All’Italia il ruolo guida in Libia

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

libia

ROMA. – L’Italia è in prima linea per il comando di una missione in Libia e gli Stati Uniti appoggiano Roma “con forza”. Ad assicurarlo è stato il segretario alla Difesa Usa, Ash Carter, secondo il quale occorre riportare al più presto il Paese nordafricano in un quadro di stabilità, perché il caos non fa altro che dare linfa all’espansione dello Stato islamico. E quando ci sarà un nuovo governo, ha sottolineato il capo del Pentagono, gli Usa sono pronti a garantire il massimo sostegno “già promesso” all’Italia, che si è candidata per il ruolo guida in un intervento internazionale di stabilizzazione nel Paese al quale “è così vicina”.

“Ai libici – ha ammesso Carter – non piace l’idea di un intervento esterno straniero, così come non piace che qualcuno entri nel Paese per prendersi il loro petrolio”. Ma “siamo certi”, ha proseguito, “che quando il governo sarà nato, e speriamo accada presto, chiederà un aiuto internazionale”.

A Tobruk tuttavia, dove è attesa già da qualche settimana la fiducia all’esecutivo proposto da Fayez Sarraj, il voto continua a essere rinviato. Una riunione dell’Assemblea si è risolta nell’ennesimo nulla di fatto. “Preoccupa lo stallo in Libia”, ha scritto il premier Matteo Renzi nella sua E-news, mentre il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha sottolineato i timori italiani per i fenomeni di terrorismo nel Paese incontrando a Gerusalemme il suo omologo Moshe Yaalon.

Nelle stesse ore, il sito israeliano di intelligence Debka pubblicava indiscrezioni sull’avvio di manovre militari congiunte tra Francia ed Egitto davanti alle coste libiche. Esercitazioni che includerebbero la portaerei ‘Charles De Gaulle’, che ha lasciato lo scorso 22 febbraio il Golfo e si appresterebbe a fare il suo ingresso nel Mediterraneo, “alla fine di questa settimana”, secondo alcuni siti arabi.

Debka però non si limita a questo: lo schieramento della De Gaulle, scrive il sito considerato vicino ad ambienti militari, sarebbe stato deciso da Parigi “dopo che il presidente Francois Hollande e quello egiziano Abdel Fattah Sisi avrebbero portato avanti i piani per un assalto congiunto con l’Italia per colpire le posizioni dell’Isis in Libia”.

“Le tre potenze – aggiunge il sito, ma su questo punto non c’è alcuna conferma nè da parte italiana nè da parte degli altri due paesi – avrebbero raggiunto un accordo per lanciare l’offensiva a fine aprile o a maggio”. Il piano, prosegue Debka, sarebbe stato rallentato dalle “esitazioni” di Washington sul ruolo che gli Usa avrebbero dovuto svolgere, e avrebbe costretto “Parigi, Il Cairo, Roma e Londra a ritardare il lavoro per stilare una lista degli obiettivi Isis da colpire e valutare nel complesso le forze da mettere in campo”.

Fonti di governo italiane non commentano tutte queste indiscrezioni limitandosi a dire, appunto, che non confermano tali ricostruzioni. L’Italia, come è noto, esclude un intervento senza prima una esplicita richiesta da parte del nuovo governo libico. Una linea ribadita pochi giorni fa nella riunione del Consiglio supremo di Difesa, presieduto dal capo dello Stato Sergio Mattarella. A quanto si era appreso dopo la riunione, l’Italia sarebbe pronta ad una missione militare di supporto, con un contingente non numericamente rilevante (addestratori, consiglieri e forze speciali) e il compito essenzialmente di addestrare le forze locali e sorvegliare siti sensibili, come ambasciate e sedi istituzionali, ad esempio la sede della missione Onu a Tripoli.

Del resto, l’attenzione di Roma verso la Libia è già altissima: oltre agli asset militari navali inquadrati nelle missioni Mare Sicuro (in funzione anti-terrorismo) e Eunavformed-Sophia (anti-scafisti), sono già dislocati nella base di Trapani quattro velivoli Amx in grado di effettuare voli di ricognizione e monitoraggio. In questo quadro, si susseguono le conferme sulla presenza di truppe speciali francesi a Bengasi, per sostenere l’offensiva del generale Khalifa Hatar, e da ultimo di quelle britanniche, schierate a Misurata per addestrare le milizie in chiave anti-Isis.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora