All’Italia il ruolo guida in Libia

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

libia

ROMA. – L’Italia è in prima linea per il comando di una missione in Libia e gli Stati Uniti appoggiano Roma “con forza”. Ad assicurarlo è stato il segretario alla Difesa Usa, Ash Carter, secondo il quale occorre riportare al più presto il Paese nordafricano in un quadro di stabilità, perché il caos non fa altro che dare linfa all’espansione dello Stato islamico. E quando ci sarà un nuovo governo, ha sottolineato il capo del Pentagono, gli Usa sono pronti a garantire il massimo sostegno “già promesso” all’Italia, che si è candidata per il ruolo guida in un intervento internazionale di stabilizzazione nel Paese al quale “è così vicina”.

“Ai libici – ha ammesso Carter – non piace l’idea di un intervento esterno straniero, così come non piace che qualcuno entri nel Paese per prendersi il loro petrolio”. Ma “siamo certi”, ha proseguito, “che quando il governo sarà nato, e speriamo accada presto, chiederà un aiuto internazionale”.

A Tobruk tuttavia, dove è attesa già da qualche settimana la fiducia all’esecutivo proposto da Fayez Sarraj, il voto continua a essere rinviato. Una riunione dell’Assemblea si è risolta nell’ennesimo nulla di fatto. “Preoccupa lo stallo in Libia”, ha scritto il premier Matteo Renzi nella sua E-news, mentre il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha sottolineato i timori italiani per i fenomeni di terrorismo nel Paese incontrando a Gerusalemme il suo omologo Moshe Yaalon.

Nelle stesse ore, il sito israeliano di intelligence Debka pubblicava indiscrezioni sull’avvio di manovre militari congiunte tra Francia ed Egitto davanti alle coste libiche. Esercitazioni che includerebbero la portaerei ‘Charles De Gaulle’, che ha lasciato lo scorso 22 febbraio il Golfo e si appresterebbe a fare il suo ingresso nel Mediterraneo, “alla fine di questa settimana”, secondo alcuni siti arabi.

Debka però non si limita a questo: lo schieramento della De Gaulle, scrive il sito considerato vicino ad ambienti militari, sarebbe stato deciso da Parigi “dopo che il presidente Francois Hollande e quello egiziano Abdel Fattah Sisi avrebbero portato avanti i piani per un assalto congiunto con l’Italia per colpire le posizioni dell’Isis in Libia”.

“Le tre potenze – aggiunge il sito, ma su questo punto non c’è alcuna conferma nè da parte italiana nè da parte degli altri due paesi – avrebbero raggiunto un accordo per lanciare l’offensiva a fine aprile o a maggio”. Il piano, prosegue Debka, sarebbe stato rallentato dalle “esitazioni” di Washington sul ruolo che gli Usa avrebbero dovuto svolgere, e avrebbe costretto “Parigi, Il Cairo, Roma e Londra a ritardare il lavoro per stilare una lista degli obiettivi Isis da colpire e valutare nel complesso le forze da mettere in campo”.

Fonti di governo italiane non commentano tutte queste indiscrezioni limitandosi a dire, appunto, che non confermano tali ricostruzioni. L’Italia, come è noto, esclude un intervento senza prima una esplicita richiesta da parte del nuovo governo libico. Una linea ribadita pochi giorni fa nella riunione del Consiglio supremo di Difesa, presieduto dal capo dello Stato Sergio Mattarella. A quanto si era appreso dopo la riunione, l’Italia sarebbe pronta ad una missione militare di supporto, con un contingente non numericamente rilevante (addestratori, consiglieri e forze speciali) e il compito essenzialmente di addestrare le forze locali e sorvegliare siti sensibili, come ambasciate e sedi istituzionali, ad esempio la sede della missione Onu a Tripoli.

Del resto, l’attenzione di Roma verso la Libia è già altissima: oltre agli asset militari navali inquadrati nelle missioni Mare Sicuro (in funzione anti-terrorismo) e Eunavformed-Sophia (anti-scafisti), sono già dislocati nella base di Trapani quattro velivoli Amx in grado di effettuare voli di ricognizione e monitoraggio. In questo quadro, si susseguono le conferme sulla presenza di truppe speciali francesi a Bengasi, per sostenere l’offensiva del generale Khalifa Hatar, e da ultimo di quelle britanniche, schierate a Misurata per addestrare le milizie in chiave anti-Isis.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

15:23Modena, otto anni all’aggressore del professor Tondi

(ANSA) - MODENA, 19 OTT - Daniele Albicini, 60enne tecnico della Ausl di Sassuolo, è stato condannato in tribunale a Modena a otto anni, con il rito abbreviato, per l'aggressione con la soda caustica commessa ai danni di Stefano Tondi, direttore del reparto di Cardiologia all'ospedale di Baggiovara, centrato da un getto della sostanza corrosiva 'spruzzata', da Albicini, con una normale pistola ad acqua, direttamente negli occhi del medico, davanti all'abitazione di quest'ultimo a Vignola, il dieci novembre dello scorso anno. Nel corso dell'aggressione rimase ferito anche il figlio di Tondi, 19enne. Il giudice Barbara Malavasi ha stabilito anche una provvisionale di 90mila euro per Tondi, 5mila euro per il figlio è 15mila per l'Azienda ospedaliero Universitaria del Policlinico. La pubblica accusa, in aula c'era il procuratore capo Lucia Musti (che si è occupata del fascicolo insieme al pm Enrico Stefani, ora al tribunale di Venezia), aveva chiesto una condanna ad otto anni ed otto mesi per lesioni gravissime. (ANSA).

