Venezuela: Esploderà la bomba sociale? Lo spettro del “Caracazo”

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

Caracazo, 27 de febrero 1989. (Foto Orlando Ugueto)

Caracazo, 27 de febrero 1989. (Foto Orlando Ugueto)

CARACAS – Il Venezuela sempre più nel caos. E non pare vi sia la volontà o, quel che è peggiore, la capacità di evitarne un suo possibile tragico epilogo – leggasi, un’esplosione sociale spontanea simile a quella che scosse il Paese 27 anni or sono -. Si ha l’impressione che il governo abbia scommesso tutto sulla ripresa dei prezzi del greggio e affidato ad essa il suo futuro. E, nell’attesa che questa avvenga, prosegue imperterrito lungo la sua strada: alimenta speranze e attribuisce ogni male a una presunta guerra economica disegnata in ipotetici laboratori della “destra nostrana asservita all’imperialismo internazionale”.

La rabbia della popolazione, intanto, continua a crescere mentre l’illusione di un futuro migliore, promesso dall’estinto presidente Chávez, prima, e dal suo “delfino”, poi, s’infrange contro la realtà e si sgretola come un castello di sabbia.

La rabbia, repressa, comincia a manifestarsi apertamente in ogni angolo del paese: sia nei quartieri di classe media sia in quelli più umili, dove la povertà è di casa. Ormai motivi per il malcontento abbondano. Si protesta per l’impunità con cui agiscono i delinquenti, nei giorni scorsi ne è stato vittima, ancora una volta, anche un giovane connazionale freddato con un colpo di pistola alla testa; per l’incremento esponenziale dei sequestri, di cui è vittima privilegiata anche la nostra collettività orfana del suo esperto antisequestro; per la mancanza di medicine, è dei giorni scorsi la notizia della morte di un bambino a causa di un semplice attacco di asma che non è stato possibile curare per la carenza dei farmaci necessari; per l’assenza di alimenti negli scaffali dei supermarket, che i produttori accusati di speculazione ed esposti al disprezzo pubblico non possono approvvigionare per mancanza di materie prime; per l’interruzione del servizio elettrico, che può durare anche giorni rendendo inservibili i frigoriferi e mandando in malora gli alimenti deperibili; per il razionamento dell’acqua, reso necessario dal fenomeno del “Niño” comune anche in altri Paesi ma che stranamente solo in Venezuela pare abbia conseguenze così severe; e si potrebbe andare avanti all’infinito.

Per il momento la rabbia del venezuelano ha, nelle proteste in strada, una valvola di sfogo. Ma questa, alla fine, potrebbe essere insufficiente. E la violenza potrebbe esplodere e incendiare il paese come accadde nel 1989. Allora, le forze dell’Ordine furono travolte dagli eventi. Lo sarebbero eventualmente anche in quest’occasione? Si ripeterà una “strage d’innocenti”?

La crisi non solo pregiudica il governo, che nei giorni scorsi ha annunciato un piano d’azione che prevede anche i classici provvedimenti suggeriti normalmente dal Fondo Monetario Internazionale e dagli esponenti del neo-liberalismo – leggasi, incremento del prezzo della benzina, svalutazione della moneta e un meno rigido controllo dei prezzi -; ma anche l’Opposizione. Anzi, forse soprattutto questa.

I deputati del “Tavolo dell’Unità”, oggi maggioranza in Parlamento, sono riusciti a sconfiggere il partito di governo grazie soprattutto al voto di protesta dello stesso “chavismo”. Hanno cavalcato l’onda dell’insoddisfazione, della delusione, della frustrazione dell’elettorato. Hanno promesso una svolta economica. L’elettorato, ora, attende risultati concreti.

Per chi soffre l’inclemenza della crisi economica, la libertà dei prigionieri politici o la dichiarazione di emergenza sanitaria, economica, politica e così via di seguito, pur nella loro importanza passano a un secondo piano. Il venezuelano vuole dal Parlamento una proposta economica coerente che possa essere condivisa dal Governo. E’ questa, la vera sfida dei deputati della maggioranza. Il referendum o l’emendamento costituzionale per obbligare il presidente Maduro a uscire dalla scena politica, deve essere conseguenza dell’indifferenza e della sordità del governo e non un obiettivo fine a sé stesso.

Il Paese, come abbiamo scritto in altre occasioni, è sull’orlo del precipizio. La crisi economica e sociale del paese si riflette, in tutta la sua gravità, nel sondaggio che Venebarómetro ha condotto su un campione di 1.200 famiglie.

