si chiude con un exploit per l'Italia la Rostelecom Cup di Mosca, prima tappa del Grand Prix 2017-18 di pattinaggio sul ghiaccio. Nella seconda e ultima giornata, Carolina Kostner (Fiamme Azzurre) chiude la gara al secondo posto con 215.98 punti, lo stesso risultato che aveva ottenuto nella sua ultima apparizione al Grand Prix, proprio alla Rostelecom Cup, nel 2013. La gardenese si arrende solo alla campionessa del mondo russa Evgenia Medvedeva, tenendosi alle spalle la giapponese Wakaba Higuchi. Reduce dai due podi conquistati al Lombardia Trophy di Bergamo e al Finlandia Trophy di Espoo, Carolina Kostner ne centra subito un altro, regalandosi un grande esordio sul circuito internazionale, dove tornerà a pattinare all'NHK Trophy di novembre, in Giappone.

21:28Calcio: esami Belotti ok, ginocchio in via guarigione

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Hanno dato "esiti confortanti" gli esami a cui nel pomeriggio si è sottoposto l'attaccante del Torino, e della Nazionale, Andrea Belotti. Lo rende noto, sul suo sito internet, il club granata al termine degli accertamenti cui il giocatore è stato sottoposto a Perugia dal professor Giuliano Cerulli. La lesione capsulo-legamentosa del ginocchio destro sta guarendo e l'attaccante può procedere con i lavori di recupero stabiliti. Belotti si era infortunato il primo ottobre, durante Torino-Verona, ed era stato costretto a saltare anche gli impegni con la Nazionale. Alla luce degli esami di oggi, a cui si è sottoposto accompagnato dal responsabile sanitario Rodolfo Tavana e dal riatletizzatore Paolo Solustri, non è escluso che Belotti possa essere in campo il 5 novembre per Inter-Torino e, quindi, che possa essere convocato dal ct azzurro, Gianpiero Ventura, per gli spareggi Mondiali.

21:15Calcio: Bundesliga, Bayern raggiunge Dortmund

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Il Bayern Monaco vince 1-0 ad Amburgo e aggancia il Borussia Dortmund in testa alla classifica della Bundesliga dopo la nona giornata. Il gol della squadra di Heynckes porta la firma di Tolisso al 7' del secondo tempo. L'Amburgo ha chiuso l'incontro in 10 per l'espulsione di Jung dopo 38 minuti. Con questo successo i bavaresi salgono a quota 20 e raggiungono i gialloneri che sprecano un doppio vantaggio in casa dell'Eintracht Francoforte. Borussia avanti con le reti di Sahin al 19'pt e Philipp al 12'st ma subisce la rimonta dei padroni di casa che prima accorciano le distanze con un rigore di Haller al 19' st e poi raggiungono la parità quattro minuti dopo con una rete di Wolf. Grazie ad una rete di Sabitzer il Lipsia batte 1-0 lo Stoccarda ed è terzo da solo. Il Borussia Moenchengladbach va in vantaggio contro il Bayer Leverkusen (Johnson) poi gli ospiti si scatenano e segnano 5 reti con Bender, Bailey, Brandt, Volland e Pohjanpalo. Successo esterno infine per l'Hannover che passa 2-1 sull'Augusta.

21:14Marina Militare: folla visitatori per la Vespucci a Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 21 OTT - Dopo aver ormeggiato stamani alle otto al Molo Bersaglieri, l'equipaggio della splendida nave a vela con motore della Marina Militare Amerigo Vespucci non ha fatto in tempo a tirare a lucido più del solito tolda e ponti ed a tenere una breve conferenza stampa, che una fila di visitatori si era già formata a terra davanti alla passerella. La Nave Scuola resterà a Trieste fino al 24 poi continuerà il suo viaggio lungo le coste italiane. Il Comandante della nave, Capitano di Vascello Roberto Recchia, ha disposto le visite domani dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30 e lunedì dalle 14.30 alle 18.30. La nave fu progettata come la "gemella" Cristoforo Colombo, da Francesco Rotundi, direttore dei cantieri navali di Castellammare di Stabia (Napoli), dove fu varata il 22 Febbraio 1931; oggi è in servizio per l'addestramento degli allievi ufficiali della Accademia di Livorno. E' stata appena dotata di uno speciale e unico motore elettrico realizzato a Monfalcone (Gorizia).

20:56Catalogna: presidente Barcellona sostiene leader catalani

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il presidente del Barcellona Josep Maria Bartomeu si schiera apertamente a favore dei leder catalani dopo la decisone del governo spagnolo di assumere il potere della regione. ''Il fatto che le persone siano state arrestate per le loro idee politiche - ha detto Bartomeu - è inaccettabile nel ventunesimo secolo. Nessuno può dubitare dell'impegno del Barcellona per la società catalana e le sue istituzioni democratiche". Per bloccare la spinta dell'indipendenza catalana, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy vuole che il Senato gli dia il potere diretto per sciogliere il governo catalano regionale e indire il prima possibile le elezioni. Bartomeu ha aggiunto inoltre che il club mira a rimanere nella campionato spagnolo. Il Barcellona conduce la Liga e questa sera ospita il Malaga.

20:37Omicidio ad Alatri:ucciso con mazza baseball,killer confessa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - E' stato ucciso a colpi di mazza da baseball alla testa Domenico Pascarella, il pensionato morto oggi ad Alatri nel Frusinate. Avrebbe già confessato il suo assassino, secondo quanto si apprende, un 32/enne vicino di casa con problemi psichici. Avrebbe spiegato il delitto rievocando vecchi, presunti rancori nei confronti della vittima. Il corpo di Pascarella é stato trovato in mezzo al sangue nella sua casa in via Sardegna, nel centro della cittadina; i carabinieri hanno capito che aveva aperto a qualcuno che conosceva e poco dopo in strada hanno intercettato il giovane, il quale vedendo i militari ha tentato di fuggire. Bloccato e portato in caserma ha ammesso di aver ucciso Pascarella.

20:23Calcio: serie A, Sampdoria-Crotone 5-0

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - Senza storia il primo anticipo della nona giornata di serie A: la Sampdoria liquida il Crotone con un perentorio 5-0. Padroni di casa già in vantaggio al 3' con un colpo di testa di Ferrari. Al 10' Ajeti stende Zapata in area, è rigore che Quagliarella trasforma per il 2-0. Al 38' i blucerchiati calano il tris con Caprari che mette dentro da distanza ravvicinata dopo un cross di Zapata. Crotone sfortunato nel recupero quando un colpo di testa di Budimir finisce sulla traversa. La Sampdoria controlla agevolmente il match e va a segno ancora due volte, al 71' con Linetty su assist di Praet e al 76' con Kownacki, appena entrato in campo al posto di Caprari. La Sampdoria, che deve ancora recuperare la partita con la Roma, sale in quinta posizione con 17 punti, Crotone fermo a quota 6.

Archivio Ultima ora