15:21Catalogna:media,riunione sabato governo Madrid per 155

(ANSA) MADRID, 19 OTT - Il governo spagnolo si riunirà sabato a Madrid per attivare l'articolo 155 della costituzione dopo quella che considera una 'risposta negativa' del presidente catalano Carles Puigdemont all'ultimatum del premier Mariano Rajoy. Lo riferiscono i media spagnoli.

14:41G7 Ischia: protesta con salsa in mare,’è sangue migranti’

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 19 OTT - I manifestanti che stanno partecipando a Ischia (Napoli) al corteo anti G7 hanno inondato di salsa di pomodoro un piccolo tratto della banchina olimpica del porto e poi l'hanno gettata anche in una zona di mare. Una protesta per denunciare: "questo è il sangue dei migranti che vengono fatti morire in mare", come ha detto uno dei manifestanti al megafono.

14:39Calcio: Mourinho ‘rivede’ contratto che lo lega allo United

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Josè Mourinho festeggia il 'percorso netto' in Champions (nove punti in tre partite) rinegoziando il contratto con lo lega al Manchester United. Secondo Espn, l'allenatore portoghese ha già avviato una trattativa per definire i termini di un nuovo accordo, dopo quello siglato nel 2016, quando prese il posto dell'olandese Louis Van Gaal. L'attuale contratto lega il tecnico portoghese al club di Old trafford fino al 2019, ma è già allo studio una nuova ipotesi economico-contrattuale. Una notizia che stride con le dichiarazioni del diretto interessato che, nei giorni scorsi, ha specificato di essere poco disposto a concludere la propria carriera a Manchester. In futuro, è stato lo stesso portoghese a farlo notare, potrebbe guidare il PSG, la cui panchina attualmente è occupata dallo spagnolo Unai Emery.

14:38Calcio: Juve, Costa “con lo Sporting vittoria decisiva”

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "É stata una vittoria decisiva per la squadra: era una partita molto difficile, ma abbiamo giocato con pazienza". E' un Douglas Costa finalmente decisivo, dopo il difficile impatto con il campionato italiano, quello che commenta la vittoria della Juventus sullo Sporting Lisbona. Il brasiliano è stato l'autore dell'assist per il gol con cui Mandzukic ha ribaltato l'iniziale svantaggio, regalando ai bianconeri tre punti fondamentali in chiave qualificazione. "Il campionato italiano è totalmente diverso dalla Bundesliga, dove le marcature sono diverse e c'è più spazio - osserva il giocatore - ma col tempo mi adatterò". Nessuna preferenza, invece, per la posizione in campo: "Non c'è una posizione dove mi trovo meglio - dice -. Al Bayern giocavo a destra, ma io gioco dove mi chiedono e cerco di fare il meglio".

14:32Migranti: occupazione ex Moi, processo al via a febbraio

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - L'insediamento nelle case del villaggio ex Moi a Torino da parte di centinaia di migranti arriva in tribunale. La procura ha citato in giudizio due persone con l'accusa di avere aiutato i primi extracomunitari (quantificati in circa 150) nel marzo del 2013 nel corso di una manifestazione. L'accusa mossa dal pm Antonio Rinaudo è di occupazione aggravata di edificio pubblico. Uno dei due imputati, in base a quanto si apprende, è Andrea Bonadonna, uno dei leader del centro sociale Askatasuna. Il secondo è una giovane volontaria di un'associazione che, a quanto risulta dalle indagini, accompagnò gli stranieri all'interno del complesso. Gli avvocati difensori sostengono che i due non sono punibili perché i migranti erano "in stato di necessità". Sull'ex Moi pende da anni un'ordinanza di sgombero. (ANSA).

14:23Espulso algerino, su fb istigava contro i cristiani

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Un cittadino algerino 34enne, Mane Melal Melaie, irregolare sul territorio nazionale, è stato espulso per motivi di sicurezza. L'uomo era stato denunciato all'Autorità Giudiziaria dalla Digos di Catania per "istigazione a commettere delitti di terrorismo" dopo aver pubblicato, sul proprio profilo facebook, frasi di consenso alle persecuzioni contro le comunità cristiane in Medio Oriente da parte di formazioni jihadiste. Con quella di oggi sono 86 le espulsioni eseguite nel 2017 e 218 quelle eseguite dal primo gennaio 2015 ad oggi. L'algerino, entrato in Italia nel gennaio 2016 da Lampedusa, online si faceva chiamare Zidan Zidane e aveva pubblicato sul profilo facebook un link titolato "Spunta la mappa dello sterminio: così la jihad elimina i cristiani" (commentandolo con frasi di consenso) che è risultato essere collegato ad articoli diffusi su fonti aperte relativi a persecuzioni nei confronti di comunità cristiane in Medio Oriente da parte di milizie jiahadiste.

Archivio Ultima ora