La situazione economica del Paese è avvertita dall’88 per cento dei venezuelani come negativa. E’ una percezione sulla quale convergono “chavistas”, opposizione e indipendenti.

Per quel che riguarda il nucleo famigliare, la stragrande maggioranza dei venezuelani, 7 su 10, sostiene che la loro situazione economica è avversa. Comunque, gran parte di coloro che si definisce “chavista” (54,7%) conserva tuttora una percezione positiva dell’economia.

“Chavistas” (75%), opposizione (93%), indipendenti (89%) coincidono nell’affermare che oggi possono acquistare meno alimenti che in passato. Stando al sondaggio di Venebarómetro solo il 69 per cento dei venezuelani mangia tre pasti al giorno. Lo fa due volte, invece, il 24% e una sola volta il 4,8 per cento. Chi mangia tre pasti al giorno, per l’80,4 per cento, s’identifica con la “rivoluzione”.

L’85 per cento dei venezuelani coincide con la necessità di un cambio nella direzione del paese. Di questi, il 65 per cento si definisce “chavista” il 95 per cento di opposizione, e il 91 per cento indipendente.
Da sottolineare la perdita di popolarità e sostegno del “chavismo”. In effetti, il 44 per cento dei venezuelani si autodefinisce “antichavista” mentre solo il 29,8 per cento simpatizzante del Governo.

Dal sondaggio di Venebarometro emerge un malcontento crescente nel Paese; malcontento che cova tra i venezuelani e che, per il momento, si esprime attraverso le manifestazioni di protesta spontanee e isolate, represse sul nascere dalle forze dell’Ordine. La situazione, però, potrebbe peggiorare nelle prossime settimane. E, infatti, il governo del presidente Maduro, come annunciato dal numero uno della Banca Centrale del Venezuela, Nelson Merentes, ha rimborsato un bond da 1,5 miliardi di dollari.

In altre parole, ha estinto puntualmente il prestito obbligazionario il 26 febbraio 2016, preferendolo sul debito che mantiene con l’industria privata nazionale. Un’operazione non certo indolore, poiché il livello delle riserve statali è ai minimi storici e il prezzo del petrolio crollato si avvicina pericolosamente ai 20 dollari il barile.

Il problema del debito estero, ora, si sposta su Pdvsa che, fra otto mesi, dovrà rimborsare ben 3 miliardi di dollari per due titoli obbligazionari. Privilegiare il debito estero su quello interno avrà ripercussioni sulla produzione nazionale e, quindi, anche un effetto sull’occupazione e soprattutto sul consumo. Il governo non ha valuta per l’importazione delle materie prime di cui ha bisogno l’industria privata. E neanche ne ha a sufficienza per acquistare all’estero i prodotti necessari a soddisfare la domanda interna.

La Banca Centrale, come annunciato nei giorni scorsi, negozia un prestito di 5 miliardi di dollari. Ma gli esperti considerano che la somma, qualora la banca internazionale dovesse raggiungere un accordo col Venezuela, non sarà sufficiente a disinnescare la bomba sociale che potrebbe esplodere in qualunque momento, se non sarà accompagnata da un cambio di rotta nell’ambito economico e da una congiuntura politica meno tesa. Da qui che, nei salotti intellettuali e in taluni ambienti politici, ci si convince sempre più della necessità di un governo di transizione.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

14:44Nave Caronte urta molo a Messina, un marinaio ferito

(ANSA) - MESSINA, 23 MAR - "La nave traghetto 'Telepass' della Caronte & Tourist, stamattina mentre stava facendo la spola tra la Calabria e la costa messinese ha avuto un black out e ha urtato la banchina del molo a Messina. L'impatto comunque non è stato violento". Ferito un marinaio. A dirlo l'amministratore delegato di Caronte & Tourist Vincenzo Franza spiegando l'incidente avuto stamani da parte di una delle sue navi a Messina. "Quando si ha un black out - prosegue - si spegne tutto il tempo e si riavvia subito il motore, ma la nave era troppo prossima all'ormeggio anche se praticamente ferma e l'impatto è stato inevitabile. L'equipaggio ha dato fondo ad una delle ancore, la procedura prevista in questi casi, ma non si è potuto evitare l'impatto. Poi si sono poi riaccesi i motori e la nave è stata riposizionata e i passeggeri sono stati fatti scendere".

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

Archivio Ultima ora